Wimbledon, le sorprese non finiscono mai

Wimbledon

Wimbledon, le sorprese non finiscono mai

Ai Championships cade anche la testa di serie numero 1 Simona Halep, lasciando ancora in gara una sola Top 10: Karolina Pliskova

Pubblicato

il

 

Sembrava che dopo i primi cinque giorni di torneo avessimo ormai assistito a tutte le sorprese possibili. E invece il Day 6 di Wimbledon non ha voluto essere da meno dei precedenti: addirittura eliminata la testa di serie numero 1, Simona Halep. E così sono bastati tre turni per cancellare l’intero vertice del tennis femminile. Con una eccezione: sola Top 10 sopravvissuta, la numero 7 Karolina Pliskova. Proprio Pliskova, cioè la giocatrice più bistrattata per essere arrivata a 26 anni senza essere mai riuscita a vincere due partite di fila nel tabellone principale dei Championships. Quest’anno non solo ha sfatato la maledizione dei prati londinesi, ma si è rivelata la più affidabile fra le Top 10. È vero, ha rischiato contro Buzarnescu (a due punti dalla sconfitta nel secondo set), ma poi ha raddrizzato la situazione e nel lunedì degli ottavi lei ci sarà.

Sapete quale era considerato dai bookmaker il match con l’esito più scontato del Day 6? Quello con lo scarto maggiore nelle quote? Proprio quello di Simona Halep contro Hsieh Su-Wei (1,14 a 5,50). Però quando c’è di mezzo la tennista di Taiwan, soprattutto nella versione del 2018, qualche cautela in più non è superflua. Non voglio dire che mi aspettassi la sua vittoria, ma quando Hsieh è in giornata viene quasi spontaneo pensare al possibile “upset”. Già agli Australian Open 2018 era stata protagonista di un torneo straordinario, nel quale aveva sconfitto Muguruza, Radwanska prima di arrivare a un solo game dalla vittoria contro Kerber.

Riporto quello che avevo scritto allora su di lei: “Il tennis che ha messo in mostra a Melbourne non è solo complesso e imprevedibile: sembra quasi diabolico. Diabolico e geniale. C’è tanta creatività, ma anche una punta di malvagità nel modo di “scherzare” avversarie di grande nome, mandandole in bambola a vagabondare per il campo, a rincorrere soluzioni basate su tempi di gioco continuamente variati, e su posizionamenti di una precisione chirurgica”. E anche se a Wimbledon non era più una sorpresa, Hsieh rimarrà sempre una giocatrice a sé stante, impossibile da normalizzare. Una giocatrice che pratica un tennis con swing del tutto personali, e questo le permette di ricavare parabole con un altissimo grado di illeggibilità. Per una analisi della parte tecnica del suo modo di colpire, che è davvero speciale, rimando a QUESTO articolo.

Contro Simona Halep (3-6, 6-4, 7-5) rispetto alle partite australiane Hsieh ha fatto ricorso a una maggiore capacità difensiva, accettando anche scambi di sacrificio, in cui si è affidata al contenimento in attesa di trovare il momento o lo spiraglio giusto per ribaltare la situazione. Ad esempio sullo 0-30 nel game conclusivo, Hsieh ha condotto in difesa quasi tutto uno scambio da 21 colpi, salvo poi improvvisamente ribaltare la situazione con un rovescio lungolinea imprendibile.

Dopo la sconfitta, in conferenza stampa Halep ha detto di sentirsi stanca. Ma di una stanchezza particolare: non per la partita appena giocata, ma per l’accumulo degli sforzi compiuti in  stagione. È tornata sulle fatiche di Melbourne (dove aveva perso in finale da Wozniacki) descrivendole come un grande impegno fisico e mentale, e mentre ne parlava dava realmente l’impressione di non averle del tutto superate: ”Anche se è stato tempo fa, circa cinque mesi fa, tutta la pressione, tutta la tensione sono ancora nel mio corpo”. (Versione originale: “Even if it’s long time ago, like five months ago, still all the pressure, all the tension is in my body”).

In più, ovviamente, ha ricordato il recente Roland Garros. Ma una giocatrice che si porta dietro il peso dei grandi tornei passati non può che trovarsi in una situazione di particolare difficoltà contro Hsieh. Perché contro Su-Wei non si può usare il “pilota automatico”, non è possibile basarsi sugli aspetti di routine del gioco. Lei li scardina tutti, e questo obbliga a un sovrappiù di applicazione mentale e fisica che Simona non era pronta a offrire. Certo, Halep nel terzo set era arrivata a un passo dal successo: prima conducendo 5-2 e poi perfino al match point sul 5-4. Ma in quel momento Hsieh ha estratto dal cilindro un rovescio lungolinea atterrato a pochi centimetri dalla riga, ha rimesso tutto in gioco e in questo modo ha portato oltre i limiti di tenuta la numero uno del mondo. Che ha detto ai giornalisti: “Ho proprio bisogno di una vacanza”.

Avversaria di Hsieh sarà Dominika Cibulkova, che ha sconfitto 6-2, 6-2 Elise Mertens. Un risultato secondo me abbastanza prevedibile: se Cibulkova era stata capace di sconfiggere il tennis solido ma non troppo creativo di Konta, pensavo sarebbe riuscita a fare lo stesso anche con Elise Mertens, che non vedo molto distante da Johanna come stile di gioco. E così Cibulkova continua la sua personale “vendetta” contro chi l’ha esclusa dalle teste di serie. Ogni volta che vince me la immagino che pensa: “Volevate farmi fuori? Mi avete cacciato dalle prime 32? E adesso mi ritrovate fra le prime 16”. E considerando la grinta e il carattere di Dominika non penso che le mie siano fantasie campate in aria.

a pagina 2: i timori di Barty, la delusione di Osaka, l’esperienza di Kerber

Pagine: 1 2

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Perché credo che questo Sinner batterà questo incerto Djokovic. Ma non al quinto set

Editoriali del Direttore4 settimane fa

Australian Open: Sabalenka regina quasi scontata. Bolelli Vavassori in vista Slam. E diritti tv: Sky, Supertennis, FITP: la negoziazione langue

ATP4 settimane fa

La storia del tennis italiano chiama a sé Sinner, da De Stefani a Berrettini passando per le vittorie di Pietrangeli, Panatta, Schiavone e Pennetta

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Jannik Sinner è molto più calmo di tutti quelli che oggi lo osannano. Un anno fa era il tennista dei… senza

Senza categoria4 settimane fa

Australian Open LIVE: Sinner in semifinale, nemmeno Rublev riesce a strappargli un set!

Novak Djokovic - Australian Open 2024 (X @AustralianOpen)
Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Djokovic: “Sono scioccato, uno dei miei peggiori match di sempre”

Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Sinner tranquillizza tutti: “L’addome? Nulla di che”. Contro Djokovic alle 4.30 italiane

Australian Open4 settimane fa

Australian Open: Sinner batte Rublev e vola in semifinale con Djokovic senza aver perso un set [VIDEO]

Editoriali del Direttore3 settimane fa

Jannik Sinner non è un patriota per cui tifare perché non paga le tasse in Italia? Non sono d’accordo con Aldo Cazzullo e Massimo Gramellini

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – La grande attesa per i duellanti dai tanti punti in comune Djokovic e Sinner. Vinca il migliore? “Sperem de no”

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement