Il ritorno in campo di Snauwaert

Area test

Il ritorno in campo di Snauwaert

66 titoli del Grande Slam con le racchette di legno, ora Snauwaert torna sul mercato

Pubblicato

il

Ai più giovani, il marchio Snauwaert dirà poco, ma chi gioca a tennis da qualche decade conosce benissimo il brand che fu di Vitas Gerulaitis, Mikael Pernfors, Brian Gottfried e Miloslav Mecir. La storia di Snauwaert inizia nel Belgio degli anni ‘20, quando Valler Snauwaert e Eugeen Depla, due fratelli non di sangue, da abili manufatturieri decisero di creare canoe e racchette da hockey e tennis. Si misero in proprio, lasciando l’autocarrozzeria nella quale lavoravano, e in pochi anni la loro azienda crebbe fino ad avere 35 dipendenti.

Snauwaert, questo il nome scelto per la loro nuova avventura, rimane attiva superando la grande guerra e continua a crescere e negli anni ‘60, quando il tennis diventa uno sport popolare negli USA. Arriva la produzione di massa delle racchette: il brand ne produce tre milioni ogni anno. Arrivano i successi e le racchette di legno Snauwaert vincono un totale di 66 titoli del Grande Slam. L’arrivo della grafite, sul finir degli anni ‘80, segna il declino del marchio che lascia il mercato nel 1991.

Adesso è tempo di tornare in campo grazie a Roberto Gazzara, ex capo della ricerca e del design di Prince, che ha acquistato il marchio belga per rilanciarlo. Dopo tre anni passati a studiare materiali e testare telai, Snauwaert ha presentato nel 2018 la nuova linea di prodotti, non tantissimi, affidandosi alla vendita esclusiva tramite il sito web e tramite una rete di ambassador (dei maestri di tennis) disseminata sul territorio e che farà provare direttamente sul campo le racchette agli utenti, che diventano centrali in questa scelta di mercato.  #weservetennis è lo slogan scelto non a caso.

Sono due le linee di prodotto presentate, Grinta e Vitas. La novità tecnologica introdotta si chiama Bionic X section, in pratica la sezione del telaio che si ispira alla forma delle ossa umane per diventare più rigida nella parte alta della racchetta (quella più importante, a ore 3 e a ore 9 del piatto corde) e cioè dove il carico è maggiore. Nel punto di flessione del telaio, a ore 5 e a ore 7, cioè nella zona del “cuore”, Snauwaert ha reso simmetrica la sezione del telaio per resistere meglio alla torsione derivante dall’impatto.

 

La serie Grinta comprende sei modelli, di cui 4 da 98 pollici con un profilo costante di 22 millimetri con delle aree di telaio più larghe a ore 3 e a ore 9. I modelli sono disponibili in due pesi, 290 e 315 grammi, e in due differenti schemi d’incordatura: 16×16 e il più diffuso 16×19. Quest’ultimo schema, il 16×19, è quello usato nel modello Grinta Tour, uno dei più venduti in virtù delle sue caratteristiche che favoriscono i giocatori con swing rapidi e decisi, i classici giocatori di pressione che colpiscono la palla in fasce ascendente e che cercano molta generazione di spin in un telaio. La scelta del 16×19 come schema d’incordatura favorisce proprio queste soluzioni. Il modello Tour è disponibile in due pesi, con il bilanciamento fissato a 31,5 centimetri per quanto riguarda il modello da 310 grammi e 33 centimetri per il modello pesante 290 grammi (Grinta 98 Tour Lite).

I giocatori a tutto campo e che giocano con più pazienza da fondocampo si troveranno meglio con i modelli della linea Grinta 100. Come dice già il nome, l’ampiezza del piatto corde aumenta fino a 100 pollici, una scelta sempre più gradita dal tennista medio, d’altronde se anche Federer è arrivato a giocare con una racchetta piatto 97 perché il tennista da circolo non dovrebbe averne una più grande? Grinta 100 è disponibile in due pesi: c’è una versione pesante 305 grammi, schema d’incordatura 16×18 e bilanciamento a 31,5 centimetri e una versione pesante 285 grammi, la Grinta 100 Lite, sempre con schema d’incordatura a 16×18 e bilanciata a 33,5 centimetri dal manico. I modelli competitor della Grinta 98 sono la Babolat Pure Strike, le Pro Staff e Blade della Wilson e la Head Prestige, mentre può sperimentare la Grinta 100 chi è solito usare la Babolat Pure Aero, la Wilson Ultra, la Prince Tour e le Head Radical e Speed.

Ai tennisti meno esigenti in termini di racchetta impegnativa è destinata la linea Vitas, disponibile in versione 100, 105 e 110, a indicare la dimensione del piatto corde. La forma pentagonale del piatto, molto particolare, promette di assicurare un buon equilibrio in termini di velocità ed effetto prodotti. Il telaio, che ha uno spessore variabile (24 centimetri al manico, 26,5 centimetri nella zona centrale e 25 centimetri in testa) è indicato a chi impatta nella parte alta dell’ovale, ed è disponibile in due pesi: 300 grammi (schema d’incordatura 16×19 e bilanciamento a 31,5 centimetri) e 280 grammi, la Vitas 100 Lite, 16×19 e bilanciata a 33,5 centimetri dal manico. La Vitas 100 può essere apprezzata da chi è solito usare una Babolat Pure Drive, una Wilson Burn, la Prince Warrior e i modelli Extreme e Instinct della Head.

La Vitas 105 esalta ancora di più le caratteristiche all-court del modello 100, avvalendosi di uno sweet-spot, la zona d’impatto utile di un telaio, ancora più ampio. È disponibile in due pesi, 285 grammi (14×19 e bilanciamento a 32,5 cm) e l’ultraleggero 267 grammi della Vitas 105 Lite (14×19, 34 cm). Infine, per chi proprio fosse in cerca di un aiuto extra, sono disponibili il modello Vitas 110 (pesante 270 grammi, schema d’incordatura 16×18 e bilanciamento a 34 centimetri) e il modello più leggero Vitas 115 (260 grammi di peso, bilanciamento a 36 centimetri, schema corde 16×18). Questi modelli sono soluzioni adatte a chi è solito giocare con la Head MGC, la prince TXT Premiere, le wilsian H6 e la Babolat Pure Drive OS.

Snauwaert non si è limitata solamente a reintrodurre nel mercato i telai, ha prodotto anche tre modelli di corde: Black Beam, White Beam e Sunny Core.

Black Beam è una corda in monofilamento dura ma confortevole, creata per favorire lo spin e che Snauwaert suggerisce di abbinare ai modelli Grinta 98, 100 e Vitas 100. È disponibile in due calibri, 1,25mm e 1,35mm. Il modello White Beam invece è più confortevole, una corda più elastica che sarà amata dal braccio. Si tratta di una corda molto versatile che ben si adatta ai telai con piatto più grande del brand. È disponibile in formato 1,25mm. Infine, il modello Sunny Core è destinato ai telai Vitas 100, 105 e 110, trattandosi di una corda ancora più confortevole e che agevola la generazione di potenza.

Completano la linea Snauwaert zaini e borse oltre a grip e overgrip, tutti marchiati con la S storica, che ora è tornata per riprendersi, almeno, parte della scena che una volta dominava.


Continua a leggere
Commenti

Area test

Caviglie in sicurezza con la Mizuno Wave Impulse

Recensione e test della scarpa Mizuno Wave Impulse, ottima stabilità del piede e buon confort di gioco

Pubblicato

il

La nuova Mizuno Wave Impulse è una scarpa da tennis veloce, reattiva e molto confortevole. Molti giocatori professionisti si affidano a Mizuno per via dell’ottima ammortizzazione degli urti al suolo combinata con la stabilità e il feeling di gioco. Questa Wave Impulse non fa eccezione e si rivolge principalmente ai giocatori agili e veloci che cercano sì ammortizzazione degli urti, ma che vogliono anche che il loro piede sia in perfetta sicurezza in ogni fase del gioco.

La costruzione della tomaia con il metodo DynamotionFit (in neoprene) assicura la perfetta stabilità del piede all’interno della scarpa, questo si traduce in movimenti sicuri senza possibilità di movimento interno del piede. L’uso della Wave technology mantiene la caviglia ancorata nella corretta posizione proprio per garantire movimenti in sicurezza mentrel’intersuola in soft EVA si preoccupa di attutire gli urti con il terreno e “restituire” energia per il movimento successivo. La suola della Wave Implulse è costruita con gomma X10 rubber con un battistrada a spina di pesce che promette grande durata e una buona presa su tutte le superfici di gioco.

Test sul campo

 

All’inizio, percepiamo la scarpa un po’ dura, ma è un fattore abbastanza normale con modelli di questo tipo: col passare delle ore di gioco migliora la sensazione di confort e quindi il feeling con la scarpa. Quindi bisogna avere fiducia, perché la Wave Impulse avvolge il piede come se si trattasse di un ibrido fra una scarpa da calcio e da basket. La suola rialzata infatti fornisce proprio questa situazione, a mero beneficio della protezione della caviglia, praticamente bloccata. Questo è un fattore da non trascurare per quel tipo di giocatori che incorrono spesso in problemi di questo tipo. Insomma, è una scarpa studiata proprio per questo, più robusta rispetto alla linea Wave Exceed Tour in pratica. Quando la scarpa si è ben modellata al piede dopo diverse ore di gioco, si sentono i pregi della bootie construction. La Wave Impulse ora è infatti morbida e fasciante, dà subito sensazioni di stabilità e sostegno, con la conseguente maggiore sicurezza nei movimenti sul terreno di gioco.

E infatti, dopo ore di gioco, prende subito il massimo dei voti per quanto riguarda la stabilità del piede. C’è poca torsione interna dello stesso, gli urti al suolo sono ottimamente attutiti e allo stesso tempo il piede è ben a contatto con il terreno in tutta la superficie della scarpa, dal tallone alla punta. Ne beneficiano i cambi di direzione ovviamente, specie se repentini e improvvisi. La suola della scarpa, provata su terra battuta, risulta abbastanza dura, almeno nelle prime ore di gioco. Col passare del tempo la suola si ammorbidisce e il risultato è che si riesce a dosare meglio la forza della scivolata laterale. Il piede è ben al sicuro

In definitiva, Mizuno ha nella Wave Impulse una scarpa che si rivolge a giocatori di tutti i livelli, specie se alla ricerca di una scarpa dalle buone sensazioni di confort abbinate ad un’ottima sicurezza e protezione del piede e della caviglia.

Continua a leggere

Area test

Il test della Dunlop Srixon CX200, anima classica in stile moderno

Recensione e test della racchetta Dunlop Srixon CX200, feeling classico in salsa moderna

Pubblicato

il

La Dunlop CX200 va a rispondere alla richiesta dell’utente che cerca una racchetta agonistica affidabile, precisa e con i numeri del momento in termini di peso (305 grammi senza corde), piatto corde (98 pollici) e schema d’incordatura (16×19). In questa fascia di mercato c’è una concorrenza molto dura, tutti i brand si sono attrezzati per rispondere alla domanda con tante versioni dei loro modelli proprio per non lasciare indietro nessuno. Dunlop Srixon non è certamente da meno, tanto è vero che propone la linea CX in ben 7 versioni (fra le quali la CX 200 Tour con piatto 18×20 usata da Kevin Anderson).

La CX200 è una racchetta molto aerodinamica e che incorpora tecnologie come Sonic Core con sistema Infinity, un materiale che riduce gli shock da impatto e riduce proprio l’inerzia. Lo schema d’incordatura proposto, il 16X19 che oggi va per la maggiore, utilizza il sistema PowerGrid StringTech allo scopo di allargare lo spazio fra le corde orizzontali e centrali, avendo in risposta più spin e più potenza. Il piatto corde, grazie alla tecnologia Aero-Box, comprime l’ingombro del telaio aumentandone lo sweet-pot, la zona d’impatto utile.

Esteticamente la CX200 risulta molto elegante: il nero satinato domina l’intero telaio ed è interrotto solo da un tono di rosso vibrante ai lati del piatto corde. La sezione (trapezoidale, mutuata dalla tecnologia D-Section) è boxed in tutto il telaio, che ha un profilo costante di 21,5 millimetri. Questo modello è in uso da Qiang Wang, Jamie Murray, Bjorn Fratangelo e da Roberto Marcora, che veste anche K-Swiss.

 

Caratteristiche tecniche
Ovale: 98 in² / 632 cm²
Lunghezza:  68,5cm
Peso: non incordata: 305gr (323gr incordata)
Bilanciamento: 32,49cm / 6 pts HL
Swingweight: 319
Rigidità: 65RA
Spessore del telaio:     21,5mm / 21,5mm / 21,5mm
Materiale:   Sonic Core Infinergy/Graphite
Schema corde :   16X19

In campo
Quello che colpisce rapidamente di questa CX200 è la giocabilità. Pochi minuti bastano a rendersi conto che un braccio sufficientemente dotato riesce a sfruttare appieno le caratteristiche di dinamicità e precisione del telaio. La CX200 si rivela un ottimo compromesso in fatto di rigidità, dichiarata a valore 65 punti RA: il sistema Sonic Core consente di generare una discreta dose di potenza in ritorno dalla torsione e allo stesso tempo di mitigare gli impatti, veramente eccezionali in termini di feeling. Si capisce subito che questa è una racchetta che non vuole essere usata dagli arrotini puri, quelli del top spin ad ogni colpo. Non che disdegni la rotazione, sia chiaro, ma i risultati migliori da fondo campo si hanno quando si colpisce la palla di piatto o con la quantità di top spin necessaria per generare la copertura del colpo. In questa zona di campo si avverte un po’ la mancanza di potenza gratuita, di qui la richiesta di un braccio tecnico.

Ma la dinamicità è la caratteristica forte di questa racchetta. In ogni zona del campo si riesce ad avere una giocabilità ottima e un feeling eccezionale subito dopo gli impatti. È una sensazione che cresce man mano che ci si gioca. Sul rovescio in back basta accompagnare dolcemente la palla in fase di impatto per vederla viaggiare senza neanche tanto sforzo; in questo colpo si ottiene profondità molto velocemente, ma anche come per il topspin le soluzioni più facili ed efficaci sono quelle con poco spin. Risponde bene anche a rete il telaio, con le esecuzioni pulite che premiano i colpi in maniera migliore rispetto alle soluzioni col taglio; anche nei colpi sopra la testa si hanno le stesse sensazioni: si può fare tutto, ma è quando si ci mette la giusta dose di spin che si ottiene il meglio rispetto alle caratteristiche.

L’anima classica di questa Dunlop è la sensazione migliore che rimane alla fine del test. Provata da diversi giocatori, tutti restituiscono il medesimo responso: impossibile giocarci male se si colpisce con buona sicurezza. La CX200 è una racchetta che ripropone in salsa moderna il feeling Dunlop e che ha le caratteristiche giuste per ambire al pubblico più ampio degli agonisti, dai quarta categoria in su, senza però scontentare chi cerca qualcosa di più esigente.

Continua a leggere

Area test

Il test della Grinta 98 Tour e Grinta 100, le Snauwaert d’assalto

Recensione e test in campo delle Snauwaert Grinta 98 Tour e Grinta 100, le racchette per gli agonisti

Pubblicato

il

Che Snauwaert, il brand storico capace di vincere 66 titoli dello Slam con le sue racchette di legno grazie fra gli altri a Vitas Gerulaitis, Mikael Pernfors, Brian Gottfried e Miloslav Mecir, sia tornato non è più una novità oramai. È tempo quindi di approfondire la gamma di racchette proposte nel sempre più affollato mercato tennistico. Dopo il test della versatile Vitas 100 è tempo di provare la Grinta 98 Tour e la Grinta 100, le racchette più esigenti del brand riportato in vita da Roberto Gazzara, ingegnere con più di 20 anni di esperienza nel design di racchette e già in forza alla americana Prince.  

La linea Grinta è disponibile nelle seguenti combinazioni di piattocorde-peso: 305 e 285 grammi per Grinta 100, 315 e 290 grammi per la Grinta 98,  310 e 290 grammi per Grinta Tour 98. Il colore abbinato al nero opaco che domina l’estetica della linea è l’arancione per la 100 e il rosso per la 98. Simpatico poi il butt-cap del manico, sul quale sono incise le scritte “My serve” e “Your Serve” per il sorteggio iniziale pre-gara, per chi volesse evitare il classico pari e dispari.

Caratteristiche tecniche Grinta 98 Tour:
Piatto corde: 98 pollici
Peso: 310 grammi
Bilanciamento: 31,5 cm dal manico
Schema d’incordatura: 16×19
Rigidità: 58RA
Profilo: 22 mm

 

Caratteristiche tecniche Grinta 100:
Piatto corde: 100 pollici
Peso: 305 grammi
Schema d’incordatura: corde 16×18
Bilanciamento 31,5 cm dal manico
Rigidità 64 RA
Profilo 21-24-23 mm

La linea Grinta è quella più indirizzata al controllo di palla e quindi diciamo più esigente. Il campo conferma queste sensazioni. Infatti la Grinta 98 Tour tiene fede al suo nome, e cioè vuole un approccio grintoso per essere sfruttata al meglio. Solamente colpendo con decisione, con swing decisi e veloci, riuscirete a valorizzare le caratteristiche di precisione e controllo di questo telaio. Avaro di potenza infatti – ma questo è un aspetto sul quale si può lavorare in sede di scelta della corda e della relativa tensione – il telaio si rivela stabile e restituisce buone sensazioni subito dopo l’impatto. La palla va esattamente dove indirizzata, si ha una resa migliore sui colpi piatti rispetto alla Grinta 100 ma anche per questo modello vale la regola del top spin (favorito dallo schema corde 16×19), e cioè di terminare lo swing imprimendo effetto alla palla per avere la migliore resa possibile in termini di esaltazione delle caratteristiche di questo telaio.

Più “giocabile” invece la Grinta 100, che anche per il fatto di avere qualche extra pollice in più in termini di ampiezza di piatto corde consente una resa finale migliore. Conserva le stesse caratteristiche della 98 Tour ma la palla esce meglio e più rapidamente dal piatto corde. Più giochiamo con entrambe le racchette, e più le sensazioni di stabilità del telaio all’impatto migliorano. Merito del sistema Bionic, che evidentemente funziona bene a livello di rigidità e torsione del telaio. Da fondo campo quindi si colpisce con sicurezza, con buona spinta, c’è una buona resa nei colpi piatti ma in generale Grinta 100 consente una varietà di soluzioni maggiore, specie anche nel gioco di volo e nei colpi sopra la testa. Infatti risulta molto maneggevole considerato le ampie dimensioni di una racchetta con piatto 100 pollici.

Giudizio
In definitiva la linea Grinta di Snauwaert si rivolge ai tennisti capaci di buoni e decisi swing. Non siamo di fronte a due racchette che accettano compromessi: bisogna colpire bene e con decisione per fare uscire la palla con rapidità dal piatto corde. Il modello 100 si lascia preferire per la maggiore adattabilità ai vari tipi di gioco.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement