Fed Cup, Rep. Ceca-USA 2-0: titolo ad un passo con Strycova e Siniakova

Fed Cup

Fed Cup, Rep. Ceca-USA 2-0: titolo ad un passo con Strycova e Siniakova

Ceche vicine alla 11esima Fed Cup. Strycova rimonta un’ottima Kenin e annuncia che questo sarà il suo ultimo anno nella competizione. Siniakova la spunta in due set su Riske

Pubblicato

il

dal nostro inviato a Praga

Finale Fed Cup
REPUBBLICA CECA VS USA 2-0 (Praga, O2 Arena, hard indoor)

 

Rispettato il pronostico a Praga nella prima giornata della finale di Fed Cup tra R.Ceca e Usa, ma sicuramente non è stata una passeggiata di salute per le padrone di casa. C’è voluta tutta l’esperienza e la classe di Barbora Strycova (che poi nella conferenza stampa ha annunciato il suo ritiro dal 2019 nella manifestazione) per superare l’esordiente Sofia Kenin. L’americana ha dimostrato grandissimo carattere e tenacia, solo una prova superba della sua avversaria l’ha costretta alla resa dopo tre set e quasi tre ore di gioco. Ha vinto invece in due set Katerina Siniakova su una volitiva Alison Riske, la più esperta delle americane nel team di Kathy Rinaldi. Il “power tennis” della ceca non ha avuto vita facile, soprattutto nel secondo parziale, ma alla fine è bastato per dare il 2-0 alla R.Ceca che così vede ad un passo il suo undicesimo titolo nella competizione.

B. Strycova (CZE) b. S. Kenin (USA) 6-7(5) 6-1 6-4

Appena usciamo dalla metro ed arriviamo alla O2 Arena troviamo delle file lunghissime per entrare. Nonostante sia una finale priva di alcune giocatrici di primo livello l’evento sembra comunque trovare una buona risposta dal pubblico locale. Dopo esserci debitamente rifocillati (fuori ci sono 9 gradi, alla fine anche qui la temperatura è ancora mite) prendiamo posto in tribuna stampa, prima dei match è prevista la cerimonia di apertura. La O2 Arena è uno spettacolo, bellissima struttura, gli anelli superiori sono praticamente pieni, quelli più vicini al campo hanno qualche spazio vuoto. Dopo una veloce rappresentazione con due ballerine ed un apprezzabile gioco di luci, vengono presentate le due squadre. Vera e propria ovazione per la grande assente di questa prima giornata, Petra Kvitova. Molto emozionante l’esecuzione dei due inni affidati “live” rispettivamente ad un’americana e ad un cantante locale.

Finita la cerimonia di apertura si parte, in campo Barbora Strycova, esperienza da vendere, e la giovanissima Sofia Kenin, 19 anni, al suo esordio in Fed Cup. Sugli spalti partono le trombe dei tifosi locali, Strycova mette subito pressione alla sua avversaria, vincendo il sorteggio e scegliendo di ricevere. L’americana supera a pieni voti l’esame, spinge che è un piacere e tiene il servizio a zero. Strycova sembra un po’ contratta, non trova profondità e deve subito fronteggiare una palla break nel gioco seguente. Ottima prima, palla break annullata e siamo 1-1. Kenin incappa in tre gratuiti e offre a sua volta due palle break all’avversaria sul 15-40, annulla la prima ma sulla seconda sbaglia di rovescio, break Strycova, 2-1. La tennista di casa è finalmente entrata in partita, ne guadagna la qualità degli scambi. Kenin insiste molto sul rovescio di Strycova per aprirsi il campo, la tattica sortisce gli effetti sperati nel sesto game, controbreak Usa, 3-3. Sull’onda dell’entusiasmo va sul 30-0 nel game successivo ma è bravissima Strycova che recupera e va sul 30-40 e sulla palla break compie tre recuperi incredibili facendo l’elastico a fondo campo e costringendo alla fine Kenin all’errore con il gancio di rovescio, altro break ceco, 4-3 e servizio. La combattività della tennista americana non si discute, scambi durissimi e nuovo controbreak nell’ottavo game, 4-4. Soffre molto Strycova sul ritmo da fondo campo. Kenin è rivedibile sotto rete, ma tiene botta che è una meraviglia, Strycova inizia a dare i primi segni di nervosismo, la tensione si sente, la posta in palio è alta. Il finale di set è all’insegna dell’equilibrio, chi serve lascia le briciole alla risposta, si va al tie break dopo 54 minuti di gioco. Kenin ha fatto due punti in più (35-33), identica la statistica delle palle break convertite (2/3).

Si parte con un minibreak a testa, il primo allungo deciso è della tennista americana che va 5-2 e servizio con una gran risposta di diritto, ma Strycova recupera e sale 4-5. Tra la prima e la seconda le viene chiamato un fallo di piede (come sono cambiati i tempi qui a Praga rispetto alla finale di Davis dell’80 tra Cecoslovacchia-Italia con arbitro e giudici di linea sfacciatamente casalinghi), la ceca si innervosisce e arriva poi male su un tentativo di recuperare una palla corta, 6-4 Kenin, due set point a stelle e strisce. Ace Strycova sul primo, ma sul secondo Kenin vince l’ennesimo scambio duro del match, primo set per gli Stati Uniti. Grandissima solidità messa in mostra dalla tennista americana, Strycova ha una brutta gatta da pelare.

La panchina ceca dove intravediamo Safarova tradisce preoccupazione, anche Jaroslav Navratil (il capitano di Davis ceca) sugli spalti non pare tranquillo. La diretta televisiva sul canale nazionale vede invece come voce tecnica Lucie Hradecka, elegante come non mai. Battaglia feroce anche nel secondo set, Strycova deve subito annullare due palle break nel game d’apertura, poi però con caparbietà trova il 2-0 salendo 15-40 dopo uno scambio terrificante e trasformando la seconda palla break con un passante di rovescio favorito dal nastro che porta Kenin controvoglia a rete. L’americana non vuole cedere, due immediate palle del controbreak, ci vuole tutto il mestiere della Strycova per annullarle ed andare 3-0. Certo se il match si allunga i 12 anni di differenza si potrebbero far sentire, ma la ceca non ha scelta, deve combattere palla su palla. Altre due palle break Kenin nel quinto game, Strycova ancora chirurgica con servizio e serve&volley da gran doppista, annullate anche queste (0/6 l’americana nel secondo parziale), 4-1 per la ceca che con i denti difende il break. Le occasioni sprecate diventano troppe, Kenin paga dazio e subisce un nuovo break nel sesto gioco che di fatto chiude il secondo set. Strycova tiene a 15 la battuta, 6-1 ceco, si va al terzo. Parziale vinto con gran classe dalla Strycova, molto più aggressiva e lucida nei momenti decisivi.

Kenin esce dal campo per una pausa fisiologica, il tifo ceco spinge la sua beniamina, la sparuta rappresentanza americana sembra un po’ avvilita. Kenin rientra in campo ma sembra aver perso lo smalto del primo set, subito break Strycova che pare in pieno controllo del match. L’americana va sotto 2-0 poi finalmente tiene la battuta e ferma a cinque i giochi consecutivi della sua avversaria. Kenin prova il recupero, nel quarto gioco va 0-30 sul gioco della Strycova che però rimedia. Il punto che stronca l’americana arriva nel game successivo. Palla comoda per Kenin con Strycova sulla rete, passante di rovescio a botta sicura, miracolosa volée difensiva della ceca che si trasforma in pallonetto, recupero dell’americana in rete, pubblico in delirio. È lo 0-30 ceco, volano per il nuovo break Strycova, 4-1 “pesante”, partita apparentemente in ghiaccio per la tennista di casa. Kenin ci vuole credere, passaggio a vuoto Strycova e break a zero americano, 2-4. Ma l’abbozzo di rimonta tale rimane, spreca tutto infatti Kenin nel game successivo con 3 doppi falli, di cui uno sulla palla del 3-4 e cede di nuovo la battuta. Strycova serve per il match sul 5-2 ma la sua avversaria è dura a morire, altro break a zero e nuovo tentativo di rimonta, affiora un po’ di stanchezza da entrambe le parti. Kenin ci crede fino alla fine, Strycova molla un po’ gli ormeggi, l’americana tiene la battuta a 15 e mette tutta la pressione addosso alla tennista di casa che va a servire di nuovo per il match sul 5-4. Il decimo game è da far tremare i polsi. Kenin va sul 15-30, ma Strycova la chiude a modo suo. Prima una volée alta di diritto, poi una inopportuna risposta fuori della Kenin su una seconda della sua avversaria (che oltretutto si era fermata tra prima e seconda palla) e poi un serve&volley con i fiocchi sul match point con volée bassa di rovescio all’incrocio delle righe con difficoltà di esecuzione spaventosa. Repubblica Ceca sull’1-0 ma che fatica.

Queste le dichiarazioni a fine match delle due tenniste.

Strycova: Sentivo molto l’emozione prima del match, nel primo set non mi muovevo bene. Questa sarà la mia ultima Fed Cup, sento che è la decisione giusta. Ho 32 anni, è giusto lasciare spazio alle più giovani. Ho vissuto tanti momenti stupendi in questa competizione”.

Kenin: “Lei ha giocato davvero bene dal secondo set in poi. È una grande tennista ed una grande doppista, davvero mi ha sorpreso con alcuni colpi. Merita gran rispetto. È stato un match molto duro, sono contenta di come ho giocato, ho dato tutta me stessa”.

K. Siniakova b. A. Riske 6-3 7-6(2)

Il secondo singolare vede di fronte Katerina Siniakova e Alison Riske. Dall’inizio si capisce che la tipologia di match sarà differente da quanto visto nel primo singolare. Si gioca all’insegna del “power tennis”, quello tanto vituperato da Adriano Panatta nel suo cameo nel film “La profezia dell’armadillo”. La qualità del match non è elevatissima e si contano molti errori da ambo le parti. Ne salta fuori un inizio molto combattuto. I primi due giochi durano 14 minuti e portano in dote una palla break a Riske e due a Siniakova, tutte annullate. La ceca è costretta a salvarsi anche nel terzo game con uno splendido passante in corsa di dritto. Passato lo spavento è lei a piazzare il break nel gioco successivo, spingendo benissimo con il rovescio. A questo punto però Siniakova si distrae un po’ e Riske ne approfitta per piazzare otto punti consecutivi, riportandosi in scia sul 3-4. La ceca fiutando il pericolo alza nuovamente il livello di attenzione e si riprende subito il break di vantaggio, suggellando il tutto con un perentorio turno di servizio: 6-3 dopo 43 minuti.

In avvio di secondo set stranamente arrivano tre giochi facili per chi è alla battuta. Riske prova a prendersi qualche rischio in più e riesce a ottenere un break di vantaggio. Non riesce però a difenderlo dal prepotente pressing di Siniakova che impatta sul 3-3. Le due contendenti procedono a braccetto, Siniakova va a fiammate, la Riske è più continua. L’americana sul servizio dell’avversaria va 0-30 sul 4-3 in suo favore ma non arriva a palla break e spreca l’occasione. I titoli di coda sembrano poter scorrere quando nell’undicesimo gioco arriva improvviso il break della Siniakova (dopo che l’americana era stata a due punti dal set sul 5-4 in suo favore) che approfitta di una serie di inopinati gratuiti della Riske. La ceca va a servire per il match ma cede a 15 la battuta, si va al tie break. Tie break dove però non c’è storia, la Siniakova vola sul 4-0 e poi chiude 7-2. R. Ceca sul 2-0, Usa con le spalle al muro, domani si ricomincerà con il singolare tra Siniakova e Kenin.

Il sorteggio: Kvitova non gioca

Continua a leggere
Commenti

Fed Cup

La Fed Cup cambia nome in onore di Billie Jean King

Per la prima volta una competizione internazionale a squadre porterà il nome di una donna

Pubblicato

il

Nel corso di una conferenza stampa in diretta su Youtube, l’ITF ha annunciato un’importante novità che riguarda la Fed Cup. La competizione cambierà nome e si chiamerà Billie Jean King Cup by BNP Paribas, in onore della campionessa statunitense, icona di questo sport e molto impegnata nella lotta in difesa dei diritti civili e dell’uguaglianza sociale. Per la prima volta una competizione mondiale a squadre porterà dunque il nome di una donna. Un altro cambiamento dopo la riforma del format, sull’onda della Coppa Davis.

Molto soddisfatto il presidente dell’ITF David Haggerty che ha detto: ′′Dal giocare la prima Fed Cup come membro della vittoriosa squadra statunitense nel 1963, dal fondare la WTA e divenirne il suo primo presidente, ad essere la prima atleta femminile premiata con la Medaglia Presidenziale della Libertà americana, Billie Jean King non ha mai smesso di superare ogni barriera. Oggi aggiunge un’altra ′′prima volta′′ a quella lista. Il nuovo nome è un tributo adatto a tutto ciò che ha ottenuto e fornirà un’eredità duratura che ispirerà le future generazioni di giocatori e tifosi.”

Giustamente orgogliosa Billie Jean King che ha lanciato ancora una volta un messaggio alle nuove leve: ′′Non c’è niente come la sensazione di rappresentare il tuo paese e di far parte di una squadra, per questo motivo questa competizione è così speciale e importante per me. È un onore che la coppa del mondo femminile di tennis porti il mio nome e una responsabilità che non prenderò alla leggera. Il nostro lavoro è condividere questa visione con le future generazioni di ragazzine, perché se riesci a immaginarla, puoi esserla.

 

Continua a leggere

Fed Cup

Coronavirus: l’ITF posticipa le finali di Fed Cup

Le misure prese dal Governo ungherese e il successivo annuncio di pandemia mettono in ginocchio anche il tennis

Pubblicato

il

Fed Cup 2020 (via Twitter, @FedCup)

Anche le finali di Fed Cup, in programma dal 14 al 19 aprile 2020 alla Laszlo Papp Arena di Budapest devono arrendersi per l’emergenza Coronavirus. L’ITF ha deciso, assieme al Comitato Organizzativo Locale, di posticipare a data da destinarsi lo svolgersi delle Finals. Anche i play-off di Fed Cup, che si sarebbero dovuti svolgere in tutto il mondo il 17 e il 18 aprile, saranno rinviati.

Una decisione naturale dopo che oggi l’Ungheria aveva annunciato il blocco dei viaggi da e per Cina, Corea del Sud, Italia e Iran. La vera condanna per la Fed Cup è stata il divieto di riunirsi in pubblico con più di 100 persone all’interno e 500 all’esterno. Attualmente in Ungheria ci sono 13 casi di COVID-19, senza persone decedute.

Il presidente dell’ITF David Haggerty si è detto “rattristato di dover prendere questa decisione, ma non possiamo mettere a rischio la salute di spettatori, staff e giocatori”. Lo stesso Haggerty ha annunciato che “verranno cercate nuove date per lo svolgimento delle Finals […] Nel frattempo il gruppo consultivo sul COVID-19 dell’ITF continuerà a monitorare la situazione e ulteriori decisioni verranno prese sulla base di dati ufficiali e consigli degli esperti”.

 

Continua a leggere

Fed Cup

Fed Cup, World Group: Bielorussia, che rimonta. Spagna e Germania sul velluto

Sabalenka e Sasnovich piegano le olandesi 3-2. Iberiche e tedesche passeggiano con Giappone e Brasile. Bene anche Belgio, Slovacchia, Russia e Svizzera

Pubblicato

il

Si avvia alla conclusione il weekend di Fed Cup, il primo della manifestazione con la nuova formula delle Finals, quest’anno in programma dal 14 al 19 aprile a Budapest (che sarà sede anche delle prossime due edizioni).

Oltre ai raggruppamenti zonali, nei quali la nostra nazionale a Tallinn si è guadagnata l’accesso ai play-off per il World Group 2021, si sono anche svolte le sfide del tabellone principale che hanno determinato le nazionali che parteciperanno per l’appunto all’evento conclusivo di Budapest.

Hanno chiuso agevolmente i loro match sia la Spagna che la Germania. Le iberiche hanno avuto ragione del Giappone, orfano nella giornata di Naomi Osaka, ieri travolta da Sara Sorribes Tormo. Nulla ha potuto Kurumi Nara che ne ha preso il posto. Carla Suarez Navarro, all’ultima stagione da professionista, le ha impartito una severa lezione di tennis su terra, infliggendole un perentorio 6-1 6-2 che ha qualificato la Spagna. Occhio alle iberiche che se ad aprile avranno la Muguruza saranno davvero temibili tenendo conto che si giocherà sulla terra.

 

Nessun problema nemmeno per la Germania a Florianopolis, in Brasile. Laura Siegemund si è sbarazzata in due rapidi set di Gabriela Ce per il 3-0 definitivo. Considerando che le tedesche hanno schierato praticamente la seconda squadra, e ipotizzando la partecipazione di Goerges, Kerber e Lisicki alle Finals, anche la presenza della Germania non va sottovalutata.

Sotto 2-0, il Canada senza Andreescu e Bouchard (presente con un tutore al polso sinistro) ha provato ad affidarsi alla giovane Fernandez per riaprire la sfida con la Svizzera. La giovane canadese ha giocato una delle migliori partite della sua breve carriera e si è presa il lusso di battere Belinda Bencic in due set. Ma ci ha pensato Jill Teichmann ha chiudere la pratica liquidando con un doppio 6-3 Gabriela Dabrowski.

Anche la Gran Bretagna ha provato la rimonta in Slovacchia dallo 0-2. Watson ci ha provato battendo Sramkova, ma una tenace Schmiedlova è venuta a capo della grinta di Darriet Hart, superata in due set e qualificando così il suo team per le Finals.

Si partiva dall’1-1 invece nella sfida di Kortrijk tra Belgio e Kazakistan. Nella sfida tra le due numero 1 grandissima prova di Elise Mertens che ha battuto in due set Yulia Putintseva con il punteggio di 6-1 7-6. Primo set davvero perfetto della belga che ha fatto più volte esplodere le tribune occupate dai suoi fan. Nel secondo singolare mossa indovinata del capitano locale Van Herck che sostituisce la giovane Bonaventure con la veterana Flipkens che fa valere tutta la propria esperienza e supera in due set Zarina Diyas per il 3-1 definitivo.

Infine ecco la sintesi delle due sfide più equilibrate ed emozionanti . A Cluj-Napoca la Romania orfana delle sue migliori giocatrici (Halep inclusa) ha ceduto solo nel doppio alla Russia, nelle cui fila comunque mancavano le “big”. Ekaterina Alexandrova ha battuto in 3 durissimi set la nr.1 locale Bogdan, ma il capitano rumeno Segarceanu ha schierato la sconosciuta Cristian (nr.197 Wta) nel secondo singolare contro Kudermetova. La russa ha servito per il primo set sul 5-4 prima di finire completamente nel pallone, sorpresa dalla meno quotata avversaria. Cristian ha infilato tre game consecutivi, portato a casa il primo set 7-5 e poi vinto anche il secondo 6-3 per il provvisorio 2-2. Pubblico letteralmente impazzito sugli spalti, ma nel doppio le più esperte Blinova e Kalinskaya hanno avuto la meglio sulla stessa Cristian in coppia con Ruse. Russe alle Finals quindi.

La sfida tecnicamente più bella e anche più avvincente è stata invece sicuramente quella di The Haague, dove sulla terra indoor le bielorusse hanno battuto le padrone di casa olandesi per 3-2. Nella giornata conclusiva gran bella vittoria di Kiki Bertens su Aryna Sabalenka nel primo singolare, ma nel secondo Rus non è riuscita a chiudere la contesa facendosi rimontare da Sasnovich che aveva perso il primo parziale 6-0. Sul 2-2 si giocava il doppio decisivo con Bertens e Schuurs (nr.14 nella classifica di specialità) da una parte e Sabalenka e Sasnovich dall’altra. Match tecnicamente valido e ben giocato da entrambe le coppie. Primo set alle padrone di casa, secondo alle bielorusse, finale thrilling nel parziale decisivo. Le olandesi salgono 3-1, le bielorusse rimontano sul 4-3 e servizio, poi altro controbreak locale. Si arriva al tie break dove succede davvero di tutto, risulta alla fine decisivo un doppio fallo di Bertens sull’8-8. Sul terzo match point a loro favore le bielorusse chiudono con una voleé anche un po’ fortunosa di Sabalenka. Bertens disperata lascia il campo in lacrime senza nemmeno avere la forza di salutare le avversarie.

Non ha avuto troppo da invidiare anche la seconda giornata di USA-Lettonia, nella quale per poco la nazionale baltica non ha ribaltato il 2-0 maturato dopo la prima giornata. Una sorprendente Jelena Ostapenko ha infatti sconfitto la recente campionessa dell’Australian Open, Sofia Kenin, e Sevastova ha fatto lo stesso al tie-break del terzo set con sua maestà Serena Williams. Sul 2-2, il doppio è diventato decisivo ma la coppia Kenin-Mattek-Sands non ha tremato lasciando solo tre game alle stesse due ragazze lettoni che erano scese in campo per il singolare. Gli Stati Uniti tirano un sospiro di sollievo e volano a Budapest, mentre la Lettonia dovrà conquistarsi sul campo la permanenza nel World Group: non è certamente il sorteggio che ci auguriamo per l’Italia.

Ecco quindi le 12 squadre qualificate per le Finals di Budapest: Francia, Australia, R.Ceca, Ungheria, Bielorussia, Spagna, Germania, Belgio, Slovacchia, Russia, Svizzera e Stati Uniti. Ipotizzando queste squadre al completo con le migliori il parterre dei team sembrerebbe davvero di prima qualità. Il sorteggio dei gironi (4 da tre squadre, le prime di ogni raggruppamento direttamente qualificate alle semifinali) si terrà martedì prossimo proprio a Budapest alle 18.30 alla presenza di Billie Jean King.

Di seguito i risultati delle sfide del World Group

Fed Cup, Qualificazioni Finals 2020

Sportcampus Zuiderpark, The Hague, indoor clay
OLANDA-BIELORUSSIA 2-3

Bertens-Sabalenka 6-4 6-4
Sasnovich-Rus 0-6 7-5 6-3
Sabalenka/Sasnovich-Bertens/Schuurs 4-6 6-3 7-6(8)

Sala Polivalenta, Cluj-Napoca, hard indoor
ROMANIA-RUSSIA 2-3

Alexandrova-Bogdan 7-5 3-6 7-5
Cristian-Kudermetova 7-5 6-3
Blinkova/Kalinskaya-Cristian/Ruse 6-3 6-3

Costao do Santinho Resort, Florianopolis, outdoor clay
BRASILE-GERMANIA 0-3

Siegemund-Ce 6-1 6-2

TC La Manga Club, Murcia, outdoor clay
SPAGNA-GIAPPONE 3-0

Suarez Navarro-Nara 6-1 6-2

Swiss Tennis Arena, Biel, hard indoor
SVIZZERA-CANADA 3-1

Fernandez-Bencic 6-2 7-6(3)
Teichmann-Dabrowski 6-3 6-4

SC Lange Munte, Kortrijk, hard indoor
BELGIO-KAZAKISTAN 3-1

Mertens-Putintseva 6-1 7-6(1)
Flipkens-Diyas 6-3 6-4

AXA Arena NTC, Bratislava, clay indoor
SLOVACCHIA-GRAN BRETAGNA 3-1

Watson-Sramkova 6-0 7-5
Schmiedlova-Dart 7-5 6-3

(Angel of the winds Arena, Everett, hard indoor)
USA-LETTONIA 3-2

Ostapenko b. Kenin 6-3 2-6 6-2
Sevastova b. S. Williams 7-6(5) 3-6 7-6(4)
Kenin/Mattek-Sands b. Ostapenko/Sevastova 6-4 6-0

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement