WTA Finals, Cori Gauff: "È stata un una stagione fantastica. Sono felice di finirla a Cancun"

Flash

WTA Finals, Cori Gauff: “È stata un una stagione fantastica. Sono felice di finirla a Cancun”

Con l’ingresso di Brad Gilbert nel suo team la statunitense ha vinto in sequenza Cincinnati e lo US Open. Le sue parole alla vigilia dell’esordio in messico contro Jabeur

Pubblicato

il

Coco Gauff - Cincinnati 2023 (foto Twitter @CincyTennis)
 

La conferenza stampa della statunitense Cori Gauff alla viglia delle WTA Finals con sede a Cancun. L’attuale numero 3 del ranking è stata sorteggiata nel gruppo Chetumal assieme a Swiatek, Jabeur e Vondrousova. Gauff esordirà nella notte tra lunedì e martedì contro Jabeur.

IL MODERATORE: Coco, hai avuto una stagione davvero emozionante quest’anno, di nuovo in finale. Come ti senti arrivata a Cancun?

COCO GAUFF: Sì, sono super felice di essere qui a Cancun. È stato un anno fantastico, una stagione fantastica per me ovviamente, e sono felice di finirla qui.

Q. Cosa provi nel giocare in singolo e in doppio con Jessica Pegula?

COCO GAUFF: L’abbiamo fatto l’anno scorso. Entrambi abbiamo avuto ottime stagioni in singolo e in doppio quest’anno. Per noi qualificarci per il secondo anno consecutivo è davvero bello in entrambi gli eventi. Non so se così tante coppie di giocatrici lo hanno fatto. Quindi sono davvero felice di essere qui e di giocare anche con Jess, che considero un’amica dentro e fuori dal campo.

D. Il campo e lo stadio sono stati un argomento per tutta la settimana. Finalmente ti alleni oggi.

COCO GAUFF: No, non mi sono ancora esercitata. Farò pratica dopo.

D. Come ti aspetti dallo stadio?

COCO GAUFF: In realtà non l’ho visto a parte le foto online. Ma ho visto un paio di video delle ragazze che si allenavano. Sembra che sarà un bello stadio. Sono entusiasta di provarlo più tardi. L’unica cosa è che ci sarà vento. Vengo dal sud della Florida, vicino a Miami, quindi c’è molto vento. Sono davvero felice ed emozionata di essere qui alle finali WTA e spero di passare una buona settimana qui a Cancun.

D. Cosa ti piace di più del Messico e cosa ti aspetti dai tifosi messicani?

COCO GAUFF: Cosa mi piace di più? Probabilmente il cibo. Amo mangiare. La cosa che preferisco della maggior parte dei posti è il cibo. Ho mangiato un sacco di tacos qui. E il pesce, sono stata in Messico un paio di volte, ma per qualche ragione il pesce qui è incredibile. Forse perché ho ordinato dei tacos ogni volta che sono stata in Messico. Per la prima volta qui ho iniziato a mangiare pesce. Mi piace il modo in cui qui viene condito il pesce. Oggi ho mangiato la spigola ed è stato uno dei pesci migliori che ho mangiato in vita mia. Tifosi messicani? Penso di aver giocato a Guadalajara una volta. Quando ero junior, giocavo a Campeche, in Messico. I fan di entrambi i posti erano davvero fantastici, davvero appassionati di tennis. Mi aspetto che siano altrettanto appassionati qui a Cancun.

D. In quanto giocatrice americana di punta, puoi parlarci un po’ dello stato del tennis americano e dei tuoi pensieri su Lindsay Davenport come nuovo capitano della Billie Jean King Cup?

COCO GAUFF: Lo stato del tennis americano è eccezionale. Non per mettere in ombra gli uomini, ma in realtà è così da entrambe le parti. Sono davvero, davvero contenta di come stanno andando sia i giocatori che le giocatrici. Ci sono molti giocatori tra i primi 30 su entrambi i fronti. È semplicemente super emozionante. Con Lindsay come capitano, penso che sia una nuova aggiunta davvero interessante per la squadra della Billie Jean King Cup. L’ho incontrata un paio di volte. Non ho ancora parlato di tennis con lei, ma sono davvero entusiasta di vedere cosa posso imparare da lei. Spero di poter essere un buon giocatore sotto la sua guida.

D. Quest’anno hai vinto quattro titoli, compreso uno Slam. A questo punto hai riflettuto su ciò che ottieni in così giovane età?

COCO GAUFF: Sì e no. Sento che a volte tendo a guardare verso la cosa successiva. Quando siamo in stagione, è difficile riflettere tutto il tempo. Dopo quest’ultimo torneo, penso che avremo abbastanza tempo per riflettere ed essere orgogliosi di tutte le cose che ho fatto, ma anche per cercare miglioramenti su come posso fare ancora meglio.

Q. Sei una specie di star di Halloween ogni anno, quanto sono elaborati i tuoi travestimenti con te e la tua famiglia. Quando è iniziata questa tradizione? Puoi parlarci del costume di quest’anno? Qual è il preferito che tu abbia mai fatto?

COCO GAUFF: Quando è iniziato? Immagino da ragazzina. Sono sempre stata appassionata di Halloween fin da quando ero bambina. Mi è sempre piaciuto travestirmi. Lo farei, tipo, tutto l’anno. Ho sempre parlato di voler andare al cosplay, alle convention e tutto il resto. Con la mia famiglia, onestamente solo tre membri della mia famiglia, o due, uno in realtà, Cameron è l’unico che ha davvero voglia di farlo. Il resto mi costringo a farlo. Abbiamo alcuni video divertenti di noi che cerchiamo di fare foto insieme. Mio padre è stufo. Codey è stufo. A loro non importa molto di Halloween, ma lo fanno per me.

Puoi vedere che i loro costumi richiedono il minimo sforzo. Quest’anno dovevano solo indossare una maschera. Il mio costume di Halloween preferito che ho realizzato in famiglia è stato quello di Scooby-Doo un paio di anni fa. Ho pensato che fosse davvero bello. Per quanto mi riguarda, mi è piaciuta la luna, non lo so. Penso di aver fatto Thor qualche tempo fa, e Raven l’anno scorso è stato davvero fantastico. Quindi Freddy Krueger era ovviamente dell’ultimo minuto. Mio fratello voleva essere Chucky per Halloween. Ho detto: dovremmo essere tutti serial killer immaginari, ed è quello che abbiamo fatto.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Perché credo che questo Sinner batterà questo incerto Djokovic. Ma non al quinto set

Editoriali del Direttore4 settimane fa

Australian Open: Sabalenka regina quasi scontata. Bolelli Vavassori in vista Slam. E diritti tv: Sky, Supertennis, FITP: la negoziazione langue

ATP4 settimane fa

La storia del tennis italiano chiama a sé Sinner, da De Stefani a Berrettini passando per le vittorie di Pietrangeli, Panatta, Schiavone e Pennetta

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Jannik Sinner è molto più calmo di tutti quelli che oggi lo osannano. Un anno fa era il tennista dei… senza

Senza categoria4 settimane fa

Australian Open LIVE: Sinner in semifinale, nemmeno Rublev riesce a strappargli un set!

Novak Djokovic - Australian Open 2024 (X @AustralianOpen)
Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Djokovic: “Sono scioccato, uno dei miei peggiori match di sempre”

Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Sinner tranquillizza tutti: “L’addome? Nulla di che”. Contro Djokovic alle 4.30 italiane

Australian Open4 settimane fa

Australian Open: Sinner batte Rublev e vola in semifinale con Djokovic senza aver perso un set [VIDEO]

Editoriali del Direttore3 settimane fa

Jannik Sinner non è un patriota per cui tifare perché non paga le tasse in Italia? Non sono d’accordo con Aldo Cazzullo e Massimo Gramellini

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – La grande attesa per i duellanti dai tanti punti in comune Djokovic e Sinner. Vinca il migliore? “Sperem de no”

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement