Nadal su Shelbayh: “Ha un talento innato, lavora sodo e sta percorrendo la strada giusta. Tifo per lui”

ATP

Nadal su Shelbayh: “Ha un talento innato, lavora sodo e sta percorrendo la strada giusta. Tifo per lui”

“Non avrei mai pensato di potermi allenare con Rafa e a bordo campo vedere Toni Nadal e Carlos Moya” – queste le parole del giovane tennista giordano, formatosi alla Rafa Nadal Academy, capace in neanche un anno di tennis professionistico di issarsi tra i primi 200 al mondo e di vincere un Challenger

Pubblicato

il

 

È entrato nel circuito professionistico da neanche un anno e si sta piano piano facendo conoscere in tutto il mondo per la sua unicità in campo e più banalmente per la bandiera che in ogni match compare davanti al suo nome. Si parla di Abedallah Shelbayh, ragazzo classe 2003 giordano (qui una sua biografia) che in questi giorni sta partecipando grazie a una WC alle Next Gen ATP Finals trasferitesi proprio in questo 2023 da Milano a Gedda, in Arabia Saudita. Primo tennista con questa nazionalità a entrare nella classifica ATP, il ventenne di Amman ha esordito nel circuito ATP quest’anno con una WC all’ATP 250 di Doha e, oltre a conquistare un alloro Challenger a Charleston, è stato capace di ottenere due vittorie nel circuito maggiore (una a Banja Luka e l’altra a Metz). Fattosi notare da Toni Nadal nel 2016, Shelbayh ha trascorso tre anni alla Rafa Nadal Academy a Maiorca dove si è allenato e diplomato nel giugno 2021. Con un’ammirazione per Ons Jabeur e soprattutto per Rafa Nadal tanto da “cambiare mano con cui giocare a tennis, dalla destra alla sinistra” per emulare il proprio idoloil ventenne giordano ha avuto più e più volte l’onore di scambiare qualche palla con l’asso maiorchino, che con il passare degli anni gli ha sempre tenuto un occhio addosso.

“Il titolo a Charleston è stato davvero speciale, poiché quest’estate ho passato dei momenti difficili, con molti cambiamenti” svela Shelbayh, che poi continua dicendo: “E’ una vittoria che vale doppio e sono fiero di come mi sono risollevato giocando così bene dopo un periodo tosto della mia vita”. Planato con merito sino alla posizione numero 185 odierna (suo best ranking), il tennista giordano ha inoltre raccontato all’ATP alcune parole che il 14 volte campione al Roland Garros gli ha regalato poco tempo fa. Vincere un torneo è un’enorme soddisfazione, ma non bisogna accontentarsi di un unico successo– consiglia Nadaltutti cercano di migliorare e di conseguenza l’obiettivo deve essere posto sul costruire al meglio sé stessi giorno dopo giorno. Perle preziose queste per Shelbayh, che deve aver fatto colpo sul campione spagnolo – deciso più che mai a rientrare a competere – tanto che quest’ultimo lo ha definito come un giocatore con un talento innato.

Rafa Nadal: Shelbayh come un mix tra talento e impegno

“Per descrivere Abedallah bisogna analizzare il suo talento innato. Per dirne una, lui è capace di inventarsi cose che la maggior parte dei giocatori non riuscirebbe a fare. Con il suo stile di gioco riesce a mettere in difficoltà molti tennisti e lo so bene perché spesso mi sono allenato con lui. Inoltre, nell’ultimo anno e mezzo ha fatto uno step avanti nel mondo del tennis entrando nel professionismo (nel 2022 ha giocato per un anno in un college in Florida, ndr) e più in generale nel come vive questo sport. Sta lavorando molto per cercare di essere all’altezza del mondo professionistico e mi congratulo con lui per l’impegno e la costanza che ci mette giorno dopo giorno. Di sicuro sta intraprendendo la strada giusta. La sua stagione è stata molto positiva, ha ottenuto buoni risultati e sta scalando vertiginosamente il ranking. Per lui giocare le Next Gen ATP Finals sarà speciale e per questo gli auguro buona fortuna”.

Toni Nadal: Shelbayh e le sue innegabili capacità maturate nel tempo

“Quando Abedallah è arrivato all’accademia lui faceva già bene molte cose. Si vedeva che aveva una particolare abilità. Poi, col passare degli anni, è migliorato in tutti gli aspetti e in particolare nel 2022 la sua maturazione è stata notevole. È diventato più serio e impegnato in quello che svolgeva e sono dell’avviso che avrà una chance per entrare nel circuito ATP che conta. Già quest’anno ha preso parte a delle belle battaglie contro tennisti rinomati in svariati tornei e talvolta li ha anche sconfitti. Per la Rafa Nadal Academy, Shelbayh è un motivo di soddisfazione perché si è interamente formato sui nostri campi”.

Shelbayh: esperienza all’accademia e sogni diventati realtà

“Ho trascorso parecchi anni alla Rafa Nadal Academy e ormai è la mia casa. Rappresento l’accademia in ogni match che gioco ed è un nome impegnativo da portarsi sulle spalle. Sono grato di tutto quello che è stato fatto per me, dalle perle di Rafa e dalle possibilità che mi ha dato a tutti i giocatori con cui ho trascorso molto tempo. Quando sono arrivato non credevo fosse tutto così speciale e men che meno pensavo di poter trascorrere lì così tanto tempo. Ma d’altronde quando c’è un bell’ambiente tutto è più facile. Avere la possibilità di allenarmi con Rafa avendo a bordo campo Toni Nadal e Carlos Moya è qualcosa che non mi sarei mai aspettato in vita mia. Sognavo esperienze così. Poi, si sono tramutate in realtà”.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
ATP4 settimane fa

Trattative Sky-FITP-Supertennis. A che punto è la negoziazione dei diritti-tv

Flash4 settimane fa

Diritti TV SKY e FITP: ecco lo scenario di questa aspra negoziazione infinita [VIDEO]

evidenza3 settimane fa

In Svizzera è polemica sulle On di Roger Federer. La risposta: “In Vietnam paghiamo oltre il minimo salariale”

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam: Sinner: “Fra uno Slam e una medaglia olimpica scelgo la seconda. Non vedo l’ora di conoscere i migliori atleti del mondo” [AUDIO]

evidenza3 settimane fa

Richard Krajicek: “Piatti mi disse di Sinner ‘diventerà un campione’”. Jannik al servizio è come Djokovic: la battuta è un extra, ma quando gli serve la mette dentro” [VIDEO INTERVISTA]

Flash3 settimane fa

Ubaldo da Rotterdam: “Sinner sulle orme di Camporese? Siamo qui apposta”

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam, il viaggio di Sinner continua: “Bisogna anche divertirsi. Io ho trovato le persone giuste al momento giusto” [AUDIO]

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam, Sinner: “Contento del numero 3 ma le cose più importanti sono altre” [AUDIO]

ATP2 settimane fa

Griekspoor, prima “vittima” delle 12 di fila di Jannik: “Per me Sinner è il più forte tennista del mondo” [AUDIO ESCLUSIVO]

Flash4 settimane fa

Mattarella: “Azzurri, in Coppa Davis ho visto un vero spirito di squadra” (Cocchi, Primavera) Campioni d’Italia (Guerrini) Sinner porta il tennis al Quirinale (Piccardi) Italdavis in festa, Sinner incoronato da Mattarella (Mei, Schito)

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement