ATP Barcellona, Cobolli si prepara a Nadal: "Sono cresciuto vedendolo giocare, non parto battuto"

Flash

ATP Barcellona, Cobolli si prepara a Nadal: “Sono cresciuto vedendolo giocare, non parto battuto”

BARCELLONA – “Con Rafa non ho mai neanche palleggiato, si vede che quando veniva al Foro ero troppo scarso per fargli da sparring partner” scherza il giovane Flavio

Pubblicato

il

Flavio Cobolli - Roland Garros 2023 (foto Roberto dell'Olivo)

Da Barcellona, il nostro inviato

Se foste stati al posto di Flavio Cobolli, cosa avreste pensato appena uscito il sorteggio di Barcellona? Per chi se lo fosse perso il nome di Flavio è stato associato (da Nadal stesso, che è stata quella che in spagnolo viene definita la “mano inocente”) al campione maiorchino. Segnatevi il pensiero, perchè probabilmente coincide con quello che ha pensato Flavio, che abbiamo incrociato al Barcelona Open dopo gli allenamenti.

Visto che quella con Rafa martedì è forse la partita più prestigiosa della carriera di Flavio, ripercorriamola brevemente assieme. Cobolli, nato a Firenze il 6 maggio 2002 ma romano praticamente da sempre (e grande tifoso della Magica), si è rapidamente affermato come uno dei giovani talenti del tennis italiano. Ha iniziato la sua carriera professionistica nel 2020 e ha fatto il suo debutto ATP nel 2021. Da allora l’ascesa è stata costante, e oggi entra a Barcellona al numero 62, best ranking, e con grandi aspettative sul futuro.

Titoli challenger vinti, vittorie slam di prestigio (in particolare quella con Jarry agli Australian Open) e adesso arriva il momento della verità: comincia la stagione sulla terra rossa la superficie preferita da Flavio. A Montecarlo e Marrakech le cose non han girato al meglio, ma a Barcellona ci si aspettava un pronto riscatto, magari evitando subito una testa di serie ostica. La testa di serie è stata evitata, ma la sorte ha dato in dote “solo” un Nadal che ha vinto 12 volte e giocherà proprio sulla pista “Rafa Nadal”.

Ordine di gioco – day 2 Barcelona Open 2024

Vi abbiamo dato un piccolo recap di Flavio perchè abbiamo avuto la fortuna di incrociarlo dopo l’allenamento e dobbiamo dire che l’azzurro è stato veramente gentilissimo e disponibile e ha rilasciato qualche parola al volo a noi e al collega del Corriere dello Sport

Domanda: Flavio cosa hai pensato quando hai visto il nome di Rafa assieme al tuo nel sorteggio? E rispetto al fatto che avrai tutto contro?

R: La prima cosa che ho pensato è stata “oh c***o”. Però in realtà sono contento, perchè comunque sono cresciuto vedendo giocare Rafa ed è una sfida incredibile potermela giocare con lui. Sono queste le partite e i palcoscenici per cui alla fine si gioca. Io sicuramente sono fiducioso e non parto battuto. Poi sul fatto che domani tutto il pubblico sarà per Rafa questa è una cosa a cui non bado. Le condizioni esterne non mi condizionano e anzi giocare su grandi palcoscenici contro grandi giocatori come in questo caso è una carica in più.

Domanda: Se ti avessero detto 3 anni fa che adesso ti saresti trovato a giocare contro Rafa cosa avresti pensato?

R: Che ovviamente sarebbe stato fantastico, ma ho fiducia nei miei mezzi e in quello che sto facendo per cui sono molto contento di quello che sto ottenendo.

Domanda: Con Rafa non hai mai giocato, ma ti è mai capitato di provare la palla di Rafa, anche fosse solo in allenamento?

R: No, con Rafa e con Nole non ci ho mai giocato in carriera, e con Rafa non ci ho mai neanche palleggiato, si vede che all’epoca quando veniva al Foro ero troppo scarso per fargli da sparring partner (ridendo). Scherzi a parte domani sarà la prima volta e sarà fantastico poterci giocare contro.

Domanda: Sei cresciuto vedendo giocare Rafa, Roger e Nole, qual era il tuo idolo?

R. Senza dubbio Nole, ho sempre detto che lui era il mio idolo. Però ovviamente poter giocare domani contro una leggenda come Rafa sarà bellissimo, anche nei suoi confronti ho grande ammirazione.

Insomma, grande sponteneità e simpatia da parte di Flavio. Il match si giocherà sul campo centrale, non prima delle 16, probabilmente anche un po’ oltre se i 3 match precedenti dovessero prolungarsi

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Ubaldo Scanagatta
evidenza4 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Nadal subito Zverev. Se fosse meglio così? Il teorico cammino di Sinner” [VIDEO]

Jannik Sinner - Madrid 2024 (foto Florin Baltatoiu)
Flash4 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Sinner gioca e punta al n. 1 del mondo. E magari pure al Grande Slam. Si deve sognare in grande. Dove capiterà Nadal? Il campione di 14 Roland Garros é’ una mina vagante o no? Riparte l’UbiContest” [VIDEO]

Senza categoria6 giorni fa

Scanagatta a Radio Sportiva: “La bravura di Sara Errani e le prospettive di Zverev per Parigi”[AUDIO]

Alexander Zverev - Roma 2024 (X @inteBNLditalia)
evidenza1 settimana fa

Roma, Scanagatta: “Zverev può aver salvato il torneo” [VIDEO]

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Meglio le donne che gli uomini. In gara tre delle prime quattro del ranking, fra gli uomini solo due dei primi otto”

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Con Paolini bye bye Roma per le italiane. 5 azzurri superstiti. Tre giocano oggi ma il clou è Nadal-Hurkacz. Per lo spagnolo addio Roma più che arrivederci?” [VIDEO]

Matteo Berrettini - Roma 2024 (foto Francesca Micheli Ubitennis)
Flash3 settimane fa

ATP Roma, Scanagatta: “Piove sul bagnato. Dopo il KO di Sinner quello di Berrettini, e sul torneo diluvia. Menomale vincono Darderi e Cobolli” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Massey: “Il tetto è in programma e dal prossimo anno le chiamate elettroniche” [VIDEO]

evidenza1 mese fa

Scanagatta: “Un errore arbitrale clamoroso fa perdere a Sinner con Tsitsipas un match quasi vinto” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Jannik Sinner batte l’avversario più duro di sempre sul rosso e conserva il secondo posto mondiale” [VIDEO]

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement