US Open: parole, parole, parole. Tsitsipas: “Chi vincerà il torneo? Credo Nadal”

NEW YORK - Direttamente dalle sale stampa di Flushing Meadows le frasi più curiose dei protagonisti: la maglietta di Cornet, i capelli di Raonic e il deserto di Tsitsipas

US Open: parole, parole, parole. Tsitsipas: “Chi vincerà il torneo? Credo Nadal”
Stefanos Tsitsipas - US Open 2018 (foto via Twitter, @usopen)

da New York, la nostra inviata

Alize Cornet (1):Non mi era mai capitato prima di dover togliere la maglietta in campo perché di solito, ovviamente, indosso i vestiti dal lato corretto”.

 

Maria Sharapova:Ci sono voluti 15 anni, ma alla fine sono riuscita a fare una palla corta a Patty Schnyder e vincere il punto”.

Victoria Azarenka:Tutti sono fan del bagno nel ghiaccio. Io lo odio. Quindi non ne farò uno” (sorride).

Sloane Stephens:Normalmente non cambio mai il vestito durante la partita, credo di non averlo mai fatto durante tutto l’anno. Oggi l’ho cambiato tre volte. Questo vi fa capire quanto fosse caldo lì fuori”.

Alize Cornet (2):Ci sono alcune persone, come il presidente della mia Federazione, che vivono in un altro mondo. Quello che Bernard Giudicelli ha detto sulla tuta di Serena è diecimila volte peggio di ciò che è accaduto a me ieri, perché lui è il presidente della Federazione francese e perché non avrebbe dovuto farlo!”.

Milos Raonic:Nessuno scrive più nulla sull’account Twitter dedicato ai miei capelli? Forse colui che l’ha creato è in ferie. Non lo so. Potrebbero esserci molteplici fattori. Presto sarà il Labor Day”.

Stefanos Tsitsipas:Non c’era aria. Era come giocare nel deserto. Non so se il deserto sia così umido. Credo che chi riuscirà a vincere il torneo sarà colui che mentalmente sarà preparato a partite lunghe, al caldo e a superare le difficoltà create dalla temperatura. Ecco quel ragazzo vincerà. Io credo possa essere Nadal. Lui ha giocato bene lo scorso anno, quindi credo possa fare lo stesso quest’anno”.

Elina Svitolina:Cerco sempre di vedere match come quelli tra le due sorelle Williams, perché mi danno una motivazione extra per continuare a lavorare duramente e raggiungere i miei obiettivi. Serena è un esempio per il suo ritorno dopo la maternità e Venus un esempio per aver giocato per tutta la carriera a così alto livello”.

Taylor Fritz:Allora sì, io ho giocato a calcio, ho giocato a baseball, a basket. Ho giocato a lacrosse, a football americano. Si basta, penso sia tutto”.

CATEGORIE
TAG
Condividi