WTA Montreal: Pegula lascia solo un game a una avvilita Samsonova, secondo Master 1000 per l’americana

Flash

WTA Montreal: Pegula lascia solo un game a una avvilita Samsonova, secondo Master 1000 per l’americana

La tennista russa fiaccata dalla semifinale con Rybakina giocata solo quattro ore prima della finale.

Pubblicato

il

 

[4] J. Pegula b. [15] L. Samsonova 6-1 6-0

L’atto conclusivo del National Bank Open presented by Rogers dura solo cinquanta minuti: tanto basta a Jessica Pegula per superare Ludmila Samsonova. I contrattempi meteorologici, protagonisti durante tutta la settimana, sono stati probabilmente i primi protagonisti nell’ultima giornata. L’atleta di Mosca è scesa in campo solo quattro ore prima dell’atto conclusivo per giocare e vincere in quasi due ore il match contro Elena Rybakina. Dover affrontare la numero 3 e la numero 4 del mondo in rapidissima successione non deve essere impresa semplice, dal punto di vista fisico e anche mentale.

Samsonova infatti è crollata, di fronte peraltro a un’avversaria che ha onorato l’occasione con un tennis splendido, commettendo svariati errori in misura e anche sei doppi falli in momenti molto delicati del match. Per lei una prima finale a questi livelli davvero da dimenticare

Un po’ di buona sorte dalla parte della campionessa, che però si è meritata il suo secondo master 1000 della carriera dopo quello vinto a Guadalajara lo scorso ottobre.

Primo set: Inizio equilibrato ma Pegula è più determinata e rompe l’equilibrio a suo favore

Le due contendenti hanno le stesse caratteristiche di gioco e cominciano entrambe a spron battuto spingendo in risposta e cercando il predominio nello scambio. Pegula in particolare comincia abbondantemente sotto al 50% di prime palle in campo e probabilmente in attesa di ritrovare confidenza con il servizio cerca di ottenere il massimo in ribattuta.

Samsonova dal canto suo non appare stanca e risponde colpo su colpo nei primi dieci minuti. Nel prosieguo del set però gli eventi si evolvono in maniera diversa e la tennista russa comincia a faticare per tenere il ritmo dell’atleta di Buffalo.

Sul punteggio di 1-1 Pegula confeziona tre dritti vincenti consecutivi, il secondo e il terzo direttamente sulla risposta. Il break conquistato dalla favorita numero 4 della manifestazione conferisce subito fiducia alla stessa, mentre Samsonova aumenta il numero degli errori. Nella parte restante della frazione, che dura solo ventuno minuti, l’americana consolida il suo robusto e preciso pressing e la rivale non trova soluzioni. Il punteggio di 6-1 è eloquente: 9 vincenti contro solo due errori per chi ha vinto il set, tre contro 12 il bilancio di chi l’ha perso.

Secondo set: Samsonova vince i primi tre punti, poi scompare fino al trionfo di Pegula

L’inizio del secondo parziale è tutt’altro che consolatorio per la testa di serie numero 15, che parte alla battuta e si aggiudica i primi tre punti, mettendo a segno due ottimi dritti, uno incrociato e uno inside-out. Il punto successivo è un doppio fallo, seguito immediatamente da una risposta vincente di dritto dell’americana. Ludmila si incarta con due errori al palleggio e regala il break con un altro doppio errore.

Il set della russa è praticamente tutto qua: per lei frustrazione, stanchezza, idee annebbiate e certamente una Pegula che deve esserle sembrata a un certo punto una Chris Evert nella sua versione più implacabile.

Il merito di Jessica è stato indubbiamente quello di non concedere nessuna confidenza all’avversaria in difficoltà. La statunitense non si concede flessioni di rendimento e chiude la pratica in soli sei game e 29 minuti.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
ATP4 settimane fa

Trattative Sky-FITP-Supertennis. A che punto è la negoziazione dei diritti-tv

Flash4 settimane fa

Diritti TV SKY e FITP: ecco lo scenario di questa aspra negoziazione infinita [VIDEO]

evidenza3 settimane fa

In Svizzera è polemica sulle On di Roger Federer. La risposta: “In Vietnam paghiamo oltre il minimo salariale”

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam: Sinner: “Fra uno Slam e una medaglia olimpica scelgo la seconda. Non vedo l’ora di conoscere i migliori atleti del mondo” [AUDIO]

evidenza3 settimane fa

Richard Krajicek: “Piatti mi disse di Sinner ‘diventerà un campione’”. Jannik al servizio è come Djokovic: la battuta è un extra, ma quando gli serve la mette dentro” [VIDEO INTERVISTA]

Flash3 settimane fa

Ubaldo da Rotterdam: “Sinner sulle orme di Camporese? Siamo qui apposta”

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam, il viaggio di Sinner continua: “Bisogna anche divertirsi. Io ho trovato le persone giuste al momento giusto” [AUDIO]

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam, Sinner: “Contento del numero 3 ma le cose più importanti sono altre” [AUDIO]

ATP2 settimane fa

Griekspoor, prima “vittima” delle 12 di fila di Jannik: “Per me Sinner è il più forte tennista del mondo” [AUDIO ESCLUSIVO]

Flash4 settimane fa

Mattarella: “Azzurri, in Coppa Davis ho visto un vero spirito di squadra” (Cocchi, Primavera) Campioni d’Italia (Guerrini) Sinner porta il tennis al Quirinale (Piccardi) Italdavis in festa, Sinner incoronato da Mattarella (Mei, Schito)

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement