Rybarikova, l'impresa continua

Wimbledon

Rybarikova, l’impresa continua

Nei quarti di finale di Wimbledon sono emerse alcune protagoniste attese e altre a sorpresa. La meno prevedibile di tutte è Magdalena Rybarikova

Pubblicato

il

 

Il commento del Direttore al day 8:

Il commento al day 8 del Direttore con Steve Flink:

 

La giornata dei quarti di finale femminili è stata complicata,  a causa del meteo prima incerto e poi decisamente brutto. Il cattivo tempo ha lasciato disputare solo un match e mezzo sul Court 1 prima che si dovesse ricorrere al Centrale per completare il programma, altrimenti impossibile da svolgere senza riparo. Tre partite si sono concluse in due set e solo una, quella che avrebbe deciso la numero uno del ranking WTA, ha avuto bisogno del terzo set.

Hanno iniziato per prime le “spagnole” Muguruza e Kuznetsova (Svetlana si allena da anni in Spagna) che hanno dato vita a un match stranamente controllato sul piano agonistico. Mi è sembrata perfino troppo facile la vittoria da parte di Garbiñe (6-3, 6-4), che ha trovato una avversaria meno combattiva del solito.

In realtà non si può nemmeno dire che Sveta abbia giocato male, anzi: le statistiche parlano di un saldo positivo di +9 per lei (vincenti/errori non forzati: 21/12) ma secondo me lo ha fatto senza guizzi, anche quando era sotto nel punteggio e forse avrebbe dovuto osare di più.
Era una quarto di finale di Wimbledon: da una giocatrice di talento come Kuznetsova, in grado di eseguire qualsiasi colpo, mi aspetto che, prima di lasciare via libera alla sua avversaria, le provi tutte: magari perda perché tende a strafare. Forse il fatto di essere indietro negli scontri diretti e di avere perso gli ultimi quattro, l’ha fatta scendere in campo meno convinta. Un peccato.

A Garbiñe sono bastati un break per set, e ha risolto la pratica, senza grandi patemi. Nessun servizio perso da Muguruza in tutto il match. Da notare che il suo saldo complessivo (vincenti/gratuiti) è peggiore rispetto a quello di Sveta: addirittura -1 (14/15). Ma a fare la differenza sono stati gli errori forzati, cioè procurati dall’avversaria: solo 15 quelli di Muguruza a fronte dei 33 di Kuznetsova. Significa che nella conduzione del gioco Garbiñe è stata di gran lunga più incisiva.

Se Kuznetsova mi ha un po’ deluso, credo si sia avuta la conferma che Muguruza è una giocatrice da grandi eventi. Un “cavallo di razza”, si diceva una volta, descrivendo gli sportivi che aspettano gli appuntamenti clou per dare il meglio di sé, e poi magari vivacchiano nel resto della stagione. La mia impressione è proprio questa: Garbiñe riesce a impegnarsi al 100% solo quando la posta in palio è veramente alta. Forse le pesa la routine del circuito, e per essere se stessa in pieno deve vivere la sfida ai massimi livelli. Del resto sono ormai due stagioni che rimane ai piani alti del ranking grazie soprattutto ai risultati negli Slam, mentre nei tornei WTA fatica a esprimersi con la stessa qualità.

Avversaria di Muguruza sarà Magdalena Rybarikova, la più grande sorpresa del torneo. Entrata in tabellone grazie al ranking protetto (e al forfait di Shvedova), la numero 87 del mondo ha sconfitto al secondo turno la numero 3 e prima favorita del torneo Pliskova; e da quel momento ha acquisito fiducia e consapevolezza dei propri mezzi. Da lì in poi ha continuato a macinare gioco e avversarie.

Nei quarti di finale a farne le spese è stata una Vandeweghe un po’ sottotono. In conferenza stampa CoCo ha detto che negli Slam si deve giocare bene per due settimane, e la giornata-no costa cara. In realtà la giornata-no si paga anche nei normali tornei WTA: fatto sta che, contro Rybarikova, Vandeweghe ha esordito nel primo game perdendo il servizio con un doppio fallo, e da lì in poi ha passato la giornata a inseguire, senza però mai riuscire a recuperare.
Nel secondo set Rybarikova ha perso la battuta a zero in apertura, ma ha immediatamente ottenuto il controbreak e poi ha chiuso senza troppi problemi 6-3, 6-3. Da notare che in tutto il match, a parte il passaggio a vuoto citato, Magdalena non ha concesso palle break.

Avevo seguito Vandeweghe nel suo impegno di primo turno contro Mona Barthel e mi era sembrata meno orientata a spingere i colpi rispetto al passato. Avevo interpretato il suo tennis più controllato e meno brutalmente potente come una scelta tattica. Ma alla luce dell’ultimo match ho il dubbio che CoCo spingesse meno rispetto agli anni scorsi semplicemente perché non si sentiva tecnicamente altrettanto a posto.

Alla fine Rybarikova ha quasi giganteggiato, con il suo tennis perfettamente adatto alla superficie. Luca Baldissera è entusiasta che ci sia una tennista che interpreta l’erba con gesti tecnici davvero appropriati, che esaltano le specificità del gioco sui prati: movimenti rapidi, aperture limitate, risposte bloccate, uso degli slice. Vandeweghe non è riuscita a sprigionare la sua potenza e nel momento in cui la partita è stata decisa soprattutto sul terreno della tecnica si può dire che il suo destino fosse segnato.

Nella parte bassa del tabellone si affronteranno in semifinale Venus Williams e Johanna Konta.  Williams contro Ostapenko era una sfida ricca di fascino: due vincitrici Slam agli antipodi per età ed esperienza. Ne è uscito un match sicuramente interessante, ma secondo me non straordinario (6-3, 7-5). Venus ha messo in campo tutta la sua maturità tennistica e, senza avere bisogno di arrivare a picchi di gioco altissimi, ha saputo gestire al meglio quasi tutti i passaggi-chiave del match. E così ha fatto emergere l’inesperienza di Jelena, che dopo i successi parigini ha sì cambiato status ma non carta di identità: stiamo pur sempre parlando di una ventenne, e alla sua età nel tennis contemporaneo è praticamente impossibile essere completamente mature sul piano tecnico e psicologico.

Venus è scesa in campo decisa a non subire l’aggressività di Jelena e ha messo in pratica al meglio il suo progetto, spingendo di più con i colpi di inizio gioco. Non solo al servizio ma anche in risposta. Qualche numero per comprendere quanto il match si sia deciso su scambi cortissimi. Si sono giocati in totale 118 punti. Ebbene, di questi 118 punti, 94 sono stati scambi fra 1 e 4 colpi. Di questi 94, Venus ne ha vinti 58, Jelena 36. E’ davvero una differenza consistente (22 in più), non riequilibrata dal fatto che quando il palleggio si è allungato Ostapenko ha prevalso: 16 punti a 8 in tutti gli scambi più lunghi.
Insomma, fra le due è stata Venus quella più aggressiva e in questo modo ha tolto l’habitat di gioco preferito alla più giovane avversaria. E così, una dopo l’altra, le tre giocatrici del 1997 (Osaka, Konjuh, Ostapenko) che hanno affrontato Venus Williams sono state “rimandate”dalla professoressa Venus all’esame di riparazione. Hanno ancora qualcosa da imparare dalla cinque volte vincitrice di Wimbledon.

Ultimo quarto di finale, Konta contro Halep. Match con due top ten in campo. Unico deciso al terzo set: 6-7, 7-6, 6-4 in due ore e 41 minuti.
Il saldo vincenti/gratuiti ci dice che si è trattato di un incontro di alta qualità: Konta +12 (48/36) Halep +17 (26/9). Alla fine ha prevalso chi ha cercato di più il vincente (Konta) su chi ha sbagliato meno (Halep). Come spesso succede su erba.

Del confronto mi hanno soprattutto colpito due aspetti. Il primo è stato la capacità di Johanna di gestire lo stress: ha proposto un tennis di alto livello malgrado la pressione di un’intera nazione che comincia veramente a credere al successo di una giocatrice di casa, e vorrebbe rivivere i fasti di 40 anni fa (1977) quando il torneo venne vinto da Virginia Wade.
Il secondo aspetto è il ruolo di eterna (?) incompiuta di Simona Halep. Malgrado giocasse in un Centre Court compattamente schierato per la sua avversaria, è stata in grado di arrivare a due punti dalla vittoria (sul 5-4 del tiebreak nel secondo set), ma a quel punto non è riuscita ad andare oltre. E così ha mancato non solo l’approdo in semifinale ma anche la possibilità di diventare numero uno del mondo.
Cominciano a diventare tante le occasioni mancate da Simona ad appena un passo dal raggiungimento. Forse quella meno dolorosa è stata la prima, la sconfitta al terzo set nella finale di Parigi contro Maria Sharapova nel 2014. Ma poi è arrivata la seconda sconfitta al Roland Garros (2017) contro Ostapenko, dopo essere stata avanti di un set, un break, e avere avuto l’occasione addirittura del 6-4, 4-0.

Aggiungerei anche il Masters del 2014, quando sembrava la più forte del lotto, Serena a parte. Dopo aver dominato Serena nel round robin, per correttezza l’aveva mantenuta in corsa e poi era stata battuta proprio da Williams in finale. Infine la partita contro Konta appena terminata.
L’aspetto forse più preoccupante di questi avvenimenti è che l’unica costante è il “secondo posto” di Simona, mentre chi se ne avvantaggia è di volta in volta un’avversaria diversa.

Va detto che non era a Wimbledon che si aspettava l’impresa da lei, e sono quasi certo che abbia patito di più la sconfitta di Parigi rispetto a quella di Londra, perchè penso che in Francia fosse convinta di essere tecnicamente la più forte. E per un set e mezzo lo aveva dimostrato.
In conferenza stampa Halep ha cercato di essere positiva, partendo innanzitutto dalla consapevolezza di avere perso, ma di averlo fatto giocando bene. Questo è sicuramente vero: se Simona ha la forza di non farsi abbattere da queste delusioni, rimane una giocatrice con un repertorio tecnico completo e la possibilità di fare bene su tutte le superfici e contro tutti i tipi di giocatrici.
E non credo nemmeno che non provi ad evolvere il suo gioco, perché contro Johanna ha condotto le fasi migliori del match in posizione estremamente avanzata, avvicinandosi a quel tipo di tennis “ping pong” che sui campi veloci può dare ottimi risultati. Significa che continua a lavorare su se stessa per aumentare le soluzioni di gioco a disposizione.

La conseguenza della sconfitta di Simona Halep è che la nuova numero uno del mondo sarà Karolina Pliskova. E così il tennis ceco ritrova la leadership mondiale dopo Martina Navratilova. Per Pliskova un primo posto raggiunto grazie alla combinazione di risultati, secondo il meccanismo degli scarti, con il sapore agrodolce di un sorpasso eseguito quasi in retromarcia. Paradossalmente Karolina raggiunge uno dei più grandi traguardi per la carriera di una giocatrice proprio nel torneo della massima delusione. Forse questo modo di diventare numero uno, senza passare da un grande successo in uno Slam, le darà maggiori responsabilità, perché dovrà smentire le inevitabili critiche che piovono sulla testa delle regine senza corona (chi primeggia nel ranking senza avere vinto Major).

Nel day 9 di Wimbledon non sono previsti incontri di singolare femminile: il torneo delle donne si prende una pausa. È l’occasione per riordinare le idee e prepararsi per le semifinali. Avremo ventiquattro ore a disposizione per approfondire i contenuti delle due partite di giovedì. Per il momento, chiudo con una brevissima anticipazione: i confronti diretti fra le quattro protagoniste ancora in corsa.

Muguruza vs Rybarikova 2-2
V. Williams vs Konta 2-3

Continua a leggere
Commenti

Flash

Barclays sarà il nuovo banking partner di Wimbledon a partire dal 2023

Wimbledon e Barclays hanno trovato un accordo pluriennale, che comincerà dall’edizione 2023. Tra gli ambasciatori c’è anche Francis Tiafoe

Pubblicato

il

Dopo la contestata edizione 2022, con l’esclusione di russi e bielorussi e la mancata assegnazione di punti per le classifiche ATP e WTA, Wimbledon si prepara a tornare per il 2023. Dal 3 al 16 luglio del prossimo anno si svolgerà la 147esima edizione dei Championships, che si presenta già con alcune novità.

Tra queste c’è l’annuncio di un nuovo banking partner: sarà Barclays, banca internazionale britannica presente in oltre 50 paesi del mondo, che ha trovato un accordo pluriennale con il torneo londinese. Come si legge dal comunicato, presente sul sito ufficiale del torneo, l’accordo prevede anche la più grande donazione di sempre (che sarà effettuata annualmente) di uno sponsor ufficiale alla Wimbledon foundation.

Per dare ancora più risalto alla partnership, Barclays ha individuato lo statunitense Francis Tiafoe come testimonial, che l’anno scorso a Wimbledon ha raggiunto gli ottavi di finale (suo miglior risultato), perdendo 7-5 al quinto da Goffin.

 

“Sono elettrizzato dall’idea di lavorare con Barclays per aiutare a cambiare la vita dei giovani che non avrebbero possibilità di giocare a tennis – ha dichiarato il 24enne del Maryland. “Giocare a Wimbledon è sempre stato il mio sogno, quindi essere un ambasciatore di questa banca per me è davvero molto speciale”.

Barclays rafforza così il suo rapporto con il mondo dello sport, dato che già da oltre 20 anni è anche banking partner della Premier League, l’equivalente inglese della Serie A.

Continua a leggere

Flash

Wimbledon 2023, novità in vista: sale il montepremi, via libera all’intimo colorato per le giocatrici

La 136^ edizione prenderà il via lunedì 3 luglio e terminerà domenica 16: tante le novità in programma

Pubblicato

il

Centre Court and No.1 Court under the closed roofs at The Championships 2021. The All England Lawn Tennis Club, Wimbledon. Day 1 Monday 28/06/2021. Credit: AELTC/Bob Martin

Il fascino di Wimbledon è qualcosa che resta immutato nel panorama tennistico. L’All England Law Tennis Club ha presentato ufficialmente l’edizione 2023 del torneo più famoso al mondo. La 136^ edizione prenderà il via lunedì 3 luglio e terminerà domenica 16.

Economicamente, il torneo del 2022 ha fatto incassare circa 47.141 milioni di dollari: il novanta per cento di questi sarà ridistribuito nel montepremi del prossimo anno. Si tratta del secondo incasso più alto di sempre dopo il 2019. Numeri da record anche per il concorso riservato ai tifosi di tennis con in palio la possibilità di prelazione all’acquisto dei biglietti per il Championship 2023. Per loro ci sarà la possibilità di acquistare i ticket d’ingresso al costo dell’edizione 2022.

Ian Hewitt, presidente dell’All England Club, ha dichiarato: “Sono lieto di confermare che il guadagno extra dello scorso anno sarà ridistribuito alla LTA”.

 

Ci sarà un’importante novità nella prossima edizione del torneo femminile. Grazie all’impegno della WTA, infatti, si è trovato l’accordo sul consentire l’utilizzo di intimo di colore medio/scuro se le tenniste lo vorranno.

Sally Bolton, amministratrice delegata dell’All England Club, ha dichiarato: “Ci impegniamo ad ascoltare i giocatori e ad ascoltare il loro feedback su come poter migliorare. Abbiamo aggiornato la regola dell’abbigliamento bianco a Wimbledon proprio per assecondare le richieste ricevute”.

Intanto, il team dei professionisti dell’All England Club si amplia con Laura Robson e Jamie Delgado che entreranno a far parte del Club da fine novembre. La prima non ha bisogno di presentazioni: medaglia d’argento olimpica e campionessa juniores di Wimbledon, con la casella n. 27 del ranking WTA tra i più alti toccati dalla tennista. Delgado, invece, è stato allenatore di Murray, Muller e Shapovalov, oltre è stato capitano della Gran Bretagna in Coppa Davis.

I loro ruoli saranno incentrati sulle relazioni internazionali con i giocatori, con un mandato che include viaggi nei tornei di tutto il mondo per favorire la cooperazione tra i vari organizzatori.

Continua a leggere

evidenza

Wimbledon in subbuglio dopo il ban ai tennisti russi

Critiche al presidente del club Ian Hewitt per la gestione inadeguata, si cerca un sostituto. Problemi con la comunità locale anche nell’annessione del Golf Club

Pubblicato

il

Era il 20 aprile 2022 quando gli organizzatori di Wimbledon decisero di escludere tennisti russi e bielorussi dallo Slam londinese come conseguenza della guerra in Ucraina; e dopo oltre cinque mesi sono ancora tanti gli strascichi di questa decisione. A pagarne le conseguenze adesso non sono solo i tennisti che si sono ritrovati senza punti nel ranking (come il finalista Kyrgios che avrebbe potuto ambire ad un posto alle FInals, o la vincitrice Rybakina che sarebbe a ridosso della top 10), ma anche svariati dirigenti e organizzatori del torneo. Come scrive Simon Briggs su The Telegraph infatti, Wimbledon è “in tumulto” e sono tanti i malumori interni.

Per prima cosa va registrata la partenza di tre ‘direttori senior’ su sette (tra cui il direttore commerciale Gus Henderson, e il direttore immobiliare Robert Deatker), e si sta facendo sempre più pressione affinché anche l’attuale presidente dell’All England Club, Ian Hewitt, lasci il suo posto anziché terminare il suo mandato nel 2024. “Mentre il comitato dell’All England Club aveva originariamente sostenuto il divieto ai tennisti russi, un insider ha affermato che la leadership del club era stata colpevole di “una combinazione di arroganza e ingenuità” nell’aspettarsi che il resto del mondo del tennis accettasse la decisione senza esitazioni” scrive Briggs.

Il 75enne Hewitt – sempre più spinto verso l’uscita – non gode più delle simpatie dei suoi colleghi, mentre Sally Bolton, promossa da responsabile delle operazioni dell’AELTC ad amministratore delegato nel 2020, fatica a ingranare nel suo nuovo ruolo. In pole position per prendere il posto di Hewitt c’è Debbie Jevans – già direttrice dello sport alle Olimpiadi di Londra 2012 – che in tal caso diventerebbe la prima presidente donna del club. Così dovrebbe evolversi la situazione nei prossimi giorni: “È probabile che l’assemblea generale annuale dell’AELTC – prevista per l’inizio di dicembre – approverà un vicepresidente che subentrerà la prossima estate, limitando così l’influenza di Hewitt in questi ultimi mesi smorzando le sue speranze di continuare fino al 2024”. Sottolineiamo che quello di presidente è un ruolo non retribuito, nonostante l’impegno che richieda e la quantità di denaro che il diretto interessato si ritrova a gestire; tutto a causa di una costituzione datata 1868 che può scegliere il presidente del club solamente tra una cerchia ristrettissima di membri, a differenza del ruolo che ricopre Shelly Bolton, CEO, che è a tutti gli effetti una dipendente e quindi può venir scelta tra una rosa molto più ampia.

 

A causare tanto trambusto all’interno del quartier generale del tempio sacro del tennis non è solo l’esclusione dei tennisti russi e bielorussi nell’ultima edizione, ma anche l’annessione del vicino Wimbledon Park Golf Club avvenuta nel 2018. Per 65 milioni di sterline, il torneo di Wimbledon ha di fatto triplicato il suo spazio a disposizione e, tra le altre cose, si sta progettando un nuovo stadio da 8.000 posti, suscitando non poche critiche della comunità locale“A giugno, l’importante oppositore locale Christopher Coombe aveva predetto che l’intera saga sarebbe durata a lungo: “cinque set con un tie-break”” si legge su The Telegraph. Indipendentemente da come andrà a finire, il club di Wimbledon sta affrontando uno dei periodi più intricati della sua storia, e la critica maggiore che gli viene fatta è quella di avere al timone della nave persone carenti sia in leadership che in competenze tennistiche (basti pensare che Bolton non era a conoscenza dei cambiamenti di condizioni di gioco con il tetto chiuso). La scelta di un presidente adeguato quindi è più cruciale che mai.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement