ATP Madrid, il coraggio di Struff è più forte della solidità di Tsitsipas: raggiunge una clamorosa semifinale

ATP

ATP Madrid, il coraggio di Struff è più forte della solidità di Tsitsipas: raggiunge una clamorosa semifinale

Splendido tennis sul centrale: il tedesco scende a rete 41 volte e vanifica la buonissima partita del greco

Pubblicato

il

 

[LL] J. L. Struff b. [4] S. Tsitsipas 7-6(5) 5-7 6-3

Al Mutua de Madrid Open Jan Lennard Struff centra la prima semifinale in un Master 1000. A 33 anni non è ancora tardi se gambe e cuor di leone ti sorreggono e ti spingono ormai a ridosso dei top 30 (all’inizio dell’anno era nei dintorni del numero 100). Di fronte a uno Tsitsipas assai solido, Jan non ha mai tremato, dimostrando se ce ne fosse bisogno ancora che l’essere in fiducia è un integratore di energie mentali e anche fisiche dagli effetti mirabili. Tsitsipas ha avuto ottimi numeri ma non ha saputo produrre il guizzo necessario per confondere un avversario dal tennis vario e divertente, lucido e coraggioso.

Bravi entrambi, ma il privilegio di sfidare Karatsev in semifinale se lo è pienamente meritato Struff, il lucky loser di ferro.

Primo Set. Tsitsipas inizia appoggiandosi a una prima palla di nuovo ben oliata e non concede che in una sola occasione spazio alla risposta profonda di Struff. Il tedesco ha invece più di un grattacapo per difendere i diritti del servizio e sull’1-2 deve fronteggiare due palle per il break. Le annulla brillantemente con l’aiuto del serve and volley, che pratica per tre volte nel game. Dopo i primi quattro giochi il greco ha una percentuale dell’82% di prime palle, contro il 57% del rivale.

Tsitsipas continua a servire superbamente mentre Struff fatica ed è più intraprendente a rete, anche perché il numero quattro del seeding mantiene una posizione piuttosto arretrata. Sul 4-5 il finalista di Melbourne si procura di nuovo una palla-break con una volée di dritto che gioca dopo aver respinto con un lob il rivale avventuratosi a rete. Punto bellissimo ma Struff annulla quello che è anche un setpoint con un servizio vincente, cui fa seguito un ace.

Struff più coraggioso, Tsitsipas più solido: il risultato è un tie-break avvincente e bello, dove il greco mette solo prime palle e arriva sul 4-1. Il tedesco risponde con due servizi vincenti e si prende il 4-4 con una risposta di rovescio fulminante; sul 4-5 attacca il rovescio del numero 5 del mondo che mira alla luna con una steccata. Sul 6-5 in proprio favore risponde con un dritto fulminante che forza il rivale all’errore. Il set prende la strada di Warstein.

In un’ora esatta 21 vincenti a 11 per Struff, che scrive anche un 15 su 20 a rete davvero indigesto per l’atleta ellenico.

Secondo set. La frazione parte dal punto in cui era terminata la precedente e Struff concede subito la palla-break. Ma di nuovo la prima al momento giusto sistema i guai: due ace e il favorito numero quattro deve ancora rimandare l’allungo.

Dopo i primi 6 game solo 5 i punti contro la battuta. Ora anche il trentatreenne tedesco ha una prima palla più costante, regge splendidamente la pressione e sale 4-3 in un game dove cala un tris di servizi vincenti.

Pochissimi errori, la partita è bella e cresce in intensità e qualità. Sul 4-4 Tsitsipas passa Struff non prima che quest’ultimo “pari” tre passanti con altrettante volée tutt’altro che semplici. Dallo 0-15 il teutonico infila un dritto lungolinea, vince un corpo a corpo di nuovo piazzandosi a rete e lancia un ace, chiudendo il game con grande personalità.

Il merito di Stefanos sta nel non battere ciglio di fronte ad una prestazione di alto livello dello sfidante e di controbattere immediatamente con altrettanta qualità. Serve per rimanere nel match e sul 30-15 gioca un dritto vincente ridicolous in mezza volata.

Nell’undicesimo gioco Struff ha l’unico, piccolo passaggio a vuoto sino a quel momento e concede tre palle-break consecutive: ne annulla due, ma sulla terza serve un doppio fallo, il secondo nel game. Pochi minuti e Tsitsi chiude il set per 7-5. Quindici vincenti e solo tre errori per lui, sei ace. Struff dimezza le transizioni a rete. Quarantatré minuti e siamo pari.

Terzo set. Sette palle-break a zero nei primi due set per Tsitsipas. Nella terza frazione Stefanos risponde in maniera più costante e costringe Jan agli straordinari. Dopo due turni di battuta il tedesco è sceso a rete sette volte con stile ed efficacia, annullando nel quarto gioco due palle-break.

Si aspetta la capitolazione del numero 65 del mondo ed è invece il favorito a cedere la battuta per la prima volta: Struff risale da 40-30 e chiude il game ai vantaggi con altrettanti rovesci in lungolinea, alla prima palla-break di tutto il match per lui.

L’atleta di Atene in ritardo 2-4 ha una nuova chance per riprendersi la battuta persa, ma un dritto del tedesco gli dice ancora una volta no.

Non avrà più altre occasioni e Struff non tremerà nel nono gioco, nonostante sul matchpoint il rivale lo passi con un dritto incrociato splendido. Applausi per il punto, ma la seconda opportunità è quella giusta per il tedesco. Due ore e trentadue minuti di ottimo tennis.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Editoriali del Direttore4 settimane fa

Australian Open: Sabalenka regina quasi scontata. Bolelli Vavassori in vista Slam. E diritti tv: Sky, Supertennis, FITP: la negoziazione langue

ATP4 settimane fa

La storia del tennis italiano chiama a sé Sinner, da De Stefani a Berrettini passando per le vittorie di Pietrangeli, Panatta, Schiavone e Pennetta

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Jannik Sinner è molto più calmo di tutti quelli che oggi lo osannano. Un anno fa era il tennista dei… senza

Novak Djokovic - Australian Open 2024 (X @AustralianOpen)
Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Djokovic: “Sono scioccato, uno dei miei peggiori match di sempre”

Editoriali del Direttore3 settimane fa

Jannik Sinner non è un patriota per cui tifare perché non paga le tasse in Italia? Non sono d’accordo con Aldo Cazzullo e Massimo Gramellini

ATP3 settimane fa

Trattative Sky-FITP-Supertennis. A che punto è la negoziazione dei diritti-tv

Flash4 settimane fa

Australian Open, Scanagatta: “Ora per tutti Sinner è diventato il favorito. Per lui meglio Medvedev piuttosto che Zverev. E’ stato 7 ore in campo meno del russo battuto a Pechino, Vienna e Torino” [VIDEO]

Jannik Sinner - Australian Open 2024 (foto X @AustralianOpen)
Australian Open4 settimane fa

Australian Open: estasi Sinner! Djokovic si arrende in quattro set, è la prima finale Slam [VIDEO]

Australian Open4 settimane fa

Australian Open: Cahill e Vagnozzi, i “tagliatori” del diamante Sinner

Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Vagnozzi prima della semifinale: “Le vittorie degli ultimi sei mesi hanno reso Jannik più forte e consapevole”

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement