WTA Washington: Raducanu vince una lotta insensata contro Osorio

Flash

WTA Washington: Raducanu vince una lotta insensata contro Osorio

Camila Osorio si auto-annulla due set point, Emma Raducanu spreca vantaggi e occasioni ma dopo quasi tre ore vince e commenta: “Penso di essere morta circa tre volte, poi sono tornata”

Pubblicato

il

Emma Raducanu – WTA Washington 2022 (foto via Twitter @CitiOpen)
 
 

[2] E. Raducanu b. C. Osorio 7-6(5) 7-6(4)

È stato quello che può essere portato come esempio del “classico” match WTA. Che sia davvero così o l’idea esista solo nell’immaginario collettivo di appassionati e addetti ai lavori non importa granché dopotutto o, meglio, dopo tutto quello che abbiamo visto nella sfida vinta da Emma Raducanu su Camila Osorio in due set. Due set, sì, ma 2 ore e 50 minuti di grande intensità per le emozioni più che per il livello tecnico.

Possibilità di doppi break sfumate, pioggia di doppi falli nei momenti decisivi, smorzate-quasi-lob che hanno comunque portato il punto, vesciche, per una sagra di occasioni mancate, una guerra di nervi che ha cambiato più e più volte direzione.

 

Il tabellone del WTA 250 di Washington

Emma, che ai quarti troverà Samsonova, esce soddisfatta perché vincere in lotta senza esprimere il proprio miglior tennis fa sempre bene al morale (anche considerando la delicata questione del nuovo coach), ma anche Camila – che si è liberata di un paio di nomi ma per noi rimane MCOS – sorride alle fine, contenta di essere rimasta in piedi per quasi tre ore, lei che si era infortunata al primo turno di Wimbledon ed è rientrata vittoriosa all’esordio al Citi Open. Una pausa forzata non certo passata in spiaggia, come testimonierà durante il MTO la linea dell’abbronzatura che lascia il piede completamente bianco.

IL MATCH – Si inizia con Raducanu che fa tutto bene e Osorio che sbaglia un po’ tutto cedendo la battuta nel secondo game. Emma muove meglio la palla, mantiene il vantaggio e si guadagna in risposta l’occasione per il 5-2, ma la ventenne di Cúcuta trova un ottimo rovescio in uscita dalla seconda di servizio. Temperatura di 36° C, elevato tasso di umidità e le due faticano il giusto spesso intrappolate in scambi lunghi, “colpa” di Camila che non si risparmia nei recuperi nonostante la tosse la perseguiti a ogni pausa, mentre Emma accusa la fatica. Ecco allora che, nonostante quattro opportunità di tenere la battuta, concede il contro-break dopo 18 punti a un’Osorio più aggressiva che, senza alcun segno premonitore, prende il controllo della sfida. Raducanu le dà anche una mano mandandola 5-4 dopo la seconda fallita sulla palla break. Problemi in battuta anche per Cami al momento di chiudere il set, perché anche quando sei pressoché padrona dl campo, la tensione arriva. Anzi, a maggior ragione in quel caso: se pensi che la puoi perdere solo tu, ecco che il timore si avvera. E succede così che Osorio commette tre doppi falli da sinistra, due dei quali su altrettanti set point.

Il tabellone del WTA 250 di Washington

Con entrambe che rimuginano sui rispettivi vantaggi andati in fumo, il livello scende e le due ormai si affidano più alla garra che alla tecnica. Raducanu tiene, l’avversaria subito la imita con un game sicuro ed è tie-break. Parte meglio Emma, ma poi perde un punto che pareva già vinto; meriti dell’altra che difende l’impossibile, certo, ma anche lo smash brit sbagliato ha il suo peso. Osorio va avanti grazie al doppio errore, poi Raducanu rinasce, conquista 4 punti di fila e il parziale dopo 82 minuti e 60 unforced complessivi (24 vincenti).

Nel secondo set, è ancora la n. 10 del mondo ad allungare per prima e di nuovo ha due chance per il doppio break (4-1) ma il combo servizio&dritto toglie dai guai la colombiana. Solo momentaneamente, però, perché MCOS chiede il MTO per un problema all’alluce destro che le viene completamente bendato. Con qualche limitazione negli spostamenti e il conseguente tentativo di abbreviare gli scambi, rimane in scia al settimo gioco risalendo da 0-40. Tante, troppe le opportunità perdute e il rientro colombiano si materializza sul 4 pari, ma la diciannovenne nativa di Toronto bada al sodo e va a servire per finirla qui. Solo un modo di dire, perché nessuno crede davvero che sia la fine, soprattutto Emma che sul 30-15 sfodera due doppi falli e un dritto rasoterra.

MTO per lei, con la fisio che le fascia un paio di dita della mano destra mentre i Tears for Fears cantano Everybody wants to rule the world, per quanto ognuna delle due contendenti si accontenterebbe di dominare il tie-break. Uno scambio gladiatorio permette a Emma di cambiare campo sul 4-2. Alla fine è lei, Raducanu, a vincerla, grazie a un punto in difesa e a una seconda aggressiva. O era un doppio fallo mancato?

SAMSONOVA RIMONTA TOMLJANOVIC – Nell’altro match giocato in contemporanea al Citi Open, la russa Liudmila Samsonova numero 60 del mondo, ha vinto per 4-6 6-3 6-2 sull’australiana Alja Tomljanovic, nove posizione più indietro di lei in classifica.

Il tabellone del WTA 250 di Washington

Continua a leggere
Commenti

ATP

Race to Milano: sono sette gli azzurri nella Top 15

Ecco la situazione aggiornata per la corsa all’evento milanese di novembre

Pubblicato

il

Francesco Passaro - Challenger Milano 2022 (foto ufficio stampa)

All’appuntamento del 2022 con le Intesa Sanpaolo Next Gen Atp Finals mancano ancora diversi mesi, ma la corsa alle qualificazione è già entrata nel vivo in attesa di scoprire cosa riserveranno i tornei più importanti della US Open Series. Alle Next Gen Finals, come noto, potranno partecipare gli otto giocatori nati dopo il 31 dicembre 2000 che avranno ottenuto più punti ATP nell’arco della stagione. Il torneo si svolgerà dall’8 al 12 novembre.  

Restano immutate le prime posizioni, con Alcaraz che ha un grande vantaggio su Sinner. Ma come noto, l’obiettivo di questi due giocatori è qualificarsi alle ATP Finals di Torino. Dopo di loro il giovane con più punti è Lorenzo Musetti che ha un vantaggio importante sugli avversari. Risale in maniera significativa lo svizzero Stricker nono dopo aver vinto il Finaport Zug Open, battendo in finale Gulbis in tre set. Considerando che la corsa alle Next Gen Finals potrebbe comprendere i giocatori dalla posizione numero 3 a quella n.10, in questo momento sarebbero due gli italiani qualificati, con Passaro che si unirebbe a Musetti. Ma sono tanti gli azzurri che spingono nelle retrovie: in tutto sono 7 i nostri atleti nella Top 15.

PosizioneGiocatoreNazionePunti      Nato nel         Classifica Generale
1AlcarazSpagna428020034
2SinnerItalia1690200112
3MusettiItalia1141200230
4RuneDanimarca 1008200326
5DraperGBR620200159
6LeheckaRep. Ceca592200168
7NakashimaUsa492200161
8TsengTaipei423200183
9StrickerSvizzera3742002126
10PassaroItalia3652001144
11MisolicAustria3162001136
12ZeppieriItalia2852001143
13CobolliItalia2722002134
14NardiItalia2342003168
15MaestrelliItalia 2332002206

Paolo Michele Pinto

 

Continua a leggere

ATP

ATP Cincinnati, forfait di Zverev. Al suo posto dentro Bonzi

Il tedesco non forza i tempi ma per lui resta l’obiettivo US Open: gli aggiornamenti

Pubblicato

il

Alexander Zverev - Roland Garros 2022 (foto Roberto Dell'Olivo)

E’ tornato in campo Alexander Zverev, ma per ora salta anche Cincinnati. L’obiettivo del tedesco è chiaro, giocare lo US Open. Obiettivo fissato dopo un lungo periodo nel quale ha lavorato sodo per tornare in campo dopo l’infortunio alla caviglia destra rimediato nel match di semifinale contro Nadal al Roland Garros. Si è definito “Un bambino felice che fa finalmente ritorno al suo parco giochi preferito”. Intanto, come detto, a Cincinnati il tedesco non ci sarà. Nessuno vuole forzare i ritmi, il rientro avverrà quando tutto sembrerà essere a posto: “Non ho voglia di affrettare i tempi, cerco di fare quello che il mio corpo mi consente di fare. Per questo non mi sbilancio sulla mia partecipazione agli US Open”, aveva dichiarato in una recente intervista a Eurosport Germania. Al posto di Zverev entrerà in tabellone a Cincinnati il francese Benjamin Bonzi.

Al prossimo forfait, entrerà in tabellone Nick Kyrgios. Il fresco vincitore di Washington vuole arrivare al top agli US Open, mantenendo un alto livello di concentrazione mentale. Per questo riceverà una Wild Card e parteciperà anche al torneo di Cincinnati. Ma se ci fosse ancora un ritiro di un giocatore iscritto, libererebbe l’invito, che diventerebbe disponibile per un altro giocatore.

Paolo Michele Pinto

 

Continua a leggere

Flash

Olimpiade Parigi 2024: il torneo di tennis sarà al Roland Garros

Il torneo inizierà il 27 luglio e terminerà il 4 agosto. L’ultimo torneo a cinque cerchi che si era giocato sulla terra rossa risale a Barcellona 1992

Pubblicato

il

Court Philippe-Chatrier - Roland Garros 2022 (foto Roberto Dell'Olivo)

I campi del Roland Garros faranno gli straordinari tra due anni, nel 2024. E’ stato infatti comunicato che si terrà a Bois de Boulogne il torneo di tennis dell’Olimpiade di Parigi. Dopo tante voci che si sono susseguite nel tempo, adesso è arrivata l’ufficialità. Sarà un torneo su terra battuta, una variante importante che segue il cemento di Tokyo e Rio, andando a ritroso, e l’erba di Londra. Erano trent’anni che non si giocava un torneo su terra: l’ultima edizione fu Barcellona 1992.

Il cronometro scorre inesorabile verso l’inizio delle Olimpiadi e sul sito ufficiale si trovano gli step da seguire per l’acquisto dei biglietti: entro fine 2022 avverrà il sorteggio di chi si sarà prenotato per comprare l’abbonamento, fino ad arrivare alla vendita libera dei biglietti residui a fine 2023. Il torneo tennistico olimpico si svolgerà dal 27 luglio al 4 agosto.

 

Da verificare ovviamente se Nadal riuscirà ad arrivare competitivo all’Olimpiade del 2024; probabilmente ci sarà Djokovic, che ha ancora l’obiettivo di vincere un oro olimpico, cosa sfuggitagli a Tokyo nel 2021. Senza dimenticare la fame azzurra di portare a casa una medaglia dal valore inestimabile: tra Berrettini, Sinner, Musetti e i tanti giovani che spingono dalle retrovie, il tennis italiano arriverà a Parigi con l’obiettivo di vincere una medaglia.

Paolo Michele Pinto

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement