Bercy a sorpresa: Khachanov trionfa su Djokovic in riserva

ATP

Bercy a sorpresa: Khachanov trionfa su Djokovic in riserva

PARIGI – Il ventiduenne russo completa una settimana trionfale, conquistando il primo Masters 1000 della carriera. Djokovic, esausto, cede in due set ma il merito è tutto di Karen. Lunedì sarà numero 11 al mondo

Pubblicato

il

 

Da Parigi

K. Khachanov b. [2] N. Djokovic 7-5 6-4

Fino a pochi mesi fa la Next Generation sembrava un gruppo promettente ma incostante, seminato dal suo unico vero campione, Alexander Zverev, già dal primo approccio al tour. Adesso è chiaro che non è così: Karen Khachanov manda al tappeto Novak Djokovic nella finale del Rolex Paris Masters di Bercy, aprendo definitivamente le porte della nuova era. Quella del serbo sconfitto non è una scena alla quale si è abituati, specialmente a Bercy, ma non c’è timore di rivederla troppo spesso nel breve futuro. La prestazione strepitosa del ventiduenne russo, che corona con un 7-5 6-4 una settimana in crescendo, interrompe una striscia di 22 vittorie consecutive di Nole, oggi prosciugato di energie fisiche e mentali dalla semifinale da tre ore contro Federer.

 

Era capitato spesso che giocatori-sorpresa arrivassero in fondo al torneo indoor parigino, tappa storica del circuito sfortunatamente collocata al termine di un lungo calendario che i tennisti soffrono sempre più. L’albo d’oro mostrava però che era stato un top player, quasi sempre, a sollevare alla fine l’Arbre de Fanti. Il destino di Khachanov sembrava ugualmente segnato, contro un avversario di esperienza infinitamente maggiore – che andava a caccia del record di Nadal di 33 titoli “mille” – e capace di vincere poche ore prima un incontro al limite della difficoltà massima. Invece il ragazzo ha scritto una storia diversa, in parte simile a quella di Sock lo scorso anno: per trionfare a Bercy lo statunitense aveva rimontato Edmund da 1-5 nel secondo turno, per poi andare a vincere la finale (da favorito); Khachanov agli ottavi ha annullato due match point a John Isner, per poi battere altri tre top 10 in altrettanti giorni, contro-pronostico ma sempre con merito. Tra i due rimane comunque una differenza più grande di tutte: Karen non sarà un fuoco di paglia. Come lo si potrebbe pensare di un giocatore dotato di un servizio e di un dritto così potenti, eppure anche di un gioco solidissimo a tutto tondo?

Al netto della stanchezza di Djokovic, il punteggio è anche generoso. Tolti i primi game, in cui un Nole ancora fresco lo aveva breakkato per primo, e quelli finali in cui, forte del proprio vantaggio, ha lasciato scivolare qualche punto in risposta, Khachanov ha stravinto. Il serbo ha sbagliato tanto, lui davvero zero. Al martellamento iniziale sul rovescio, che sembrava indirizzare la finale verso uno sviluppo rapido e privo di pathos, ha risposto alzando di colpo qualità e intensità del suo gioco. Djokovic ha attutito il colpo e lo ha seguito, facendo sembrare quello del russo soltanto un quarto d’ora di fuoco. Solo che verso la fine del set ne è arrivato un secondo, e poi un terzo, e alla fine l’intero incontro è diventato quel dominio lì. Khachanov che tirava forte e profondo su ogni diagonale, e poi saliva a rete a chiudere con pragmatismo, e l’altro sempre più piegato sulle ginocchia. Anche la testa di Nole alla fine ha alzato bandiera bianca: nel finale, per uscire dalla costante pressione, il serbo ha provato soluzioni pensate poco ed eseguite malissimo. L’ultima, un cambio lungolinea in corridoio, ha fatto alzare le braccia al cielo (anzi, al tetto) al nuovo campione.

Quattro finali giocate in carriera, quattro vittorie. “Ci pensavo stamattina” ha confessato un raggiante Khachanov in conferenza stampa. “Mi dicevo: Novak ha settanta, ottanta titoli. Io solo tre, ma non ho mai perso in finale”. Calmo prima, calmo dopo: la prossima stagione Khachanov la programmerà esattamente come questa, anche se a luglio era numero quaranta del mondo e domattina sarà numero undici, a un passo dai re. Quel passo può richiedere tantissimo tempo: non c’è da aspettarsi da lui che inizi a fare incetta di Slam già dal 2019. Intanto però il suo trionfo a Bercy riporta la Russia sulla mappa del grande tennis maschile, dalla quale mancava ormai dal decennio delle vittorie di Safin e Davydenko. L’allievo di Vedran Martic, cresciuto in Spagna sotto la guida di Galo Blanco e già sposato da due anni, avrà la buona compagnia dei coetanei Medvedev e Rublev nel difendere la bandiera nazionale, ma quella di questa settimana è una gioia tutta sua. Che ricaccia anche in bocca le affrettate parole della vigilia: finale anticipata. No, la finale è stata questa e l’ha vinta lui, con i fatti.

Con quasi un break ogni due game di risposta Khachanov è stato il miglior giocatore in risposta dell’intero torneo, dato ulteriormente valorizzato da una buonissima tenuta sul proprio servizio su una superficie insidiosa ma non rapidissima. E soprattutto, privo di testa di serie, ha dovuto vincere un incontro in più per andarsene da campione verso le ATP Finals (sarà seconda riserva). È il culmine, ma soltanto per ora, del percorso di un ragazzo con la testa ben salda sulle spalle. Al quale va data la calma per crescere ancora – anche se ha detto che la pressione se la aspetta già – ma anche la più che giusta dose di applausi. Ha fatto perciò benissimo Djokovic a non voler accettare giustificazioni, insistendo nel rispondere alle domande sul suo calo con complimenti all’avversario. A ogni cambio generazionale si è detto che i nuovi non avrebbero mai potuto superare i vecchi, che li stavano battendo solo perché erano stanchi, o acciaccati, e ci si sbagliava. Il futuro ha i suoi tempi: non avvisa, non rispetta gli appuntamenti e soprattutto non puoi fermarlo quando arriva. Con Djokovic, sconfitto in finale anche da Zverev nel primo grande titolo del tedesco sui campi di Roma lo scorso anno, se ne sta accorgendo anche il resto del mondo.

Gli occhi puntati sul rettangolo verde di Parigi hanno potuto vedere ancora una volta quello che il tennis, forse, sarà. E mentre la stagione spegne le luci e chiude il sipario, la città che in primavera aveva dato a Nole la scossa per ritornare grande ora gli riconsegna il numero uno mondiale. Da difendere contro tutti, compagni “Fab Four” e ragazzi. La settimana della stanchezza e dei forfait è diventata la settimana delle belle sorprese, delle conferme, degli scatti in classifica, dei check-in per Londra. Bercy beaucoup, Paris, è stato un piacere per tutti.

Continua a leggere
Commenti

ATP

Holger Rune sogna in grande per il 2023: “Penso sia arrivato il momento di vincere un Grande Slam”

La svolta per il danese è arrivata cambiando piano nutrizionale: “Non assumevo nemmeno la metà del sale e dello zucchero di cui avevo bisogno”

Pubblicato

il

Holger Rune - ATP Parigi-Bercy 2022 (foto: twitter @atptour)

Holger Rune è senza dubbio uno dei nomi nuovi del 2022, anno in cui ha centrato il primo titolo 1000 (Parigi-Bercy) e la prima top 10 della carriera. Ora il danese classe 2003 si candida per un 2023 da grande protagonista.

Il danese si è concesso al sito “Relevant tennis” in un’intervista a tutto campo dove ha parlato della sua vita e dei suoi obbiettivi prossimi. Su di sé ha detto: “Ho 19 anni, sono una persona molto calma e gioiosa. Sul campo da tennis mi piace lavorare sodo, amo le sfide e amo migliorarmi. Sono super ambizioso e voglio vincere”. Rune si sofferma dunque su quanto sia importante nutrirsi in maniera adeguata e di quanto lo facesse male prima:Senza energia il motore si spegne. Ho un piano nutrizionale ora, quindi so si assumere quello di cui ho bisogno. Abbiamo capito che non assumevo nemmeno la metà del sale e dello zucchero di cui avevo bisogno, per questo avevo cali di zuccheri e crampi”. Il suo allenatore dice sempre: “una Ferrari senza carburante è inutile“. Holger sembra aver imparato la lezione dato che adesso ha molta più consapevolezza di quello che mangia: “anche se adoro la pizza e il gelato”.

Il colpo che fatto le fortune del danese quest’anno è il servizio, riconosciuto già ora come uno dei migliori del circuito: “Sto ancora crescendo – dice – il mio servizio diventerà ancora più letale. Sto lavorando sull’essere ancora più preciso. Quando mi alleno con Novak sono sempre impressionato dalla sua precisione, specie al servizio. Sto lavorando su questo, su spin e altri effetti. L’anno scorso non ho fatto particolare attenzione a questo fondamentale. Mi piaceva di più scambiare la palla. Sto studiando molto ora. Quando ti applichi con energia in qualcosa, migliori sempre“. Rune si sofferma poi sulle sue fonti di ispirazione da bambino: “Ho avuto molti idoli quando ero piccolo. Ora che sono un giocatore professionista, mi concentro sul diventare la versione migliore di me stesso. Anche giocando a tennis, ci sono ancora atleti che mi ispirano: Djokovic è uno di questi. Il serbo è un tennista fantastico e cerco di imparare molto da lui: il servizio, la precisione dei colpi e la tenuta fisica”.

 

Alla memoria riaffiora subito la finale poi vinta a Parigi contro Nole: “Vincere a Parigi contro di lui è stato incredibile. È stata una finale da sogno contro un avversario che rispetto molto per tutto quello che ha ottenuto nel mondo del tennis. Novak è sempre stato molto generoso. Come ho detto prima, è una grande ispirazione per me. I Big 3 sono molto speciali. Sono stato molto felice di vedere Novak vincere le ATP Finals a Torino e uguagliare Roger Federer in un’altra statistica” . In chiusura Rune ha parlato degli obiettivi che cercherà di raggiungere il prossimo anno: “A dicembre, io e il mio allenatore fissiamo gli obiettivi per la stagione successiva. Per noi la classifica non è solo un numero. Analizziamo ogni torneo che intendo giocare. Nel 2022 mi sono posto l’obiettivo di raggiungere la top 25, e l’ho superato di gran lunga. Non vedo l’ora di parlare con il mio allenatore e fissare gli obiettivi per il 2023. So già cosa voglio. Ho vinto un ATP 250 , ho raggiunto la finale di un ATP 500 e ho vinto un Masters 1000. Penso sia arrivato il momento di vincere un Grande Slam” 

Continua a leggere

ATP

Ruud, la terza è quella buona. All’esibizione di Quito batte Nadal e pensa all’Australian Open

Dopo Quito il tour d’esibizione si sposterà prima a Bogotá, e poi sarà la volta di Ciudad da Messico.

Pubblicato

il

Casper Ruud - Nitto ATP Finals Torino 2022 (foto Twitter @atptour)

Continua il tour di esibizioni in Sudamerica di Nadal e Ruud: dopo le due sconfitte a Buenos Aires e Belo Horizonte, Casper centra la prima vittoria contro Rafa nel match di esibizione a Quito, con il punteggio di 6-4 6-4. Davanti a circa 12.000 spettatori che hanno praticamente riempito il Coliseo Rumiñahui, Nadal e Ruud hanno offerto uno spettacolo degno della loro classifica ATP.

Le condizioni del campo in sintetico erano piuttosto veloci, favorendo così il tennis propositivo del norvegese. Con questi presupposti Ruud ha saputo sfruttare i suoi potenti servizi e ha vinto molti punti con il suo diritto mettendo Rafa più volte in difficoltà. Certo non sono mancati anche i momenti piacevoli: ad esempio quando Nadal ha portato fuori dal pubblico un bambino per disputare un punto contro Ruud. Il norvegese alla fine ha portato a casa l’agognata vittoria senza essere mai breakkato. A proposito della nuova stagione imminente il norvegese ha dichiarato: “In questa stagione non sono stato in grado di giocare l’Australian Open; quindi, per me sarà come una rivincita e spero vivamente di poter fare bene. Non vedo l’ora di andare in Australia, sperando di ottenere buoni risultati. Non vedo l’ora di iniziare una nuova stagione e di poter tornare a giocare i cinque set. Sono affamato per ottenere un buon risultato anche lì e sono curioso di vedere come andranno le cose il prossimo anno.

Il tour d’esibizione di Nadal proseguirà attraverso l’America Latina che lo ha già portato nei giorni scorsi a Buenos Aires, Santiago del Cile e Belo Horizonte. Adesso dopo Quito toccherà a Bogotá e Città del Messico.

 

Continua a leggere

ATP

Djokovic numero 1, due italiani in top 10. Ecco i giocatori più vincenti del 2022

Ecco i dieci migliori giocatori con il rapporto migliore vittorie/sconfitte nel 2022: indietro Tsitsipas e Medvedev, il numero uno attuale è al terzo posto, spunta Kyrgios al quarto

Pubblicato

il

Matteo Berrettini e Jannik Sinner (foto Twitter @federtennis)

Il 2022 del tennis mondiale è stato un anno sui generis per diversi motivi. Uno Slam come Wimbledon non ha assegnato punti ed ha escluso i giocatori russi e bielorussi per motivi bellici, si è giocato un torneo 1000 in meno (Shanghai) e il 21 volte campione Major Novak Djokovic ha rinunciato a due Slam e quattro 1000 per la scelta di non vaccinarsi. Una serie di circostanze che rendono la classifica mondiale attendibile fino a un certo punto, viste le tante circostanze particolari. Dunque è possibile affidarsi a criteri differenti da quelli del ranking ATP per misurare la bontà della stagione dei migliori tennisti al mondo. Un dato che può essere preso in esame a tal fine è il rapporto tra vittorie e sconfitte, ossia la percentuale di vittorie in base a quanto ogni tennista ha giocato.

Sono tre i giocatori ad andare oltre l’80%: Novak Djokovic, Rafael Nadal e Carlos Alcaraz. Il serbo ha vinto ben 42 partite perdendone appena 7: l’85,7% di successi in una stagione nella quale ha giocato “part-time” per i noti motivi. Per giunta, la maggior parte delle sconfitte sono arrivate nella parte iniziale dell’anno, quando ancora l’ex numero 1 del mondo non era in condizioni perfette. Dalla sconfitta nei quarti del Roland Garros contro Nadal ha perso una sola partita: la finale di Bercy contro Holger Rune. Numeri inequivocabili che parlano di una stagione pazzesca, malgrado le condizioni difficili.

 

Un’annata di fattura notevole è anche quella di Nadal: 39 vittorie e 8 sconfitte, 83% di successi. Possiamo definire agli antipodi le stagioni di Nadal e Djokovic: lo spagnolo ha infatti brillato nella prima parte della stagione, con due Slam vinti in Australia e a Parigi. La flessione c’è stata invece nella seconda parte: poche partite giocate dopo l’infortunio a Wimbledon e le uscite premature a Cincinnati, US Open, Parigi-Bercy e ATP Finals.

L’81,4% di vittorie invece per Alcaraz: lo spagnolo ha però giocato decisamente di più rispetto a Nadal e a Djokovic. Ben 57 vittorie e 13 sconfitte: l’attuale numero 1 del mondo ha avuto grandi momenti di fulgore, come quello del 500 vinto a Rio e i due 1000 di Miami e Madrid o la splendida cavalcata agli Open degli Stati Uniti, alternati ad altri di appannamento. Non semplice è stato il periodo post Roland Garros: le due sconfitte con Sinner a Wimbledon e Umago, il k.o. in finale ad Amburgo con Musetti. Difficile anche l’ultimo scorcio di stagione dopo lo US Open, chiuso con il ritiro nel match contro Rune a Bercy per l’infortunio all’addome che ha decretato la fine della sua stagione. Con l’andare avanti degli anni sarà sempre più importante per il murciano gestire al meglio la programmazione, evitando di giocare tantissimi tornei.

Lo stacanovista per eccellenza è stato Stefanos Tsitsipas: per lui un’ottima classifica (n.4 ATP) a fine anno giocando tantissime partite, probabilmente troppe. Il greco ha vinto 61 partite su 85 giocate, per un 71,76% che lo pone solo al nono posto nella nostra speciale graduatoria. Sette finali raggiunte avendone vinte due (Montecarlo e Maiorca). Forse la decisione migliore per l’ellenico sarebbe giocare qualche match in meno e provare a fare un ulteriore salto di qualità: la quantità di partite giocate a lungo andare può rivelarsi controproducente.

Subito dietro a Tsitsipas in decima posizione c’è Daniil Medvedev: 45 vittorie e 19 sconfitte, per una percentuale del 70,3% di vittorie. Un dato che testimonia un’annata tutt’altro che eccezionale per il russo che sembra aver smarrito qualcosa dopo la finale persa in modo incredibile agli Australian Open. Solo due titoli vinti, un 250 a Los Cabos e un 500 a Vienna e neanche una finale in un torneo 1000.

Al numero 4 di questa particolare classifica c’è Nick Kyrgios. L’australiano ha vissuto senza dubbio la migliore stagione della carriera con 37 vittorie e 10 sconfitte (78,7%). Il ranking non è eccelso soprattutto per i punti non assegnati a Wimbledon, che sarebbero stati 1200. Un titolo a Washington e tre vittorie contro top-5: due contro Medvedev tra Montreal e US Open e una contro Tsitsipas a Wimbledon.

In sesta posizione Alexander Zverev: 29 vittorie e 10 sconfitte (78,7%). Brutto colpo per il tedesco è stato l’infortunio al Roland Garros nella semifinale contro Rafa Nadal: non è riuscito più a rientrare alle gare. La prima parte dell’anno racconta come il teutonico sarebbe stato verosimilmente grande protagonista anche nella seconda parte dell’anno.

Ottavo Andrey Rublev: 51 vittorie su 71 (71.83%). Il russo si è costruito la qualificazione alle ATP Finals e la classifica nella top-8 grazie ai tanti tornei giocati.

Lasciamo volutamente in conclusione la posizione numero 5 e numero 7: sono occupate rispettivamente da Jannik Sinner e Matteo Berrettini. L’altoatesino, malgrado tutti i problemi fisici, ha sfiorato il 75% di vittorie (74,6%) con 47 successi e 16 sconfitte in stagione. Un 2022 che l’ha visto raggiungere i quarti di finale in tre Slam su quattro e gli ottavi di finale al Roland Garros. Un dato positivo riguarda le vittorie con i giocatori piazzati peggio in classifica (41/47), mentre solo 3/12 quando si ritrova ad affrontare un giocatore avanti nel ranking. Una stagione che sarebbe potuta svoltare in positivo convertendo il match point contro Alcaraz agli Us Open nei quarti di finale, ma con i se non si scrive la storia.

Estremamente positivo anche il bilancio di Berrettini: per lui 32 vittorie e 12 sconfitte (72,7%) in un anno, come per Jannik, caratterizzati dai tanti problemi fisici. La grande partenza in Australia con la semifinale raggiunta nel Major inaugurale della stagione, poi gli stop per l’infortuni alla mano e al piede, oltre a quello per Covid a Wimbledon. Malgrado ciò sono arrivati due quarti Slam su due Slam giocati e due titoli sull’amata erba a Stoccarda e al Queen’s. Statistiche che sono una magra consolazione per un anno davvero sfortunato per i due giocatori italiani migliori, ma che devono far ritenere il bicchiere mezzo pieno con la consapevolezza che gli azzurri, se stanno bene, sono estremamente competitivi ad alti livelli.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement