[ESCLUSIVA] Il furore di Bogomolov per la redenzione di Sock

evidenza

[ESCLUSIVA] Il furore di Bogomolov per la redenzione di Sock

Siamo andati a Charlotte, in North Carolina, per intervistare l’ex top 30 Alex Bogomolov. Nonostante si sia ritirato da dieci anni la sua passione per il tennis rimane immutata e sogna di riportare Jack Sock nei palcoscenici più importanti

Pubblicato

il

Jack Sock alla Bogomolov Tennis Academy (foto Facebook Bogomolov Tennis Academy)

Non appena oltrepassiamo la “state line” tra South e North Carolina cominciamo a intravedere la skyline di Charlotte. Trenta minuti a nord della città nel sobborgo di Concord, ha sede la ‘ Alex Bogomolov Academy”. Qui non solo giovani promesse si allenano sotto lo sguardo attento dell’ex top 30 ma da due anni a questa parte Jack Sock, lontano dai riflettori, sta cercando di ricostruire la sua carriera proprio con l’aiuto del suo amico e coach “Boogie”.  Prima di lasciare Charlotte contattiamo Bogomolov telefonicamente, Sock si trova in South Carolina a celebrare il suo primo anno di anniversario con sua moglie ma Alex ci dice che è disponibile per un’intervista e così guidiamo verso il “Cabarrus Country Club” di Concord. Per essere dicembre la giornata è abbastanza tiepida, è lunedì mattina, i campi dell’accademia sono vuoti e nell’atmosfera rilassata lontano dal frastuono della grande città si sentono le urla proprio di Bogomolov. Alex ci accoglie con una calorosa stretta di mano e ci chiede di avere un pochino di pazienza dal momento che si sta allenando con un giovane ragazzo che è il miglior prospetto dell’università del North Carolina. Stanno facendo una partita ai 10 punti giocando solamente lo slice, sia dalla parte del dritto, sia dalla parte del rovescio. Modo intelligente per allenare colpi che vengono sempre meno usati nel tennis moderno. Alex si arrabbia quando commette un errore e si esalta ogni volta che vince il punto. La sua competitività è davvero travolgente, il ragazzo che sta allenando è più pacato ma si vede come tra i due c’è confidenza. Vedendo il suo spirito da lottatore sorprende che nonostante i seri problemi fisici Alex non abbia mai cercato di tornare a giocare dopo il ritiro. L’attesa si rivela piuttosto lunga, il giovane studente è il primo a mollare per i crampi mentre Alex pimpante dà l’idea che avrebbe potuto continuare per ore. Quando il ragazzo lascia i campi Bogomolov ci porta in una piccola stanza e così l’intervista può cominciare. 

Vorrei chiederti innanzitutto della tua Accademia. Perché hai scelto esattamente Charlotte come città in cui vivere e creare la tua Accademia?

Innanzitutto Charlotte è situata a metà strada tra la Florida dove vive la mia famiglia e New York dove vive quella di mia moglie. Inoltre, avendo vissuto per molti anni proprio in Florida, mi attirava l’idea di vivere in un luogo dove fa più freddo, in cui puoi gustarti ogni stagione. Qui tra l’altro pagando meno soldi puoi avere una casa più grande. Così alcuni anni fa ci siamo trasferiti in una casa a dieci minuti da qui in cui ho potuto costruire un campo da tennis su cui far giocare i miei figli che a quel tempo erano molto piccoli e non avevano bisogno di nessun allenamento particolare. In futuro probabilmente la Florida sarebbe un’opzione migliore per permettere a mio figlio (ha 12 anni) di confrontarsi con altri giovani tennisti.  All’inizio non volevamo nemmeno che giocasse ma ora è lui a chiederci di allenarsi (ride).

 
Alex Bogomolov Jr – Indian Wells 2018

Con l’accademia il tuo obiettivo è quello di permettere a chiunque di allenarsi con un ex top 30 come te o preferisci a dedicarti a giovani promesse?

Qui abbiamo davvero qualsiasi livello. A partire da Sock che è stato top 10 che talvolta si allena con altri tennisti americani professionisti con cui è amico fino ad arrivare a bambini che vengono qui senza aver mai toccato una racchetta. Ogni persona che è venuta in questa accademia ha una storia e un passato tennistico diverso. In questo momento professionalmente sto lavorando con Jack Sock, a livello personale sto cercando di far migliorare i miei due figli mentre per quanto riguarda l’accademia sto lavorando sia con bambini che a oggi hanno poca esperienza sia con ragazzi che, se continuano a migliorare, un giorno possono realizzare qualcosa di importante. Ci piace avere la nostra indipendenza come accademia, infatti le nostre strutture sono all’interno del Cabarrus Country Club ma non devi essere un membro del club per avere accesso all’accademia.

A proposito della tua attuale collaborazione con Jack Sock, quando avete deciso di iniziare a lavorare insieme?

Nelle nostre carriere avevamo in comune l’aver vinto a Kalamazoo (città in Michigan sede di uno dei tornei giovanili più importanti degli Stati Uniti n.d.r.). È solo anni dopo il mio ritiro che abbiamo approfondito il nostro rapporto. Abbiamo cominciato a parlare di lavorare insieme allo US Open nel 2019 quando stava cercando di tornare dopo aver passato mesi fuori dai campi per l’infortunio al pollice. L’esatto momento in cui però la nostra collaborazione è iniziata è stato proprio durante l’off season tra la fine del 2019 e il 2020 quando Jack aveva perso tutti i suoi punti ATP.

Con il talento che Jack ha è sorprendente vederlo ancora fuori dai top 100. Come ti spieghi che dopo aver raggiunto il best ranking al numero 8 del mondo nel 2017 l’anno seguente senza particolari infortuni è uscito fuori dai top 100 e da quel momento non è ancora riuscito a tornarci?

Quello che è successo a Jack è un qualcosa di abbastanza comune per molti tennisti. Hai una stagione in cui ottieni tanti punti e l’anno seguente senti la pressione. Penso che il suo primo errore sia stato quello di rilassarsi dopo aver ottenuto il best ranking alla fine del 2017. Non si è allenato tanto duramente quanto avrebbe dovuto durante quella off season e in quel modo ha iniziato il 2018 con alcune sconfitte inaspettate. La fiducia è venuta a mancare e quella stagione è stata davvero terribile. Poi a inizio 2019 si è infortunato al pollice, non ha potuto lavorare sulla sua forma fisica per ben sei mesi e così quando è tornato alla fine di quell’anno era sovrappeso e si è fatto male anche alla schiena. Ha dovuto ripartire dai challenger ma a livello fisico non era in grado di giocare nemmeno a quel livello e quando ha perso tutti i suoi punti ha pensato seriamente al ritiro. Quando abbiamo cominciato a parlare non aveva alcun allenatore e nessun piano per tornare ad alto livello. Assieme a sua moglie stavano cercando una sistemazione a Charlotte ma era difficile per lui trovare un coach. Penso che siamo stati fortunati a vicenda a trovarci. È giusto dire però che quando è arrivato in top 10 era ancora piuttosto giovane e fino a quel momento non aveva mai avuto pressione di dover vincere a tutti i costi visto che non aveva mai troppi punti da difendere. Tra l’altro a Bercy nel 2017 avrebbe dovuto perdere al primo turno (contro Kyle Edmund).

 
 
 
 
 
View this post on Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Bogomolov Tennis Academy (@bogomolovtennis)

Possiamo dire che probabilmente fu abbastanza fortunato a giocare il torneo della carriera in un momento di transizione in cui c’era più spazio per entrare in top 10 rispetto a anni prima?

È stato bravo a sfruttare l’occasione ma è giusto dire che 1000 punti sono davvero tanti e solo quel torneo gli avrebbe permesso di rimanere in top 30 per parecchi mesi. Inoltre dopo quell’exploit ha cominciato ad avere bye in tutti i tornei che giocava e era un qualcosa a cui non era abituato. Così mentre le sconfitte nel 2018 aumentavano lui si trovava a iniziare nei tornei sempre il mercoledì o il giovedì contro giocatori che erano già rodati e più in fiducia di lui. Pochi mesi dopo che avevamo iniziato a lavorare è arrivata la pandemia che ha davvero rovinato i nostri piani. A marzo del 2020 aveva appena giocato la finale al Challenger di Indian Wells contro Steve Johnson, era finalmente in fiducia per la prima volta dopo tanto tempo e soprattutto ci avevano appena detto che Jack avrebbe ottenuto la wild card sia a Indian Wells sia a Miami. Sarebbe stata la prima occasione per lui per confrontarsi di nuovo contro i migliori ma quella sera stessa il circuito ATP è stato sospeso e i nostri piani sono saltati nuovamente. Ha smesso di pagarmi dal momento che non avevamo alcuna idea di quando il circuito avrebbe ripreso, si è dedicato al golf e ha preso di nuovo tutti i chili che aveva perso nei mesi precedenti. È tornato allo US Open dove al secondo turno ha perso contro Mannarino ma poi a fine anno ci siamo dovuti fermare nuovamente perché si è sposato. È stato difficile nelle ultime due stagioni dare continuità al tuo lavoro.

Sei un coach di vecchio stampo che lavora in silenzio e non ama scherzare troppo mentre ci si allena o hai un approccio più “leggero”?

Io e Jack in questo siamo diversi. Faccio fatica a prendere molti giorni liberi durante l’off season mentre lui, per quanto si alleni duramente, ha un approccio più leggero . Non mi piace perdere tempo quando ci alleniamo e quando viaggiamo tutto deve essere organizzato alla perfezione. In passato abbiamo litigato spesso perché come detto il suo approccio è più rilassato, sto ancora imparando come rivolgermi a Jack senza essere troppo aggressivo così non risponde in maniera troppo emotiva. Dal canto suo lui sta cercando di rispettare maggiormente l’allenamento e la mia etica di lavoro. Non mi piace perdere tempo, per questo stiamo ancora cercando di conoscerci.

Dal punto di vista tecnico ho notato come la sua discesa nel ranking sia coincisa con un maggior utilizzo dello slice con il rovescio. Quest’anno allo US Open ha giocato un’ottima partita contro Zverev e colpiva il rovescio a due mani piatto. È un aspetto su cui state cercando di lavorare?

L’aspetto su cui stiamo lavorando maggiormente è proprio la fiducia. Quando è sereno è in grado di giocare sia il rovescio incrociato sia il lungolinea proprio perché la mente è sgombra. Mentre quando non è in fiducia tende a girarsi troppo dalla parte del dritto, è un qualcosa di cui abbiamo parlato molto negli ultimi anni. Lui ha bisogno di una o due partite per entrare in ritmo, ha vinto il Challenger di Little Rock quest’anno perché è riuscito ad aggiudicarsi match molto duri che gli hanno dato una bella iniezione di fiducia. Quando sente l’odore del sangue si trasforma e il rovescio non è più un problema.

Jack Sock alla Bogomolov Tennis Academy (foto Facebook Bogomolov Tennis Academy)

Nonostante le difficoltà lavorative siete in grado di avere un buon rapporto di amicizia?

Sua moglie Laura va molto d’accordo con i miei figli e così quando viaggiamo andiamo tutti insieme. È ottimo anche per i miei figli così riescono a viaggiare, a vedere posti diversi nel mondo e a prendere confidenza con i palcoscenici tennistici più importanti. Io e Jack abbiamo un rapporto molto buono, ero anche al suo matrimonio e una buona atmosfera è importante anche per la fiducia di chi scende in campo ovviamente.

Nel 2011 ti sei aggiudicato il premio “most improved player of the year”, sei passato in una sola stagione dal numero 166 al numero 33 del mondo. Pensi che la tua esperienza nello scalare la classifica così rapidamente possa essere d’aiuto anche per Sock?

Penso che il 2022 sarà un grande anno per Jack. Negli ultimi due anni ha giocato davvero pochi tornei ma con una buona programmazione penso possa finalmente tornare ad alti livelli. Non so dire con esattezza in che posizione lo troveremo tra un anno ma il nostro primo obiettivo è ovviamente la top 100. La cosa migliore di Jack è che può attere qualsiasi giocatore, quindi se riusciamo ad arrivare nei palcoscenici più importanti si può togliere delle soddisfazioni. Al Roland Garros nel 2020 quando il suo livello era più basso di quello di oggi ha passato un turno contro Opelka e ha tolto un set a Thiem.

La top 100 è alla portata, se mi chiedi top 10 ti dico che questa volta per arrivare tra i primi dieci dovrebbe fare molto di più di quello che fece nel 2017. Quattro anni fa non penso sapesse nemmeno lui come avesse raggiunto quella posizione. Oggi è un giocatore più umile, giocare Challenger e perdere da giocatori più deboli gli ha fatto capire che nulla è scontato. Se riesce a motivarsi più di quanto non abbia mai fatto in passato allora forse può avere una chance di tornare a quel livello. Non penso che Jack fino ad oggi sia stato in grado di andare oltre i suoi limiti.

Quando Jack è tornato a giocare challenger pensavo che con la sua esperienza sarebbe stato in grado di vincerne parecchi. Come ti spieghi le difficoltà riscontrate in questo tipo di tornei?

Io sono cresciuto giocando Challenger e ho sempre pensato che scalare la classifica passando da questi tornei fosse molto difficile. Nei Challenger i giocatori sono tutti affamati, devono realizzare il loro sogno e sono molto motivati. Quando vai a giocare tornei ATP qualche volta il tuo avversario è infortunato o magari ha giocato alcuni ottimi tornei quindi è un pochino demotivato. A livello ATP assieme a Jack quest’anno abbiamo avuto più successo che nei Challenger, è dura per qualcuno come lui che è stato in top 10 andare a giocare tornei minori, perdere e presentarsi di nuovo nel prossimo torneo.

La sua stagione è comunque stata buona, è stato nominato per il premio “comeback player of the year” ma penso che avrebbe potuto fare meglio in alcuni tornei.

Qual’è la vostra programmazione per l’inizio della nuova stagione?

Ha finito tardi con la Davis Cup in Italia quindi non andremo in Australia. Abbiamo bisogno di allenarci con continuità a dicembre e a gennaio, inizieremo con un Challenger a fine gennaio e poi andremo al nuovo torneo Atp di Dallas per continuare il mese di febbraio a Delray Beach.

Continua a leggere
Commenti

Australian Open

Flink, singolare femminile: “Barty-Osaka possibile ottavo di lusso”

Ubaldo e Steve commentano il tabellone femminile: incertezza come sempre a cominciare dallo stato psico-fisico della giapponese

Pubblicato

il

Ubaldo Scanagatta e Steve Flink analizzano anche il tabellone del singolare femminile che appare più indecifrabile che mai..

Di seguito il video:

LE PARTI SALIENTI DEL VIDEO

00:30– Favorita del torneo

 

UBALDO. Chi è la favorita per la vittoria finale: Naomi Osaka, vincitrice della scorsa edizione o la numero uno Ashley Barty? FLINK. Potrebbero incontrarsi a livello di ottavi di finale. Sarebbe troppo presto, ma la partita potrebbe essere spettacolare. UBALDO. Prima, quando commentavamo il tabellone maschile, dicevamo che nessuno conosce lo stato di forma di Rafa Nadal e Stefanos Tsitsipas. Ma lo stesso discorso può essere fatto per Naomi Osaka. FLINK. Sembra in buona condizione fisiche dato che ha giocato alcune partite in un precedente torneo raggiungendo le semifinali. Penso che si sia preparata decentemente per questo torneo.

02:07 Ottavo teorico Barty Vs Osaka.

02:07 FLINK. Chi pronosticheresti Ubaldo nell’ottavo teorico tra Barty contro Osaka?  UBALDO. Prenderei Barty. FLINK. Pronostico la vittoria di Osaka in tre sets. UBALDO. Prima di tutto devono arrivare tutte e due agli ottavi. Nel cammino di Naomi ci sono Bencic o Anisimova. Barty non ha grossi ostacoli fino a Camila Giorgi o la Potapova. Penso che la Giorgi tuttavia non abbia il gioco per impensierire Ash, dato che le variazioni della Barty, danno tanto fastidio a Camila.

04:55 Ottavo teorico Sakkari contro Ons Jabbeur.

FLINK. Penso che un’ottavo teorico molto interessante sia Jabbeur contro Sakkari, con la Tunisina che ha mostrato un tennis fatto di molte variazioni. Chiunque vinca andrà a sfidare Barty o Osaka, configurando un quarto di finale stellare. UBALDO. Si sono d’accordo, senza dimenticare che in quello spicchio di tabellone c’è anche la Svitolina che è capace di battere chiunque se in giornata.

05:55 Parte alta del tabellone.

FLINK. Ma allora cosa ne pensi della parte bassa del tabellone alto? UBALDO. Credo che Muguruza abbia molte più possibilità, dato che Sabalenka non sta giocando bene e ha la Kerber nella sua parte di tabellone, che è ancora capace di produrre delle buone partite. E poi ha Swiatek, che è sempre una giocatrice interessante. Penso che la Muguruza, nonostante abbia dalla sua parte la Halep, credo possa andare abbastanza avanti

09:06 Krejčíková Vs Badosa

FLINK. Krejčíková sta nella parte alta del tabellone e dovrebbe giocare contro Badosa. Io sono rimasto molto impressionato dalla qualità della Badosa, di cui ricordo la partita che ha giocato e vinto l’anno scorso a Indian Wells contro Azarenka, una delle migliori partite della stagione femminile 2021. Penso che una delle due raggiungerà la finale di questo AO.

09:40 Raducanu e Fernandez.

UBALDO. Non sei sorpreso che non abbiamo ancora menzionato nessuna delle due finaliste dello scorso US Open? FLINK. No niente affatto. Non stanno giocando particolarmente bene. Raducanu affronterà al primo turno Sloane Stephens, un incontro interessante. Do leggermente favorita la Stephens, che secondo me potrebbe vincere quella partita. UBALDO. Onestamente Raducanu e Fernandez non hanno giocato molto bene dopo lo splendido US Open.

11:22 Coco Gauff.

UBALDO. E poi un’altra ragazza di cui non abbiamo parlato è Coco Gauff, che sta nello stesso spicchio di tabellone di Sonia Kenin, che vinse il torneo due anni fa. Credo che Gauff è più solida in questo momento delle due finaliste dello US Open dello scorso anno.

Infine Ubaldo e Steve fanno gli auguri a Chris Evert di una pronta guarigione, dato che ha annunciato di avere un cancro.

Transcript a cura di Andrea Canella

Continua a leggere

Australian Open

Ubaldo e Flink: “Medvedev e Zverev ora i grandi favoriti”

Il direttore e Steve commentano il tabellone maschile: le prospettive di Nadal e di Berrettini, le incertezze di Tsitsipas

Pubblicato

il

A poche ore dall’inizio del primo Slam della stagione Ubaldo Scanagatta e Steve Flink analizzano il tabellone maschile, orfano del N.1 del mondo.

Ecco il video:

00:20– 01:29 Non esiste un giocatore più importante del torneo

 

UBALDO. L’AO è più importante di qualsiasi giocatore. E questo concetto è stato ribadito anche nell’edizione di Wimbledon del 1973, quando Kodes vinse in finale contro Metreveli.

01:30 – 04:00 Il torneo di Medvedev

UBALDO. È il principale favorito del torneo, considerando che ha un cammino più agevole, rispetto per esempio a Nadal e Zverev che potrebbero giocare l’uno contro l’altro già nei quarti di finale? FLINK. Penso sia il primo favorito assieme a Zverev e metterei Nadal come terzo favorito, dietro questi due. Per me Medvedev è leggermente avvantaggiato contro Zverev, ma non di molto. UBALDO. Credo che la parte alta del tabellone, sia sbilanciata rispetto alla parte bassa. FLINK. Medvedev potrebbe incontrare Humbert, ma sono d’accordo con te, dato che la parte alta del tabellone sembra più difficile rispetto a quella bassa

04:13 – 08:10 La parte alta del tabellone è più difficile.

UBALDO. Nella parte altra tra Zverev e Nadal ci sono Shapovalov, Hurkacz, Karatsev, Kachanov, Opelka. FLINK. Chi può beneficiare di più dell’assenza di Djokovic nella parte bassa è Matteo Berrettini. Forse Matteo ha un’opportunità di avanzare fino alle semifinali per giocare contro Zverev o Nadal. UBALDO. Non lo so perché non ha avversari facili prima dei quarti. Deve battere Nakashima e poi Alcaraz, contro il quale ha perso recentemente. Direi piuttosto che Sinner ha avuto un migliore tabellone, dato che lui non giocherà contro nessun top 3 prima dei quarti di finale e contro nessun top 7 prima del terzo turno. FLINK. Penso che sia Berrettini che Sinner possono disputare un buon torneo. Berrettini deve però sopravvivere contro Nakashima, dato che sarà secondo me una partita equilibrata.

08:28 – 12:20 Medvedev Vs Rublev Quarto di finale probabile.

UBALDO. Prevedo nella parte bassa un quarto di finale probabile tra Rublev e Medvedev, perché non vedo nessun altro che li possa ostacolare a parte Humbert, Auger-Aliassime. FLINK. Penso che Medvedev possa raggiungere la finale. UBALDO. Sono d’accordo, ma nella parte alta non è facile pronosticare il finalista, con Nadal che non ha la migliore preparazione possibile per affrontare il torneo.

12:33 – 15:00 La testa di serie numero quattro Tsitsipas.

UBALDO. Non abbiamo ancora parlato della testa di serie numero quattro Stefanos Tsitsipas, dato che non sappiamo in che condizioni arriva, visto che nel finale della scorsa stagione ha accusato un problema al gomito, che gli ha impedito di giocare bene tanto alla fine della stagione. Suo padre ha anche affermato che non è completamente recuperato dalla lesione. In quella sezione di tabellone ci sono Sinner, Fritz e Dimitrov, che in Australia ha sempre offerto buone prestazioni. FLINK. Non vedo Tsitsipas, confermarsi al numero 4 per i problemi che sta affrontando. Penso che nemmeno lui sappia se può vincere le partite con il problema fisico al quale accennavi, che condiziona il rendimento del suo servizio. Sarei sorpreso se raggiungesse le semifinali. UBALDO. Affronta Ymer, poi Baez e non ha un tabellone difficile almenocchè non affronti un Dimitrov in forma.

15:10 – 16:15  Ottavi teorici.

UBALDO.

Ottavi teorici parte alta:

Zverev Vs Shapovalov – Hurkacz Vs Nadal

Norrie Vs Berrettini – Karatsev Vs Kachanov

Ottavi teorici parte bassa:

Ruud Vs Sinner – Bautista Agut Vs Tsitsipas

Rublev Vs FAA – Medvedev Vs Schwartzman,

FLINK. Il più interessante di questi dovrebbe essere Hurkacz contro Nadal.

16:35 Pronostici

FLINK. Zverev batte Nadal nei quarti in quattro sets, vince la sua semifinale e gioca la finale contro Medvedev, con Zverev che vince il suo primo titolo in 5 sets contro il Russo.

UBALDO. Penso che Zverev può essere il numero uno a fine anno, perché non credo che Nadal giocherà tutti i tornei, Federer non ritornerà a pieno regime, se non per disputare una manciata di tornei. Mi fido di più di Zverev nel lungo termine, ma questo torneo credo lo possa vincere Medvedev.

Continua a leggere

Australian Open

Flink: “Djokovic si doveva vaccinare, ma la gestione del caso da parte del governo è sconcertante”

Il direttore Scanagatta discute il caso del momento. L’ingenuità del post di Nole alla partenza. Gli errori di Tennis Australia

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Davis Cup 2021 (Twitter - @DavisCup)

Siamo arrivati alla vigilia dell’Australian Open 2022, e non potevano mancare i pronostici del direttore Ubaldo Scanagatta e di Steve Flink. Questa volta, però, il torneo è stato preceduto da un caso, quello relativo all’espulsione del N.1 ATP Novak Djokovic, che ha messo in ombra il tennis giocato. I due veterani degli Slam non potevano quindi esimersi dall’affrontare la questione nella prima parte della preview.

Di seguito il video:

LE PARTI SALIENTI DEL VIDEO

00:00 – Flink: “L’intera faccenda è un qualcosa di deprimente per il mondo del tennis. Arrivo anche a provare un po’ di comprensione per Novak, nonostante gli errori che ha compiuto durante tutta questa storia. Ma comunque il modo in cui il governo australiano e le altre autorità coinvolte hanno gestito è sconcertante, iniziando da Tennis Australia e dal governo dello stato del Victoria, che hanno ricevuto due approvazioni in merito ai documenti forniti dal serbo. Djokovic ha viaggiato con la convinzione di essere stato ammesso nel Paese. I problemi sono cominciati lì, dato che qualcuno del suo entourage non ha fatto le cose per bene, barrando correttamente certe caselle. Non sono sicuro che Djokovic avrebbe potuto ribaltare il verdetto finale, perché penso si sia manifestato un conflitto tra il governo regionale dello stato del Victoria e il governo federale”.
Ubaldo: “Sono d’accordo e penso che si tratti di una decisione politica, dato che in teoria c’era un semaforo rosso per l’ingresso dei non vaccinati. L’errore principale è stato fatto da Craig Tiley, annunciando che il serbo poteva entrare se in possesso di un’esenzione. Perché Tennis Australia non ha prontamente avvisato Djokovic degli eventuali problemi che avrebbe incontrato?

 

05:10 – Ubaldo: “Comunque Djokovic ha commesso abbastanza errori, dato che il termine di presentazione dell’esenzione era il 10 di dicembre, mentre lui l’ha presentata il 16. Sorvoliamo poi sui dubbi sull’autenticità di questi documenti, dato che un giornale tedesco ha investigato la faccenda, dimostrando che ci sono dei problemi sulla positività e negatività inerenti al QR code. Ma comunque il fatto che Djokovic abbia annunciato via Twitter e Instagram che si sarebbe recato in Australia dimostra che lui era in buona fede”.
Flink: “Quando Djokovic ha comunicato la decisione di andare in Australia attraverso i suoi social è stato aspramente criticato, per delle ragioni che ancora non conosco, quando mi pare che il suo messaggio non fosse arrogante”.
Ubaldo: “Sono d’accordo, ma per me è stato ingenuo, dato che lui avrebbe dovuto pensare che un messaggio del genere avrebbe provocato delle reazioni critiche da parte delle persone che si sono vaccinate
”.

07:50 – Flink: “Moltissime persone hanno argomentato che la soluzione più semplice per lui sarebbe stata quella di vaccinarsi. Djokovic è un personaggio che ha opinioni non convenzionali, ma penso che lui sbagli totalmente sul discorso dei vaccini, dato che ci sono sufficienti evidenze scientifiche”.
Ubaldo: “Va bene, ma se viaggi in un paese straniero, devi accettare le regole del Paese in cui ti trovi. I loro avvocati durante l’udienza notturna hanno provato a sostenere la tesi difensiva, che nessuno poteva provare che lui sosteneva il movimento No-Vax. Ma ciò si è dimostrato ridicolo, perché lui era chiaramente contro la vaccinazione e non ha seguito le regole imposte dalla maggioranza di portare la mascherina, e ha partecipato ad eventi quando era stato testato positivo. Un campione è un modello che riceve una montagna di soldi dagli sponsor, ma se il modello non segue le regole, allora bisogna far sì che lo faccia”.

11:20 – Flink: “Se lui non cambia la sua opinione in materia di vaccini è possibile che quest’anno non lo vedremo giocare in molti tornei. E questo è un po’ sciocco e insensato”.
Ubaldo: “Ad ogni modo si tratta di una decisione politica i cui dettagli non sono stati ancora forniti. Craig Tiley era stato avvisato due volte dal governo australiano che giocatori non vaccinati non sarebbero stati accettati nel territorio australiano”.
Flink: “Tennis Australia avrebbe dovuto comunicare prontamente a Novak i problemi che avrebbe incontrato in Australia, dato che erano stati avvisati dal governo federale. Abbiamo anche il caso di Voracova. Perché hanno concesso queste esenzioni lasciando giocare certi giocatori e giocatrici?
Ubaldo: “Perché non hanno controllato. I post a mezzo social di Djokovic hanno suscitato il clamore. Senza quei messaggi, lo avrebbero lasciato passare”.
Flink: “Non sono d’accordo, avrebbe avuto lo stesso problemi”.

15:20 – Ubaldo: “Mi chiedo se l’ATP abbia il potere di imporre l’obbligo vaccinale in tutti i tornei”.
Flink: “Non lo so nemmeno io, ma presumo di sì. E comunque gli organi di governo del tennis devono chiaramente comunicare se ammettono esenzioni alla vaccinazione oppure no, in modo tale che il messaggio sia chiaro una volta per tutte”.

Transcript a cura di Andrea Canella

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement