Ernests Gulbis in ottavi non fu vera gloria, ma attenti: ha battuto 16 top10 in carriera

Roland Garros

Ernests Gulbis in ottavi non fu vera gloria, ma attenti: ha battuto 16 top10 in carriera

ROLAND GARROS 2016 – Tennista fra i più imprevedibili e intelligenti, Ernests Gulbis due anni fa qui fu semifinalista. “Un ex campione può essere un buon coach? Non credo!”

Pubblicato

il

PARIGI – Non mi perdevo un’intervista di Safin, di Roddick, di Ivanisevic, quando mi era possibile. Con loro non ci si annoiava mai. A suo tempo, tornando a ritroso, nemmeno con Nastase, Panatta, Noah, McEnroe, Medvedev, Agassi. Parlo di giocatori che sono stati tutti fra i primi quattro del mondo. Ernests Gulbis è arrivato a malapena a n.10, il 9 giugno di due anni fa, dopo essere arrivato in semifinale qui al Roland Garros, quando battè Monfils nei quarti per perdere da Djokovic in semifinale. Però è uno dei pochi giocatori che meriterebbe sempre ascoltare. Brillante, spiritoso, originale, mai banaleE indubbiamente talentuoso anche se talmente discontinuo da essersi infilato fra i top-ten per un soffio e per poco, vincendo molti meno tornei di quanto avrebbe potuto, sei in una carriera che lo ha visto esordire in Coppa Davis a 16 anni nel 2005. Talmente discontinuo che oggi lo ritroviamo a n.80 del mondo. A Parigi Gulbis raggiunse i quarti nel 2007, le semi due anni fa. Anche se con gli ottavi qui almeno venti posti li risalirà. Con Tsonga, costretto al ritiro da uno stiramento all’adduttore, il tennista lettone è stato fortunato, ma – attenzione – aveva battuto 4 degli ultimi 5 top-ten affrontati negli Slam e ben 16 volte li ha battuti nei vari tornei a dimostrazione di un potenziale di primissimo livello. E top-ten di grande nome: Federer (un paio di volte), Djokovic, Del Potro, Berdych (due volte).

Se dovrà giocare contro Goffin può vincere e così anche con Thiem con il quale ha condiviso a lungo l’allenatore Gunther Bresnik. Ora sta cercando un nuovo coach, ma ha le idee chiare su cosa cerca e su chi non vorrebbe. L’allenatore famoso, l’ex campione tanto di moda (Becker per Djokovic, McEnroe ora per Raonic, Ljubicic per Federer), ad esempio non lo convince per nulla. E con l’abituale franchezza Ernests speiga perchè la cosa non gli va a genio“Per essere onesto non credo che un ex campione sia necessariamente un buon coach, per quanto bravo sia stato. Un buon coach deve avere esperienza. Gunther ne aveva, soprattutto sotto il profilo tecnico, perché ha trascorso forse più ore di tutti sul campo. Con ragazzini, con giocatori destri, mancini, serve&volley players, juniors, 16, 18, tennisti più anziani. Quindi il suo livello di comprensione è molto ampio. Se invece prendi un ex giocatore quello si baserà sempre sulla sua prospettiva e non ti darà sempre la soluzione per risolvere il tuo problema. Un buon coach deve avere non uno o due piani di riserva, ma parecchi”. Fatta una prima selezione optando per coach magari di minor nome, più modesti ma più esperti, Gulbis ha anche un’altra necessità da tener presente: “Non cerco un allenatore che mi voglia trasmettere cognizioni tattiche. Ma un coach che abbia cognizioni tecniche. Uno capace di vedere come mantenere il mio gioco e i miei colpi puliti. Che guardandomi ogni giorno sappia intravedere quei piccoli cambiamenti che faccio o che non faccio… sono quel tipo di giocatore che se non tocco la racchetta per qualche giorno comincio a tirare il dritto in modo sempre diverso. Per questo ho bisogno di un coach capace di vedere questi dettagli. Tatticamente… il mio tennis dà fastidio a molti giocatori. Se servo bene, se tiro forte… certo devo pensare a dove indirizzare la palla, ma è comunque un colpo pesante”.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Ubaldo Scanagatta
evidenza2 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Nadal subito Zverev. Se fosse meglio così? Il teorico cammino di Sinner” [VIDEO]

Jannik Sinner - Madrid 2024 (foto Florin Baltatoiu)
Flash3 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Sinner gioca e punta al n. 1 del mondo. E magari pure al Grande Slam. Si deve sognare in grande. Dove capiterà Nadal? Il campione di 14 Roland Garros é’ una mina vagante o no? Riparte l’UbiContest” [VIDEO]

Senza categoria5 giorni fa

Scanagatta a Radio Sportiva: “La bravura di Sara Errani e le prospettive di Zverev per Parigi”[AUDIO]

Alexander Zverev - Roma 2024 (X @inteBNLditalia)
evidenza1 settimana fa

Roma, Scanagatta: “Zverev può aver salvato il torneo” [VIDEO]

Flash1 settimana fa

Roma, Scanagatta: “Meglio le donne che gli uomini. In gara tre delle prime quattro del ranking, fra gli uomini solo due dei primi otto”

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Con Paolini bye bye Roma per le italiane. 5 azzurri superstiti. Tre giocano oggi ma il clou è Nadal-Hurkacz. Per lo spagnolo addio Roma più che arrivederci?” [VIDEO]

Matteo Berrettini - Roma 2024 (foto Francesca Micheli Ubitennis)
Flash2 settimane fa

ATP Roma, Scanagatta: “Piove sul bagnato. Dopo il KO di Sinner quello di Berrettini, e sul torneo diluvia. Menomale vincono Darderi e Cobolli” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Massey: “Il tetto è in programma e dal prossimo anno le chiamate elettroniche” [VIDEO]

evidenza1 mese fa

Scanagatta: “Un errore arbitrale clamoroso fa perdere a Sinner con Tsitsipas un match quasi vinto” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Jannik Sinner batte l’avversario più duro di sempre sul rosso e conserva il secondo posto mondiale” [VIDEO]

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement