Lleyton Hewitt entra nell’Australian Tennis Hall of Fame: “Un onore incredibile”

Flash

Lleyton Hewitt entra nell’Australian Tennis Hall of Fame: “Un onore incredibile”

L’ex numero 1 al mondo si aggiunge al ristretto club di leggende del tennis aussie: alla premiazione erano presenti, tra gli altri, anche Rod Laver, Ken Rosewall e Margaret Court

Pubblicato

il

Lleyton Hewitt introdotto nella Australian Tennis Hall of Fame - Australian Open 2024 (Photo by TENNIS AUSTRALIA/ FIONA HAMILTON)
 

Guarda l’editoriale del direttore Scanagatta

Pochi campi come la Rod Laver Arena hanno un significato così importante per Lleyton Hewitt. Nel 2003 in questo stadio, ha vinto con la compagine australiana una storica Coppa Davis, inclusa la vittoria in rimonta su Roger Federer in semifinale. Diversi mesi dopo, l’allora 22enne ha giocato un altro ruolo da protagonista quando l’Australia ha sconfitto la Spagna per il titolo. La Rod Laver Arena è stata inoltre anche il palcoscenico della memorabile corsa di Hewitt verso la finale del centenario dell’Australian Open nel 2005, quando batté un adolescente Rafael Nadal, oltre che David Nalbandian e Andy Roddick, prima di cadere contro Marat Safin in finale.

C’è un ultimo traguardo per l’ex numero 1 del mondo da festeggiare alla Rod Laver Arena durante gli Australian Open 2024, poiché Hewitt è stato inserito nella Australian Tennis Hall of Fame.

“È un onore incredibile per me ripensare a dove è iniziato il mio viaggio, ha detto Hewitt, nato nel sud dell’Australia, che ha esordito a Melbourne Park nel 1997. “Quando avevo 15 anni, venendo qui e qualificandomi per l’Australian Open per la prima volta, ho sempre sognato di poter giocare qui almeno una volta. Finire per giocare 20 anni di fila qui e ora ottenere questo incredibile onore ed essere al fianco di tutti i grandi che ho ammirato nel tennis australiano per così tanti anni è fantastico, molti di quei ragazzi erano come fratelli maggiori o addirittura figure paterne per me“.

Hewitt è stato raggiunto sul campo centrale dalla moglie Bec (un’attrice australiana) e da due dei suoi tre figli, Cruz (che ha ricevuto una wild card per partecipare all’Australian Open Junior) e Ava, così come i genitori Glynn e Cherilyn, più la sorella Jaslyn.

Anche il numero 1 australiano Alex de Minaur ha assistito alla cerimonia, insieme ad un gruppo affiatato di amici di Hewitt, che si unisce ad altre leggende australiane nella prestigiosa Hall of Fame, molti dei quali erano presenti: gli ospiti a bordo campo includevano Rod Laver, Ken Rosewall, Frank Sedgman, John Fitzgerald, Margaret Court, così come Bill e Lesley Bowrey.

Devo tanto alla comunità tennistica australiana”, ha continuato Hewitt. “Vorrei ringraziare anche la mia famiglia, Bec e i bambini per tutto il loro sostegno nel corso degli anni. I miei genitori, mia sorella (e) tutti i miei amici che sono qui stasera per godersi questo momento”.

Già membro della International Tennis Hall of Fame, Hewitt ha vinto una volta lo US Open e Wimbledon, due volte la Coppa Davis e le ATP Finals. Nel 2001, è diventato l’uomo più giovane a raggiungere il numero 1 del mondo, all’età di 20 anni e otto mesi (record strappato nel 2022 da Carlos Alcaraz). Ha vinto inoltre 30 titoli in singolo nel corso della sua carriera. Hewitt ora guida con orgoglio la squadra australiana di Coppa Davis come capitano ed è uno spettatore di alto profilo in molte partite di giocatori australiani. Ciò include in particolare De Minaur, di cui è divenuto il mentore.

Una statua in bronzo di Hewitt, il 47esimo membro della Australian Tennis Hall of Fame, si unirà a quelle di altre leggende australiane al Garden Square di Melbourne Park. Questo torneo è incredibilmente speciale“, ha aggiunto Hewitt. “È un grande onore che ciò possa accadere qui”.

Diego Tripodi

Continua a leggere
Commenti
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement