Challenger Phoenix: impresa di Caruso contro Goffin, avanti anche Berrettini

Flash

Challenger Phoenix: impresa di Caruso contro Goffin, avanti anche Berrettini

Salvatore supera il belga in rimonta, Matteo si aggiudica il derby contro Sonego. Bene anche Napolitano in Cina (finale) e Viola in Canada (semifinale)

Pubblicato

il

Phoenix, USA (cemento, $162,480 +H)

Con tre vittorie nei primi tre turni dell’ATP Challenger 125 di Phoenix, il torneo di Salvatore Caruso poteva già considerarsi un piccolo successo e il quarto di finale che lo vedeva opposto a David Goffin una piccola ricompensa. Il 26enne siciliano invece non ha pensato affatto in questi termini e contro il n. 21 del mondo ha centrato la vittoria più importante della carriera (in termini di ranking), raggiungendo così la prima semifinale dell’anno (decima in carriera). Caruso ha battuto il belga con un’ottima prestazione – che sorprende un po’ se si pensa che pochi giorni fa aveva faticato contro un giocatore senza classifica come Kellovsky – tenendo un’intensità notevole e sbagliando pochissimo.

La testa di serie numero 1 non si era presentata al meglio a questo appuntamento e ha commesso qualche errore di troppo nel corso del match, ma si tratta pur sempre di un ex top10 e il suo livello lo si è visto in svariate occasioni, tanto da passare in vantaggio 6-2. Il n. 168 del mondo non ha avuto paura nei momenti decisivi, riuscendo a recuperare lo svantaggio imponendosi nel nono game del secondo parziale: due palle break annullate e set incamerato per 6-3 alla quarta chance. Nel set decisivo ha finito poi per chiudere 6-2 dimostrando passi avanti sia a livello mentale che di gioco, e nonostante i suoi 26 anni l’ingresso in top100 è alla sua portata.

 

Gli altri due italiani ancora in corsa nel torneo erano Matteo Berrettini e Lorenzo Sonego, che si sono sfidati in un derby azzurro. A prevalere è stato Matteo col punteggio di 6-4 6-4, sfruttando al massimo il suo servizio sul cemento nord-americano e facendo ben sperare in vista del ben più prestigioso torneo di Miami. Senza ancora perdere un set, la testa di serie numero 6 è giunta in semifinale dove, per la prima volta in carriera, troverà dall’altra parte della rete Guido Andreozzi. L’argentino numero 88 del mondo ha messo a segno una convincente vittoria contro il più quotato Millmann, e per il giovane italiano potrà rivelarsi un osso duro. Caruso invece, seppur sfavorito, può ben figurare contro la t.d.s. numero 4 Mikhail Kukushkin.

Risultati:

[ALT] S. Caruso b. [1] D. Goffin 2-6 6-3 6-2
[6] M. Berrettini b. L. Sonego 6-4 6-4
[4] M. Kukushkin b. [11] 6-4 7-5
[12] G. Andreozzi b. [3] J. Millman 6-3 4-6 6-3

Shenzhen, Cina (cemento, $81,240 +H)

Dopo Caruso che elimina la testa di serie n. 1 in Arizona, anche Stefano Napolitano, in Cina, fa altrettanto. Il 23enne piemontese infatti ha battuto 6-3 6-4 il tennista canadese Brayden Schnur (23 anni, n. 106) e con questo risultato raggiunge la prima finale Challenger dell’anno (la quinta in carriera, di cui una vinta). Ad attenderlo c’è il veterano cipriota Marcos Baghdatis, il quale non ha avuto particolari problemi contro il n. 424 francese Crepatte.

Risultati:

[2] M. Baghdatis b. B. Crepatte 6-3 6-4
S. Napolitano b. [1] B. Schnur 6-3 6-4

Drummondville, Canada (cemento, $54,160 +H )

Anche in Canada il tricolore continua a sventolare e lo fa per mano di Matteo Viola, capace di eliminare in due set il belga Arthur De Greef. Il numero 268 del mondo, con questo exploit inaspettato, si è issato fino alla semifinale e adesso gli si presenta l’ostacolo più difficile: il numero 1 del seeding Ricardas Berankis. Dall’altra parte del tabellone non sono mancate le sorprese: il n. 3 Jurgen Zopp è stato eliminato dallo statunitense Michael Redlicki.

Risultati:

M. Viola b. [5] A. De Greef 6-3 7-5
M. Redlicki b. [3] J. Zopp 4-6 7-5 6-3
[1] R. Berankis b. M. Torpegaard 7-6(3) 6-4
[2] Y. Maden b. [10] R. Cid Subervi 6-2 6-4

Continua a leggere
Commenti

Flash

Roland Garros 2019, ecco le teste di serie

I nuovi ranking ATP e WTA ci svelano la composizione del seeding a Parigi. Fognini, Cecchinato e Berrettini per l’Italia

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Roland Garros 2016 (foto di Roberto Dell'Olivo)

A pochi giorni dall’inizio del secondo Slam dell’anno e con le qualificazioni già in corso, le classifiche ATP e WTA pubblicate questa settimana sono quelle valide per l’assegnazione delle teste di serie al Roland Garros. Non saranno quindi considerati i punti ottenuti nei tornei che si stanno disputando questa settimana a Lione, Ginevra, Strasburgo e Norimberga. Il seeding diverrà ufficiale soltanto in occasione della compilazione dei tabelloni prevista per giovedì, ma un’occhiata ai ranking ci fornisce senz’altro un quadro quasi esatto – salvo ritiri dell’ultimo minuto – dei giocatori e delle giocatrici che avranno il meritato posto privilegiato nei rispettivi main draw.

A proposito di ritiri, vale la pena di ricordare che nel maschile saranno assenti i top 10 Kevin Anderson, sempre per il problema al gomito, e John Isner, ancora alle prese con la frattura da stress al piede; un piccolo punto interrogativo resta su Milos Raonic, il cui problema al ginocchio destro lo tiene lontano dalle competizioni dal Masters 1000 di Miami. Non ci sono invece stati forfait tra le prime 32 della WTA, ma è della scorsa settimana l’annuncio dell’assenza di Maria Sharapova.

Con l’ultima apparizione datata 2015, Roger Federer torna a Parigi con il conforto del numero 3 – dietro a Novak Djokovic e Rafa Nadal – che gli vale la maggior distanza possibile da quel Dominic Thiem che lo ha sconfitto due volte in questa stagione. Tre sono anche gli italiani che si sono guadagnati il prezioso numerino che accompagna il nome: Fabio Fognini (9), Marco Cecchinato (17) e Matteo Berrettini (30), al suo primo Slam da testa di serie; l’unica azzurra ammessa direttamente, Camila Giorgi, resta fuori per quattro posizioni.

 

La procedura per il posizionamento delle 32 teste di serie prevede che la numero 1 sia posizionata sulla prima riga e la numero 2 sull’ultima; una volta sorteggiate la 3 e la 4, il resto viene diviso in gruppi di quattro (tds dalla 5 alla 8, dalla 9 alla 12 e 13-16) e in gruppi di otto (17-24 e 25-32). Con i tabelloni da 128 giocatori senza bye, ogni testa di serie giocherà due match contro un avversario non compreso fra i primi 32.

Roland Garros 2019, singolare maschile:

1 – Novak Djokovic
2 – Rafael Nadal
3 – Roger Federer
4 – Dominic Thiem
5 – Alexander Zverev
6 – Stefanos Tsitsipas
7 – Kei Nishikori
8 – Juan Martin del Potro
9 – Fabio Fognini
10 – Karen Khachanov
11 – Marin Cilic
12 – Daniil Medvedev
13 – Borna Coric
14 – Gael Monfils
15 – Milos Raonic
16 – Nikoloz Basilashvili
17 – Marco Cecchinato
18 – Diego Sebastian Schwartzman
19 – Roberto Bautista Agut
20 – Guido Pella
21 – Denis Shapovalov
22 – Alex De Minaur
23 – Lucas Pouille
24 – Fernando Verdasco
25 – Stan Wawrinka
26 – Félix Auger-Aliassime
27 – Gilles Simon
28 – David Goffin
29 – Kyle Edmund
30 – Matteo Berrettini
31 – Dusan Lajovic
32 – Laslo Djere
—————————————–
33 – Frances Tiafoe
34 – Nick Kyrgios

In cima alla lista per approfittare di eventuali ritiri ci sono Frances Tiafoe e Nick Kyrgios.


Roland Garros 2019, singolare femminile:

1 – Naomi Osaka
2 – Karolina Pliskova
3 – Simona Halep
4 – Kiki Bertens
5 – Angelique Kerber
6 – Petra Kvitova
7 – Sloane Stephens
8 – Ashleigh Barty
9 – Elina Svitolina
10 – Serena Williams
11 – Aryna Sabalenka
12 – Anastasija Sevastova
13 – Caroline Wozniacki
14 – Madison Keys
15 – Belinda Bencic
16 – Wang Qiang
17 – Anett Kontaveit
18 – Julia Goerges
19 – Garbiñe Muguruza
20 – Elise Mertens
21 – Daria Kasatkina
22 – Bianca Andreescu
23 – Donna Vekic
24 – Caroline Garcia
25 – Hsieh Su-wei
26 – Johanna Konta
27 – Lesia Tsurenko
28 – Carla Suarez Navarro
29 – Maria Sakkari
30 – Mihaela Buzarnescu
31 – Petra Martic
32 – Aliaksandra Sasnovich
—————————————–
33 – Danielle Collins
34 – Sofia Kenin

INFORMAZIONI SUL TORNEO

Continua a leggere

Flash

Jannik Sinner firma con Nike

Jannik diventa testimonial della grande azienda statunitense. Si unisce a Musetti, anch’egli testimonial Nike

Pubblicato

il

Jannik Sinner per Nike (foto via Instagram, @janniksin)

I successi di Jannik Sinner non potevano passare inosservati agli occhi dei vari grandi sponsor. A 17 anni, l’azzurrino ha già preso parte a ben tre tornei del circuito maggiore, riportando anche due vittorie. L’ultima è arrivata agli Internazionali BNL d’Italia contro Steve Johnson, nonostante il primo set perso e tutta la pressione di giocare davanti al pubblico di casa. La successiva sfida contro un top 10 come Stefanos Tsitsipas si è rivelata ancora fuori portata, ma Sinner ha mostrato di poter già appartenere al tennis maggiore.

Come spesso accade quando si parla di mettere sotto contratto giovani talenti, Nike è stata la più rapida a muoversi o quantomeno l’azienda a farlo con maggior successo. Tramite il proprio profilo Instagram infatti, Sinner ha annunciato di aver firmato per la grande casa d’abbigliamento statunitense.

 

Così felice, così orgoglioso, così emozionato, così riconoscente di essere diventato parte della famiglia Nike! Grazie Nike per questa grande opportunità, farò di meglio per rendervi fieri di me”, si legge nella didascalia sotto la foto che ritrae un sorridente Sinner completamente targato Nike. Jannik si unisce dunque all’altro giovanissimo azzurro, Lorenzo Musetti, anch’egli sponsorizzato da Nike. Al femminile invece Sara Errani è rimasta l’unica azzurra a sfoggiare lo storico “baffo”, dopo il ritiro di Roberta Vinci.

Continua a leggere

Flash

Kyrgios, ancora? “Il Roland Garros fa schifo rispetto a Wimbledon”

L’australiano, in visita all’All England Club, si lascia andare a dichiarazioni decisamente sopra le righe

Pubblicato

il

Nick Kyrgios sull'erba di Wimbledon (foto via Instagram, @k1ngkyrg1os)

Nick Kyrgios si prepara a giocare il Roland Garros, come tutti gli altri giocatori che ne hanno diritto, anzi non proprio come tutti gli altri giocatori. Il tennista australiano infatti attualmente si trova all’All England Club di Wimbledon, anche se non sono chiari i motivi della sua presenza laggiù a pochi giorni dal più importante torneo sulla terra. La solita ordinaria follia di Kyrgios che però ancora una volta non ci è andato leggero con le dichiarazioni. Durante una diretta Instagram infatti, Nick si è lasciato andare alla seguente esternazione: “Tra un paio di giorni dovrò andare a Parigi. Il French Open fa schifo paragonato a questo posto. Davvero schifo“.

Dopo essersi inimicato gli spettatori romani con la sceneggiata della sedia agli Internazionali d’Italia, siamo sicuri che anche il pubblico parigino non lo accoglierà a braccia aperte.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement