Caso Peng Shuai: arriva la risposta della WTA (e dell'ATP). Il tennis può rinunciare al business cinese?

Flash

Caso Peng Shuai: arriva la risposta della WTA (e dell’ATP). Il tennis può rinunciare al business cinese?

La tennista cinese ha accusato l’ex-premier Zhang Gaoli di violenza sessuale il 2 novembre. Da allora non ha più rilasciato dichiarazioni pubbliche: la WTA non è riuscita a contattarla, ma ha avuto garanzie sulla sua incolumità

Pubblicato

il

La presunta scomparsa di Peng Shuai è argomento di dibattito nel mondo del tennis dall’inizio di novembre, da quando la giocatrice ha accusato Zhang Gaoli (vicepremier dal 2013 al 2018) di violenza sessuale. Da allora Peng non ha più rilasciato dichiarazioni pubbliche, destando preoccupazione sulla sua incolumità. Negli ultimi giorni, pertanto, sono cresciute sempre di più le richieste di un intervento da parte della WTA, che è infine arrivato, e con più forza di quanto ci si aspettasse. Detto questo, il tour femminile si trova davanti ad un bivio non semplice in virtù degli enormi interessi economici in ballo. Ma procediamo con ordine.

L’ACCUSA

Peng Shuai è stata N.1 WTA di doppio in virtù dei titoli vinti a Wimbledon nel 2013 e al Roland Garros nel 2014, mentre in singolare è stata N.14, raggiungendo le semifinali dello US Open nel 2014. Non gioca un incontro ufficiale dal febbraio del 2020. Il 2 novembre, ha utilizzato un social media cinese, Weibo, per pubblicare una lettera aperta all’ex-vicepremier Zhang Gaoli (oggi settantacinquenne), accusandolo di averla costretta ad un rapporto non consensuale nel 2017. Di seguito il suo post, rimosso dopo mezz’ora dalle autorità governative:

Questo il passaggio chiave (la traduzione è tratta da The Racquet di Matthew Willis): “Quando ho finito di giocare, tu e tua moglie Kang Jie mi avete portata a casa vostra, tu mi hai portata nella tua camera da letto, e come successo dieci anni prima nel Tianjin hai voluto fare sesso con me. Ho avuto molta paura, non mi aspettavo che le cose andassero in questo modo. Avevo seppellito i nostri trascorsi dentro di me, ma perché mi sei venuto a cercare, mi hai portata a casa tua e mi hai costretto a fare sesso con te, visto che non volevi assumerti le tue responsabilità? Sarebbe impossibile per me rimanere in possesso di prove, quindi non posso dimostrare le mie accuse. Tu hai negato tutto, ma quel pomeriggio io non ti ho dato il mio consenso e ho pianto per tutto il tempo”.

 

Peng ha anche aggiunto: “Mi hai sempre chiesto di mantenere segreto il nostro rapporto, non potevo dirlo nemmeno a mia madre. Mi sentivo come un cadavere ambulante. Dovevo fingere ogni giorno, e ormai non sapevo più cosa fosse reale. […] So che in virtù del tuo rango, Vice Premier Zhang Gaoli, hai detto di non aver paura delle mie accuse. Ma dirò comunque la verità su di te, anche se sarà come tirare un uovo a una roccia e anche se per me vorrà dire farmi del male come una falena che vola troppo vicina alla fiamma”.  

LA REAZIONE DEL GOVERNO CINESE

Zhang è stato come detto vicepremier dal 2013 al 2018, nonché membro del Politburo Standing Committee (la leadership del Partito Comunista) dal 2012 al 2017. Stando alla versione della giocatrice, i due avrebbero avuto una relazione attorno al 2007 (quindi prima che il cursus honorum di Zhang raggiungesse le posizioni di cui sopra), ma Zhang l’avrebbe aggredita nel 2017, appena ritiratosi dalla carica all’interno del Partito.

Mentre il movimento MeToo cinese è cresciuto molto nell’ultimo anno, arrivando a toccare diverse celebrità, questa è la prima accusa ad un membro di primo piano della nomenklatura cinese (anche se va detto che Peng non si identifica con il MeToo nel suo post). Come fa notare Matthew Willis, tuttavia, il Partito e Xi Jinping stanno utilizzando il MeToo cinese per eseguire un repulisti dei personaggi famosi che secondo la Cyberspace Administration of China hanno un effetto “caotico” sulla società. In buona sostanza, persecuzione dei dissidenti e liste di proscrizione da cui nessuno è al sicuro, basti pensare a Jack Ma, il fondatore di Alibaba, letteralmente sparito dopo aver pronunciato un discorso di critica alle politiche economiche governative, e la sua società di pagamenti online, Alipay, svalutata subito prima della quotazione in borsa programmata per la fine del 2020.

Il caso di Peng è paragonabile a quello di Ma, perché la sua accusa è andata a toccare i nervi scoperti del governo centrale. La reazione è stata perciò commensurata alla portata dell’evento, o quantomeno lo è stata nel contesto di un governo autoritario come quello cinese: il post è stato rimosso nel giro di 30 minuti, il nome “Peng Shuai” e il suo profilo Weibo sono stati bloccati sui browser cinesi, e lo stesso vale per la parola “tennis”, anche se nel secondo caso le ricerche sono state soppresse solo temporaneamente; tutti i commenti ai suoi post precedenti sono stati soppressi o censurati, mentre una pagina di discussioni legate al tennis (sempre su Weibo) ha patito a sua volta la chiusura dei commenti.

Soprattutto, però, da allora Peng non ha fatto affermazioni pubbliche, e il governo cinese non ha riconosciuto le sue accuse né mostrato l’intenzione di lanciare un’investigazione. Per questo motivo la preoccupazione legata alla sua incolumità è cresciuta, e negli ultimi giorni hanno iniziato ad arrivare appelli da parte di tanti esponenti dell’universo tennistico, da Alize Cornet a Nico Mahut, da Chris Evert a Martina Navratilova.

I COMUNICATI WTA E ATP: UNA SCELTA DIFFICILE

Inizialmente, però, la WTA non si era espressa sulla questione, e per un motivo molto semplice: il circuito femminile dipende dal giro di affari generato dai tornei cinesi. La WTA organizza 11 tornei in Cina, incluso un accordo decennale ed estremamente lucrativo per organizzare le WTA Finals a Shenzhen. Il montepremi dell’edizione del 2019 era di 14 milioni di dollari, il doppio dell’anno precedente, e più in generale l’impegno delle autorità era di investire oltre un miliardo di dollari nel corso dell’accordo – per fare un paragone, il prize money delle Akron WTA Finals di quest’anno a Guadalajara è di 5 milioni, nonostante una risposta molto migliore del pubblico in situ.

Il tour femminile sarà probabilmente stato influenzato nel suo temporeggiamento dagli ormai frequenti contrasti insorti fra membri della NBA e il governo cinese su varie questioni: nel 2019, l’allora general manager degli Houston Rockets Daryl Morey (oggi ai Philadelphia 76ers) ha tweettato a sostegno dei manifestanti di Hong Kong, mentre il centro dei Boston Celtics, il turco Enes Kanter (già perseguitato politicamente dal regime di Erdogan), ha recentemente espresso il proprio sostegno per il movimento Free Tibet e criticato duramente le politiche cinesi sia a Taiwan che per quanto riguarda il genocidio degli uiguri nel nord-ovest della Cina. Il 30 ottobre Kanter ha guidato una protesta in favore di quest’ultimo gruppo, e il 21 ottobre ha definito il premier cinese Xi Jinping un “brutale dittatore”.

Il risultato di queste prese di posizione è stato un danno economico non indifferente: dopo il tweet di Morey, la TV di Stato cinese ha bloccato la trasmissione di alcune partite mentre diversi sponsor cinesi hanno terminato i loro accordi con la Lega, causando una perdita quantificata dal commissioner Adam Silver in diverse centinaia di milioni di dollari di revenue; quelli di Kanter hanno invece portato al blocco delle partite dei Boston Celtics con annessa cancellazione di tutti gli highlights delle partite passate della franchigia, mentre il nome del centro turco è stato bloccato sui browser cinesi.

Il problema è che la NBA ha una forza economica che la WTA (e il tennis in generale) semplicemente non possono replicare, ed è quindi più difficile per i circuiti prendere una posizione decisa anche in casi di tale gravità. Oltre agli 11 tornei organizzati nel Paese, la WTA ha anche un accordo con iQIY, la più grande piattaforma di streaming cinese, dove i match vengono trasmessi gratuitamente.

È stata quindi una parziale sorpresa quando nella giornata di ieri Steve Simon, presidente della WTA, ha rilasciato un comunicato stampa in cui annuncia il pieno sostegno dell’associazione giocatrici alla collega.

“I recenti fatti avvenuti in Cina e riguardanti una giocatrice del circuito WTA, Peng Shuai, sono motivo di profonda preoccupazione. In quanto organizzazione riservata alle donne, ribadiamo il nostro impegno in difesa dei principi fondativi – uguaglianza, opportunità e rispetto”, si legge. Peng Shuai, e tutte le donne, meritano di essere ascoltate, non censurate. Le sue accuse riguardanti la condotta di un ex-leader cinese, accuse che riguardano un episodio di violenza sessuale, devono essere trattate con la massima serietà. Ciò che a suo dire sarebbe avvenuto deve essere investigato in ogni società, non condonato né ignorato. Elogiamo Peng Shuai per il suo grande coraggio e per la forza mostrata nel farsi avanti con le sue accuse. In tutto il mondo, le donne stanno riuscendo a trovare una voce per far sì che venga posto rimedio alle ingiustizie”.

“Ci aspettiamo che questa faccenda venga gestita nel modo corretto: le accuse devono essere investigate pienamente, giustamente, con trasparenza e senza censura. Le nostre assolute e incrollabili priorità sono la salute e la sicurezza delle nostre atlete. Abbiamo deciso di intervenire pubblicamente cosicché venga fatta giustizia“.

LE PAROLE AL NEW YORK TIMES: PENG STA BENE MA NON È CONTATTABILE

In una serie di commenti rilasciati al New York Times, Simon ha voluto dare qualche rassicurazione sulle condizioni dell’atleta: Diverse fonti, inclusa la federtennis cinese, ci hanno confermato che Peng sta bene e non è in pericolo”, ha detto. Allo stesso tempo, però, nessuno della WTA è riuscito a parlare direttamente con lei: “Da quello che ho capito è a Pechino, ma non posso confermarlo perché non sono riuscito a parlare direttamente con lei”.

Su questa buona notizia si è concentrato il comunicato di Andrea Gaudenzi, la cui ATP è spettatore interessato nella vicenda (il circuito maschile dipende assai meno dai tornei asiatici, ma i tornei di Shanghai e Pechino rimangono tradizionalmente fra i più remunerativi e fra i papabili di “upgrade” nel ravvicinato futuro): “Non vi è niente di più importante per noi della sicurezza della comunità tennistica. Siamo profondamente preoccupati dall’incertezza che circonda la sicurezza e l’attuale domicilio di Peng Shuai. Le notizie diffuse dalla WTA sull’incolumità della giocatrice sono incoraggianti, ma continueremo a seguire la questione da vicino. Ci uniamo alla WTA nel chiedere una piena, giusta e trasparente indagine nelle accuse di violenza sessuale mosse da Peng Shuai“.

Tornando però ai commenti rilasciati dal presidente della WTA al New York Times, Steve Simon ha parlato dell’aspetto economico da realista: “Siamo tutti consapevoli di quale sia la posta in gioco su più fronti. Penso che ci sia grande comunanza d’intenti fra le giocatrici, il board e il consiglio sul fatto che l’unica cosa accettabile sia fare ciò che è giusto”. C’è però la realpolitik anche nel tennis, e Simon è il primo ad ammettere che la WTA non potrà fare molto per influenzare la condotta del governo cinese: “So di non poter risolvere i problemi che affliggono il mondo. Quello che so è che un membro della famiglia WTA ha mosso delle accuse molto serie, e che noi la supporteremo al 100% e chiederemo una piena investigazione dei fatti. Se questo non avverrà e il governo cinese non coopererà dovremo prendere delle decisioni, cosa che siamo pronti a fare – questo è il massimo che possiamo fare. Ma di sicuro non cambieremo la nostra posizione in merito – sappiamo che è quella giusta”.  

E quali siano queste decisioni sembra chiaro dalle sue parole: “Non possiamo scendere a compromessi, stiamo parlando di una possibile aggressione ai danni di una nostra giocatrice. Ci sono troppe situazioni nel mondo di oggi in cui si scende a compromessi. Se non ci dovessero essere investigazioni soddisfacenti in merito, saremmo pronti a portare via i nostri tornei dalla Cina”.

Si tratta dunque di una risposta molto più forte di quanto fosse preventivabile visti gli interessi in gioco. Rimane però la questione di quanto la WTA possa permettersi di mettere in pratica quanto detto: il circuito femminile è stato duramente colpito dalla pandemia, con lo swing asiatico che non si è svolto per il secondo anno di fila. Va detto però che già queste affermazioni fanno onore a Steve Simon e a tutta la sua organizzazione: ogni giorno assistiamo a compromessi (come li ha definiti lui stesso) fra entità politico-finanziarie e regimi che non condividono la visione occidentale dei diritti civili, compromessi che però spesso e volentieri somigliano a rese pressoché totali e in taluni casi sempre più spudorate. Affermazioni di tale portata sono perciò un passo avanti, seppur piccolo: ancora una volta, però, non sarà facile dare seguito a queste parole se ne andasse del futuro del tennis femminile.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Coppa Davis 2022: confermate le 12 sedi per le Qualificazioni di marzo, l’Italia a Bratislava

Si scaldano i motori delle squadre nazionali per le Qualificazioni di inizio marzo. L’Italia al chiuso di Bratislava, Slovacchia

Pubblicato

il

Mentre la stagione tennistica 2022 sta entrando nel vivo con il primo Slam australiano, si guarda già più in là e all’orizzonte brilla l’ambizioso trofeo della Coppa Davis. L’ITF ha annunciato l’elenco completo delle sedi per le Qualificazioni della Rakuten Coppa Davis 2022 del 4-5 marzo. L’Italia giocherà fuori casa sui campi indoor della capitale Bratislava in Slovacchia. Il tie si disputerà nel weekend che precede Indian Wells, vale a dire fra il 4 e il 5 marzo 2022 con due singolari, un doppio e altri due singolari sempre al meglio dei tre set. Gli azzurri giocheranno sul veloce della NTC Arena; l’ultima sfida giocata lì è stata vinta lo scorso anno dai padroni di casa 3-1 contro il Cile, e sono stati usate palline Dunlop ATP.

L’Australia ha confermato che ospiterà l’Ungheria a Sydney, mentre gli USA affronteranno la Colombia a Reno, in Nevada. L’elenco delle sedi comprende tre stadi per eventi olimpici di tennis, a Seoul, Sydney e Rio de Janeiro. Le 12 qualificazioni alla Coppa Davis abbracciano 19 fusi orari – da Sydney a est a Reno a ovest – e vedono l’azione svolgersi in cinque continenti. Una vera coppa del mondo!

Francia v EcuadorPalais des Sports, Pau, FranceIndoors, hard
Spagna v RomaniaPuente Romano Club de Tenis, Marbella, SpainOutdoors, clay
Finlandia v BelgioEspoo Metro Areena, Espoo, FinlandIndoors, hard
USA v ColombiaReno Events Center, Reno, NV, USAIndoors, hard
Paesi Bassi v CanadaSportcampus Zuiderpark, The Hague, NetherlandsIndoors, clay
Brasile v GermaniaParque Olimpico Arena Tenis, Rio de Janerio, BrazilOutdoors, clay
Slovacchia v ItaliaNational Tennis Centre Arena, Bratislava, SlovakiaIndoors, hard
Australia v UngheriaKen Rosewall Arena, Sydney, AustraliaOutdoors, hard
Norvegia v KazakhstanOslo Tennis Arena, Oslo, NorwayIndoors, hard
Svezia v GiapponeHelsingborg Arena, Helsingborg, SwedenIndoors, hard
Argentina v Repubblica CecaBuenos Aires Lawn Tennis Club, Buenos Aires, ArgentinaOutdoors, clay
Corea del Sud. v AustriaOlympic Park Tennis Court, Seoul, Korea Rep.Indoors, hard

Continua a leggere

Flash

Australian Open 2022, Cilic: “Berrettini può arrivare fino alla finale di un torneo del Grande Slam o vincerlo. Su Sinner: “Penso che il suo gioco sia ancora in fase di sviluppo”

Intervistato dal direttore Scanagatta e dagli altri giornalisti presenti in sala stampa, Marin Cilic ha detto la sua sul prossimo avversario Auger Aliassime e sugli italiani

Pubblicato

il

Marin Cilic - Australian Open 2022 (foto Twitter @AustralianOpen)

Dopo essere ritornato nuovamente agli ottavi di finale di uno Slam, l’ultima volta sempre in Australia due anni fa, grazie alla rullante prestazione con conseguente vittoria ai danni della tds. n.5 del seeding Andrey Rublev, con il punteggio di 5-7 6-7(3) 6-3 3-6, Marin Cilic che nel prossimo match affronterà Auger Aliassime (3 a 0 i precedenti per il tennista di Medjugorje); si è presentato davanti ai giornalisti per svolgere il Q&A:

D: Nel prossimo match affronterai Felix Auger Aliassime. Siete entrambi grandi giocatori. Quali sono le tue impressioni riguardo alla prossima partita e cosa ti aspetti da essa?

R: “ Mi aspetto assolutamente un altro match complicato. Felix ha iniziato la stagione molto bene. Ha vinto l’ATP Cup e qui oggi l’ho visto giocare incredibilmente bene contro Evans. Ci conosciamo bene. Abbiamo giocato poche volte, e lui è, come hai detto tu, è un grande battitore, ha un grande servizio, un grande dritto. Abbiamo caratteristiche tecniche simili e siamo entrambi in un buon momento. Quindi dipenderà da chi sarà più bravo nei punti critici e da chi avrà qualcosa in più nei punti importanti. Cercherò solo di concentrarmi domani, rilassarmi un po’, mantenendo la testa con un focus positivo anche quando ci saranno delle difficoltà e proseguendo il mio match senza farmi distogliere da esse”.

 

Q. So che c’è ancora molta strada da fare, ma per alcuni aspetti, questo torneo ti ricorda quello di qualche anno fa, quando sei arrivato, anche in quel caso, nella seconda settimana degli Australian Open?

 R: “Beh, sai, come ho appena detto, quando il mio gioco c’è, mi sento davvero sicuro. Quando sento che il mio gioco è effettivamente lì, presente, mi accorgo che riesco a giocare davvero bene. Hai visto, oggi è stata una partita incredibile con Andrey. Ho una grande esperienza a livello Slam qui in Australia. Ho giocato benissimo nel 2018. Nel 2019, invece, sono stato un po’ sfortunato. Mi sentivo ancora più in forma rispetto al 2018, ma poi mi sono infortunato al ginocchio. Non ho potuto esprimermi al meglio delle mie possibilità. La prestazione di oggi è stata eccezionale, ho giocato un tennis di altissima qualità e sono riuscito a superare il mio avversario. Poi sento che sto giocando bene, posso sfidare questi ragazzi. Pero sai, devo prendere partita dopo partita, vedere chi affronterò di turno in turno, approcciarmi in modo tranquillo e rilassato. Inoltre, ripeto, devo rimanere concentrato su quello che devo fare e continuare a giocare come ho fatto in queste tre partite”.

D: Quanta soddisfazione c’è, quando un vecchietto da una lezione ad un ragazzo?

R: La soddisfazione si raggiunge con un percorso diverso. La soddisfazione c’è perché, sai, che hai giocato una partita incredibile. Questo mi dà grande eccitazione. Al momento mi sento davvero in feeling positivo con me stesso. Ovviamente ho lavorato molto, perché venivo da un periodo con tanti alti e bassi. Ho avuto un paio di stagioni difficili. E giocare bene, in questo tipo di tornei, è sicuramente una grande soddisfazione per me.

Ubaldo Scanagatta, Ubitennis: Grandi prestazioni, non è fantastico che dopo due stagioni tu sia tornato a questo livello. Posso chiederti, visto che sei stato in Italia per molto tempo con Bob Brett, che noi tutti abbiamo amato, anche qualcosa sui due italiani che ora sono negli ultimi 16. Tu li ha affrontati entrambi, Berrettini e Sinner. Se tu dovessi dire quale dei due andrà più lontano, non solo in questo torneo, ma nelle classifiche, magari fra un anno, dammi la tua previsione. Non cercare di essere troppo diplomatico.

R: “Wow, è così difficile, perché entrambi sono giocatori incredibili. Entrambi hanno avuto una stagione incredibile, e soprattutto Jannik, la sua seconda parte dell’anno è stata fantastica. Sai, entrami hanno giocato alle ATP Finals. Matteo che gioca la finale di Wimbledon. È difficile scegliere. E hanno un gioco diverso. Il gioco di Matteo è da giocatore moderno del tennis contemporaneo. Se è in grande forma può arrivare fino alla finale di un torneo del Grande Slam o vincerlo. Penso, invece, che Jannik stia migliorando ancora. Penso che il suo gioco sia ancora in fase di sviluppo e che abbia ancora ampi margini di miglioramento. Matteo, ormai, penso che abbia raggiunto un livello impressionante, il suo gioco è davvero solido e riesce a mantenere quello standard per tutta la stagione. Sento che Jannik migliorerà ulteriormente. Chi sarà migliore? Chiedi loro. Non ne ho idea”.

Articolo a cura di Cipriano Colonna

Continua a leggere

Flash

[VIDEO] L’opinione di Ubaldo Scanagatta: “Difficilmente Piatti sceglierà McEnroe per allenare Sinner”

Chi sarà il nuovo super-coach di Sinner? Scoprite i candidati in questo video di Ubaldo Scanagatta

Pubblicato

il

Jannik Sinner - ATP Cup 2022 Sydney (foto Facebook ATP Cup)

Il direttore Scanagatta ha fatto il punto della situazione all’Australian Open per il canale Instagram del sito (vi consigliamo di iniziare a seguirci, la pillola di Ubaldo viene pubblicata ogni giorno nel pomeriggio!). Da quando Sinner ha fatto intendere che il suo team potrebbe arricchirsi di un nome importante, il toto-coach impazza in tutti gli ambienti tennistici italiani. John McEnroe ha proposto subito il suo nome, ma chi sono i veri papabili?

 
 
 
 
 
View this post on Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Ubitennis (@ubitennis)

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement