Daniel Evans critica la serie di Netflix Break Point: “Vogliamo sentire Nadal sul ritiro a Wimbledon, non Tsitsipas e papà”

Flash

Daniel Evans critica la serie di Netflix Break Point: “Vogliamo sentire Nadal sul ritiro a Wimbledon, non Tsitsipas e papà”

Il tennista inglese senza freni sulla docuserie di prossima uscita: “È tutto recitato”. Poi torna sulle critiche al capitano di Coppa Davis che gli aveva preferito Salisbury

Pubblicato

il

Dan Evans - Dubai 2020 (via Twitter, @DDFTennis)
 

Un Daniel Evans mai banale e come al solito vulcanico quello che parla a The Times a margine della Battle of the Brits, evento riservato ai tennisti britannici in scena ad Aberdeen il 21 e il 22 dicembre. Il giocatore di Birmingham ha detto di non essere intenzionato a vedere “Break Point”, documentario in uscita su Netflix dal 13 gennaio che mostrerà il dietro le quinte del mondo del tennis: “È così prevedibile. Avresti potuto indovinare chi avrebbero scelto. La gente vuole sapere cosa dice Nadal quando si ritira dalla semifinale di Wimbledon. Ci toccherà ascoltare Tsitsipas e un papà del tennis. Ci metteranno sempre un ‘tennis dad’, non è così? Non fa per me. È tutto recitato, te ne accorgi. Ma dai…”.

L’inglese è inoltre tornato sui fatti dello scorso settembre in Coppa Davis, quando aveva criticato la scelta del capitano Leon Smith di preferirgli Joe Salisbury nei doppi decisivi, poi persi, contro Paesi Bassi e Stati Uniti. Joe è ovviamente parte del Team England insieme a Evans nella Battle of the Brits. “Nulla di personale” ha chiarito Evo. “Se qualcuno mi dicesse di andare in campo, non direi di no. Non è una sua decisione [di Salisbury] di non giocare. Gli è stato detto di andare in campo e sarebbe strano se avesse pensato di non essere la persona più adatta per quel compito. È un agonista e quello deve fare, competere”.

Poi aggiunge: “Nel tennis prendiamo tutto troppo sul personale. Nessuno ha mai detto niente di male su di te? Io avevo solo detto di non pensare che qualcuno avesse fatto bene il proprio lavoro”.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Perché credo che questo Sinner batterà questo incerto Djokovic. Ma non al quinto set

Editoriali del Direttore4 settimane fa

Australian Open: Sabalenka regina quasi scontata. Bolelli Vavassori in vista Slam. E diritti tv: Sky, Supertennis, FITP: la negoziazione langue

ATP4 settimane fa

La storia del tennis italiano chiama a sé Sinner, da De Stefani a Berrettini passando per le vittorie di Pietrangeli, Panatta, Schiavone e Pennetta

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Jannik Sinner è molto più calmo di tutti quelli che oggi lo osannano. Un anno fa era il tennista dei… senza

Senza categoria4 settimane fa

Australian Open LIVE: Sinner in semifinale, nemmeno Rublev riesce a strappargli un set!

Novak Djokovic - Australian Open 2024 (X @AustralianOpen)
Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Djokovic: “Sono scioccato, uno dei miei peggiori match di sempre”

Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Sinner tranquillizza tutti: “L’addome? Nulla di che”. Contro Djokovic alle 4.30 italiane

Australian Open4 settimane fa

Australian Open: Sinner batte Rublev e vola in semifinale con Djokovic senza aver perso un set [VIDEO]

Editoriali del Direttore3 settimane fa

Jannik Sinner non è un patriota per cui tifare perché non paga le tasse in Italia? Non sono d’accordo con Aldo Cazzullo e Massimo Gramellini

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – La grande attesa per i duellanti dai tanti punti in comune Djokovic e Sinner. Vinca il migliore? “Sperem de no”

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement