Madrid, il programma del day 6: Nadal a caccia di McEnroe

Flash

Madrid, il programma del day 6: Nadal a caccia di McEnroe

Rafa contro Schwartzman alle 20: nel mirino il record assoluto di set consecutivi vinti in Era Open. Prima di lui Halep-Pliskova e Delpo. Occhio a Shapovalov-Raonic

Pubblicato

il

Il tabellone maschile – Il tabellone femminile

Spazio agli ottavi di finale maschili e ai quarti femminili nel day 6 di Madrid, con i match distribuiti su tre campi. Sul Manolo Santana il tifo nel match d’apertura sarà per Carla Suarez Navarro contro Caroline Garcia (la francese ha vinto l’unico precedente). A seguire l’interessante incrocio tra Simona Halep e Karolina Pliskova: la rumena, numero uno del mondo in carica – e lo rimarrà anche la prossima settimana, in seguito alla sconfitta subita ieri da Caroline Wozniacki contro Kiki Bertens -, ha avuto la meglio sei volte su sette (l’ultima a Melbourne a gennaio) e parte favorita anche in questo caso.

La sfida inedita tra del Potro e Lajovic chiude il pomeriggio e fa da aperitivo alla prima serata, dove a prendersi la scena del centrale sarà Rafa Nadal contro Diego Schwartzman (4-0, nemmeno a dirlo, nel testa a testa). Difficile immaginare come si possa arrestare la serie di 48 set consecutivi vinti dal maiorchino, che ha oggi la possibilità di superare il record storico di parziali vinti di fila da un tennista professionista su una singola supercifie. Già in serata potrà avvenire il sorpasso a John McEnroe, che si fermò a 49 (su carpet) nel 1984, compresi i dieci che gli servirono per vincere il titolo del Madrid Indoor Open. Il numero 1 del mondo è inoltre l’unico tennista di casa rimasto in tabellone, record negativo agli ottavi di finale del Mutua Madrid Open in 17 anni di storia. 

 

A chiudere il programma del campo centrale saranno Petra Kvitova e Daria Kasatkina (non prima delle 21.30), che si affronteranno per la prima volta in carriera in un match da non perdere. Sull’Arantxa Sanchez apre invece Goffin contro Edmund (il belga ha vinto l’unico precedente, giocato nella finale di Coppa Davis del 2015, poi vinta dalla Gran Bretagna), mentre intorno alle 14 merita la giusta attenzione l’inedito derby canadese tra Shapovalov e Raonic. Altrettanto inedito l’ostacolo Kiki Bertens per Maria Sharapova (terzo match, alle 15.30). Occhi puntati anche su Sascha Zverev che in serata trova per la prima volta in carriera Leonardo Mayer, oltre che sul campo 3 dove il finalista uscente Dominic Thiem (l’ultimo giocatore capace di strappare un set a Nadal su terra, battendolo lo scorso anno nei quarti di Roma per 6-4 6-3) ritroverà Coric: un anno fa, su questa terra veloce, gli ha lasciato appena cinque game. Ultimo due incontri di giornata, entrambi sull’Estadio 3, Kohlschreiber-Anderson (il sudafricano ha vinto i due precedenti) e l’inedita sfida tra John Isner e Pablo Cuevas.

Il programma completo

Manolo Santanaore 12
[7] C. Garcia vs C. Suarez Navarro
Non prima delle 14
[1] S. Halep vs [6] Ka. Pliskova
[4] J.M. del Potro vs [Q] D. Lajovic
Non prima delle 20
[1] R. Nadal vs [13] D. Schwartzman
Non prima delle 21.30
[10] P. Kvitova vs [14] D. Kasatkina

Arantxa Sanchezore 12
[8] D. Goffin vs K. Edmund
Non prima delle 14
D. Shapovalov vs M. Raonic
Non prima delle 15.30
M. Sharapova vs K. Bertens
L. Mayer vs [2] A. Zverev

Estadio 3ore 12
[1] E. Makarova/E. Vesnina vs A. Rosolska/A. Spears
[6] K. Anderson vs P. Kohlschreiber
B. Coric vs [5] D. Thiem
[7] J. Isner vs P. Cuevas

Continua a leggere
Commenti

Australian Open

Adesso è ufficiale: obbligo vaccinale per partecipare all’Australian Open 2022

A dichiararlo è stato Daniel Andrews governatore dello stato del Victoria. Tsitsipas, Rublev e Thiem si vaccineranno, mentre è in dubbio la presenza di Djokovic

Pubblicato

il

Australian Open 2021 (via Twitter, @AustralianOpen)

Tanto tuonò che piovve. Lo stato australiano del Victoria non concederà deroghe o permetterà accordi speciali ad atleti non vaccinati per consentire loro di competere in eventi importanti. Lo ha dichiarato il premier dello stato Daniel Andrews, mettendo così in serio dubbio la difesa del titolo dell’Australian Open da parte di Novak Djokovic (che nei giorni scorsi si era espresso così tema dichiarando che non rivelerà il suo status vaccinale e che non ha ancora deciso se volare a Melbourne o meno) e di conseguenza la possibilità di riprovare a competere per il Grande Slam.

“Sulla questione della vaccinazione, abbiamo deciso di adottare la linea dura e coerente dello stato”, ha detto a un briefing con i media. “(Al virus) non importa quale sia la tua classifica tennistica o quanti Slam hai vinto. È completamente irrilevante. Devi essere vaccinato per proteggerti e per proteggere gli altri”.

Tennis Australia, che organizza il Grande Slam, ha rifiutato di commentare.

 

Lo stato del Victoria, che nelle prossime settimane dovrebbe uscire da un blocco di quasi tre mesi, ha dunque equiparato gli atleti professionisti agli altri milioni di “lavoratori autorizzati. Lo sport professionale non è un mondo a parte e quindi come tutti gli altri devono essere autorizzati e devono essere vaccinati con doppia dose”, ha affermato in conclusione Andrews.

Una notizia che non può cogliere di sorpresa nessuno, tennisti e addetti ai lavori in primis, tant’è che nei giorni scorsi stelle del circuito come Andrey Rublev, Dominic Thiem e Stefanos Tsitsipas hanno dichiarato che procederanno a ricevere l’inoculazione durante la off-season per non mancare l’appuntamento Down Under. Allo stesso tempo, però, qualche opacità legislativa era rimasta, tant’è che nei giorni scorsi Djokovic aveva dichiarato: “Se ho capito bene, il governo e Tennis Australia prenderanno le decisioni definitive tra due settimane. Quest’anno ci sono state tante restrizioni e so che Tennis Australia sta tentando di migliorare le condizioni di tutti i giocatori, vaccinati e non”.

Questa regola invece non lascia spazio a troppi dubbi interpretativi, e rappresenta una prima volta che potrebbe lasciare il proprio segno sulla storia del tennis, visto che attualmente (ancorché in via ufficiosa) si stima una percentuale di vaccinati del 50% circa fra i tennisti, anche se l’ATP e la WTA hanno riportato cifre superiori, rispettivamente del 65% e 60% circa.

In questo momento, pertanto, è possibile che l’Australian Open 2022 si disputi con un parco giocatori a dir poco rimaneggiato.   

Continua a leggere

Flash

Il primo capitolo ufficiale della saga Sinner-Musetti

Dopo la prefazione delle pre quali di Roma del 2019, i due si ritroveranno di fronte per la prima volta nel circuito ATP, al secondo turno di Anversa

Pubblicato

il

Jannik Sinner e Lorenzo Musetti - Roma 2019, pre quali (foto Felice Calabrò)

È arrivato quel giorno, il giorno in cui i due golden boy del tennis italiano si ritroveranno uno di fronte all’altro per la prima volta nel circuito maggiore dell’ATP. È vero, tra Lorenzo Musetti e Jannik Sinner c’è già stato un precedente, nelle pre quali di Roma nel 2019: a vincere quella volta fu Sinner che si impose per 6-7(5) 7-6(6) 6-3 in un match che vide nell’intensità degli scambi e nella durata dello stesso (2h e 39 minuti) quasi un presagio su quello che era, ai tempi, considerato un antipasto di sfide più importanti e su ciò che sarebbe stata la carriera dei due. Musetti ebbe un paio di matchpoint.

Il palcoscenico di questo primo incontro forse non sarà dei più prestigiosi; il secondo turno ad Anversa, un 250, non è sicuramente il teatro dei sogni, ma è comunque significativo sia per i due contendenti, sia – scontato ma da ribadire – per il tennis italiano.

La partita, che si giocherà oggi (non prima delle 18:30, diretta su Supertennis), ha nel veloce indoor forse un punto che pare favorire nel pronostico, al di là del diverso ranking, le caratterostiche tecniche dell’altoatesino, fresco vincitore di Sofia e favorito numero uno del torneo. C’è da dire però che ieri Musetti ha iniziato molto bene il proprio torneo, battendo al primo turno in un altro derby, Gianluca Mager per 7-6(2) 7-6(3) al termine di quasi due ore di match. Ma scendendo nel dettaglio vediamo quali sono i temi della sfida di oggi.

 

In primis, va sottolineato il fatto che entrambi siano alla ricerca di punti importanti: se per Sinner in palio c’è il Masters di fine anno di Torino, per Musetti l’obiettivo è quello di centrare la qualificazione alle ISP Next Gen Finals di Milano per le quali Jannik è già qualificato ed è ancora campione in carica, non essendosi disputato il torneo nel 2020. Praticamente coetanei (19 anni Musetti, 20 Sinner), i due ragazzi incarnano alla perfezione due modi diversi di intendere il tennis e due carriere assai eterogenee.

Se Musetti ha avuto un percorso da junior molto più luccicante, raggiungendo anche la finale dell’ US Open, Sinner ha nella sostanza bypassato la gavetta da junior per presentarsi, de facto, sul palcoscenico del tennis dei grandi compiendo una scalata nel ranking ATP che ha pochi, pochissimi precedenti. Tali da consentirgli di mettere nella propria bacheca ben quattro titoli ATP, tre di questi conquistati quest’anno a Melbourne, Washington e Sofia. Non male per un giovanotto che fino a qualche anno fa sembrava una promessa dello sci azzurro, fulminato poi sulla via del tennis.

Jannik Sinner – 2021 US Open (Darren Carroll/USTA)

Più lenta e altalenante la scalata di Musetti alla classifica, che lo vede oggi attestato sulla 69esima posizione e che ha avuto in un caldo pomeriggio di maggio il riassunto del proprio tennis. Sì, stiamo parlando proprio della partita con Novak Djokovic a Parigi. Ricordate? Avanti 2-0, riuscì a far girare la testa (e non solo…) al numero 1 al mondo, salvo poi crollare – forse prima mentalmente e poi fisicamente – ma dimostrando a tutti e anche a se stesso di potersela giocare con tutti.

Ecco, la differenza sostanziale tra i due giocatori azzurri sta proprio qui: Sinner è un giocatore tecnicamente e mentalmente più pronto a questi palcoscenici e questi ritmi, Musetti invece, seppur forse dotato secondo chi scrive di una varietà di colpi maggiore, ha ancora troppi passaggi a vuoto. Troppi per non subirne gli effetti nei risultati e dunque nella classifica. Eppure però, proprio per questi motivi, forse il tennista toscano potrebbe avere margini di crescita ancora maggiori rispetto a Jannik… Il gap c’è, oggi come oggi. Il modo di colmarlo spetta a coach Tartarini e al suo allievo.

Di sicuro possiamo dire che in prospettiva coppa Davis, manifestazione romantica e dal sapore quasi nostalgico per un tennis che sembra andare in tutt’altra direzione, questi due giovanotti possono rappresentare il futuro del nostro tennis. Per almeno un decennio dovrebbero quasi certamente esserne protagonisti. Chissà quante sfide tra i due racconteremo e chissà quante emozioni sapranno regalarci. Oggi iniziamo, dopo il prologo delle pre- quali di Roma, a scrivere il primo capitolo di un libro che non vediamo l’ora di leggere.

Lorenzo Musetti – Roland Garros 2021 (via Twitter, @atptour)

Dimenticavamo, a proposito di… ore: sono entrambi testimonial Rolex (Musetti & Sinner), brand che di solito sulla scelta dei propri ambassador sbaglia raramente. Valore aggiunto (apprezzato per entrambi… anche da Intesa Sanpaolo che recentemente ha abbinato i due giovani italiani nelle sue campagne advertising).

Continua a leggere

Flash

ATP Anversa, Murray show. Batte Tiafoe in 3 ore e 45’: “Mai giocato un match così”

Lo scozzese passa al secondo turno dopo una battaglia vera: è stato il match più lungo del 2021 al meglio dei tre set

Pubblicato

il

Andy Murray - ATP Antwerp 2021 (via Twitter, @EuroTennisOpen)

Sarà proibitivo (forse) tornare ai livelli di un tempo, ma Andy Murray di partita in partita e di torneo in torneo sta confermando i suoi progressi in quanto a resistenza fisica e capacità di giocare ad alti livelli per tempi lunghi, nonostante i 34 anni suonati e l’anca di metallo. Lo scozzese nel primo turno dello European Open di Anversa ha superato l’americano Frances Tiafoe in una clamorosa battaglia: 7-6(2), 6-7(7), 7-6(8). E quando Murray ha trasformato il secondo match point con una smorzata vincente di rovescio l’orologio segnava 3 ore e 45 minuti, durata che fa di questo match il più lungo giocato nel 2021 al meglio dei tre set. Superata di una manciata di minuti la finale di Barcellona tra Nadal e Tsitsipas, che durò 3 ore e 38 minuti. Bellissimo l’abbraccio finale tra i due contendenti:

“Penso sia la prima volta nella mia carriera che ho giocato un match con tre tie break – ha detto Murray nell’intervista in campo subito dopo la vittoria -. Sono stanco, ma è stata una battaglia incredibile, non ho mai giocato una partita così. Ovviamente il mio corpo è usurato, ho giocato tantissimi match sul circuito; non mi dispiace giocare partite lunghe, ma questa è stata un’altra cosa. Soprattutto è fantastico poter giocare ancora di fronte al pubblico, fantastica atmosfera”.

 

Contro Tiafoe, Murray ha sofferto le pene dell’inferno: basti pensare che l’americano era andato a servire due volte per il primo set, era avanti di un break nel terzo e ha avuto due match point nel tie-break decisivo, annullati da Andy con due servizi vincenti. Proprio la battuta è stata l’arma che ha permesso all’ex numero uno del mondo di rimanere sempre a contatto col suo avversario: ha fatto registrare 21 aces, salvando sette palle break su dieci.

Murray, che ad Anversa vinse il torneo nel 2019 appena dopo la sua più recente operazione all’anca, era stato sconfitto da Tiafoe a Winston-Salem quest’estate. Da allora ha perso solo da avversari nei primi dieci della classifica mondiale, eccezion fatta per il passo falso nel Challenger di Rennes a settembre dove perse dal russo Roman Safiullin. Anversa è inoltre il quinto torneo consecutivo in cui Murray vince almeno una partita (l’ultima sconfitta al primo turno è stata allo US Open contro Tsitsipas). Al secondo turno in Belgio lo attende un’altra battaglia, quella contro la seconda testa di serie Diego Schwartzman. Andy avrà 48 ore di tempo per recuperare, essendo il match in programma giovedì: vedremo se gli effetti di questa maratona si faranno sentire, ma una cosa è certa. Lo scozzese è tornato a livelli competitivi e per il circuito è una bella notizia.  

Per quanto riguarda gli altri risultati, da segnalare – oltre alla vittoria di Musetti su Mager – anche i successi di Brooksby nel derby americano contro Opelka (6-4 6-4) e dell’altro sorprendente NextGen americano Nakashima contro il più quotato De Minaur (6-4 6-0). Dritto al secondo turno anche il sudafricano Harris, che ha superato con un 7-6 6-3 il giocatore locale Bergs.

Il tabellone completo

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement