Svitolina splendida Maestra: le Finals sono sue in rimonta

WTA

Svitolina splendida Maestra: le Finals sono sue in rimonta

La giocatrice ucraina si trasforma dal secondo set: Stephens è troppo pigra per ribattere e subisce la rimonta. Primo grande titolo per Svitolina che sale al quarto posto in classifica

Pubblicato

il

Il titolo di ‘maestro’ è tanto meritorio quanto di troppo facile assegnazione. A volte si diventa maestri perché non si eccelle nel proprio campo di competenza – ‘chi non sa fare insegna, e chi non sa insegnare, insegna ginnastica‘ si arrischiò a dire un ebreo con la cinepresa facile – e altre persino per liberarsi di qualche frustrazione. Rimane una professione nobile, di cruciale importanza, che può persino diventare un ruolo ingrato. Elina Svitolina ha vinto l’edizione 2018 delle Finals di Singapore e per questo sarà insignita del titolo di maestra, come denominazione originale del torneo vuole, e ciò avverrà con merito pressoché totale. Non è stata neanche per un minuto la giocatrice più forte sul terreno di gioco, ma prima ancora di meritarsi il titolo che la accompagnerà per dodici mesi ha regalato a Sloane Stephens una gran bella lezione di sport: hai più talento di me, hai un braccio migliore del mio, ma oggi sono stata io a volere di più questa vittoria. Per questo ho vinto.

LA SUPERIORITÀ DI SLOANE – La sensazione nei primi minuti di gioco è che ci sia in campo una giocatrice con dei mezzi enormi, Stephens, e un’altra che deve guadagnarsi ogni quindici foss’anche nel modo più sporco possibile. La statunitense somiglia a una enorme rete da pesca, che avvolge la sua avversaria e raccoglie ogni errore che commette con tragica inesorabilità: un rovescio lungolinea fuori asse vale già il 3-0 per Stephens e un coaching per Svitolina, che a proposito di terminologia ittica sembra non sapere che pesci prendere. In realtà la pausa fa bene alla giocatrice ucraina che sventa la minaccia del doppio break risalendo da uno svantaggio di 0-40. Pazienza, grinta e una lucida ricerca del colpo meno brillante di Stephens – il rovescio – uniti a una certa pigrizia della sua avversaria compongono una miscela utile a tenere il set in vita. Svitolina adesso è molto più convinta e trova persino un vincente con il dritto, colpo che aveva aggirato il più possibile fino a quel momento, oltre a due palle del contro-break: con la calma di chi si sa più forte, Stephens trova tre minuti dei suoi e altrettanti un game più tardi per vincere il set, che si chiude con un brutto rovescio dell’ucraina forse provata dallo sforzo di rientrare in partita. Peraltro rivelatosi vano.

 

QUALCOSA CAMBIA – Svitolina si assenta per un toilet break, Stephens ne approfitta per consultare il suo allenatore che qui a Singapore è Sylvester Black in sostituzione di Kamau Murray (bloccato a Chicago da impegni con la sua accademia, che in questi giorni sta accogliendo l’ex presidente Bill Clinton). Black prova a mettere in guardia la sua allieva, invitandola ad essere più definitiva per evitare di far tornare Svitolina nello scambio e conseguentemente in partita. Sarà profetico, e purtroppo Stephens non lo ascolterà fino in fondo. C’è un certo margine nella pigrizia che di Stephens, dotata di una tale naturalezza nel colpire che appare evidente come se cercasse la palla con cattiveria tre volte su tre, anziché limitarsi a farlo due volte su tre, partite come questa non sarebbero mai in discussione. Questo margine la statunitense lo trascura, Svitolina lo valuta e decide di provare a colmarlo.

Per prima cosa l’ucraina spinge meglio con il dritto, colpo senza il quale è impensabile riuscire a vincere anche un solo set contro una colpitrice come Stephens. Poi comincia anche a servire in modo più aggressivo e per due volte lascia a 15 la sua avversaria in risposta, impresa che fino a quel momento non le era mai riuscita. Un bambino sugli spalti agita uno scudo gonfiabile di Capitan America, ma in questo momento la rappresentate del paese d’oltreoceano è pervasa da tutto fuorché dallo spirito del supereroe: il coraggio invece lo dimostra Svitolina resistendo a uno scambio duro che le porta in dote la prima palla break del set, prontamente trasformata grazie a una stecca di dritto di Sloane. A vedere il game successivo sembrerebbe la solita solfa: Svitolina manca la palla del 40-15 sbagliando la direzione di un attacco e si ritrova ad ammirare tre prodezze di Stephens che rimettono il set in equilibrio. Visti i precedenti (2-1 Stephens, con l’unica vittoria di Svitolina sulla terra di Charleston), le caratteristiche delle due giocatrici e gli sforzi profusi fino a quel momento, immaginare un crollo di Sloane sfiorerebbe la divinazione, forse persino la follia. E invece.

VOLATA FINALE – Stephens regala il turno di servizio successivo giocando con terribile sufficienza nei pressi della rete e sollecitando le doti atletiche di Svitolina, che non si fa pregare e mette a segno un gran passante di rovescio. Per la prima volta il linguaggio del corpo dell’unica tra le due ad aver vinto uno Slam tradisce una certa preoccupazione, quasi il timore di non avere più il controllo degli eventi. Dall’altra parte della rete invece c’è chi non si interroga sui momenti della partita e ha deciso di spendere fino all’ultima goccia di benzina, perché quest’anno non ci saranno altre occasioni per farlo. Il set finisce meritatamente nella mani della giocatrice ucraina, che approfitta di tre game particolarmente positivi per salire 3-0 anche nell’ultimo parziale del torneo.

Senza più falchi a disposizione – ne spreca due in modo quasi grottesco – e senza le certezze di inizio partita, Stephens prova a sfogarsi con il suo allenatore ‘in pectore’. Funziona: un parziale di 8-1 la riportano sotto. Ancora una volta però, come nel secondo set, più che di un ritorno di fiamma si tratta di un cerino alla mercé del vento: Svitolina gioca un punto molto coraggioso, sfidando il ben più nobile dritto della sua avversaria, e ottiene il quinto break negli ultimi sei game di risposta. Idealmente la finale si chiude qui, sebbene il punto più bello debba ancora arrivare: è un sere&volley ucraino sventato da Stephens, che dopo aver ripreso il pieno possesso dello scambio si vede superata da un grandissimo passante di rovescio. Pochi istanti più tardi l’ennesimo rovescio giocato senza spinta delle gambe da Stephens consegna a Elina Svitolina il titolo più importante della sua carriera.

Per la prima volta dal 2013, quando a riuscirci fu Serena Williams, una giocatrice vince le Finals senza perdere un incontro. Come lo scorso anno a trionfare è la sesta testa di serie, sei come il voto che ci sentiamo di assegnare a questo torneo: insufficiente fino alla finale, vibrante e capace anche di raccontare una bella storia in occasione dell’ultimo incrocio di racchette. Svitolina salirà con pieno merito al quarto posto in classifica scavalcando una delle deluse del torneo di Singapore, Naomi Osaka.

Risultato:

[6] E. Svitolina b. [5] S. Stephens 3-6 6-2 6-2

La classifica dei gironi e il calendario
La Race to Singapore aggiornata

Continua a leggere
Commenti

ATP

Stephens già fuori a Strasburgo. Fognini e Sonego in campo martedì ad Amburgo

Prosegue il momento da incubo dell’americana, Ostapenko e Sabalenka avanti. In Germania passano Cuevas e Rublev

Pubblicato

il

Jelena Ostapenko – WTA Strasburgo 2020 (foto via Twitter @WTA_Strasbourg)

Mentre tutti erano distratti dalle finali di Roma (magari non troppo da quella femminile) nonché da exit poll e proiezioni varie, altro tennis accadeva in giro per l’Europa. Questa settimana si giocano infatti il torneo WTA di Strasburgo e quello ATP di Amburgo, naturalmente su terra battuta, che preludono al Roland Garros, peraltro già alle prese con le qualificazioni.

STRASBURGO – Accoppiate a un bye, Kiki Bertens (che ha sostituito Pliskova nella prima riga del tabellone) ed Elina Svitolina sono state raggiunte al secondo turno rispettivamente da Jelena Ostapenko e Magda Linette. La ventitreenne di Riga ha lasciato cinque giochi a Lauren Davis, mentre la polacca ne ha concessi un paio in piùdi Pauline Parmentier. Nella stessa giornata, avanzano in due set le teste di serie Aryna Sabalenka, Elena Rybakina ed Ekaterina Alexandrova. Cade invece la numero 8 del seeding Sloane Stephens che subisce un 6-1 al terzo da Nao Hibino. Dopo una sola vittoria nella prima parte della stagione, Sloane arriva così a quattro eliminazioni al primo turno dalla ripresa del Tour, spezzate solo dai sedicesimi raggiunti allo US Open con quel set di vantaggio su Serena Williams.

AMBURGO – Settecento chilometri più a nord, è cominciato in sordina l’ATP 500 tedesco. Solo quattro incontri di singolare in programma questo lunedì, con tutti e tre gli statunitensi iscritti in campo. L’ultima volta che un rappresentante degli Usa si era fatto vedere da queste parti era il 2008, quando il torneo era un Masters Series: effetti collaterali della pandemia. Il qualificato Tommy Paul ha superato in tre set Kevin Anderson, ma Taylor Fritz e l’altro proveniente dal tabellone cadetto Tennys Sandgren hanno ceduto rispettivamente a Pablo Cuevas (altro qualificato) e Andrey Rublev.

Ripescato come lucky loser, Gilles Simon continua il rientro deludente contro Jiri Vesely, anch’egli con la “Q” davanti al nome. In attesa dei primi due del seeding Daniil Medvedev e Stefanos Tsitsipas, martedì farà il suo esordio Fabio Fognini, tds b. 6, contro Philipp Kohlschreiber. Terzo incontro sul Centrale a partire dalle 10.30. Terzo incontro ma dalle 10 per Lorenzo Sonego, impegnato contro un Felix Auger-Aliassime non particolarmente in spolvero in questo periodo.

 

I tabelloni aggiornati

Continua a leggere

WTA

Halep regina degli Internazionali di Roma in mezz’ora: Pliskova si ritira

Simona vince Roma per la prima volta in carriera. Prima dispensa un bagel, poi Pliskova si ritira per un guaio alla coscia

Pubblicato

il

Questo spazio è sponsorizzato da BMW

I mille spettatori finalmente autorizzati a mettere i piedi nel Centrale del Foro Italico francamente si sarebbero aspettati un premio migliore per la loro paziente attesa. La finale femminile degli Internazionali d’Italia 2020 verrà invece ricordata come la finale fantasma, quella che non c’è stata. Trentuno minuti, un seizero per Halep senza alcuna opposizione esterna, tre giochi nel secondo set e Karolina Pliskova è andata a picchiettare la propria racchetta su quella di Simona, ché la stretta di mano non è ancora consentita dalle norme anti-Covid.

Sembrava una fasciatura precauzionale o poco più, quella che stringeva la coscia sinistra dell’ex campionessa in carica, invece il guaio muscolare ha dapprima costretto Karolina sostanzialmente immobile, preda impotente di una Simona che ha presto sentito l’odore del sangue, poi l’ha eliminata dalla contesa. Parlare di un non match è un nonsense, occorrerebbe far parlare i numeri, che comunque non rendono completa l’dea della disfatta patita da Karolina nell’unico set completato, il primo: venti minuti di gioco, venticinque punti a nove, tre break inflitti da Halep a una Pliskova da zero vincenti e nove errori non forzati. Un massacro.

La vincitrice dell’edizione 2019 ha tentato un unico colpo di coda, nel secondo gioco del secondo set, quando ha approfittato di due doppi falli commessi dalla romena per recuperare il servizio perso nel game precedente. Ma è durata lo spazio di un respiro: subìto il quinto break dell’incontro per il due a uno Halep, Karolina ha deciso che non ne valeva la pena, abbreviando il percorso di Simona verso il suo primo titolo romano dopo le due finali perse nel 2017 e nel 2018 contro Elina Svitolina.

 
Karolina Pliskova e Simona Halep – Premiazione Internazionali d’Italia 2020 (foto Giampiero Sposito)

Un titolo meritato, condotto in sostanziale controllo nonostante qualche pasticcio di troppo nei primi due match contro Paolini e Yastremska, ma si sa che i grandi giocatori, nei grandi tornei, hanno bisogno di qualche giorno per annusare l’aria. Un percorso in cui la numero due WTA ha imposto la propria disumana legge in risposta: le rivali affrontate le hanno servito contro quarantasette volte, lei ha raccolto trenta break. Un dato discretamente sinistro, se consideriamo il punto di vista delle colleghe.

Per la tennista da Costanza è il ventiduesimo trionfo nel circuito maggiore, il nono sulla terra battuta. Halep, che aveva vinto a Dubai l’ultimo torneo pre-lockdown e a Praga il primo post, ha ottenuto a Roma il terzo titolo in fila e ora cavalca una striscia aperta di quattordici vittorie consecutive. Dati che fanno da colorata ciliegina sulla torta di una settimana molto convincente, nella città che sostanzialmente l’aveva fatta scoprire al mondo nel 2013, quando, da qualificata, si spinse addirittura in semifinale cedendo il passo solo a Serena Williams.

Difficile non attribuirle i famosi favori del pronostico in vista del Roland Garros prossimo venturo dove, tra le altre cose, avrà l’opportunità di superare Barty in classifica e guadagnarne la vetta. Come? Ha un solo risultato a disposizione: la vittoria finale.

Il tabellone femminile di Roma con tutti i risultati aggiornati

Continua a leggere

WTA

Internazionali di Roma: una Pliskova in gran forma si (ri)prende la finale

Partita di altissimo livello nel derby ceco tra Vondrousova e Pliskova, ma la forza della campionessa uscente è abbastanza per volare in finale

Pubblicato

il

Karolina Pliskova - Internazionali d'Italia 2020 (foto del torneo)

[2] Ka. Pliskova b. [12] M. Vondrousova 6-2 6-4

Il derby ceco per un posto in finale se lo aggiudica Karolina Pliskova, che supera l’ostacolo posto da Marketa Vondrousova dopo una partita in cui l’altissimo ritmo imposto dalla campionessa in carica ha avuto la meglio. Pliskova rafforza quindi il parziale dei testa a testa tra le due, con l’unico precedente dei quarti di Miami dello scorso anno, vinti dalla numero 4 del mondo.

Pliskova parte subito centrata e si crea l’opportunità di due palle break dopo un doppio fallo di Vondrousova, ma la numero 12 del tabellone è brava e fortunata ad annullarle con uno scambio infinito a rete ed un nastro che ricade miracolosamente in campo avversario. L’appuntamento al break è solamente rimandato. L’aggressività in risposta di Pliskova, finora in grande giornata con tutto il suo repertorio di colpi, le procura altre tre palle break e converte la seconda con uno splendido vincente di rovescio in risposta.

 

La reazione di Vondrousova arriva nel settimo game, dove trova un vincente di rovescio identico a quello che le era costato il break, ma non riesce a convertire la palla del controbreak che Pliskova chiude con uno smash facile. La campionessa uscente di Roma non molla la presa e si guadagna il primo set point con un passante di dritto. Spreca il primo tirando un rovescio a rete, ma Pliskova se ne procura altri due e si prende break e set con un dritto a rete dell’avversaria.

Ad inizio secondo set cala l’efficacia di Pliskova, che fino a quel momento aveva sbagliato pochissimo, e Vondrousova si conquista due palle break con una difesa strenua. Pliskova annulla la prima con un ace, ma due righe sul pallonetto che sorprende la ceca e sul vincente con cui Vondrousova trafigge Pliskova portano in vantaggio la numero 20 del mondo per la prima volta nel match. Non si perde d’animo Pliskova, che trova l’ennesima palla break nel game successivo ma la spreca malamente affondando un comodo smash a rete. La numero 2 del tabellone è brava a non farsi condizionare dall’errore e si riprende il break di svantaggio costringendo Vondrousova all’errore. Pliskova si rimette subito nei guai dando l’opportunità del secondo break consecutivo a Vondrousova, ma aiutata dal servizio annulla due palle break e si porta avanti nel set.

Karolina sembra essere risalita di livello e continua a mettere pressione all’avversaria, che deve concedere due palle break dopo uno smash messo a segno da Pliskova. Vondrousova li annulla entrambi con due contropiedi ma regala subito dopo il break all’avversaria con due errori non forzati a rete. La risposta della finalista del Roland Garros, come in tutto il secondo set, non si fa attendere. Trova subito il controbreak sfruttando il calo di tensione di Pliskova, trapassata da uno splendido passante di rovescio dell’avversaria e che poi consegna il servizio con una pessima palla corta.

La paura di Pliskova passa solamente nel decimo game. Dopo aver salvato l’ennesima palla break si conquista il primo match point con una serie di attacchi ben giocati, resterà l’unico. Sulla risposta aggressiva dell’avversaria il dritto di Vondrousova muore a rete, consegnando set e partita all’avversaria. Domani Karolina Pliskova sfiderà Simona Halep per il secondo titolo consecutivo al Foro Italico, che invece ancora manca alla tennista rumena. Halep è in vantaggio nei precedenti per 7-5, ma Pliskova ha vinto gli ultimi due incontri in assoluto e l’ultimo incontro sulla terra, i quarti di Madrid del 2018.

Il tabellone femminile di Roma con tutti i risultati aggiornati

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement