WTA Pechino: Sabalenka devastante, Vondrousova out al primo turno. A Kvitova la maratona con Wang

Al femminile

WTA Pechino: Sabalenka devastante, Vondrousova out al primo turno. A Kvitova la maratona con Wang

Vondrousova eliminata da Kalinina, avanti Brady, Fruhvirtova e Ostapenko

Pubblicato

il

Aryna Sabalenka - US Open 2023 (Foto Twitter @wta)
 

[12] P. Kvitova b. [WC] b. X Wang 6-7(6) 7-5 6-3 (Danilo Gori)

La giornata di domenica si chiude con l’interminabile match tra Petra Kvitova e Xiyu Wang. Tre ore e sette minuti durissimi, termine poco dopo la mezzanotte di Pechino e Kvitova sconvolta dalla fatica ma felice per il passaggio del turno, che la apre le porte alla sfida con Ljudmila Samsonova. Nel set d’apertura Kvitova trova il conforto del servizio che la aiuta a contenere le bellicose intenzioni di Wang, molto attiva nel pressing nei game alla risposta. La tennista asiatica tiene bene sui propri turni di battuta e si avvicina al break in diverse occasioni: tre volte nel secondo gioco e ben quattro nel quarto. Il break arriva nel sesto gioco, a coronamento di una condotta di gioco a viso aperto e coraggiosa della wild card di Taixing.

In ritardo nel punteggio, sul 2-5 la ex-numero due del mondo si scuote, comincia a difendere meglio i suoi turni di servizio e riporta lo score in equilibrio sul 5-5. Le due contendenti raggiungono il tie-break e la ceca avrebbe una palla-set, ma la spreca e si fa sorprendere dalla rivale che chiude il tredicesimo gioco a suo favore per 8-6. Nella fase iniziale del secondo set per due volte Petra ottiene il break per venire poi subito ripagata con la stessa moneta da Wang.

La testa di serie numero 12 prende però sempre maggiore confidenza con il colpo in risposta e toglie progressivamente sicurezza alla rivale. Il set sembra in ogni caso destinato a un secondo shootout quando l’atleta di casa ha un passaggio a vuoto proprio nel dodicesimo gioco: cede la battuta a zero e il set prende la strada di Bilovec. Il set decisivo si apre con un break a favore della cinese, ma l’impresa si rivela fenomeno passeggero. Wang incomincia a dare segni di stanchezza e incappa in diversi errori, soprattutto con il dritto, che ridanno fiato alla campionessa ceca. Il controbreak è immediato e Petra toglie una seconda volta la battuta all’avversaria nel sesto gioco. Sul punteggio di 5-2 Wang annulla con coraggio un match point e rinvia la fine che però giunge nel game successivo. Anche Kvitova è esausta, ma si aggrappa al servizio e chiude la contesa.

[Q] M. Andreeva b. [10] B. Krejcikova 6-2 6-2

Tutto facile per la sedicenne russa Mirra Andreeva che conquista il secondo turno del China Open dopo aver battuto la ceca numero 27 del mondo, Barbora Krejcikova con un doppio 6-2 e personalità da vendere. Solidità impressionante al servizio da parte della qualificata numero 62 del mondo che non smette di scalare la classifica mondiale. Quasi il 100% di prime di servizio in campo, seguite dal 75% di punti vinti con la seconda di servizio, contro uno scarso 50% della testa di serie numero 10 del torneo. Molto aggressiva anche in risposta, Andreeva ha avuto le idee chiare fin dall’inizio del match e non ha mai ceduto di concentrazione. Al secondo turno l’aspetta Pavlyuchenkova.

L. Noskova b. F. Tian 6-4 6-2

Fangran Tian dà una mano a Noskova che conquista il primo turno dell’ultimo WTA 1000 della stagione in due set: 6-4 6-2.

Non c’è stato molto da fare per la cinese numero 490 del mondo contro una Noskova in piena forma. Tian, visibilmente più debole alla battuta, in particolare sulla seconda di servizio che le ha permesso di portare a casa appena il 37% dei punti, si è arresa velocemente nel secondo set. Poco equilibrio e tanto distacco tra le due giocatrici anche in risposta dove Noskova si è sempre fatta trovare pronta a differenza della cinese. Anche se la ceca dovrebbe rimproverarsi di aver chiuso solo 4 palle break su 13, è stato sufficiente per accedere al secondo turno dove l’attende la testa di serie numero 13, Jelena Ostapenko.

[13] J. Ostapenko b. Eva Lys 2-6 6-3 6-2

Dopo aver sofferto nel primo set, Jelena Ostapenko è riuscita a vincere il primo turno del China Open contro Eva Lys: 2-6 6-3 6-2.

Un match diviso a metà dalla partenza diesel di Ostapenko che ha dovuto aspettare l’inizio del secondo set per entrare in partita. Eva Lys però ha retto solamente un parziale dei tre giocati oggi. E di fronte alla ripresa della lettone ha indietreggiato sempre di più. Il calo di Lys si è visto soprattutto al servizio, mentre in risposta è riuscita a chiudere 7 punti vinti in più rispetto a Ostapenko che però, ha dimostrato un livello nettamente superiore rispetto alla numero 122 del ranking.

L. Fruhvirtova b. A. Rus 6-0 6-3

Tutto sorprendentemente facile per Fruhvirtova che con il punteggio finale di 6-0 6-3 contro Rus, passa al secondo turno di Pechino.

Nonostante la posizione numero 117 in classifica, oggi la 18enne ceca ha lasciato che fosse il suo tennis a parlare. Arantxa Rus è riuscita a portare a casa soltanto tre game di consolazione in un match dove non ha mai dato l’idea di essere entrata veramente. Poco solida al servizio e altrettanto poco solida in risposta oggi la tennista olandese si è dovuta arrendere di fronte a un’avversaria molto più preparata e convinta di arrivare al secondo turno, dove l’aspetta la testa di serie numero 6, Maria Sakkari.

[1] A. Sabalenka b. S. Kenin 6-1 6-2

E a proposito di partite facili, oggi la numero 1 del mondo Aryna Sabalenka ha vinto il primo turno del China Open con il punteggio schiacciante di 6-1 6-2 contro Sofia Kenin.

Abbiamo capito che ormai, quando Sabalenka è in una delle sue giornate buone, alle avversarie non resta molto da fare. E se al gioco d’attacco della bielorussa aggiungi il 96% di punti vinti con la prima di servizio, non c’è molto altro da aggiungere. La statunitense numero 31 del mondo oggi non è riuscita a conquistare neanche una chance di palla break per tutta la durata del match, ed è riuscita a portare a casa solamente 6 punti vinti in risposta, contro i 28 di un’ingiocabile Sabalenka. Martedì, la bielorussa affronterà il secondo turno contro Katie Boulter.

[Q] K. Boulter b. [Q] M. Frech 6-4 3-6 6-2

Non è stato altrettanto facile per la tennista britannica Boulter raggiungere Sabalenka al secondo turno, ma il terzo set le ha dato la vittoria contro Magdalena Frech: 6-4 3-6 6-2.

Dopo i primi due set in equilibrio, la britannica numero 54 del mondo ha trovato la via d’uscita nel terzo parziale, anche grazie al calo della polacca, in particolare alla battuta. Frech era riuscita a tenere una buona percentuale con i punti vinti sulla prima di servizio fino a inizio terzo set dove Boulter è stata brava a prendere in mano le redini del match, di fronte agli errori della sua avversaria.

J. Brady b. [Q] P. Stearns 6-4 6-2

Continua il gran ritorno di Jennifer Brady che si aggiudica il derby contro la qualificata Peyton Stearns in due set: 6-4 6-2 e vola al secondo turno.

Brady oggi è andata nettamente più in spinta sulla risposta al servizio di Stearns, che nonostante abbia tenuto una buona percentuale di servizi in campo, è andata sempre più in difficoltà con l’avanzare del match. Brady ha messo a segno 27 risposte vincenti contro solo 14 della statunitense più giovane in campo. Questa strategia molto offensiva in risposta le ha concesso di potersi portare in vantaggio ben 9 volte contro un’unica chance conquistata da Stearns. E grazie al doppio break di vantaggio nel secondo parziale, Brady non ha avuto problemi da porsi per un eventuale terzo set, staccando così il biglietto per il secondo turno contro Magda Linette.

[Q] J. Putinceva b. M. Bouzková 6-2 7-6

Julija Putinceva domina il primo set ma è costretta a vincere un tie-break inaspettato nel secondo parziale per aggiudicarsi il match contro Bouzkova 6-2 7-6(5).

Due partite in una da parte della 25enne ceca che si risveglia nel secondo parziale e porta Putinceva fino al tiebreak. La 28enne russa non si fa spaventare e con il punteggio di 7 punti a 5 vince un match che poteva complicarsi. Dopo un primo set incerto al da parte della ceca, Bouzkova ha alzato decisamente il livello nel secondo set chiudendo con il 72% di prime di servizio in campo a fronte del 76% di Putinceva. Nonostante il divario stesse svanendo e un eventuale terzo set avrebbe potuto ribaltare la partita, la russa è stata brava a non tremare nel tie-break. Come se fosse un semplice compito a casa, è arrivata al 7 in fretta per chiudere e meritarsi il secondo turno.

L. Samsonova b. A Parks 6-4 7-6

Un’altra russa conquista il tie-break del secondo set e vola al secondo turno del China Open. Ljudmila Samsonova vince il braccio di ferro contro Alycia Parks in due set: 6-4 7-6(4).

Una partita equilibrata nella quale è stato difficile capire su chi puntare con certezza. Due giocatrici solide sia al servizio che in risposta. Anzi, visto il punteggio è doveroso menzionare che Parks ha messo a segno più punti sia con la prima di servizio che con la risposta, rispetto alla russa. Ma nelle partite equilibrate è questione di poco, e quel poco è stato un semplice break di vantaggio in più conquistato dalla russa nel primo set. Il secondo parziale non poteva che decidersi al tie-break dove i primi vantaggi sono arrivati a favore di Samsonova che, a quel punto, è stata brava a chiudere in fretta.

A. Kalinina b. [8] Marketa Vondrousova 1-6 6-4 6-1

Kalinina elimina la vincitrice di Wimbledon 2023 e testa di serie numero 8, Marketa Vondrousova al primo turno del China Open dominando uno schiacciante terzo set: 1-6 6-4 6-1.

Il tennis è anche questo, non c’è pronostico che tenga. Anhelina Kalinina ha perso il primo set 6-1 ma è riuscita a trovare la motivazione nella sconfitta del primo parziale e forse, anche nei demoni che avranno fatto credere a Vondrousova che fosse tutto ormai troppo facile. E mentre da un alto del campo il livello saliva, dall’altro lato scendeva. La top 10 ceca ha commesso ben 9 doppi falli nel corso di un match che le è scivolato via molto in fretta dopo aver perso il secondo set 6 giochi a 4. Nel terzo set la tennista ucraina avrebbe potuto avere un calo mentre invece ha sovrastato la testa di serie numero 8 lasciandole appena un game.

D. Saville b. K. Siniakova 6-2 6-2

Daria Saville stupisce tutti e con un doppio 6-2 elimina Katerina Siniakova al primo turno.

L’australiana numero 248 del mondo, nata in Russia, ha messo in gioco una partita solida abbastanza da permetterle di eliminare facilmente la numero 90 de ranking, Siniakova. Daria Saville non è riuscita a vincere neanche un punto sulla seconda di servizio per tutto il match, ma ha tenuto la prima battuta bene abbastanza da chiudere con il 75% senza mai trovarsi in svantaggio. La neo-australiana ha annullato 6 palle break di Siniakova, portandone invece a casa 5 su 8 per lasciare così lo spazio di soli 4 game alla sua avversaria.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Editoriali del Direttore4 settimane fa

Australian Open: Sabalenka regina quasi scontata. Bolelli Vavassori in vista Slam. E diritti tv: Sky, Supertennis, FITP: la negoziazione langue

ATP4 settimane fa

La storia del tennis italiano chiama a sé Sinner, da De Stefani a Berrettini passando per le vittorie di Pietrangeli, Panatta, Schiavone e Pennetta

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Jannik Sinner è molto più calmo di tutti quelli che oggi lo osannano. Un anno fa era il tennista dei… senza

Novak Djokovic - Australian Open 2024 (X @AustralianOpen)
Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Djokovic: “Sono scioccato, uno dei miei peggiori match di sempre”

Editoriali del Direttore3 settimane fa

Jannik Sinner non è un patriota per cui tifare perché non paga le tasse in Italia? Non sono d’accordo con Aldo Cazzullo e Massimo Gramellini

ATP3 settimane fa

Trattative Sky-FITP-Supertennis. A che punto è la negoziazione dei diritti-tv

Flash4 settimane fa

Australian Open, Scanagatta: “Ora per tutti Sinner è diventato il favorito. Per lui meglio Medvedev piuttosto che Zverev. E’ stato 7 ore in campo meno del russo battuto a Pechino, Vienna e Torino” [VIDEO]

Jannik Sinner - Australian Open 2024 (foto X @AustralianOpen)
Australian Open4 settimane fa

Australian Open: estasi Sinner! Djokovic si arrende in quattro set, è la prima finale Slam [VIDEO]

Australian Open4 settimane fa

Australian Open: Cahill e Vagnozzi, i “tagliatori” del diamante Sinner

Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Vagnozzi prima della semifinale: “Le vittorie degli ultimi sei mesi hanno reso Jannik più forte e consapevole”

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement