Australian Open, Djokovic: "Sono scioccato, uno dei miei peggiori match di sempre"

Australian Open

Australian Open, Djokovic: “Sono scioccato, uno dei miei peggiori match di sempre”

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Australian Open 2024 (X @AustralianOpen)
Novak Djokovic - Australian Open 2024 (X @AustralianOpen)
 

“Sono scioccato dal mio livello di gioco. Nei primi due set non ho praticamente fatto nulla. E’ uno dei peggiori match a livello Slam che ho giocato. Non è una bella sensazione ma complimenti a Jannik per aver fatto tutto meglio di me”. Novak Djokovic reagisce così dopo il ko contro Jannik Sinner in semifinale all’Australian Open, a 2195 giorni di distanza dall’ultimo ko sulla Rod Laver Arena. Ecco le sue parole in conferenza stampa:

D. Hai fronteggiato diverse avversità lungo il match, ma non hai perso la calma. Cosa ti dici in quei momenti? E cosa vorresti dire ai tuoi tifosi?

DJOKOVIC: “Prima di tutto congratulazioni a Sinner per aver giocato un grande match e un grande torneo fin qui. E’ meritatamente in finale. Oggi mi ha cancellato dal campo. Invece per quanto mi riguarda sono scioccato dal mio livello di gioco. Nei primi due set non ho praticamente fatto nulla. E’ uno dei peggiori match a livello Slam che ho giocato. Non è una bella sensazione ma complimenti a Jannik per aver fatto tutto meglio di me. Ci ho provato, ho lottato, nel terzo set ho fatto salire il mio livello, salvando un match point e giocando un buon tie break. Ma nel quarto di nuovo ho giocato un pessimo game perdendo il servizio dal 40-0, giocando anche controvento. Sicuramente la mia prestazione non è stata un granchè. In quei momenti pensi solo a ritrovare serenità, ma allo stesso tempo bisogna aumentare il livello di gioco. Ci ho provato e il pubblico è stato fantastico. Sono stati corretti verso entrambi i giocatori. Abbiamo avuto molto supporto sia io che Jannik”.


Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 


D. Quanto sei rimasto sorpreso del fatto che il tuo livello era assente? Avevi avuto segnali di questo tipo?

DJOKOVIC: “Per essere sinceri in tutto il torneo non sono stato nemmeno vicino al mio livello migliore. Forse la partita contro Mannarino è stata ottima, ma nella maggior parte dei match giocati non ho ho giocato come faccio di solito in Australia. Quindi da un lato ero sorpreso, perchè non pensavo che avrei fatto così male nei primi due set, ma dall’altro lato non mi sono sentito lo stesso di sempre in campo lungo tutto il torneo. Uno può dire che la semifinale sia comunque un ottimo risultato, ma mi aspetto sempre il massimo da me stesso e oggi non è andata di certo così”.

D. Per la prima volta in uno Slam non hai avuto nemmeno una palla break. Te ne sei reso conto in campo? Che esperienza è stata per te?

DJOKOVIC: “Probabilmente questo dato dice molto. Prima di tutto va detto che lui ha servito in maniera molto molto precisa. Per quanto riguarda me, è difficile trovare le parole. Non abbiamo abbastanza tempo. Ci sono tante cose negative che ho fatto oggi in campo in termini di gioco e non sono contento nè della mia risposta, nè del dritto, nè del rovescio. Ero sotto il par su tutti gli aspetti. Quindi lui ha dominato. Ha dominato i suoi turni di battuta. Se servi bene e non affronti mai una palla break hai un vantaggio mentale nei confronti dell’avversario e puoi mettere pressione a lui. Congratulazioni a Jannik, ha giocato un match perfetto”.

D. Il prossimo Slam è il Roland Garros. Chi sarà il favorito a Parigi?

DJOKOVIC: “C’è moltissimo tempo davanti. Vediamo come i giocatori ci arrivano nei prossimi mesi, c’è ancora tutta la stagione su terra da giocare, le condizioni sono differenti. Alcuni giocatori sono più avvantaggiati di altri sulla terra, come è normale che sia. Penso che, se Nadal sarà in campo, è sempre il favorito a prescindere quando si gioca al Roland Garros. Poi ci sono Alcaraz e Sinner. Se prendi i primi cinque-dieci giocatori del mondo possono vincere tutti. Ma ci vogliono ancora tanti mesi, vediamo come vanno le cose”.

D. Da tantissimo tempo non perdevi qui. Hai vinto più di 30 match consecutivamente. Mi chiedo se perdere ti fa apprezzare un po’ di più tutto quello che hai fatto qui.

DJOKOVIC: “Ora non riesco a riflettere bene. Subito dopo il match è difficile ragionare con calma. Forse domani ci penserò, forse tra un po’ di giorni, ma sicuramente ho tante cose di cui essere orgoglioso. Prima o poi bisognava perdere. Almeno ho provato a dare tutto quello che avevo in un momento in cui non stavo giocando bene e ho perso contro un giocatore che ha un’ottima possibilità di vincere il suo primo Slam. Sicuramente questa è stata una città speciale, è stato il mio Grand Slam della carriera. Spero di avere la chance di tornare qui e giocare almeno per un’altra volta per riprovare queste emozioni”.

D. E’ la terza volta che Sinner ti batte da novembre, ed eri imbattuto contro di lui prima di allora. Che cosa è cambiato nel gioco di Jannik?

DJOKOVIC: “Già prima colpiva la palla molto forte sia di dritto sia di rovescio. E’ ormai famoso per come schiaffeggia la palla, gioca veloce, gli piace essere aggressivo. Penso che il suo servizio sia migliorato molto. Lo direziona molto bene e ha anche aumentato la velocità. Sul piano mentale è sempre stato molto tranquillo in campo, ma forse faticava a esserlo nei match più importanti. Ora però il cerchio si sta chiudendo. Naturalmente Darren Cahill, che è un coach di grande esperienza e ha lavorato in passato con gente che è stata numero uno al mondo, lo sta aiutando sul piano mentale, insieme a tutto il resto. Ha un grande team con sè, il suo percorso è quello giusto. Tra un paio di giorni potrà vincere il suo primo Slam”.

D. Hai detto che in tutto il torneo non sei stato al meglio. Ora hai 36 anni. Senti che qualcosa sta cambiando o è solo un torneo come un altro?

DJOKOVIC: “Vediamo (sorridendo). Ho ancora grandi speranze per gli altri Slam, l’Olimpiade e ogni altro torneo che giocherò. E’ solo l’inizio della stagione. Di sicuro il feeling che ho adesso non è qualcosa a cui sono abituato. Quasi sempre ho iniziato la stagione con un trionfo nello Slam e non ho mai perso in semifinale o in finale all’Australian Open. Quindi stavolta è un po’ differente dal solito, ma così è. Non so, sicuramente questo torneo non è stato all’altezza del mio standard, ma non vuol necessariamente dire che è l’inizio della fine, come piace dire ad alcuni. Vediamo cosa succede nel resto della stagione”.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
ATP4 settimane fa

Trattative Sky-FITP-Supertennis. A che punto è la negoziazione dei diritti-tv

Flash4 settimane fa

Diritti TV SKY e FITP: ecco lo scenario di questa aspra negoziazione infinita [VIDEO]

evidenza3 settimane fa

In Svizzera è polemica sulle On di Roger Federer. La risposta: “In Vietnam paghiamo oltre il minimo salariale”

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam: Sinner: “Fra uno Slam e una medaglia olimpica scelgo la seconda. Non vedo l’ora di conoscere i migliori atleti del mondo” [AUDIO]

evidenza3 settimane fa

Richard Krajicek: “Piatti mi disse di Sinner ‘diventerà un campione’”. Jannik al servizio è come Djokovic: la battuta è un extra, ma quando gli serve la mette dentro” [VIDEO INTERVISTA]

Flash3 settimane fa

Ubaldo da Rotterdam: “Sinner sulle orme di Camporese? Siamo qui apposta”

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam, il viaggio di Sinner continua: “Bisogna anche divertirsi. Io ho trovato le persone giuste al momento giusto” [AUDIO]

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam, Sinner: “Contento del numero 3 ma le cose più importanti sono altre” [AUDIO]

ATP2 settimane fa

Griekspoor, prima “vittima” delle 12 di fila di Jannik: “Per me Sinner è il più forte tennista del mondo” [AUDIO ESCLUSIVO]

Flash4 settimane fa

Mattarella: “Azzurri, in Coppa Davis ho visto un vero spirito di squadra” (Cocchi, Primavera) Campioni d’Italia (Guerrini) Sinner porta il tennis al Quirinale (Piccardi) Italdavis in festa, Sinner incoronato da Mattarella (Mei, Schito)

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement