Il primo titolo Challenger 2023 è di Raul Brancaccio, campione a Noumea

ATP

Il primo titolo Challenger 2023 è di Raul Brancaccio, campione a Noumea

In Nuova Caledonia il tennista di Torre del Greco vince in rimonta annullando un match point al francese Laurent Lukoli

Pubblicato

il

Premiazione Brancaccio a Noumea (pagina Facebook Raul Brancaccio)
Premiazione Brancaccio a Noumea (pagina Facebook Raul Brancaccio)

Raul Brancaccio in questa prima finale Challenger del 2023, opposto a Noumea (Nuova Caledonia) al francese Laurent Lukoli (n.204 ATP), non era propriamente partito col piede giusto, tanto da trovarsi sotto 0-4 nel primo set nel giro di pochi minuti. Il suo bel recupero non gli consentiva comunque di salvare il set, e nel secondo parziale l’azzurro sembrava quasi pronto per la doccia quando sul 4-5 si trovava a fronteggiare una palla break che valeva anche come match point. In quel frangente i due avversari hanno dato una dimostrazione pratica di cosa sia il ‘braccino’, quella patologia di cui in genere soffrono i giocatori di circolo. Al termine di uno scambio infinito, caratterizzato appunto da una timorosa cautela, era il francese a sbagliare per primo, mettendo fuori un lob e indispettendo perfino Giove Pluvio che iniziava a flagellare il centrale del ‘Marie-Louise Lhuillier’.

La lunga pausa disturbava molto di più Lukoli che rimandava in campo la sua controfigura mentre Brancaccio usciva dagli spogliatoi tonico e da subito in controllo della situazione, chiudendo abbastanza in fretta col punteggio di 4-6 7-5 6-2 in poco più di due ore e mezza. Per il 25enne allievo di David Ferrer è la seconda vittoria Challenger in carriera dopo quella di San Benedetto del Tronto nello scorso mese di luglio. Decisamente il suo 2023 inizia sotto i migliori auspici, confermati dal suo nuovo best ranking alla posizione n.145 ATP.

Segui su Instagram: @massimogaiba

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Ubaldo Scanagatta
evidenza5 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Nadal subito Zverev. Se fosse meglio così? Il teorico cammino di Sinner” [VIDEO]

Jannik Sinner - Madrid 2024 (foto Florin Baltatoiu)
Flash6 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Sinner gioca e punta al n. 1 del mondo. E magari pure al Grande Slam. Si deve sognare in grande. Dove capiterà Nadal? Il campione di 14 Roland Garros é’ una mina vagante o no? Riparte l’UbiContest” [VIDEO]

Senza categoria1 settimana fa

Scanagatta a Radio Sportiva: “La bravura di Sara Errani e le prospettive di Zverev per Parigi”[AUDIO]

Alexander Zverev - Roma 2024 (X @inteBNLditalia)
evidenza2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Zverev può aver salvato il torneo” [VIDEO]

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Meglio le donne che gli uomini. In gara tre delle prime quattro del ranking, fra gli uomini solo due dei primi otto”

Flash3 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Con Paolini bye bye Roma per le italiane. 5 azzurri superstiti. Tre giocano oggi ma il clou è Nadal-Hurkacz. Per lo spagnolo addio Roma più che arrivederci?” [VIDEO]

Matteo Berrettini - Roma 2024 (foto Francesca Micheli Ubitennis)
Flash3 settimane fa

ATP Roma, Scanagatta: “Piove sul bagnato. Dopo il KO di Sinner quello di Berrettini, e sul torneo diluvia. Menomale vincono Darderi e Cobolli” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Massey: “Il tetto è in programma e dal prossimo anno le chiamate elettroniche” [VIDEO]

evidenza2 mesi fa

Scanagatta: “Un errore arbitrale clamoroso fa perdere a Sinner con Tsitsipas un match quasi vinto” [VIDEO]

ATP2 mesi fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Jannik Sinner batte l’avversario più duro di sempre sul rosso e conserva il secondo posto mondiale” [VIDEO]

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement