ATP Houston: Kubler elimina Verdasco, fuori anche Zhang e Kovacevic

ATP

ATP Houston: Kubler elimina Verdasco, fuori anche Zhang e Kovacevic

Il campione dell’edizione 2014 esce subito di scena. Avanzano gli americani Johnson e Kudla. Brouwer sorpende Kovacevic

Pubblicato

il

Fernando Verdasco - Roma 2019
 

Giornata di primi turni al Fayez Sarofim & Co. U.S. Men’s Clay Court Championship di Houston. Dopo il termine delle qualificazioni, si sono svolti dei match interessanti ed è uscita subito fuori qualche sorpresa. Su tutte l’eliminazione di Aleksandar Kovacevic, che è caduto con un doppio 6-4 sotto i colpi di Gijs Brouwer, nazionalità olandese, ma nativo di Houston, che proprio in questo torneo lo scorso anno ottenne i suoi primi successi in un main draw ATP, partendo dalle qualificazioni e battendo Feliciano Lopez e JJ Wolf. Adesso l’ostacolo Isner, ma il nederlandese, così lanciato, non vuole fermarsi. Un’altra eliminazione eccellente è quella di un ex campione del torneo, Fernando Verdasco. Il 39enne madrileno, vincitore in Texas nel 2014, è entrato in tabellone principale grazie a una wild card, ma ha retto solo un set contro la testa di serie numero 6, l’australiano Jason Kubler: 7-6(7) 6-0, non riuscendo a chiudere il primo parziale sul 6-5 e servizio. “È stato un onore giocare contro Fernando – ha dichiarato l’australiano a fine match – ricordo quando avevo 14 anni e giocava nella mia città. Il primo set è stato molto tirato, ho commesso diversi errori, ma sono contento di com’è andato il secondo e spero di arrivare il più lontano possibile in questo torneo”.

Kubler troverà il colombiano Daniel Elahi Galan che si è liberato di un claudicante Zhizhen Zhang per 6-2 6-3. Il cinese nel secondo set ha giocato quasi da fermo ed è stato quasi nullo in risposta, basti pensare che nel terzo gioco il sudamericano è riuscito addirittura nel game perfetto con quattro ace in quattro punti. Nel match che ha concluso il programma, è arrivata la seconda gioia statunitense della giornata: dopo il successo di Denis Kudla 6-4 4-6 6-4 contro Aleksandar Vukic, Steve Johnson si è liberato con il punteggio di 7-6(5) 1-6 6-1 di Facundo Bagnis, reagendo alla grande al secondo set perso, non concedendo neanche una palla break nel terzo. Adesso il derby con la testa di serie numero 1 Frances Tiafoe agli ottavi di finale.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Perché credo che questo Sinner batterà questo incerto Djokovic. Ma non al quinto set

Editoriali del Direttore4 settimane fa

Australian Open: Sabalenka regina quasi scontata. Bolelli Vavassori in vista Slam. E diritti tv: Sky, Supertennis, FITP: la negoziazione langue

ATP4 settimane fa

La storia del tennis italiano chiama a sé Sinner, da De Stefani a Berrettini passando per le vittorie di Pietrangeli, Panatta, Schiavone e Pennetta

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Jannik Sinner è molto più calmo di tutti quelli che oggi lo osannano. Un anno fa era il tennista dei… senza

Senza categoria4 settimane fa

Australian Open LIVE: Sinner in semifinale, nemmeno Rublev riesce a strappargli un set!

Novak Djokovic - Australian Open 2024 (X @AustralianOpen)
Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Djokovic: “Sono scioccato, uno dei miei peggiori match di sempre”

Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Sinner tranquillizza tutti: “L’addome? Nulla di che”. Contro Djokovic alle 4.30 italiane

Australian Open4 settimane fa

Australian Open: Sinner batte Rublev e vola in semifinale con Djokovic senza aver perso un set [VIDEO]

Editoriali del Direttore3 settimane fa

Jannik Sinner non è un patriota per cui tifare perché non paga le tasse in Italia? Non sono d’accordo con Aldo Cazzullo e Massimo Gramellini

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – La grande attesa per i duellanti dai tanti punti in comune Djokovic e Sinner. Vinca il migliore? “Sperem de no”

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement