Kokkinakis fuori due mesi. Montecarlo: "Non è colpa nostra"

Flash

Kokkinakis fuori due mesi. Montecarlo: “Non è colpa nostra”

Thanasi vittima di un cuscinetto a bordo campo. Il direttore del torneo declina ogni responsabilità: “Sono cose che capitano, l’organizzazione non c’entra”

Pubblicato

il

da Montecarlo, il nostro inviato

“Non abbiamo nessun tipo di responsabilità.” Così Zeljko Franulovic, direttore del torneo di Montecarlo, si è difeso quando gli è stato rivelato che Thanasi Kokkinakis sarà costretto ad un nuovo stop in seguito all’infortunio patito durante il match contro Khachanov.

Thanasi, indietreggiando per colpire un rovescio, è infatti inciampato in uno dei cuscinetti posti di fronte ai giudici di linea. Secondo la stampa australiana, il trauma al ginocchio che ne è conseguito costerà al giovane tennista un’assenza di due mesi. Franulovic però ha respinto ogni possibile colpa imputabile all’organizzazione e alla struttura stessa dei campi. “Dalla riga di fondo ai teloni ci sono sei metri. Più che nella maggioranza dei tornei. Questi incidenti capitano, sarebbe anche potuto andare a sbattere contro il frigo ai lati del campo. Non possiamo avere uno spazio di venti metri dietro la linea di fondo. Ovviamente siamo dispiaciutissimi per Thanasi, ma non era un incidente che potevamo evitare.”

Kokkinakis, a dire il vero, non ha lanciato (almeno per ora) nessuna accusa contro il torneo, incolpandoli dello sfortunato accidente. Probabilmente egli stesso è consapevole dell’assoluta casualità dell’infortunio che, come detto da Franulovic, sarebbe potuto accadere a chiunque, in qualunque modo, a prescindere dalle premure e dalle precauzioni prese dagli organizzatori. Anche Sascha Zverev si era lamentato dei cuscini a fondo campo, arrivando a lanciarne uno oltre le recinzioni per liberarsene. Qualche esperienza in merito ce l’ha Davido Goffin, che lo scorso anno al Roland Garros scivolò su un telone piegato male, rimediando una brutta distorsione alla caviglia che lo ha tenuto ai box per svariate settimane. La speranza è che non si riproponga un’altra telenovela come quella, recentemente conclusa, tra Bouchard e USTA, dopo il famigerato scivolone nello spogliatoio. Onestamente, non sembra questo il caso.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Il toccante video di Wimbledon narrato da Roger Federer

Con un breve filmato pubblicato sui social, il torneo di Wimbledon concede il doveroso tributo a chi combatte contro il virus in prima linea e invita tutti a stare uniti nella speranza. La voce è quella dell’otto volte campione a Londra

Pubblicato

il

(foto via Twitter, @wimbledon)

Vedere la carovana di persone che varcano i cancelli dell’All Egland Club e che siedono sulle tribune del Campo Centrale di Wimbledon oggi, 10 aprile 2020, fa un certo effetto. Sembrano immagini di un periodo lontano, ma in realtà sono solamente della scorsa estate. Immagini che il prossimo luglio non potremo vedere in TV, né si potrà farne parte, dal momento che il Covid-19 ha costretto all’annullamento del torneo. Con un breve video gli account ufficiali di Wimbledon hanno ricordato che per quest’anno bisognerà stare divisi e che medici, infermieri e tutti coloro che combattono il virus in prima linea sono i veri campioni che ci permetteranno di vincere questa sfida. E a dircelo è l’otto volte campione ai Championships, Roger Federer.

For now the play is suspended.
We are united in hope
that tomorrow will be better than today.

Per ora il gioco è sospeso.
Ci unisce la speranza
che domani sarà meglio di oggi.

 

Continua a leggere

Flash

Oggi alle 18:30 il direttore Scanagatta sarà in diretta Facebook per rispondere alle vostre domande

Saremo puntuali eh, mica come il Premier… siateci! Potete iniziare a formulare le domande tra i commenti

Pubblicato

il

La domenica c’è l’appuntamento in diretta del ‘dinamico duo’, Vanni Gibertini e Luca Baldissera, e tale rimarrà almeno finché non si tornerà a giocare a tennis. Questa settimana abbiamo deciso di raddoppiare la dose e di metterci il carico da novanta: oggi alle 18:30, sempre su Facebook, a condividere lo schermo con Vanni ci sarà nientemeno che il direttore Ubaldo Scanagatta, pronto a rispondere alle vostre domande.

Nonostante il periodo di tremendo immobilismo – nel circuito maggiore ATP non si colpisce una pallina dal primo marzo, finale del torneo di Santiago giocata curiosamente dall’unico tennista positivo al coronavirus, Seyboth Wild – gli argomenti non mancano. Due giorni fa abbiamo intervistato Andrea Gaudenzi, da qualche mese a capo dell’associazione maschile, e ci ha detto molte cose interessanti. C’è il tema di Wimbledon cancellato (ma assicurato), del Roland Garros spostato in autunno (ma in bilico), dello US Open che pensa alle porte chiuse e di tutti gli altri tornei che tremano.

Nessuno sa quando si tornerà a giocare. Neanche i tennisti, che si allenano in casa per quello che possono, lanciano challenge come Federer o come Berrettini sono in amorevole compagnia e fanno dirette Instagram con gente che ha vinto un bel po’ di Slam.

 

Noi vi abbiamo lanciato qualche spunto, adesso la parola a voi: cosa volete chiedere al direttore? Anticipateci qualcosa tra i commenti, ma potrete rivolgere le domande (anzi: dovrete!) direttamente su Facebook durante la diretta. Vi aspettiamo.

Continua a leggere

Flash

MEF Tennis Events e la nuova idea per la ripartenza del tennis italiano

Una serie di tornei da giocare in Italia prima della ripresa del circuito ATP? Caruso e gli altri azzurri: “Sarebbe fantastico”

Pubblicato

il

Salvatore Caruso - Roma 2018 (foto Roberto Dell'Olivo)

Quando ripartirà, il tennis italiano lo farà con MEF Tennis Events. È l’idea di Marcello Marchesini, presidente della società che organizza tornei nazionali ed internazionali da oltre 10 anni, pronto ad organizzare un nuovo circuito. “Vogliamo concedere ai giocatori italiani di alto livello la possibilità di riprendere confidenza con l’agonismo, di rientrare nel ritmo partita prima della ripartenza del circuito ATP. L’idea è dar vita ad un circuito: ogni tappa vedrebbe in campo i migliori giocatori italiani. I tornei andrebbero in scena, ovviamente, in Italia, e avrebbero in palio un montepremi”. Il tutto scatenato da un motto, che Marchesini ripete con determinazione: “Nessun dorma. I tennisti stanno vivendo un periodo estremamente particolare, non riescono ad allenarsi in condizioni ideali e hanno bisogno di disputare match. Vogliamo dare il nostro contributo affinché la loro attività non si affievolisca del tutto, in attesa di poter ricominciare a disputare tornei ATP e Challenger (MEF Tennis Events aveva in calendario 6 Challenger in Italia nel 2020, ndr)”.

Entusiasti di questa idea i giocatori italiani, su tutti Salvatore Caruso: “Mi piace molto, spero davvero che possa prendere vita. Sarei felicissimo di partecipare al circuito di MEF Tennis Events, vorrebbe dire aver superato questa difficilissima fase della nostra vita. Sarebbe una grande occasione per poi farci trovare pronti alla ripartenza del circuito internazionale”. Dello stesso avviso Vincenzo Santopadre, allenatore del numero 8 del mondo Matteo Berrettini: “L’idea di Marcello, che non è nuovo a progetti vincenti, mi sembra molto valida. Sarebbe un’iniziativa perfetta per il periodo in cui i tennisti italiani non avranno ancora la possibilità di giocare all’estero. È importante per loro tornare ad avere un obiettivo agonistico, ritrovare familiarità con i match: sono atleti abituati a competere con grande continuità, che adesso vivono una situazione simile a quella legata agli infortuni. Il circuito di MEF Tennis Events sarebbe un grande stimolo per giocatori e coach”.

Approva con decisione anche Massimo Sartori, storico allenatore di Andreas Seppi attualmente impegnato anche con Marco Cecchinato: Secondo me siamo ancora lontani dalla ripartenza del circuito ATP, e bisogna considerare anche la difficoltà nell’organizzazione di allenamenti adeguati in queste settimane. Sarebbe molto interessante stabilire delle tappe in cui i ragazzi avrebbero la possibilità di confrontarsi, ritrovando le sensazioni della partita. Quella di MEF Tennis Events è un’idea davvero molto positiva, i giocatori saranno contenti di poterne prendere parte. L’idea che convince, da Gianluca Mager a Federico Gaio, passando per Stefano Travaglia e gli altri tennisti italiani che nelle ultime stagioni hanno portato in alto, con onore, l’azzurro nel mondo. E poi i grandi allenatori del momento, Simone Vagnozzi e Flavio Cipolla: tutti d’accordo sul valore dell’idea di MEF Tennis Events. Perché la voglia di tornare in campo è tanta. Nessun dorma.

 

Ufficio stampa circuito MEF Tennis Events

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement