Next Gen ATP Finals: Nardi lotta ma si arrende con Fils dopo cinque set

ATP

Next Gen ATP Finals: Nardi lotta ma si arrende con Fils dopo cinque set

Esordio amaro a Jeddah per il pesarese: spreca un set point per portarsi 2-0, gioca alla pari col numero 36 del mondo ma alla fine cede dopo due ore

Pubblicato

il

Luca Nardi - Next Gen Finals 2023 (X @federtennis)
Luca Nardi - Next Gen Finals 2023 (X @federtennis)
 

[1] A. Fils b. [7] L. Nardi 2-4 4-3(6) 4-2 1-4 4-2

Sconfitta all’esordio per Luca Nardi alle Next Gen ATP Finals di Jeddah: il 20enne di Pesaro (numero 115 del mondo, best ranking), reduce da un’ottima trasferta in Giappone (vittoria a Matsuyama, semifinale a Kobe, quarti a Yokohama) si è arreso in cinque set nel primo match del Gruppo Verde al classe 2004 Arthur Fils (numero 36 del mondo e tds numero 1 del Master Under 21). Nardi, dopo un’ottima partenza, ha addirittura avuto la possibilità di portarsi in vantaggio per due set a zero nel corso del tie break del secondo parziale ma ha affossato in rete una comoda risposta di rovescio. Da quel momento Fils (una delle rivelazioni del circuito ATP del 2023) ha preso il controllo della partita e solo un suo passaggio a vuoto nel quarto set ha consentito all’italiano di portare la partita al quinto, dove si è fermato ad un passo dal tie break decisivo.

Nardi, ultimo qualificato alle Next Gen ATP Finals (il giordano Shelbayh è infatti in tabellone grazie ad una wild card), nel corso della giornata di domani sfiderà il perdente del match tra Stricker e Cobolli per tenere vive le sue speranze di qualificazione alle semifinali.

Primo set: Nardi approfitta di un game disastroso dell’avversario per breakkarlo

Il ritmo è forsennato perché il campo è molto rapido e inoltre se lo scambio dura meno di tre colpi il tempo concesso dal regolamento tra un punto e l’altro passa da 25 a 15 secondi; è il primo match qui a Jeddah e l’eliminazione del riscaldamento pre-partita catapulta entrambi i tennisti subito all’interno della partita. Nardi nelle ultime settimane, a differenza del suo avversario, ha giocato un torneo dietro l’altro e sembra adattarsi meglio a queste condizioni particolari mantenendo un rendimento al servizio davvero notevole per tutto il primo set (63% di prime in campo e 90% di punti vinti). Il break decisivo arriva sul 2 pari quando Fils regala il game e di fatto il set all’italiano con quattro errori gratuiti piuttosto grossolani (bravo il pesarese a rispondere sempre in campo): Luca ne approfitta tenendo il servizio a 15 e chiudendo il set col punteggio di 4-2 (4 punti totali persi in tre turni di battuta).

Secondo set: Fils si impone in un tie break equilibrato annullando un set point

Il parziale si apre con un curioso siparietto: sul 40-0 del primo game (servizio Fils) il giudice di sedia Mohamed Lahyani interrompe l’incontro e- sorridendo- invita i due giocatori sotto il suo seggiolone: “Siete dal lato sbagliato, colpa mia…“. Il regolamento Next Gen – a differenza dei normali tornei ATP – prevede infatti il cambio di campo dopo la pausa di fine set anche in caso di un set terminato con un punteggio ‘pari’ (in questo caso 4-2): i due giocatori, sorpresi dalla situazione e dal regolamento, accettano le spiegazioni dell’arbitro e cambiano dunque campo nel pieno del game.

Ma torniamo alla partita: il francese comincia a sciogliere il braccio ma le clamorose percentuali al servizio di Nardi non gli concedono la possibilità di costruirsi occasioni (81% di prime in campo, 88% di punti vinti con la prima). Si arriva rapidamente al tie break (3 pari) dove finalmente la partita entra nel vivo e per la prima volta si fa sentire la tensione: dopo un paio di regali per parte Nardi si procura un set point (6-5) vincendo lo scambio migliore della partita ma lo spreca affossando in rete una comoda risposta di rovescio (6 pari). Fils, scampato il pericolo, non si fa pregare e alza i giri del motore vincendo altri due punti grazie alla solita esplosività del dritto (7-6) e ad un errore di Nardi sul set point al termine di uno scambio durissimo: 4-3 Fils e un set pari.

Terzo set: dopo lo spavento del tie break Fils prende il controllo del gioco e si porta in vantaggio

Nardi subisce il contraccolpo del set point sprecato e allo stesso tempo Fils sembra completamente un altro giocatore: il francese prende il controllo della partita grazie al suo strapotere fisico, lascia andare finalmente i colpi e piazza subito il break in apertura (1-0 e servizio). Nardi nel terzo game si salva (bravura ed un pizzico di fortuna, con un dritto colpito male che atterra proprio sulla riga) vincendo il primo “vantaggio secco” dell’incontro (*2-1 Fils) ma il parziale è completamente nelle mani del francese, che lo chiude col punteggio di 4 a 2 perdendo solamente tre punti alla battuta in tutto il set.

Quarto set: Nardi approfitta di un passaggio a vuoto dell’avversario

L’inerzia sembra ormai totalmente francese e infatti Nardi, in balia della potenza di Fils, è costretto ad annullare due palle break consecutive (30-40) nel game di apertura: il pesarese si salva però con autorità e a sorpresa sul 2-1 breakka addirittura Fils (33% di prime in campo nel quarto set) che perde improvvisamente le misure del campo commettendo un errore gratuito dietro l’altro. Il pesarese, graziato dall’avversario, approfitta dell’inaspettata generosità francese e porta al match al quinto e decisivo set chiudendo il parziale col punteggio di 4 a 1.

Quinto set: Nardi si ferma ad un passo dal tie break decisivo

Il parziale segue i turni di servizio senza grandi sussulti ma ad un passo dal tie break Nardi si caccia nei guai (3-2 Fils, 0-30): il pesarese inizialmente si salva grazie alla sua classe con tre punti consecutivi (strepitoso il serve and volley sul 30 pari)  ma sul 40-30 smarrisce la prima di servizio per poi cedere nel braccio di ferro da fondocampo. Il cosidetto ‘killer point’ sul 40 pari in questo caso diventa ancora più crudele con Nardi che decide di giocare da destra un punto che vale il tie break decisivo (per lui) o la partita (per l’avversario). Luca non mette la prima e la sua seconda è troppo tenera, Fils ne approfitta e chiude l’incontro con una risposta di dritto vincente.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
ATP4 settimane fa

Trattative Sky-FITP-Supertennis. A che punto è la negoziazione dei diritti-tv

Flash4 settimane fa

Diritti TV SKY e FITP: ecco lo scenario di questa aspra negoziazione infinita [VIDEO]

evidenza3 settimane fa

In Svizzera è polemica sulle On di Roger Federer. La risposta: “In Vietnam paghiamo oltre il minimo salariale”

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam: Sinner: “Fra uno Slam e una medaglia olimpica scelgo la seconda. Non vedo l’ora di conoscere i migliori atleti del mondo” [AUDIO]

evidenza3 settimane fa

Richard Krajicek: “Piatti mi disse di Sinner ‘diventerà un campione’”. Jannik al servizio è come Djokovic: la battuta è un extra, ma quando gli serve la mette dentro” [VIDEO INTERVISTA]

Flash3 settimane fa

Ubaldo da Rotterdam: “Sinner sulle orme di Camporese? Siamo qui apposta”

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam, il viaggio di Sinner continua: “Bisogna anche divertirsi. Io ho trovato le persone giuste al momento giusto” [AUDIO]

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam, Sinner: “Contento del numero 3 ma le cose più importanti sono altre” [AUDIO]

ATP2 settimane fa

Griekspoor, prima “vittima” delle 12 di fila di Jannik: “Per me Sinner è il più forte tennista del mondo” [AUDIO ESCLUSIVO]

Flash4 settimane fa

Mattarella: “Azzurri, in Coppa Davis ho visto un vero spirito di squadra” (Cocchi, Primavera) Campioni d’Italia (Guerrini) Sinner porta il tennis al Quirinale (Piccardi) Italdavis in festa, Sinner incoronato da Mattarella (Mei, Schito)

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement