US Open: parole, parole, parole. A Nadal piace questo trofeo

Interviste

US Open: parole, parole, parole. A Nadal piace questo trofeo

NEW YORK – Direttamente dalle sale stampa di Flushing Meadows le frasi più curiose dei protagonisti: i ricordi di Thiem, i trofei di Rafa e le emozioni di Sharapova

Pubblicato

il

da New York, la nostra inviata

Dominic Thiem: “Il mio primo ricordo di Nadal penso sia stato quando ha battuto Roger al Roland Garros nel 2005. Avevo 11 anni allora. In realtà non credevo che un giorno avrei giocato contro di lui, ma è molto bello che sia successo” (sorride).

 

Rafael Nadal: “Il trofeo dell’US Open non è molto, molto pesante. È una buona cosa. Un’altra cosa buona è che quando si vince questo torneo, il trofeo che si porta a casa è la copia esatta di quello originale. Gli altri tornei, in particolare gli Slam, fanno una copia, ma molto più piccola”.

Sloane Stephens“È ancora strano per me parlare del fatto che sono campionessa degli US Open. Non lo dico mai ad alta voce. Ma quando sei in una situazione in cui devi spiegarti con delle persone devi dirlo. Ed è comunque un po’ strano”.

Serena Williams: “Forse se avessi avuto due figli in una sola volta sarebbe stato tutto diverso. Probabilmente non mi sarei ancora ripresa! Ho ovviamente pensato di avere altri figli, e se Dio vuole accadrà. Penso che tutto succederà a suo tempo”.

Kevin Anderson: “Capisco che mettano a giocare sull’Ashe le superstar del nostro sport. Hanno un sacco di gente che vuole vederli.  Ho bisogno di vincere un paio di tornei in più per riuscire a guadagnarmi il centrale”.

Sloane Stephens (2)“Il trofeo? Chi se ne importa del trofeo. L’ho visto giusto un paio di volte, è nella sala da pranzo di casa dei miei nonni. Lo fanno vedere a tutti i loro amici”.

Maria Sharapova: “Non mi ricordo quanti anni avevo quando ho giocato la mia prima partita nella sessione serale, ma sono sicura che ero abbastanza giovane per essere intimiditi dalla città, dalle luci, dall’atmosfera, e dal rumore. Ma ho davvero superato questo. Adoro l’atmosfera. Il pubblico migliore penso sia stato quando ho giocato qui contro Kim Clijsters (semifinale 2005 ndr). Ho perso quella partita, ma mi ricordo ancora il sostegno della folla. Non giocai il mio miglior tennis, ma è stato uno dei momenti in carriera in cui ho sentito maggiormente il sostegno degli spettatori. Adoro giocare sotto le luci per queste ragioni. Mi piace la sfida”.

Serena Williams (2): “Sono sorpresa che la mia voglia di competere e di vincere non sia minimamente diminuita né con il passare del tempo né con la maternità”.

Juan Martin del Potro“I ragazzi seduti nei palchetti vip sono miei amici di Tandil, li conosco da oltre vent’anni… Non hanno niente da fare, così si esercitano a farmi i cori”.

Sloane Stephens (3): “Quando devo colpire le palline da regalare al pubblico alla fine dell’incontro cerco sempre di spedirle il più in alto possibile. Anche quelle persone lì in alto pagano per vederci, dobbiamo mostrare loro il nostro affetto. Sembrano formichine da quaggiù, il minimo che possiamo fare è cercare di farli tornare a casa con una pallina”.

Karolina Pliskova: “Nel mio giorno libero ho fatto un po’ di shopping.  Non sono ancora andata a nessuna mostra o spettacolo. Forse ho intenzione di andare a teatro stasera o domani, perché anche domani sono libera. Ma non faccio niente di veramente speciale.  Niente di eccezionale. Semplicemente mi godo la città. Sono felice di essere ancora in corsa”.

Rafael Nadal (2): “Certo Serena è probabilmente la giocatrice più forte che abbia mai visto su un campo da tennis nel tour femminile. Quando ero un bambino però mi piaceva molto Steffi Graf. Entrambe sono grandiose”.

Anastasija Sevastova: “A New York adoro il negozio di M&M! Ma non ho molto tempo libero, gioco anche il doppio. Ieri ho giocato due ore e mezza, domani gioco ancora. In pratica mi siedo qui e aspetto che sia ora di giocare”.

Continua a leggere
Commenti

Interviste

Djokovic: “Subire quattro break di fila? Mai successo!”

Inizio stentato per il n.1 Novak Djokovic. “Sono arrugginito e non ho avuto un avversario facile”. Prossimo turno contro Fritz o Schwartzman

Pubblicato

il

Novak Djokovic al Rolex Monte-Carlo Masters (foto Dailymotion)

Hai spiegato, dopo la partita, di aver commesso alcuni errori gratuiti, ma c’è qualche cosa di positivo che puoi portare a casa, considerando il modo in cui sei risalito partendo da una situazione difficile?
Beh, la cosa positiva di oggi, sai, è stata il modo in cui ho tenuto duro lottando e rimanendo attaccato alla partita, cercando di tenere il mio servizio e garantendomi un break in apertura del terzo set. Ho perso il servizio penso quattro volte di fila nel secondo set, e penso che non mi sia mai successo. Non sono un big server, ma ad ogni modo è parecchio [frustrante]. Sai, ho avuto alti e bassi e in qualche modo mi sono sentito un po’ arrugginito, in campo. Sicuramente ho avuto un avversario non facile. Philipp mi ha battuto a Indian Wells, poco meno di un mese fa, è stato comunque un pensiero che mi ha condizionato. Ho pensato che avrei dovuto alzare un po’ il ritmo e giocare più aggressivo nel secondo set, ma devo dargli credito di aver variato molto il suo passo, e di aver giocato bene. Devo prendere questa vittoria [per quello che è]. Sperabilmente, giocherò meglio nel prossimo round, poiché devo necessariamente alzare il mio livello di gioco, se voglio andare in fondo a questo torneo.

Hai avuto un sorteggio difficile in questo torneo, in teoria, se tutti i match dovessero andare come ci si aspetta. Pensi che sia meglio affinare le tue armi fin dall’inizio contro questa tipologia di giocatori di alto livello, oppure avresti preferito un tabellone più morbido all’inizio? Cosa è meglio per te?
Sai, in un certo senso è meglio aver dovuto battagliare per due ore e mezzo in campo nel primo match della stagione su terra rossa. È una superficie che richiede parecchio dispendio fisico. Anche dal punto di vista tecnico devi costruire il punto [in maniera diversa], essere più paziente, colpire usando più spin, il che non mi viene molto naturale, soprattutto sul lato del rovescio. Preferisco colpire la pala in anticipo, magari senza darle rotazione. Quindi, queste sono le cose su cui devo lavorare. Il mio servizio non ha funzionato, oggi. Sai, campo pesante: penso di averle viste un po’ tutte durante la partita, oggi. Pensando al lato positivo, è buono aver sopportato un match del genere, visto che ho giocato parecchi set di allenamento, ma una partita ufficiale è sempre un’altra storia.

 

Giusto per essere sicuri, abbiamo notato che a un certo punto la velocità della tua seconda di servizio è stata molto inferiore a quella della prima… senti dolore? Non stiamo parlando di un infortunio?
No, il sensore di velocità è rotto [sorridendo]. No, non sento dolore, per fortuna. Diciamo che oggi non mi sentivo a mio agio con il servizio, mettiamola così.

Quanto sei soddisfatto, attualmente, del tuo livello di gioco? Beh devo per forza essere soddisfatto del modo in cui sto giocando. Devo accettarlo, e cercare di migliorarlo. Penso che questo sia il miglior gioco che io abbia espresso sulla terra battuta? No, molto lontano da quel livello. Allo stesso modo, diciamo che sia ok. È un processo in divenire, e devo aver fiducia nel tragitto che mi porterà ad arrivare al livello di gioco desiderato. Che questo accada durante questa settimana oppure no, non è dato sapere. Ci proverò. Un passo, un giorno alla volta. Non ho nessun match domani. [Non ho] Cose su cui lavorare. Spero di poter esprimere più dinamismo nel prossimo round, e di alzare il livello.

Manca un mese a Parigi. Quanto ti ha colpito il disastro di Notre Dame? Ne hai parlato con altri giocatori?
L’ho visto la notte scorsa, non ho avuto il tempo di discuterne con nessuno che non fosse del mio team o i miei conoscenti più stretti. Non ho parlato con nessun francese, al riguardo. Si tratta di una delle costruzioni, delle infrastrutture più iconiche presenti in Europa. È stato scioccante vedere quanto è successo. Mi sembra che nello stesso momento una Moschea stesse bruciando a Gerusalemme. Non so se i due fatti siano connessi, ma è stato molto triste vedere due luoghi di culto cadere a quel modo. Estendo le mie preghiere e i miei migliori auguri ai parigini, a tutta la Francia. Spero che Notre Dame possa risorgere ancora.

Traduzione a cura di Michele Brusadelli

Continua a leggere

Interviste

Zverev: “Battere Federer e Djokovic alle Finals è stato fantastico”

In attesa del suo esordio a Montecarlo (mercoledì contro Londero o Aliassime), Sascha ricorda la vittoria al Masters (“Mi ha dato tanta fiducia) e sulla terra dice: “La amo”. Federer, Murray e i giovani

Pubblicato

il

Alexander Zverev - Montecarlo 2018 (foto @Sport Vision, Chryslène Caillaud)

da Montecarlo, la nostra inviata

Alexander Zverev si presenta all’incontro con la stampa e subito si innervosisce davanti alla domanda di un collega che sottolinea come non stia vivendo un periodo particolarmente felice dal punto di vista dei risultati. Alex si irrigidisce e spiega seccamente che solo nel torneo di Marrakesh è uscito al secondo turno. “Quest’anno ho giocato solo due tornei in salute: Australian Open e Acapulco. A Indian Wells sono stato male e a Miami… sì, ero guarito ma non mi ero allenato, avevo perso perso, non avevo recuperato bene fisicamente. Non potevo certo giocare bene…”. Continua poi con tono brusco per ricordare come lo scorso anno, seppur partito anch’esso in sordina, sia stato per lui colmo di soddisfazioni. “Credetemi, le persone hanno dubitato di me anche in passato. Lo scorso anno, stesse domande: ‘Perché hai iniziato così male stagione?’. Poi sapete come è andata”. Zverev sorride solamente quando in sala gli viene chiesto del cucciolo adottato da lui in Florida. Ma Alex aveva già concesso un’intervista esclusiva agli organizzatori del torneo, riportata sul magazine ufficiale, dai toni sicuramente più rilassati.

 

Qual è la differenza dello Zverev 2019 rispetto a quello 2018?
Spero di essere un miglior giocatore e una persona migliore. L’obiettivo del 2019 è migliorare in ogni aspetto della mia vita.

Il titolo alle ATP Nitto Finals di Londra ha cambiato la tua prospettiva?
È stato certamente il modo migliore per finire la stagione, vincendo un titolo così importante e battendo Nole e Roger. È stata una settimana fantastica che mi ha dato grande fiducia.

Non è facile pensare di battere Federer e Djokovic nello stesso evento…
Assolutamente. Soprattutto perché Novak mi aveva battuto nel round robin. Lui e Roger sono due vere leggende del nostro sport, perciò mi sento così orgoglioso di averli sconfitti in un torneo tanto importante.

Tu sei il primo giocatore tedesco ad aver vinto il Masters dopo Becker nel 1995…
Questo è un onore incredibile, Boris ha fatto così tanto per il tennis tedesco e non solo, essere nella lista dei vincitori con lui è fantastico.

Quanto è importante per te vincere un titolo del Grande Slam? Te lo chiedono sempre.
Io posso solo mettermi nella posizione di provare a giocare per vincerlo. Io ce la sto mettendo tutta per dare il meglio di me.

Ti abbiamo visto scherzare durante la Hopman Cup, intrattenere il pubblico con Roger. È un lato di te che non conosciamo molto.
Mi piace scherzare e non prendere tutto troppo seriamente. Roger è un ragazzo davvero simpatico anche negli spogliatoi così ho voluto stare al suo passo.

Parliamo di Montecarlo e della stagione su terra rossa, hai ambizioni per entrambe?
Amo giocare sulla terra, l’anno scorso ho vinto Madrid e due anni fa ho vinto Roma. Io vivo a Montecarlo quindi gioco in casa perché mi alleno spesso al Montecarlo Country Club. È un sogno vincere qui un giorno. Lo scorso anno dopo Montecarlo ho vinto 13 partite consecutive su terra, quindi questo torneo diciamo che ha lanciato la mia stagione sulla terra rossa.

Quanto ti piace giocare sulla terra rossa?
Io amo giocare sulla terra, è la superficie su cui sono cresciuto.

Cosa pensi del possibile ritiro di Andy Murray?
Andy non ha ancora deciso sul suo futuro, ma se questo fosse il suo ultimo anno nel circuito mancherebbe a tutti. Non è solo un vero campione ma anche una persona speciale.

Chi pensi potrebbe essere la sorpresa 2019?
Ci sono molti ottimi giovani giocatori: Khachanov, Tiafoe, Tsitsipas, Shapovalov, solo per nominarne qualcuno. Credo che il tennis maschile sia in ottima forma in questo momento con stelle già affermate e nuovi giocatori che stanno crescendo.

Vincere un titolo a Montecarlo sarebbe un bellissimo regalo di compleanno per te visto che coinciderà con il giorno delle semi-finali.
Sarebbe senza dubbio il regalo più gradito. Lo scorso anno ho vinto per la prima volta un incontro giocato proprio il giorno del mio compleanno, vincere un titolo sarebbe favoloso.

Continua a leggere

Editoriali del Direttore

Rafa Nadal: “Mio zio Toni mi ha chiesto scusa. Quando si parla troppo…”

Dal suo ginocchio, a Roger Federer (“Con il talento che ha…”) e alla resurrezione di Tiger Woods. “Nessuna frustrazione per gli infortuni. Non posso che considerarmi fortunato”

Pubblicato

il

Rafa Nadal - Montecarlo 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

Dopo che ieri Novak Djokovic aveva detto (qui il link all’intervista di Nole) che battere Rafa al Roland Garros è una delle sfide più grandi che puoi vincere in questo sport. Sarebbe il match dell’anno per me. Un po’ come battere Roger a Wimbledon. Mi è riuscito ed è una sensazione speciale. Perché loro sono stati così dominanti su queste superfici…”, invece Rafa Nadal, undici volte campione nel Principato, non mi ha dato la stessa soddisfazione quando gli ho chiesto dove e contro chi avrebbe voluto sognare il match della vita: “Io non sono uno che sogna molto… (e mi verrebbe da dire, beh peccato Rafa, è così bello sognare!). Vivo giorno per giorno, capisco la tua domanda, ma il mio sogno è continuare a giocare a tennis e cercare di divertirmi a competere quotidianamente. Non penso a battere Djokovic all’US Open o battere Federer a Wimbledon di nuovo. Ora il mio sogno è quello… di essere competitivo per mercoledì e giocare bene qui”.

Lo scorso anno Rafa ha perso un solo match sulla terra rossa, ma – come dice lui – l’ultimo anno e mezzo è stato duro per me. Ho vissuto troppi stop per poter dire come mi sento sulla terra rossa: non sono riuscito a giocare tre settimane di fila senza avere dei problemi! Quindi è normale che quando succedono queste cose anche l’aspetto mentale sale e scende su e giù. È un lavoro quotidiano, piccoli progressi dopo ogni allenamento, mi sono fermato dopo Indian Wells e dopo ho potuto ricominciare solo piano piano. Già il primo turno qui sarà duro (contro Bautista Agut)”.

 

Rafa ha ricominciato a giocare solo due settimane fa ed è arrivato qui venerdì. Un po’ di cautela è più che comprensibile. “È lo stesso problema che hai avuto al ginocchio negli States?”. E lui sorridendo: “Un centimetro più a sinistra, uno più a destra…”. Ma non vuole sentirsi dire che è una vittima, non vuole sentir parlare di frustrazione… La vita e il tennis mi hanno dato tanto, non mi pare sia il caso di lamentarsi, no? Ogni volta che ho giocato ero nella posizione di chi poteva vincere il torneo…certo d’altra parte è anche dura avere un problema dopo l’altro. Fa parte della mia carriera, anche se talvolta può essere difficile da accettare. Parlarne non serve. Occorre semmai restare forti mentalmente, mantenere la passione di sempre, perché se non ci riesci sei nei guai. Ma ogni volta che ho ripreso sono stato sempre molto competitivo. Cominciare bene la stagione sulla terra rossa è ovviamente molto importante per me”.

A proposito di ritorni e resurrezioni, come non chiedere a Rafa del suo idolo Tiger Woods (che andò a vedere giocare alle Bahamas), di nuovo re ad Augusta, undici anni dopo il suo ultimo Slam? Stupefacente! Sono un grande fan, forse è il mio campione prediletto, come ho detto centinaia di volte. Da sempre. Non potrei essere più felice per la sua vittoria. Se pensi a tutto quel che ha patito, il duro lavoro… e poi vincere proprio ad Augusta, forse il suo Slam preferito!”.

Ma come gli chiedono se il ritorno di Tiger sia per lui una fonte d’ispirazione, Rafa risponde un po’ come alla mia domanda sul sogno del match della vita. Non sogna e non si ispira! “Per essere onesto non ho mai avuto bisogno di ispirazione. Sono sempre riuscito a riprendermi e non c’è niente di nuovo per me, no? Sono tornato più volte di quando avrei amato di voler tornare… ma Tiger certo è un buon esempio di passione per lo sport. Disciplina… in termini di duro lavoro. E amore per il gioco”. È stata una brevissima pausa quella che ha fatto Rafa prima di aggiungere in termini di duro lavoro. Chissà se ha riflettuto in un nano secondo che Tiger è stato disciplinato sul campo quanto indisciplinato fuori del campo. “Però quella celebrazione con la sua famiglia dopo la vittoria… non la dimenticherò”.

Rafa Nadal e Carlos Moya – Montecarlo 2019 (foto Roberto Dell’Olivo)

Sulle previsioni per la stagione sul rosso Rafa non si sbilancia: “Non si può predire il futuro, spero che sarò fra i favoriti. C’è una nuova generazione che sta arrivando: Auger-Aliassime, Shapovalov, Tsitsipas giocano bene e a loro piace molto anche giocare sulla terra rossa. Naturalmente Thiem è uno dei candidati per tutto, soprattutto dopo aver vinto Indian Wells. E Roger anche è sempre un candidato. Vediamo se saprà adattare il suo gioco di nuovo alla terra rossa dopo questo tempo lontano… ma non credo che sarà un grosso problema per via del talento che ha. Aspettiamo qualche settimana e ne sapremo di più su tutto”.

Poi un collega gli ricorda una frase eccessivamente drammatica scappata dalle labbra di Toni Nadal: “Rafa non è un giocatore di tennis, è un atleta infortunato che gioca a tennis!”.Chiaro che a Rafa quella dichiarazione non poteva essere piaciuta. È o non è il n.2 del mondo? Ma la sua risposta è stata tranchant. Ha esordito dicendo: Mi ha chiesto scusa! Mi ha detto che era dispiaciuto. Lo voleva dire in modo positivo, per sottolineare che avevo avuto troppi infortuni e dire che nonostante quelli stavo facendo bene. Ma sapete… Toni ha conferenze ogni settimana. Così quando parli molto si fanno degli errori. È normale. Io faccio errori, tutti li fanno. E lui ha sbagliato. È venuto da me e ha detto che gli dispiaceva d’essere stato un po’ troppo drammatico. Naturalmente ho più problemi che i miei avversari, ma sono stato capace di gestirli durante tutta la mia vita.

Rivedremo Rafa contro Bautista Agut, uno dei pochi spagnoli che gioca meglio sul duro che sulla terra rossa. Ma chi oggi si trova ad affrontare Rafa ha forse minor timor reverenziale di un tempo.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement