Il diario di Cobolli alle Next Gen Finals, day 2: "Stricker è uno tosto davvero"

ATP

Il diario di Cobolli alle Next Gen Finals, day 2: “Stricker è uno tosto davvero”

Alle Next Gen ATP Finals è il giorno dell’esordio per Flavio Cobolli. Ne abbiamo parlato con Stefano, babbo e coach

Pubblicato

il

Flavio Cobolli - Challenger Milano 2023 (foto Ufficio stampa Milano)
Flavio Cobolli - Challenger Milano 2023 (foto Ufficio stampa Milano)
 

Finiti i preliminari, da oggi si fa sul serio. Alle ore 13 sul centrale del Palasport di Gedda esordisce Luca Nardi contro il la prima testa di serie il francese Arthur Fils, a seguire scenderà in campo Flavio Cobolli che incrocerà la racchetta con lo svizzero Dominik Stricker (n.94 ATP).

Abbiamo sentito Stefano Cobolli, babbo e coach, per fare il punto della situazione e proseguire nel nostro racconto iniziato ieri.

Buongiorno Stefano, allora siamo al momento della verità. Dominik Stricker è un avversario davvero tosto.

Hai ragione, Stricker è un avversario molto tosto e la sua classifica è decisamente bugiarda perché lui è uno che gioca meno degli altri (in questo 2023 ha disputato 58 partite con il 61% di vittorie, ndr) e quindi la sua classifica ha un peso specifico maggiore. Infatti quando gioca fa spesso ottimi risultati (in stagione due vittorie Challenger a Rovereto e Praga), soprattutto sulle superfici veloci. Noi lo conosciamo bene perché è coetaneo di Flavio (curiosamente è nato il 16 agosto, proprio come Sinner) e ha giocato con lui tutti gli Slam under 18. E a proposito di Slam ricordiamoci che ha vinto a Parigi sia in singolo che in doppio (proprio in coppia con Cobolli, cosa su cui Stefano glissa con elegante understatement, ndr), cioè su quella che per lui è la superfice peggiore. Se non è forte uno così (ride, ndr).

Il suo mancinismo può essere un problema?

Il fatto che sia mancino non influirà granché, a parte il solito problema che sui punti dispari potrà contare su un servizio a uscire che è molto insidioso. Ma di solito a Flavio i mancini non danno tanto fastidio, l’unico problema è proprio la sua forza. Una forza senza punti deboli, se non forse da un punto di vista fisico, e che quasi sempre tende a farti giocare male.

Te lo chiedo prima che inizi quest’ultimo torneo che potrà cambiare la valutazione solo in meglio. Che voto dai alla stagione di Flavio?

Un voto decisamente alto. Ha giocato tanto (90 partite) e rispetto agli anni passati è riuscito ad avere più continuità con pochi infortuni. Il che significa che ha lavorato bene. Soprattutto ha avuto quella giusta voglia di salire dopo un anno che potremmo definire di assestamento. E anche se ha vinto un solo torneo (Challenger di Lisbona, ndr) ha ottenuto tanti risultati. Ha vinto qualcosa come 56 partite tra Challenger e ATP, è entrato in top 100 e ha raggiunto le Next Gen, cioè tutti gli obiettivi che ci eravamo prefissi all’inizio dell’anno. E non dimentichiamo che è riuscito ad entrare in tabellone a Parigi dove si è tolto la soddisfazione di giocare contro Alcaraz.

Quale sarà la vostra routine pre-partita?

Sarà un po’ diversa dal solito perché, come ben sapete, una delle tante nuove regole Next Gen prevede che non ci siano i soliti palleggi prima della partita. Per cui stiamo cercando di capire quale sia il modo migliore per entrare in campo caldi, pronti per iniziare a giocare. La mattina rimarrà in hotel e andremo al Palasport verso l’ora di pranzo per mangiare un boccone. Poi faremo un’ora di allenamento con un occhio al campo per vedere quando finirà la partita precedente.

Segui su Instagram: @massimogaiba

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Perché credo che questo Sinner batterà questo incerto Djokovic. Ma non al quinto set

Editoriali del Direttore4 settimane fa

Australian Open: Sabalenka regina quasi scontata. Bolelli Vavassori in vista Slam. E diritti tv: Sky, Supertennis, FITP: la negoziazione langue

ATP4 settimane fa

La storia del tennis italiano chiama a sé Sinner, da De Stefani a Berrettini passando per le vittorie di Pietrangeli, Panatta, Schiavone e Pennetta

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Jannik Sinner è molto più calmo di tutti quelli che oggi lo osannano. Un anno fa era il tennista dei… senza

Novak Djokovic - Australian Open 2024 (X @AustralianOpen)
Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Djokovic: “Sono scioccato, uno dei miei peggiori match di sempre”

Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Sinner tranquillizza tutti: “L’addome? Nulla di che”. Contro Djokovic alle 4.30 italiane

Editoriali del Direttore3 settimane fa

Jannik Sinner non è un patriota per cui tifare perché non paga le tasse in Italia? Non sono d’accordo con Aldo Cazzullo e Massimo Gramellini

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – La grande attesa per i duellanti dai tanti punti in comune Djokovic e Sinner. Vinca il migliore? “Sperem de no”

ATP3 settimane fa

Trattative Sky-FITP-Supertennis. A che punto è la negoziazione dei diritti-tv

Flash4 settimane fa

Australian Open, Scanagatta: “Ora per tutti Sinner è diventato il favorito. Per lui meglio Medvedev piuttosto che Zverev. E’ stato 7 ore in campo meno del russo battuto a Pechino, Vienna e Torino” [VIDEO]

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement