WTA IW: Kiki e Vesnina, la semi delle prime volte

WTA

WTA IW: Kiki e Vesnina, la semi delle prime volte

Kristina Mladenovic e Elena Vesnina si qualificano per la prima volta per una semifinale di un Premier Mandatory. Battute le favorite Wozniacki e Venus Williams

Pubblicato

il

[14] E. Vesnina b. [12] V. Williams 6-2 4-6 6-3 (da Indian Wells, Luca Baldissera)

Alle 17 dell’ennesimo pomeriggio caldo e assolato sulla Coachella valley, si completa, con l’ingresso in campo della statunitense Venus Williams (36 anni, 13 WTA) e della russa Elena Vesnina (31 anni, 12 WTA), il quadro dei quarti di finale del singolare femminile del Premier Mandatory di Indian Wells, si gioca per incontrare Kiki Mladenovic in semifinale nella parte bassa del tabellone. Dall’altro lato, ci saranno Svetlana Kuznetsova e Karolina Pliskova. I precedenti sono 3-2 per Elena, ultimo match vinto sempre dalla russa a Miami lo scorso anno, 6-0 6-7 6-2 al secondo turno. Entrambe le giocatrici nel palmares vantano la medaglia d’oro olimpica, una in singolo e tre in doppio Venus (2000, 2004, 2008 e 2012) e una in doppio Elena (Rio 2016).

Pronti, via, al servizio Elena, tiene a 30 la russa, chuidendo con un ace, poi subito Venus in difficoltà, 15-40 e due palle break, annulla la prima Williams, fallisce la seconda Vesnina, poi parità, e ancora palla break stavolta fatale alla statunitense. Due doppi falli Venus nel game. Va via liscia Elena sul 3-0, che brutto avvio di Williams, arrivano addirittura due palle del 4-0, ma finalmente incide al servizio Venus e le annulla, 3-1, sempre bene Vesnina con servizio e dritto, 4-1. A zero accorcia Williams, 4-2, in ritardo ma è entrata nel match la “venere nera”, sulla battuta della russa però non si gioca, che bella solidità di Elena, 5-2. Ancora in spinta e in aggressione Vesnina, 0-40 (terzo doppio fallo Williams), tre set point, e il tremendo quarto doppio errore di Venus le consegna il primo parziale, 6-2. Molto bene la russa, altalenante la statunitense, che sembra muoversi bene (scomparse le fasciature dei giorni scorsi), ma il servizio non ha buone percentuali, dall’altra parte la simpatica Elena, che strilla i suoi caratteristici “Ahiah!” su ogni impatto, facendo spesso sorridere il pubblico, sta giocando con ottima efficacia e attenzione.

 

Parte Vesnina nel secondo set, tiene a 15, pareggia Venus, 1-1, si seguono i servizi fino al 2-2, quando Venus arriva al 30-40 con un rovescio vincente in avanzamento, è la prima palla break per lei, sprecata di dritto, poi doppio Fallo vesnina (due in questo game, tre in tutto finora), altra palla break, gran recupero Williams su palla rasoterra e successivo passante, ed è break venus, 3-2. Pare iniziata l’ennesima rimonta di Venus nel torneo, ma il controbreak immediato di Elena è una doccia fredda, 3-3. Due game di battuta senza sussulti per entrambe, 4-4, poi Vesnina si incarta in un paio di incertezze, concede lo 0-40 e tre palle break pesantissime, e sulla seconda commette il sesto doppio fallo della sua partita, che calo la russa, rischia di pagarlo carissimo. Williams ringrazia, incassa, e chiude tenendo a 15, un set pari, tutto da rifare. Gli “Ahiah!” di Elena si sono fatti non solo acutissimi, ma hanno una vaga nota quasi disperata, aveva la partita in mano e lo sa. 6-4 Venus, un set pari, può succedere di tutto, entrambe alternano buonissimi attacchi e errori banali, in particolare con i servizi.

venus williams IW 2017
Venus Williams in azione contro Elena Vesnina, Indian Wells 2017

Conferma il dato lo scambio di break in avvio di parziale decisivo, che porta il punteggio sull’1-1, e il conto dei doppi falli a ben 7 per ciascuna. Con la russa al servizio, altro game lottato con palla break, stavolta la battuta di Elena la salva, annullata, e dopo 10 punti Vesnina con un drittone esterno sale 2-1. La raggiunge tenendo a 15 Venus, 2-2, se il gioco è altalenante nella qualità sicuramente non manca la qualità, Vesnina tiene a 30, 3-2, poi nel sesto game un gran passante di Elena, un brutto errore di Venus, arriva il 15-40, sulla seconda palla break Williams non raggiunge uno strettino di rovescio della russa, 4-2. Mette la freccia e se ne va Elena, gran servizi e uno strepitoso rovescio chiuso in controbalzo le danno il 5-2, Venus adesso è nei guai, gli “Ahiah!” dall’altra parte hanno virato verso un tono convinto, scappa un brutto rovescio a Williams e siamo a match point. Coraggio e classe della statunitense, schiaffo al volo per annullarlo, poi demi-volèe in rete, seconda palla match, errore in rete Vesnina, poi gran volèe in allungo di dritto Elena, terzo match point, fallito con un dritto lungo dalla russa, pianta giù grandissime risposte Elena sui vantaggi interni, ma non le trova sui match point, dopo 18 punti Venus accorcia 3-5. Come prevedibile, le occasioni fallite costano care a Vesnina, che subisce il contraccolpo (e qualche pallata di Williams, che infiamma il pubblico), va sotto 0-40, annulla tre palle del contro-break (nastro fortunato e due gravi errori Venus), poi superdritto lungolinea Williams e quarta palla break, ma ancora sprecata con erroraccio successivo, la imita Elema sparando lungo un dritto comodo da chiudere, quinta palla break, puntuale l’errore di Venus, poi ancora rovescio in rete Elena, sesta palla break, e risposta lunga Williams, game orribile, stanno sbagliando di tutto. Si scuote Vesnina, si prende il quarto match point con una buona volèe, e alla fine chiude con un dritto facilitato dal precedente nastro colpito da Venus.

Entra in semifinale per la prima volta in un premier mandatory Elena Vesnina, e continua il suo percorso di crescita in questa seconda metà di carriera, iniziata dopo le difficoltà fisiche e i problemi del 2015 (precipitata oltre il 120 in classifica), proseguita in un grande 2016 che l’ha proiettata nelle top-20, e che troverà in Kiki Mladenovic l’ultimo ostacolo prima di poter definire questo torneo memorabile per lei.

[28] K. Mladenovic b. [13] C. Wozniacki 3-6 7-6(4) 6-2 (Chiara Gheza)

Nei quarti di finale di Indian Wells si sfidano la danese, di origine polacca, Caroline Wozniacki, numero 13 del mondo, e la francese, di origine serba, Kristina Mladenovic, numero 28 del seed, nonché reduce dal divorzio sportivo dalla storica compagna di doppio Caroline Garcia. I tre precedenti scontri hanno sempre visto Caroline avere la meglio su Kristina.

Il campo centrale si risveglia lentamente dopo il favoloso mercoledì di tennis appena trascorso. Wozniacki prende in mano le redini dell’incontro fin dai primi scambi, costringendo Mladenovic a ripetuti spostamenti laterali, che non giovano al gioco della francese. Nel quarto game ecco che arriva il break per Caroline, che strappa con decisione il servizio all’avversaria. Kristina ha immediatamente l’occasione di rimediare nel gioco successivo, ma si vede annullare ben 5 palle break da una Wozniacki lucida e determinata. Nemmeno l’intervento della mamma di Mladenovic, convocata in qualità di allenatrice sulla panchina francese, aiuta Kristina a ritrovare fiducia e Caroline in pochi minuti vola sul 5 a 1. La francese è decisa però a restare nel set e finalmente riesce a concretizzare una palla break dopo aver annullato un set point alla danese. Mladenovic sembra rientrare in partita, ma Wozniacki non intende darle ulteriori chance e chiude il primo set nel nono game, grazie a un rovescio in avanzamento. 6-3 Wozniacki in 42 minuti.

Mentre il pubblico affluisce senza fretta, Mladenovic soffre in apertura di parziale, non riuscendo a trovare il suo, solitamente ottimo, servizio. Una concreta Wozniacki ne approfitta e conquista subito il break. Kristina, sotto gli occhi attenti di Mary Pierce, ottiene però un contro break immediato grazie a colpi potenti da fondo campo che scardinano il gioco di Caroline. Mladenovic ha ritrovato la prima di servizio e con essa la fiducia. Sul campo ora le giocatrici danno vita a scambi divertenti e prolungati, impreziositi da alcune smorzate di Kristina che strappano applausi. Mentre si avvicina la fase calda del set i servizi saltano ed entrambe chiedono l’intervento dei rispettivi allenatori/genitori. La tensione gioca però un brutto scherzo a Mladenovic nel momento in cui si trova a servire per il set: Kristina dà vita a un pessimo game, costellato da errori e addirittura da un doppio fallo. Dopo lo scampato pericolo Wozniacki si aggrappa alla propria battuta e trascina Kristina al tie-break. La giovane francese però non trema e, giocando con potenza e precisione, conquista il gioco decisivo con il punteggio di 7-4 su un ultimo errore di Caroline.

L’incontro si decide quindi al terzo set, che inizia all’insegna dell’equilibrio, con entrambe le giocatrici che tengono a fatica il servizio, mentre scattano le due ore di gioco. Arriva sul campo anche la fisioterapista chiamata da Wozniacki per cambiare la fasciatura alla caviglia destra. In seguito alla pausa forzata Mladenovic continua a tirare fendenti senza preoccuparsi di commettere qualche errore, fino a riuscire a strappare il servizio a Caroline nel corso di un infinito quinto game. Sulla panchina danese compare nuovamente papà Wozniacki, mentre Caroline inizia a mostrare segni di nervosismo quando dopo un errore gratuito scaraventa la racchetta a terra. Kristina invece sta elevando sempre più il livello di gioco e, inanellando colpi aggressivi, toglie il tempo a Wozniacki che non può nulla per arginare la francese. Mladenovic si trova quindi a servire per il match sul punteggio di 5 a 2. Kristina gioca un game senza paura e vola in semifinale grazie all’ennesimo servizio vincente.

Mladenovic

Ora la francese, che sta mostrando una forma invidiabile, incontrerà Elena Vesnina.

Risultati:

[28] K. Mladenovic b. [13] C. Wozniacki 3-6 7-6(4) 6-2
[14] E. Vesnina b. [12] V. Williams 6-2 4-6 6-3

Continua a leggere
Commenti

Flash

WTA Nottingham: Konta, Zhang e Mladenovic ai quarti. Vekic KO

Nel primo torneo di preparazione a Wimbledon la numero uno britannica prova a riprendere la corsa dopo un lunghissimo periodo buio. Heather Watson perde il derby con Boulter

Pubblicato

il

Johanna Konta - Nottingham 2021 (via Twitter, @the_LTA)

Johanna Konta prova a ritrovare qualche certezza smarrita nel primo torneo di warm up sull’erba pre-Wimbledon. La numero uno britannica, tuttora ancorata alla top 20 WTA ma reduce da un lungo periodo colmo di infortuni e risultati negativi, battendo in tre Katerina Kozlova al terzo turno di Nottingham ha raccolto la quinta vittoria stagionale e il primo quarto di finale da Cincinnati 2020: un brodino, ma ricostituente. Mentre scriviamo, l’ex numero 4 del ranking sta affrontando Alison Van Uytvanck per un posto in semifinale, ma soprattutto per ritrovare un briciolo della giocatrice che fu: nel caso, Wimbledon potrebbe rappresentare l’inizio di una nuova stagione migliore.

Tra le teste di serie superstiti bene Kiki Mladenovic e Shuai Zhang, brave a sbarazzarsi di Caty McNally e Zarina Diyas, mentre abbandonano il torneo Donna Vekic, battuta da un’ottima Nina Stojanovic, e Heather Watson – recentemente multata di 1900 sterline perché sorpresa alla guida della Mercedes del fidanzato senza assicurazione -, KO nel derby con Katie Boulter: quest’ultima, nel proprio spicchio a sud del tabellone, attende la vincente del match tra Alison Riske – la quale, nella giornata, di ieri aveva già vinto grazie a un’ incredibile rimonta il suo incontro di secondo turno contro Xiyu Wang – e Lauren Davis, interrotto ieri sul punteggio di un set pari.

Risultati:

 

Secondo turno

[2] A. Riske b. Xiy. Wang 6-3 5-7 7-6(3)

Ottavi di finale

[8] A. Van Uytvanck b. [10] V. Golubic 6-1 7-5
[1] J. Konta b. K. Kozlova 6-2 1-6 6-3
[7] K. Mladenovic b. C. McNally 7-6(6) 1-6 6-1
[15] N. Stojanovic b. [3] H. Watson 6-3 6-4
[17] T. Martincova b. [LL] G. Garcia-Perez 6-1 3-6 6-2
[WC] K. Boulter b. [9] H. Watson 7-6(4) 6-3
[4] S. Zhang b. [16] Z. Diyas 6-4 6-2

Il tabellone aggiornato

Continua a leggere

Flash

WTA Nottingham: Konta guida il tabellone. Giorgi out, entra Di Giuseppe come lucky loser

Gatto-Monticone sfiderà la statunitense Dolehide, mentre Di Giuseppe attende la cinese Xiyu Wang. Fuori anche Danielle Collins

Pubblicato

il

Johanna Konta a Nottingham (2017)

Lo spostamento di una settimana del Roland Garros ha fatto in modo che la stagione su erba prendesse il via in contemporanea con la seconda settimana dello Slam parigino. Il primo torneo femminile della stagione sarà il Viking Open Nottingham, categoria WTA 250, il cui tabellone vedrà al via ben 48 atlete, con le 16 teste di serie che beneficeranno di un bye al primo turno. 

La testa di serie numero 1 del tabellone è la atleta di casa Johanna Konta, numero 20 del ranking WTA. La 30enne, nata a Sidney, è stata eliminata al primo turno a Parigi e finora è stata protagonista di un pessimo 2021, nel quale ha ottenuto solo tre successi. Al secondo turno attende la vincente della sfida tra l’australiana Inglis e l’olandese Pattinama Kerkhove (qualificata).

(parte alta del tabellone: clicca per ingrandire)

La testa di serie numero 2 è l’americana Alison Riske. La numero 28 ha saltato lo Slam francese a causa dell’infortunio al piede sinistro che l’aveva costretta al ritiro a Roma. Il ritorno in campo avverrà al secondo turno, dove affronterà la vincente della sfida tra la 20enne cinese Xiyu Wang (n. 145) e la nostra Martina Di Giuseppe (n. 194). L’azzurra, sconfitta nel turno di qualificazione dall’inglese Moore, è stata ripescata come lucky loser dopo i forfait di Giorgi e Collins arrivati a tabellone compilato. Tra la Di Giuseppe e la giovane cinese vi è un unico precedente datato 2018, quando l’azzurra si impose in tre set nel torneo ITF di Madrid 2.

 
(parte alta del tabellone: clicca per ingrandire)

Accreditata della testa di serie numero 3 Donna Vekic (n.36), vincitrice del torneo inglese nel 2018 in finale proprio contro Konta. La croata affronterà la vincente della sfida tra la svizzera Kung e la qualificata britannica Grey. Testa di serie numero 4 per Shuai Zhang (n.46) che completa il quadro delle top-50 presenti al via. Per la cinese al secondo turno una tra la connazionale Xinyu Wang e l’australiana Arina Rodionova.

Oltre a Di Giuseppe, per i colori italiani al via anche Giulia Gatto-Monticone (n.172), che al primo turno affronterà la 22enne americana Caroline Dolehide (n. 164). L’unico precedente tra le due è datato febbraio 2020; nel turno di qualificazione del WTA di Acapulco, la statunitense sconfisse l’italiana in due set. La vincente di questo match troverà al secondo turno la testa di serie numero 17 Tereza Martincova (n. 94), rientrata all’ultimo minuto nel seeding assieme a McHale (18° e ultima testa di serie).

Il tabellone completo del torneo


Articolo a cura di Giuseppe Di Paola

Continua a leggere

Flash

WTA Strasburgo: primo titolo in carriera per Barbora Krejcikova

La ventiseienne ceca ha sconfitto Sorana Cirstea nell’ultimo torneo di preparazione al Roland Garros

Pubblicato

il

Barbora Krejcikova - WTA Strasburgo 2021 (via Twitter, @WTA_Strasbourg - ph. Michel Grasso)

Alla terza finale, Barbora Krejcikova è riuscita a conquistare il suo primo titolo WTA, sconfiggendo Sorana Cirstea per 6-3 6-3 in 99 minuti – grande soddisfazione per la tds N.5 dopo aver sfiorato il titolo a Dubai lo scorso marzo, e seconda vittoria su tre confronti diretti. Niente seconda vittoria stagionale dunque per Cirstea, che a Istanbul era riuscita a conquistare il suo primo titolo dopo 13 anni. Sostanziali guadagni in classifica per entrambe: Krejcikova ritoccherà il proprio best ranking al N.33 (N.12 nella Race, prima tennista della Repubblica Ceca), mentre Cirstea guadagnerà otto piazze per salire al N.53 (27 nella Race).

Krejcikova è scappata subito, sfruttando i suoi colpi carichi per aprirsi il campo dandosi al contempo un buon margine di sicurezza contro i colpi semi-piatti dell’avversaria, che ha finito con 44 non forzati. Nel primo gioco ha breakkato alla terza opportunità (sopraggiunta con una risposta di inside-in di rovescio), quando ha utilizzato un paio di chop di dritto per mandare fuori giri Cirstea, che ha messo un colpo in rete. La ceca è stata micidiale con la prima nel parziale (14 su 17) ed è salita sul 4-0.

Proprio nel quarto game, però, Cirstea ha iniziato a trovare di più il campo e a sfruttare qualche doppio fallo di troppo dell’avversaria (10 alla fine), procurandosi tre palle break non consecutive. Pur non riuscendo a passare in quella circostanza, la giocatrice rumena è infine riuscita a riavvicinarsi quando Krejcikova ha servito per il set sul 5-2 (la ceca stava avendo un problema con le lenti a contatto, cambiate a cavallo fra i due parziali), solo per perdere nuovamente la battuta (senza riuscire a sfruttare due opportunità di chiudere il game) e concedere il set dopo 54 minuti – Krejcikova è salita a set point con una risposta di dritto fra i piedi di Cirstea, e ha chiuso con un eccellente uncino di dritto.

 

Il secondo set si è aperto con un primo game interminabile; Cirstea è riuscita a conquistare il break quando Krejcikova ha commesso due doppi falli consecutivi, perdendo la battuta su una risposta inside-in della rumena. Il primo vantaggio di giornata è stato però di breve durata per la rumena, perché nel game successivo Krejcikova è riuscita a procurarsi una palla del contro-break con una bella smorzata celata fino all’ultimo, pareggiando su un dritto lungo di Cirstea e portandosi 3-1 e servizio con due risposte profonde, la seconda sottolineata da un bello sventaglio vincente.

Quando sembrava ormai avviata alla vittoria, Krejcikova ha avuto ancora problemi a servire, commettendo due doppi falli per lo 0-40 nel quinto gioco, e così Cirstea ha recuperato il break con una risposta vincente di rovescio lungolinea. Anche stavolta però la due volte campionessa Slam di doppio (Roland Garros e Wimbledon 2018) ha saputo reagire, e ha piazzato l’allungo decisivo: nel quarto gioco, sullo 0-40 ha mancato palle break (una risposta in rete e due ottimi servizi di Cirstea). Se n’è però procurata un’altra aprendosi il campo fin dalla risposta per il vincente di dritto, salendo poi 4-2 con un buon pallonetto. Quello è stato l’allungo decisivo, con la giocatrice ceca che è riuscita a tenere abbastanza agevolmente gli ultimi due turni di battuta per conquistare il suo primo titolo, chiudendo con una combinazione di servizio esterno e dritto. Le due si recheranno ora a Parigi, dove Krejcikova esordirà con un derby contro Kristyna Pliskova mentre Cirstea se la vedrà con la tds N.19 Johanna Konta.

Il tabellone completo

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement