Finals Coppa Davis 2022: 16 squadre e cinque sedi. Ancora ufficiosa la scelta di Abu Dhabi per la fase conclusiva

Flash

Finals Coppa Davis 2022: 16 squadre e cinque sedi. Ancora ufficiosa la scelta di Abu Dhabi per la fase conclusiva

Quattro gruppi da quattro squadre, le prime due promosse alla fase a eliminazione diretta. Tutta la manifestazione sarà indoor. Voli charter per le squadre, ma i tifosi?

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Finali Coppa Davis 2021 Madrid (Photo by Diego Souto / Quality Sport Images / Kosmos Tennis)
 
 

Nonostante qualche disguido dell’ultimo minuto (la prevista conferenza stampa di domenica alle 11 in un hotel del centro di Madrid è stata annullata con meno di 48 ore di preavviso), la ITF e Kosmos hanno confermato ufficialmente il formato della Coppa Davis per il 2022.

Confermate in gran parte le anticipazioni che erano state diffuse da un giornale britannico la settimana scorsa: i Qualifiers di marzo ammetteranno 12 squadre alle Finali; a queste si aggiungeranno le due finaliste dell’edizione 2021 (Russia, o Federazione Tennis Russia che dir si voglia, e Croazia) e le due wild card assegnate dalla ITF a Serbia e Gran Bretagna.

Le 16 finaliste saranno quindi suddivise in quattro gironi da quattro squadre ed ogni girone si disputerà in una diversa città europea. Le prime due di ogni girone si qualificheranno per i quarti di finale e saranno trasportate verso la città sede delle finali con un volo charter la sera stessa del loro incontro conclusivo di round robin. Il nome della città sede delle finali non è ancora stato ufficializzato, ma la ITF ha confermato che è stata identificata una città preferenziale (che dovrebbe essere Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti) e l’ufficializzazione avverrà nelle prossime settimane.

 

Saranno concessi due giorni alle squadre per adattarsi al nuovo fuso orario e alle nuove condizioni, che saranno comunque simili a quelle dei gironi all’italiana. Anche le fasi finali si giocheranno dunque sul cemento indoor. “Un modello a cinque città ci consente di avere la flessibilità di programma necessaria per permettere ai fans di godersi un’esperienza della Coppa Davis davvero unica, e allo stesso tempo assicura la sostenibilità finanziaria e commerciale alla manifestazione”, ha affermato il Presidente ITF Dave Haggerty in una nota.

La competizione si allungherà di un giorno, passando da 11 a 12 giorni e si disputerà da martedì 22 novembre a sabato 3 dicembre. La conclusione nella giornata di sabato costituisce un indizio piuttosto forte che la città prescelta per le finali sarà Abu Dhabi, come trapelato nei giorni scorsi. Negli Emirati Arabi, infatti, come in tutti i Paesi islamici, il weekend si osserva solitamente il venerdì e il sabato, giustificando quindi la fine della competizione nella giornata di sabato.

Il 15 dicembre prossimo saranno lanciati i bandi per selezionare le quattro città per i gironi preliminari. L’attribuzione di una delle wild-card alla Gran Bretagna conferma l’intenzione manifestata la settimana scorsa dalla LTA (Lawn Tennis Association, la federazione tennis britannica) di ospitare uno dei gruppi. Lo stesso si può dire per l’Italia che dopo la positiva esperienza di Torino vorrà riproporsi anche per il 2022.

L’aumento da tre a quattro delle sedi dei gironi è totalmente giustificato – ha dichiarato il Presidente Haggerty alla BBC – in questo modo saremo in grado di avere quel pubblico rumoroso e appassionato che da sempre contraddistingue la Coppa Davis. Sarà grandioso”.

Rimangono le preoccupazioni per l’eventuale assegnazione delle finali a una località nella quale c’è scarsa cultura tennistica e scarso interesse da parte della popolazione residente. A questo proposito il Presidente Haggerty ha detto: “Dovremo assicurarci che ci sarà una considerevole base di fans disposta a viaggiare per andare alle finali. Faremo in modo che saranno messi a disposizione sussidi per i fans in modo tale che il viaggio sia alla portata delle loro tasche, dovunque sia la sede della finale”.

L’aspettativa quindi è che gli sponsor della manifestazione sovvenzionino in qualche modo i pacchetti-viaggio per i tifosi disposti a seguire la propria squadra. Rimane comunque l’incognita temporale: nessuno può essere sicuro che la propria nazionale si qualificherà per le finali, quindi potrebbe essere particolarmente difficile, oltre che eccessivamente costoso, organizzare il viaggio verso le finali con solamente pochi giorni di preavviso. Da questo punto di vista lo sforzo dell’organizzazione Kosmos dovrà orientarsi verso la possibilità di fornire “opzioni” rimborsabili per chi volesse confermare la propria disponibilità a viaggiare solamente dopo la qualificazione della propria squadra. Anche se la necessità di flessibilità da parte dei tifosi potrebbe essere un ostacolo per molti: se un appassionato programma le proprie ferie per il periodo delle finali, potrebbe non avere la possibilità di cancellarle nel caso in cui la propria nazionale non riesca a qualificarsi.

Se, come sembra, le finali dovessero disputarsi ad Abu Dhabi, Kosmos dovrà lavorare molto bene sul territorio per attirare l’interesse delle grandi comunità di espatriati presenti negli Emirati. Circa l’80% della popolazione residente nei Paesi sul Golfo Persico è composta da stranieri espatriati che vivono e lavorano nelle tante aziende presenti tra Abu Dhabi, Dubai e dintorni, e questo potrebbe aiutare a riempire gli spalti dell’impianto che verrà approntato.

Intanto ITF e Kosmos si sono già assicurati che l’attuale n. 1 del mondo Novak Djokovic sarà in grado di partecipare alle finali nel caso in cui vorrà farlo, dal momento che alla sua Serbia è stata assegnata una delle wild-card che dispensa la nazionale balcanica dal dover vincere i Qualifiers di marzo. “È sicuramente la cosa giusta da fare, dal punto di vista sportivo” ha dichiarato il CEO di Kosmos Tennis Enric Rojas, il quale ha confermato come negli 11 giorni di queste Finali 2021 sono stati venduti 105.000 biglietti tra Torino e Madrid, mentre erano già stati acquistati 15.000 biglietti a Innsbruck prima della decisione del Governo austriaco di imporre la disputa a porte chiuse in quella sede.

Per il momento non è stato toccato l’aspetto più inviso ai Top Players di questa Coppa Davis, ovvero la collocazione in calendario. La fine delle Finali 2022 è prevista per il 3 dicembre, quindi solamente poche settimane prima della partenza prevista per l’Australia, negando di fatto la possibilità di avere una significativa off-season. Quest’anno Alexander Zverev, Felix Auger Aliassime e Denis Shapovalov hanno rinunciato a partecipare proprio per motivi di programmazione, mentre Rafael Nadal e Dominic Thiem sono stati assenti giustificati per infortunio.

Nelle intenzioni di Kosmos la collocazione ideale per le Finali di Davis sarebbe quella della di fine settembre, dove c’è già la settimana successiva allo US Open assegnata alla Davis, ma ciò implicherebbe la collaborazione di alcuni tornei ATP e soprattutto della Laver Cup per trovare la quadratura del cerchio, cosa che non sembra molto probabile almeno nel breve periodo.

Continua a leggere
Commenti

Flash

ATP/WTA Cincinnati: il programma di Ferragosto, all’una di notte Berrettini vs Tiafoe

Matteo unico azzurro in campo in singolare. Nel torneo di doppio Fognini e Bolelli sfidano Kyrgios e Kokkinakis in prima serata

Pubblicato

il

Nemmeno il tempo di archiviare l’Open del Canada e la giornata di Ferragosto regala subito un super programma al Western&Southern Open di Cincinnati altro combined 1000 ATP e WTA.

Si gioca su 7 campi di cui 5 dedicati ai match di singolare a partire dalle ore 17 italiane.

Per quanto riguarda i colori azzurri un solo match di singolare ci interessa: Matteo Berrettini aprirà la prima sessione serale all’1 di notte sul Centrale contro il giocatore di casa Frances Tiafoe, esordio tutt’altro che banale dopo la sconfitta di Matteo all’esordio a Montreal contro Carreno Busta. Un solo precedente vinto dal nostro giocatore sulla terra di Roma nel lontano 2018.

 

Si segnala sul Centrale come terzo match, la sfida classica tra due ex vincitori a Flushing Meadows: Stan Wawrinka contro Andy Murray: precedenti 12-9 in favore dello scozzese.

Per quanto riguarda i colori azzurri da non perdere sul Campo N.11 il match di doppio Italia vs Australia: Bolelli/Fognini vs Kokkinakis/Kyrgios in programma come secondo match non prima delle 20:30 italiane.

Diretta televisiva integrale su SKY Sport Tennis (torneo maschile) e Supertennis (torneo femminile) a partire dalle 17:00 italiane

Qui il programma completo del 15 agosto:

Continua a leggere

ATP

Scanagatta: “Carreno Busta dice che a 31 anni non è mai troppo tardi” [VIDEO]

Il commento del direttore: Carreno Busta come Fabio Fognini: primo Masters 1000 dopo i 30 anni. Dai 2 azzurri di Montreal ai 5 di Cincinnati. Ma brutti sorteggi

Pubblicato

il

Da Orbetello a Montreal 9 anni dopo. “Carreno Busta dice che a 31 anni non è mai troppo tardi”.

CONFERENZA CARRENO BUSTA

TABELLONE ATP 1000 CINCINNATI

 

Continua a leggere

Coppa Davis

Coppa Davis, convocazioni: i cinque azzurri scelti da Volandri

Matteo Berrettini e Jannik Sinner guidano l’Italia per il girone di Bologna. Fognini, Bolelli e Musetti completano il roster

Pubblicato

il

Matteo Berrettini e Jannik Sinner (foto Twitter @federtennis)

In vista della fase a gironi delle Davis Cup by Rakuten Finals 2022, che si svolgerà
dal 13 al 18 settembre prossimi sul veloce indoor della Unipol Arena di Casalecchio di Reno a Bologna,
il capitano della Nazionale italiana, Filippo Volandri, ha convocato i seguenti giocatori:

  • Matteo Berrettini
  • Simone Bolelli
  • Fabio Fognini
  • Lorenzo Musetti
  • Jannik Sinner

La Davis Cup by Rakuten torna dopo 46 anni nella città di Bologna ospitando uno dei quattro gironi della
fase finale e vedrà protagoniste quattro squadre: oltre all’Italia, Argentina, Croazia e Svezia. Il ritorno
della più antica competizione sportiva mondiale per squadre nazionali nel capoluogo regionale coincide
con un anniversario storico: ricorre infatti quest’anno il centenario dalla prima partecipazione della
Nazionale italiana alla Coppa Davis.

Filippo Volandri, capitano della Nazionale italiana di Coppa Davis:
“Quello di Bologna è un girone molto duro, probabilmente uno dei più equilibrati, ma allo stesso tempo
molto stimolante. Ritrovare la Croazia, contro cui abbiamo perso lo scorso anno a Torino, sarà un motivo
ulteriore di rivincita e faremo tesoro dell’esperienza del 2021. Sono sicuro che la squadra si farà trovare
pronta e darà il massimo per centrare la qualificazione ai quarti e volare così a Malaga per la fase
decisiva. Giugno e luglio hanno visto i nostri tennisti conquistare bellissimi successi in singolare con
Matteo, Lorenzo e Jannik e abbiamo anche una coppia di doppio competitiva e affiatata come quella
composta da Fabio e Simone, che di recente hanno vinto il torneo a Umago e giocato la finale a Bastad:
non a caso sono in corsa per la qualificazione alle Nitto ATP Finals di Torino in doppio. C’è un grande
entusiasmo per il nostro sport, come testimoniano lo spazio sempre più ampio sui media,
i dati
dell’audience televisiva e, soprattutto, il fatto che si sente parlare sempre più di tennis e non soltanto di
calcio. È ovvio che questo ti dà delle responsabilità in più però per me queste rappresentano un
privilegio: gestire una squadra importante e forte come la nostra mi rende molto fiducioso, anche per
l’attaccamento che i ragazzi dimostrano quando vestono la maglia azzurra: in Coppa Davis la coesione
del gruppo è un elemento fondamentale che può anche essere decisivo”.

 

SPUNTI TECNICI: Il nostro coach analizza colpo per colpo, foto per foto, Jannik Sinner al microscopio

Gli incontri della fase a gironi si giocheranno in quattro differenti città: oltre a Bologna, le sedi sono
Amburgo, Glasgow e Valencia. Le 16 squadre partecipanti sono state suddivise in quattro gironi da
quattro, con le prime due classificate che accederanno alla fase finale. La formula prevede per ogni
incontro la disputa di due singolari e di un doppio, tutti al meglio dei due set su tre.
Fase a gironi:
Gruppo A (Bologna): Croazia, Italia, Argentina, Svezia
Gruppo B (Valencia): Spagna, Canada, Serbia, Corea del Sud
Gruppo C (Amburgo): Francia, Germania, Belgio, Australia
Gruppo D (Glasgow): Usa, Gran Bretagna, Kazakhstan, Olanda

SPUNTI TECNICI: Il nostro coach analizza colpo per colpo, foto per foto, Lorenzo Musetti al microscopio

Tutti i match della fase a gironi saranno visibili su SuperTennix, la piattaforma di streaming on line della
Federazione Italiana Tennis.
Questo il calendario del Gruppo A, con gli incontri che prenderanno il via alle ore 15:
13 settembre: Argentina-Svezia
14 settembre: Italia-Croazia
15 settembre: Croazia-Svezia
16 settembre: Italia-Argentina
17 settembre: Croazia-Argentina
18 settembre: Italia-Svezia
È possibile acquistare online i biglietti per i sei match del girone di Bologna collegandosi al sito web
tickets.italy.daviscupfinals.com e su quello di Ticket One (www.ticketone.it).

UFFICIO STAMPA FIT

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement