Grande Raonic a Madrid, ora derby contro Shapovalov. Delpo facile

ATP

Grande Raonic a Madrid, ora derby contro Shapovalov. Delpo facile

MADRID – Milos supera con merito Dimitrov in tre set. Denis esce bene dalla sfida con l’imprevedibile Paire. Tsitsipas cede alla distanza a un ottimo Donskoy. Grande Lajovic

Pubblicato

il

dal nostro inviato a Madrid

SHAPO BRILLANTE, TSITSI STANCO – In campo oggi due tra i giovani più promettenti del circuito ATP, Denis Shapovalov e Stefanos Tsitsipas. Il mancino canadese ha affrontato e battuto nell’Estadio 3 Benoit Paire, autore dell’eliminazione della testa di serie numero 15 Pouille. Come nel derby francese, Benoit ha giocato un match condito da tante soluzioni vincenti e spettacolari, ma nei momenti importanti ha commesso errori marchiani e diverse ingenuità tattiche. Il primo set è molto bello, entrambi si affrontano a viso aperto tirando a tutto braccio, come se non si fosse sulla terra battuta, il rovescio è il colpo migliore di tutti e due, ma anche con il dritto – meglio Shapovalov, chiaramente – hanno spinto alla grande. Paire brekka al nono gioco, va a servire per il set sul 5-4, ma si fa raggiungere e portare al tie-break. E nel momento decisivo, sul 5-5, si fa inchiodare da una bella risposta di dritto del canadese su un serve&volley senza senso. Denis ringrazia, spara un lungolinea di rovescio vincente, e incamera il primo parziale.

Nel secondo set, vengono fuori molti dei difetti che il talentuoso Shapovalov deve ancora limare per fare un salto di qualità decisivo, soprattutto la tendenza a esagerare tirando a duecento all’ora sulle righe con l’avversario magari totalmente fuori dal campo dall’altra parte. Ci vuole anche misura e controllo, e attenzione alle percentuali. Benoit sale 5-3 e servizio, regala il controbreak, ma poi viene a sua volta omaggiato da due dritti fuori dell’avversario, 6-4 e si va al terzo. Nel parziale decisivo, Denis riesce a mettere in campo, oltre alle sue predilette pallate a chiudere, anche quel minimo di attenzione strategica che gli permette di brekkare al quinto game, e portarsi il vantaggio fino in fondo, chiudendo il match 6-4. Nel complesso, buonissima prestazione. Attende agli ottavi il vincente tra Raonic e Dimitrov.

 

Nel frattempo, sul campo 6, Stefanos Tsitsipas affrontava il russo Evgeny Donskoy, in una partita che alla fine si è rivelata troppo dura prima tatticamente e alla fine fisicamente. Nel primo set, i turni di servizio di Donskoy sono un festival della palla break concessa e annullata, per 13 volte il giovane greco non riesce a trovare la zampata decisiva, alla fine, alla 14esima occasione, Stefanos chiude 7-5. Ma aver sprecato tante energie e opportunità (il conto finale delle palle break salvate da Donskoy sarà di ben 19 su 20) si rivelerà fatale per lui: continuano i problemi nei game di servizio per Evgeny, ma anche Tsitsipas comincia a scendere di rendimento, rischia anche lui di cedere la battuta in 4 circostanze, e nel nono game arriva il break che consentirà al russo di chiudere 6-4 con la battuta e andare al terzo. Stefanos inizia ad apparire stanco e meno lucido, in diversi momenti perde punti già fatti a causa di scelte sbagliate quali discese a rete con attacchi nell’angolo coperto dall’avversario, un paio di smash non chiusi, tentativi di drop-shot inopportuni. Nel set decisivo i giocatori al servizio comunque tengono bene, ma l’impressione, chiara anche dalla tribuna, è che Tsitsipas faccia sempre più fatica, lo vediamo più volte prendere tempo appoggiato ai teloni per rifiatare. Si arriva al tie-break, ma Donskoy, sempre ordinato e preciso con le sue trame da fondocampo, ha nettamente più benzina in corpo, e non ha difficoltà a chiudere l’incontro. Affronterà Alexander Zverev al secondo turno.

SPETTACOLO LAJOVIC – Un match d’altri tempi, quantomeno stilisticamente, ha fatto divertire moltissimo gli spettatori del campo 3 nel tardo pomeriggio di Madrid. Dusan Lajovic e Richard Gasquet si sono affrontati a viso aperto, tirando tutto, cercando angoli e aperture lungolinea, andando a rete, variando le rotazioni. Un vero e proprio confronto su terra classico, da anni 90, impreziosito da due dei rovesci a una mano migliori del circuito. Il serbo, apparso in formissima fino dal suo esordio vincente contro Karen Khachanov, ha martellato dall’inizio alla fine, ma anche dall’altra parte della rete Richard non è stato da meno. Pochissimi i punti che hanno fatto la differenza, giusta la conclusione al tie break dei due set giocati. Nessuno dei due ha mai strappato il servizio all’avversario, Lajovic non ha nemmeno mai offerto palla break, Gasquet ha annullato un match point con un ace centrale sul 4-5 nel secodo set. 34 vincenti per Dusan, 26 per Richard sono numeri importanti sulla terra battuta. Tie break entrambi vinti, anzi dominati, da Lajovic, con merito, a furia di vincenti da ogni parte del campo, ricordiamo un passante di rovescio tirato praticamente dall’orologio della Rolex, e un dritto in corsa (il set point del primo parziale) che ha fatto venire in mente Sampras. Bravo e basta, considerando anche il Gasquet di alto livello (due set a zero a Berdych nel primo turno) che affrontava. Attende agli ottavi il vincente tra Del Potro e Dzumhur.

DELPO PARTE CON IL PIEDE GIUSTO – Si conclude positivamente il ritorno di Juan Martin del Potro: senza dover spingere sull’acceleratore, ha controllato la partita dall’inizio alla fine, mostrando di non voler fare la comparsa nemmeno a Madrid. Il 29enne argentino non giocava una partita ufficiale da quel 30 marzo in cui a Miami, con la sconfitta in semifinale contro Isner, interruppe la sua magica striscia positiva di 15 vittorie consecutive, corrispondenti ai titoli dell’ATP 500 di Acapulco e del Masters 1000 di Indian Wells. Juan Martin viene accolto dal pubblico madrileno con lo stesso calore che in genere viene riservato a uno spagnolo. Anche lo speaker lo esalta come “uno dei tennisti più spettacolari al mondo”. E dire che Delpo qui, in sei partecipazioni, ha raggiunto solo due semifinali, nel 2009 e nel 2012. Quest’ultima rappresenta tra l’altro l’ultima raggiunta sulla terra dal gigante di Tandil, eppure, secondo molti, il numero 6 del mondo è l’unico credibile ostacolo al quinto titolo di Rafa Nadal nella Caja Magica.

L’esordio a Madrid contro Damir Dzumhur, 32 ATP, era da prendere con le molle per l’argentino: il 25enne bosniaco, prima di sconfiggere ieri Benneteau al primo turno, era reduce da una serie nera di quattro sconfitte. Tuttavia già quattro volte, nelle dodici occasioni che li aveva affrontati, Damir aveva sconfitto top ten e, nell’unico precedente con Del Potro, risalente all’anno scorso a Delray Beach, si era arreso solo al terzo set. Si inizia a palleggiare col tetto del Manolo Santana aperto, ma le brutte previsioni meteo per la serata fanno cambiare idea agli organizzatori: senza che venga interrotto il gioco, si procede a far passare la partita ad essere giocata indoor. Il numero 6 del mondo parte molto forte e in 25 minuti, sovrastando con la sua esplosività Dzumhurr, vola sul 5-1. A quel punto, forse credendo che la pratica relativa al primo set fosse già chiusa, un rilassamento dell’argentino consente al bosniaco di entrare in partita, recuperare un break e, sul 5-3 30-30, arrivare a due punti dal riaprire il parziale. Juan Martin però, con servizio e dritto, evita ogni pericolo e chiude il set in 36 minuti.

Ormai è nata una partita, anche piacevole, grazie alle caratteristiche molto diverse dei due tennisti in campo: da una parte della rete la potenza esplosiva dell’argentino; dall’altra, la capacità di muoversi benissimo nel campo del bosniaco, che con le sue caratteristiche inizia a strappare convinti applausi al pubblico madrileno. Un break dell’argentino nel gioco iniziale del secondo set condiziona l’esito del set: Dzhumur fa vedere perché un paio di mesi fa sia entrato nella top 30 e si accattiva la simpatia della folla, che vorrebbe vedere allungarsi la partita. Tuttavia il servizio e il dritto di Del Potro levano nuovamente le castagne dal fuoco all’argentino, come quando nel secondo game annulla due pericolose palle del controbreak. Il bosniaco arriva ai vantaggi anche nel sesto gioco, ma non ha più vere chances per riaprire l’incontro: anzi, nel corso del nono game annulla un match point con un servizio vincente. Quando, durante lo stesso gioco, arriva una seconda palla match per Del Potro, l’argentino non se la fa scappare, guadagnando così, con un duplice 6-3, dopo 1 ora e 21 minuti di partita, l’accesso agli ottavi. Affronterà un avversario per lui inedito Dusan Lajovic, 95 ATP, oggi vincitore su Gasquet.
(a cura di Ferruccio Roberti)

MILOS FA FUORI GRISHA – Il primo set è equilibrato, con Raonic più votato all’attacco e alle discese a rete anche nei game di risposta, e Dimitrov più manovriero, forte della sua ottima mobilità. Belli diversi scambi con passanti di ottima fattura del bulgaro, e drittoni a chiudere del canadese. Nel quinto game è Grigor a rischiare per primo, annullando tre palle break consecutive. Sul 5 pari ne arrivano altre due e la seconda è quella buona. Milos chiude senza esitare, il 7-5 è meritatissimo, solo 3 i punti persi al servizio in tutto il parziale per lui. L’impressione è che Raonic non tiri la prima palla sempre alla massima potenza possibile, ma scelga diverse volte la precisione, la profondità, e spesso le rotazioni esterne. La tattica sta funzionando alla grande. Nel secondo set, però, un attimo di distrazione, e un buon game in risposta di Dimitrov, gli costano la prima palla break del match, trasformata dal bulgaro che va in vantaggio. Bravo Dimitrov ad annullare due occasioni per l’avversario due game dopo, e a chiudere 6-3. Siamo a un terzo set che per come sono andate le cose finora sta stretto a Milos, onestamente. Nel parziale decisivo, è il canadese a dover salvare una palla break (la seconda affrontata nell’intero match) nel settimo game, ma sul 4-3 è lui a piazzare la zampata decisiva: una risposta incredibile, togliendosi la palla dalla faccia, gli va sulla riga, e due colpi dopo il dritto a chiudere lo manda a servire per il match, 5-3. Un minuto dopo, al primo match-point, il dritto esterno consegna a Raonic gli ottavi di finale contro Shapovalov.

ha collaborato Ferruccio Roberti

Risultati:

Primo turno

R. Haase b. H. Chung 6-2 6-0
F. Verdasco b. P. Lorenzi 7-5 6-4
[11] R. Bautista Agut b. J. Donaldson 6-7(3) 6-4 6-4
B. Coric b. [9] P. Carreno Busta 6-4 6-2
P. Cuevas b. [12] J. Sock 6-7(5) 6-4 6-0
L. Mayer b. [16] F. Fognini 6-3 6-4
R. Harrison b. [WC] G. Garcia-Lopez 6-4 7-6(7)
P. Kohlschreiber b. Y. Sugita 6-4 6-3
A. Ramos-Vinolas b. P. Gojowczyk 5-7 6-2 7-5
K. Edmund b. D. Medvedev 6-4 6-0
[Q] E. Donskoy b. [WC] S. Tsitsipas 5-7 6-4 7-6(3)
J.L. Struff b. [Q] M. Copil 6-4 6-4

Secondo turno

[4] J.M. del Potro b. D. Dzumhur 6-3 6-3
[Q] D. Lajovic b. R. Gasquet 7-6(1) 7-6(1)
D. Shapovalov b. B. Paire 7-6(5) 4-6 6-4
M. Raonic b. [3] G. Dimitrov 7-5 3-6 6-3

Il tabellone maschile 

Continua a leggere
Commenti

ATP

Djokovic non lascia scampo a Schwartzman: vince gli Internazionali di Roma per la quinta volta

Il numero uno del mondo incamera il quinto successo qui a Roma, 36° Masters 1000 della carriera: superato Nadal fermo a quota 35. Schwartzman si batte con onore, ma non basta

Pubblicato

il

Novak Djokovic, con il trofeo - Internazionali d'Italia 2020 (foto Giampiero Sposito)
Questo spazio è sponsorizzato da BMW

[1] N. Djokovic b. [8] D. Schwartzman 7-5 6-3

Novak Djokovic conferma il suo ruolo di favorito superando in due set Diego Schwartzman in una finale lottata al meglio delle sue possibilità dal piccolo argentino, necessariamente meno esplosivo rispetto ai faticosi giorni precedenti ma estremamente solido nel palleggio, soprattutto di rovescio, colpo che il fenomeno di Belgrado è andato particolarmente a stuzzicare. Tante e dagli esiti contrastanti le smorzate di Djokovic, sia per le condizioni del campo appesantito da una leggera pioggia nei primi minuti, sia per verificare il lavoro del fisioterapista di Schwartzman dopo le oltre tre ore in campo la sera precedente.

Nole non si è quindi lasciato sfuggire la possibilità di rifarsi dopo la delusione newyorchese con la prima sconfitta della stagione e ha agguantato il Masters 1000 numero 36, passando così in vantaggio solitario dopo aver condiviso il primato con Rafa Nadal per le tre settimane successive al trofeo di “Cincinnati”; curiosamente, entrambi vantano 115 partecipazioni ai tornei di categoria. Allo stesso modo, sfuma per il momento l’obiettivo di Diego di entrare nell’élite del tennis: da martedì, la top 10 accoglierà invece Denis Shapovalov.

 

L’INIZIO CHE NON TI ASPETTI – Djokovic si presenta alla finale con quello quello che ci si attendeva da lui: ha vinto senza strafare lasciando anche un set al tedesco Koepfer (il laureato in Finanza che, contando questa stagione e la precedente, ha imboccato la strada di un buon risultato all’anno nel Tour), si è infuriato, ha preso un paio di warning, si è infischiato dell’arbitro Forcadell che gli ricordava di indossare la mascherina quando si è allontanato dal campo; lo stesso arbitro che poi lo ha chiamato “Federer” assegnandogli il game.

Sceglie di cominciare con la battuta, che in semifinale l’ha comodamente tolto d’impaccio nelle fasi decisive del primo set contro Ruud, ma la cede nonostante un buon inizio grazie a due scambi divertenti vinti da Schwartzman. Per quanto riguarda l’ultimo ostacolo sulla corsa serba al trofeo, Schwartzman è riuscito nell’impresa di battere Rafa senza perdere set (dal primo Roland Garros conquistato dallo spagnolo nel 2005, è appena il nono tennista a riuscirci) e in quella non certo inferiore di confermarsi al turno successivo nel match più godibile dell’evento romano. Ingolosito dal risultato della prima smorzata sulla quale el Peque non è neanche partito, Nole ci riprova anche perché nello scambio neutro la palla gli ritorna sempre indietro, ma senza fortuna. Infastidito apparentemente da qualsiasi cosa, Djokovic colpisce in modo volontariamente scomposto il rovescio che dà a Schwartzman il 3-0 pesante. Forse dispiaciuto, forse distratto, Diego gli rende la cortesia al gioco successivo facendolo entrare in partita.

Diego Schwartzman – Internazionali di Roma 2020 (foto Giampiero Sposito)

ARRIVA ANCHE NOVAK – Nonostante il 4-0 dei precedenti, le due vittorie sofferte su terra promettevano a favore di una finale, se non incerta quanto a esito, almeno combattuta e, per adesso, le attese non sono deluse. Il n. 1 del mondo lascia per strada qualche punto non da lui, ma il tennista che si trova davanti una rete da pallavolo, almeno secondo un illustre connazionale, perde colpevolmente scambi “quasi vinti” e il sorpasso arriva inesorabile. Quasi sul punto di sparire dal campo, Dieguito torna a tenere la battuta riprendendosi dal parziale negativo e, in risposta, ha l’occasione per tornare avanti; con lo scambio che si allunga pericolosamente oltre i dieci colpi – situazione che avvantaggia l’argentino – Nole ne esce bene con un drop shot. Altrettanto bene fa pochi minuti dopo il ventottenne di Buenos Aires che annulla un set point con il vincente di dritto. Molto male invece quando serve per andare al tie-break: il terzo doppio fallo e due errori non forzati di rovescio (ne aveva sbagliato uno solo fino a quel momento) gli costano il 5-7 dopo un’ora e dieci minuti di fatica durante i quali ha opposto grande solidità commettendo appena 10 gratuiti. Tre dei quali, appunto, nel dodicesimo gioco.

L’EQUILIBRIO È ROTTO – Persa la prima partita estremamente lottata, con un insperato vantaggio in partenza e altre occasioni mancate, lo sfavorito tende a scendere di livello lasciando via libera all’avversario; se, poi, l’avversario in questione non ha mai perso una finale di un Masters 1000 dopo aver incamerato il primo set su 28 volte, la storia sembra già scritta. Diego, però, fattosi fasciare le dita dal fisioterapista, non ha alcuna intenzione di rispettare certi cliché e resta attaccato al match, mentre Novak continua a seminare smorzate dal lato sinistro, alcune vincenti, altre inguardabili da cui sono discesi diversi dei 15 unforced di rovescio del primo parziale.

Con il dritto che fa male (18 vincenti e 7 errori, alla fine), procede un po’ a corrente alternata, Nole, magari va sotto nel punteggio ma rientra senza patemi, quasi per dimostrare all’altro di avere ancora parecchio margine e di poter mettere a segno lo strappo decisivo a proprio piacimento. L’allungo senza possibilità di opposizione arriva sul 4-3, con due errori di Schwartzman e altrettanti vincenti spettacolari di Djokovic che chiude con il servizio al terzo match point, ovviamente con una smorzata dopo un lungo scambio sulla quale Diego arriva bene ma senza la lucidità per tenerla in campo.

È il quinto successo a Roma su dieci finali per Djokovic che, davanti al microfono, chiude la manifestazione in ottimo italiano con i ringraziamenti di rito, mentre la pioggia suggerisce di affrettarsi.

Il tabellone maschile di Roma con tutti i risultati aggiornati

Continua a leggere

ATP

Internazionali di Roma, uno stratosferico Schwartzman elimina Rafa Nadal!

El Peque gioca letteralmente la partita della vita e batte meritatamente un Rafa un po’ impreciso

Pubblicato

il

Diego Schwartzman a Roma 2020 (foto Twitter @InterBNLdItalia)
Questo spazio è sponsorizzato da BMW

Clamoroso a Roma: Diego Schwartzman batte Rafa Nadal, nove volte campione agli Internazionali d’Italia, con il punteggio di 6-2 7-5 in due ore e tre minuti, prendendosi la prima vittoria in carriera sullo spagnolo. L’argentino ha giocato probabilmente il miglior match della carriera, chiudendo a +14 nel rapporto fra vincenti e non forzati e a +18 negli scambi sopra ai cinque colpi, raggiungendo così la seconda semifinale romana consecutiva.

I confronti diretti dicevano 9-0 Nadal (22-2 i set), quindi un pronostico apparentemente chiuso (anche per via del livello espresso da Rafa nei primi due match), ma va detto che alcune sfide erano state decisamente combattute, soprattutto perché Schwartzman ha la risposta e l’anticipo lungolinea di rovescio che Rafa non gradisce, ma allo stesso tempo non è in grado, per limiti fisici evidenti, di giocare in salto sui topponi del maiorchino per lungo tempo (come si vede dalla grafica), finendo alla lunga per perdere campo, senza considerare che El Peque non ha ovviamente modo di vincere troppi punti facili.

 

PRIMO SET – Rafa, come sempre, è sceso in campo con idee molto chiare, nello specifico di muovere l’avversario con il classico gancio mancino (ma anche con il rovescio incrociato in cui è migliorato tantissimo in termini di abilità di salire sulla palla per tagliare l’angolo) e di alzare le traiettorie per impedirgli di mettere i piedi sulla riga di fondo. Schwartzman ha spesso usato il recupero in back per darsi il tempo di tornare verso il centro, per andare lungolinea con il rovescio bimane alla prima occasione e anticipando, se possibile.

La prima opportunità per Nadal è arrivata nel quarto game, quando Schwartzman ha cercato di approfittare della sua posizione profonda ma ha sbagliato la palla corta. La tds N.2 ha però spedito in rete un dritto incrociato non da lui, peraltro non la prima sbavatura con il suo colpo preferito. Altri errori hanno allora propiziato una chance per l’argentino, bravissimo a trovare il dritto in corsa per lo 0-40 e a ritorcere lo slice da sinistra di Rafa contro di lui, infilando il dritto nel campo aperto per il 3-2 e servizio, coronando un parziale di 9-0 e infilando alcune smorzate carezzevoli, come quella che ha preceduto questo muro su una veronica dell’avversario:

Nadal ha avuto la presenza di spirito di provare a cercare soluzioni alternative contro un avversario serafico al cospetto del consueto martellamento sulle diagonali, anche perché in diverse circostanze era lui ad essere buttato fuori su quella di sinistra, uno spettacolo a cui non avremmo mai pensato di assistere), e ha finito per forzare e sbagliare anche per via della penuria di punti diretti con il servizio – otto prime su 21 in campo dopo il 4/5 iniziale. Schwartzman si è procurato una palla per il doppio break su un rovescio sballato, ma Nadal ha tirato fuori una smorzata vincente per cavarsi d’impaccio, ma solo brevemente, perché Dieguito ha letto nel Pleistocene la palla corta e si è procurato una nuova occasione per il 5-2, incamerato su un altro drop shot che ha a malapena raggiunto la rete.

L’ottavo favorito del torneo si è quindi procurato due set point colpendo tre vincenti con i piedi dentro il campo, ma Nadal ha avuto un sussulto d’orgoglio, capitolando però su un altro grande inside-in dell’argentino e su un proprio errore di rovescio – 6-2 in 48 minuti. Momento di puro kleos di Schwartzman, che ha chiuso il set con cinque non forzati (13 i vincenti) e il 73% di punti fatti con la prima.

Rafa Nadal – Internazionali di Roma 2020 (foto Giampiero Sposito)

Quattro o cinque volte avevo sentito di essermi avvicinato a lui in passato, ma oggi ho provato a fare le stesse cose e sono riuscito a capitalizzare su tutte le occasioni che mi ha dato nel primo set“, ha commentato l’argentino sul primo parziale. “Da lì mi sono detto, ‘lui non gioca da sette mesi, devo riuscire a rimanere in partita’, ed ero pronto a provare a vincere anche al terzo, eventualmente“.

SECONDO SET – Se possibile, Schwartzman ha persino alzato il ritmo nel secondo, mulinando i piedini come un Kitchen Aid e salendo a doppia palla break con un vincente di rovescio incrociato, ma Nadal si è salvato con un pallonetto su cui l’avversario ha messo larga la volée dorsale e con un servizio vincente al centro. Interrotta la striscia di game persi, Rafa ha iniziato a colpire con una violenza belluina, salendo a palla break dopo due vincenti lungolinea, eppure Diego è riuscito a rintuzzare la sua spinta con un recupero a rete e un tocco prodigiosi ancorché ansimanti, o forse ancora più impressionanti proprio per questo motivo:

L’argentino non è mai arretrato, anche perché ha giocato la miglior partita della carriera quantomeno con il dritto (ma probabilmente non solo), e si è preso il 30-40 nel quinto gioco su un passante largo di Nadal, la cui prima ancora latitava. Rafa si è allora affidato al grande classico del repertorio mancino, servizio slice e discesa a rete, tenendo anche grazie al primo ace del set. El Peque ha invece continuato a mantenere altissimi livelli d’efficienza con la battuta (65% in campo con realizzazione di 73 e 83 percento nei primi tre turni), e, per quanto paradossale, era fisiologico che l’occasione successiva sarebbe stata depositata sul suo uscio: dritto inside-out largo di Rafa e 30-40, con il Toro di Manacor a cercare di uscire dallo scambio con la più languida delle palle corte, giunta a rete quasi per miracolo – 4-3 e servizio Schwartzman.

Nadal ha quindi mostrato grande umiltà, e si è messo a contenere la spinta dell’avversario, invitandolo a prendersi il match con diverse difese in back e traiettorie alte. Schwartzman ha iniziato a sbagliare un po’ di più e si è trovato subito 15-40, concedendo il contro-break alla seconda occasione finendo lontano dalla riga sui lift dello spagnolo. Al di là dell’effetto sorpresa, però, l’argentino vive di attrito da fondo, e ancora una volta è stato Rafa, sotto nel punteggio, a spazientirsi e sbagliare, venendo breakkato a zero su un banana shot millimetrico al termine di un duello a rete.

Ancora una volta, però, il braccio di Schwartzman ha tremato, mentre Nadal ha tirato fuori il suo più bel punto della settimana proprio al momento del bisogno con una demi-volée smorta appena dopo la rete, contro-breakkando a zero su una palla malgiudicata da Diego.

In un finale senza la minima logica, con tutta l’inerzia del mondo, Nadal si è inerpicato sulla diagonale di sinistra, commettendo due errori di dritto prima di essere passato per il 6-5 Schwartzman. La terza volta è stata quella buona perché, nonostante la solita refrattarietà alla sconfitta, però, l’iberico ha continuato a commettere troppi errori nello scambio, concedendo un match point che l’argentino si è venuto a prendere a rete, lanciando un meritato urlo liberatorio. +14 vincenti/unforced, +18 nei punti sopra cinque colpi.

Le ultime tre settimane sono state pessime per me, pensavo di dover andare ad Amburgo per prendere un po’ di ritmo, e invece…“, ha detto dopo la partita. “Non pensavo di poter vincere perché non stavo giocando bene ma oggi ho trovato il mio miglior livello, ho giocato più o meno come nel nostro match del Roland Garros 2017“.

Due parole anche sull’avversario di domani, un altro mancino come Denis Shapovalov, il cui allenatore Mikhail Youzhny era alla partita: “Io e Denis ci siamo allenati spesso insieme alle Bahamas, è un gran bravo ragazzo e sta giocando bene, non è più un Next Gen visto che ormai vale la Top 10. Sarà dura, ma se gioco come oggi posso batterlo“.

Il tabellone maschile di Roma con tutti i risultati aggiornati

Continua a leggere

ATP

Internazionali di Roma: Djokovic soffre, ma doma Koepfer al terzo

Il numero uno del mondo sbaglia tanto e si innervosisce, ma alla fine riesce a spuntarla. Undicesima semifinale a Roma per lui

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Internazionali d'Italia 2020 (foto Giampiero Sposito)

Una brutta versione di Novak Djokovic fatica, ma riesce a superare in tre set il qualificato Dominik Koepfer. Il serbo ha avuto molti alti e bassi nel corso dell’incontro e ha anche sofferto l’iniziativa del suo avversario che, a sua volta, ha messo in campo una prestazione davvero di alto livello. Chi avesse visto Koepfer oggi per la prima volta si sarebbe stupito di sapere che prima di questa settimana il tedesco non aveva mai vinto un match su terra nel circuito maggiore né tanto meno in un Masters 1000. Probabilmente anche lo stesso Djokovic si è lasciato un po’ sorprendere dall’aggressività di Koepfer, che anche grazie a delle ottime traiettorie strette con il rovescio è riuscito a mettere in difficoltà il dritto di Nole. Alla fine però l’esperienza ha prevalso e Djokovic è riuscito a mettere un freno sia all’esuberanza dell’avversario che al proprio nervosismo.

Nella sua undicesima semifinale romana, Djokovic affronterà Casper Ruud, giustiziere di Matteo Berrettini (nessun precedente tra i due).

IL MATCH – Djokovic parte molto centrato e, dopo circa un quarto d’ora di gioco, è già sul 4-0. La brutta notizia per Koepfer è che non ci sono particolari demeriti da parte sua, anzi il tedesco sta interpretando bene la partita e spesso mantiene l’iniziativa negli scambi, solo che dall’altra parte della rete Nole è in modalità muro invalicabile. A questo punto però nel muro inizia a intravedersi qualche crepa, che lascia così spazio all’iniziativa di Koepfer. Forse un po’ rilassato per l’ampio vantaggio, Djokovic inizia a sbagliare, spesso gestendo gli scambi con sufficienza, e Koepfer ne approfitta per recuperare entrambi i break di svantaggio. Emblematico il settimo gioco nel quale il serbo perde il servizio a zero con tre palle corte rivedibili e uno scarico rovescio in rete e 4-3. Da qualche parte nella testa di Djokovic probabilmente risuona un campanello d’allarme: il serbo rimette insieme i pezzi del suo tennis quel tanto che basta per strappare ancora la battuta all’avversario, chiudendo 6-3 dopo 39 minuti.

 

Nonostante la non esaltante prestazione, Nole scappa subito avanti di un break nel secondo set e la partita sembra definitivamente incanalata quando il serbo si procura due consecutive palle del 3-0. Koepfer però non ci sta ad arrendersi e si salva. Non solo: gli scambi infatti si fanno via via sempre più combattuti con Djokovic inizia ad accusare un po’ la pressione del tedesco. Qualche errore di troppo, soprattutto col dritto, lo condanna a perdere il servizio nel sesto gioco. Il numero uno del mondo sfoga tutta la sua frustrazione scagliando a terra e distruggendo la propria racchetta, ricevendo il meritato e inevitabile warning. Il match è davvero combattuto ora con Koepfer che spesso e volentieri riesce ad avere la meglio sulla diagonale destra, quella che vede il suo rovescio opposto al dritto di Nole. Un paio di erroracci nel nono gioco rischiano però di compromettere quanto di buono fatto finora dal tedesco, che però annulla tutte e tre le palle break concesse e sposta tutta la pressione su Djokovic. Due gratuiti del serbo (il 27esimo e 28esimo della partita) regalano il set a Koepfer: 6-4.

Nel primo game del terzo set, Djokovic manca altre quattro palle break (4/18 il tasso di conversione a questo punto del match), ma riesce poi a strappare la battuta all’avversario nel terzo. Il serbo a questo punto inizia quasi a disinteressarsi dei turni di risposta per concentrarsi al massimo al servizio. Koepfer corre in lungo e in largo, ce la mette tutta, ma si vede che sente la fatica. La stanchezza si manifesta tutta nel nono gioco e Nole, da campione qual è, attacca, sentendo il momento. Il primo match point è cancellato da un ottimo serve&volley di Koepfer, che però sul secondo deve alzare bandiera bianca.

Il tabellone maschile di Roma con tutti i risultati aggiornati

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement