Verso la terra battuta: Kyrgios out da Houston, Nadal affila gli artigli

Flash

Verso la terra battuta: Kyrgios out da Houston, Nadal affila gli artigli

Il ginocchio fa slittare il rientro di Nick, mentre Rafa è già in campo ad allenarsi

Pubblicato

il

 
 

Brutta notizia per i fan di Nick Kyrgios e per tutti quelli che si aspettavano di rivederlo in campo la seconda settimana di aprile in Texas: il ventitreenne di Camberra annuncia ora su Twitter che non parteciperà all’ATP 250 di Houston a causa di un problema al ginocchio. Sconfitto agli ottavi di Miami da Borna Coric, Nick si prende così una pausa per potersi presentare al meglio in Europa.

Sono veramente amareggiato per dovermi ritirare da Houston” scrive Kyrgios. “Mi è piaciuto giocare l’evento lo scorso anno e non vedevo l’ora di tornare, ma sfortunatamente il mio ginocchio ha altre idee, ho bisogno di riposarmi, sottopormi alla terapia e assicurarmi di poter giocare davvero sulla terra europea quest’anno dopo che ho perso l’intero swing nel 2018. So che l’ATP di Houston sarà fantastico anche quest’anno e intendo tornare nel 2020”.

Quello texano è finora un torneo non fortunatissimo per Nick: lo scorso anno, alla sua prima partecipazione, gli si ripresentò il dolore al gomito durante il quarto di finale in cui fu sconfitto da Ivo Karlovic – dolore che lo tenne lontano dalle competizioni fino all’erba di Stoccarda.

A proposito di ginocchi (e di recenti incontri), Rafa Nadal si sta già sporcando i calzini di rosso sui campi della sua accademia a Manacor. Dopo il ritiro a Indian Wells poco prima del 39° Fedal per il solito problema ricomparso nel match contro Khachanov e la rinuncia al torneo di Miami, il contatto delle suole con la superficie prediletta sembra aver sortito gli effetti previsti: il campione spagnolo è di nuovo in campo a maltrattare palline gialle con il suo drittone, come conferma il video qua sotto.

Nel caso qualcuno ne dubitasse, pare proprio che non ci sia da temere per il classico rientro di Rafa a metà aprile in quel di Monte Carlo dove difenderà il titolo, l’undicesimo vinto nel principato.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Roland Garros: ennesimo monologo di Swiatek, anche Riske raccoglie solo due games

La n. 1 del mondo annichilisce l’americana con un 6-0 6-2 e accede senza fatica al terzo turno, incontrerà la montenegrina Kovinic

Pubblicato

il

Iga Swiatek - Roland Garros 2022 (foto Roberto dell'Olivo)

Davvero duro commentare un match dell’attuale Swiatek. Con la polacca in campo non si sviluppa mai un vera partita, i suoi punti filano via in fotocopia, è un monologo di Gassman, un assolo infinito di Hendrix. Difficile anche annotare qualche scambio particolare, chessò lottato o spettacolare: o chiude lei entro il terzo colpo o sbaglia l’altra sotto pressione.

È andata così anche con Alison Riske, oggi n. 43 ma nel 2020 salita anche al 18 del ranking. Alla statunitense l’esperienza dei 31 anni non è servita granché, Iga ha preso la cloche in mano dal primo game e ha condotto l’aereo sulla pista giusto un’ora più tardi, inanellando così la trentesima – sì, avete letto bene, trentesima – vittoria di fila. È iniziato tutto in febbraio col trionfo a Doha, poi il Double Sunshine, Stoccarda e Roma, cui si aggiungono due match vinti in Billie Jean King. L’ultima a battere la ventenne di Varsavia è stata Ostapenko a Dubai, tre mesi fa e comunque al tie break del terzo! Risultato, 7061 punti nel ranking WTA, 2000 in più della seconda, quella Krejcikova campione a Parigi l’anno scorso ma già fuori dal torneo.

Nel Roland Garros 2021 Swiatek aveva perso con Sakkari ai quarti, ma la greca era in stato di grazia e la n. 1 non ancora la schiacciasassi odierna. Ora che delle prime dieci teste di serie solo Badosa, Sabalenka sono approdate al terzo turno, la vittoria finale della polacca è solo forse più una questione di quanti giochi lascerà alle avversarie che altro.

 

Intanto rifila a Riske lo stesso trattamento riservato a Tsurenko, solo invertendo i set. La ragazza di Pittsburgh ha il suo meglio alle spalle, quest’anno finale ad Adelaide e poi solo ottavi a Miami, ma veniva dalla vittoria al primo su Yastremska, di certo in crisi d’identità eppure sempre tosta da domare: forse qualche aspettativa di match era verosimile, in realtà non c’è stata gara.

IL MATCH

[1] I. Swiatek b. A. Riske 6-0 6-2

In un Suzanne Lenglen moderatamente pieno e tiepido, terzo head to head tra Swiatek e Riske – parziale di 2-0 per la dominatrice del circuito, ca va sans dire. Parte subito aggressiva Iga, un gratuito di carburazione, tre vincenti e un ace. Riske soffre immediatamente al servizio, al secondo colpo è già lì che bascula da destra a sinistra, da sinistra a destra. I forzati arrivano in sequenza, l’americana ci mette del suo con un dritto lungo, palla break per Swiatek che i giudici di linea non hanno ancora preso posizione in campo. Dritto della polacca, 2-0 e copione del match già scritto. Nel game successivo Swiatek sfrutta la fenomenale capacità di impostare lo scambio già col primo colpo dopo il servizio, uno schema “maschile” che esibisce due volte volando in un fiat 3-0.

Le poche prime e i troppi gratuiti tolgono a Riske qualsiasi chanche di fare partita: ad aggravare il divario con l’avversaria, i movimenti inadatti alla terra e le scarse qualità in difesa. Non basta fare il tergicristallo per evitare il diluvio sotto la spinta di Iga.

Siamo a quattordici minuti di match e il tabellone racconta di un 4-0 crudele a favore della polacca.

A differenza di Riske, Swiatek inanella parecchie prime con cui fa punto diretto o chiude facile sul colpo successivo. Il servizio di Iga non è esplosivo come altre nel circuito, sennonché risulta precisissimo e le seconde in kick sono difficili da ammaestrare. Vista la ferocia del punteggio, la polacca pecca di eccessiva sicurezza e per sufficienza sbaglia una palla sopra la rete, è cosa rara per lei, non succederà più.

Un paio di attimi più tardi, con un dritto al volo Iga si procura due set point: alla Riske sfugge un sorriso prima di servire, come a dire, che posso fare? In realtà poco o nulla, se non limitare i gratuiti, viceversa un suo dritto atterra lungo e il primo parziale regala un 6-0 alla Swiatek: quindicesimo bagel in stagione su 92 set giocati, così, per gradire.

Una scorsa veloce ai numeri, per pura passione statistica. Saltano all’occhio quel 75% di punti vinti in risposta da Swiatek e quel 24/7 a suo favore nel computo dei punti totali fatti.

Si riparte con l’unica curiosità di vedere se verrà sgretolato il record di Steffi Graf contro Zvereva, sempre a Parigi nel 1988 : 6-0 6-0 in 32 minuti.

La musica non cambia, Swiatek gioca con tale scioltezza che sull’1-0 si distrae e al cambio di campo si siede di panchina. Ora Iga si sta accontentando di spingere senza quasi più cercare il vincente, sicura che al quarto, massimo quinto colpo Riske, sfiatata, sbaglierà. L’americana da parte sua cerca solo di tenere botta, evidente come non abbia il gioco – pure piuttosto sgraziato nelle movenze – per impensierire la rivale. Altri due breakpoint sul suo servizio e ancora basta il primo già che Alison, sbattuta in corridoio da un rovescio di Swiatek, manda fuori l’ennesimo rovescio: mezz’ora e 6-0 2-0, lo spettro di Zvereva ancora incombe.

Nei quattro giochi successivi però qualcosa cambia, aumenta la percentuale di prime di Riske e diminuisce quella di punti vinti in risposta da Swiatek. Vista la scarsa competitività dell’avversaria, la polacca ha fretta di doccia e massaggi, ma aumentano i suoi gratuiti e la Riske comincia a intascare almeno due punti a game, sciccheria per lei impensabile solo cinque minuti prima.

Al quarto gioco l’evento: Riske annulla il millesimo break point e con una buona prima si procura palla game; altra buona prima, risposta in rete di Swiatek e la trentunenne della Pennsylvania raccoglie l’ovazione del Lenglen per il primo gioco della giornata. Possiamo dire che Alison se l’è meritato tutto, ammirevole la sua voglia di stare in campo pur nella certezza di uscirne sconfitta.

Sul 4-2 Swiatek riprende a martellare, con rabbia quasi. Analizzandone i movimenti, sbalordiscono l’elasticità delle gambe e la velocità con cui si coordina, a tratti ricorda l’atletismo di Alcaraz, del quale peraltro imita anche la tendenza a colpire la palla quando ancora sale e la posizione molto dentro al campo, tanto dentro al campo che potrebbe prenderle tutte al volo.

Per un attimo abbiamo pensato che ci fosse una partita anziché un allenamento defatigante, Iga però rimette tutto in ordine con un gioco a zero: 5-2.

L’ultimo game è paradossalmente il più combattuto: due prime di Riske e 30-30. Non forzato dell’americana e primo match point per Swiatek, annullato con un ace di seconda dall’avversaria. Iga al solito fa e disfa, con due errori e due vincenti riporta il punteggio in parità. Ma un primo rovescio fuori di Riske, poi un altro in rete su una risposta profonda di Swiatek chiudono, verrebbe da dire ineluttabilmente, il match: 6-0 6-2, sforata l’ora, 61 minuti totali per la precisione, almeno un punto d’orgoglio per l’americana aver evitato il doppio bagel.

Nell’intervista post gara Santoro ha poco materiale narrativo, dunque stuzzica Iga sulla visita a Versailles di ieri. La giovane polacca sfoggia una certa brillantezza, confessando di essere stata incantata dalla perfetta simmetria della reggia reale. Lei ama la matematica e le piace quando tutto è in ordine: oltre che pressoché imbattibile scopriamo una Iga anche autocritica e, in un circuito femminile cosi stressante e stressato, un po’ di leggerezza proprio non guasta.

Il tabellone femminile del Roland Garros 2022

Continua a leggere

Flash

Roland Garros, il programma del 27 maggio: Trevisan all’ora di pranzo. Nadal sul Lenglen

Martina sul campo 14 dopo un doppio. Alcaraz in notturna sullo Chatrier contro Korda

Pubblicato

il

Martina Trevisan - Roland Garros 2022 (foto Roberto Dell'Olivo)

Anche quest’anno è arrivato uno dei momenti più difficili per gli organizzatori del Roland Garros: spostare Nadal dal suo habitat naturale, il Philippe Chatrier, e farlo giocare sul Suzanne Lenglen, un altro stadio comunque imponente. Soprattutto quando Rafa e Djokovic si trovano nella stessa parte di tabellone, almeno una volta a testa entrambi sono costretti a dover rinunciare al campo principale. A Nole è successo ieri contro Molcan, allo spagnolo toccherà domani nel match contro la testa di serie numero 26 Van De Zandschulp. Sarà il terzo match a partire dalle 11, dopo due incontri femminili molto interessanti: quello in cui si affronteranno la manualità di Muchova e i colpi piatti di Anisimova (nessun precedente tra le due) e quello tra l’esperta Kanepi e la 18enne Gauff (a Parma l’anno scorso vinse l’americana). A rappresentare i colori italiani nel singolare, domani ci sarà solo Martina Trevisan. Dopo aver giocato sui campi 12 e 13, domani si sposterà sul 14 (chissà se farà caso a questa progressione visti i suoi riti scaramantici raccontati in sala stampa dopo la vittoria su Linette) per sfidare intorno alle 12.30/13 (dopo un match di doppio) Daria Saville, forse ancora conosciuta dai più con il cognome da nubile, Gavrilova.

Il programma sul Centrale si aprirà alle 12 con l’incontro tra le teste di serie numero 14 e 17: Bencic e Fernandez (un unico precedente nel 2020 in Billie Jean King Cup vinto dalla canadese finalista all’ultimo US Open). A seguire scenderà in campo il numero 1 del mondo Djokovic che cercherà la quarta vittoria in altrettanti incontri con Bedene, che ha saputo sfruttare al meglio il suo protected ranking (frutto di un infortunio che lo ha tenuto fuori da luglio 2021 a marzo 2022) vincendo contro O’Connell e Cuevas. Sullo Chatrier ci sarà poi spazio anche per una francese: Diane Parry affronterà Sloane Stephens nell’ultimo match della sessione diurna. La giornata sarà poi chiusa da Alcaraz e Korda, due next Gen da cui ci si può legittimamente aspettare una partita di alto livello. Lo spagnolo e l’americano si sono già affrontati proprio nella finale del torneo di Miano dedicato ai giovani, quando vinse Alcaraz, ma anche più recentemente a Montecarlo dove a sorpresa la spuntò invece il figlio d’arte al terzo set: l’unica partita persa da Alcaraz sulla terra quest’anno, almeno fin qui.

Altri match interessanti potrebbero essere Dimitrov vs Schwartzman alle 11 sul Simonne Mathieu, Azarenka vs Teichmann sullo stesso campo come terzo incontro, e Auger-Aliassime vs Krajnovic sul campo 14 dopo Trevisan.

 

Continua a leggere

Flash

Roland Garros, day 5 LIVE: Sinner sotto di un set contro Carballes Baena. Tsitsipas in vantaggio contro Kolar

Proseguono i secondi turni: quattro italiani in campo. Primo pomeriggio con Giorgi e Cecchinato, più tardi Sinner

Pubblicato

il

Grounds Roland Garros 2022 (foto Roberto dell'Olivo)

PROGRAMMA DI OGGI 26 MAGGIO

QUOTE DI OGGI

19.06 – SET CARBALLES BAENA – Solida difesa di Carballes Baena che appena entra in campo affonda col dritto e porta a casa il primo set strappando ancora il servizio a Sinner: 6-3 per l’iberico, Jannik deve inseguire

 

19.02 – Sinner ha recuperato uno dei due break, 5-3 e servizio per l’italiano.

18.55 – Doppio break per Carballes Baena, che può servire per il primo set contro Sinner sul 5-2

18.50 – Carballes Baena fa il break: 3-2 e servizio nel primo set. Tsitsipas recupera il break nel secondo set: 4-4 con Kolar dopo aver vinto il primo. Evans e M. Ymer sono un set pari.

18.38 – Sinner 2-2 nel primo set, mentre Kolar è avanti di un break contro Tsitsipas: 4-1, dopo aver perso il primo.

18.31 – Sul Centrale, Simon avanti 7-5 6-1 1-1 per la gioia dei tifosi francesi

18.25 – Ha perso Danielle Collins, la finalista dell’Australian Open va fuori in due set (6-4 6-3) contro la connazionale Rogers. Avanti Aryna Sabalenka: 6-3 6-1 a Madison Brengle

18.19 – Sorpresa: è già fuori Simona Halep, che ha perso 2-6 6-2 6-1 contro la cinese Zheng.

18.18 – E’ iniziato sul campo 7 il match di Jannik Sinner contro Roberto Carballes Baena.

18.17 – SET TSITSIPAS – 6-3 in 33 minuti: Tsitsipas avanti di un set contro Kolar.

18.08 – Tsitsipas ha un break di vantaggio: 4-2 nel primo set. Garin è due set a uno contro Ivashka. Sul Centrale, Simon è avanti 7-5 4-0 con Johnson.

17.43 – Inizia ora il match di Stefanos Tsitspas sul Lenglen contro Zdenek Kolar.

17.18 – MATCH SWIATEK – In 61 minuti Iga Swiatek batte Alison Riske, inanella un’altra vittoria (6-0 6-2) e vola al secondo turno.

17.10 – Swiatek 6-0 4-2 su Riske. Keys ha battuto Garcia: 6-4 7-6. Cilic, vittoria in quattro set su Fucsovics.

16.51 – Swiatek un rullo compressore, 6-0 2-0 contro Riske sul Lenglen

16.44 – MATCH SONEGO – Urlo liberatorio di Lorenzo Sonego: 7-6 6-3 6-4 a Joao Sousa, il torinese sbarca al terzo turno. Sfiderà Casper Ruud

16.43 – MATCH GIORGI – Chiude Camila Giorgi! 6-3 7-5 a Putintseva. Camila al terzo turno del Roland Garros per la seconda volta in carriera.

16.31 – Giorgi ha perso il break di vantaggio nel secondo set e serve sul 5-4 Putintseva. E’ iniziato da qualche minuto il match di Iga Swiatek che sul Lenglen è già 4-0 avanti su Riske. Vince McDonald: 6-3 6-1 6-4 contro Basilashvili.

16.30 – Sonego, doppio break di vantaggio nel terzo set: 5-2 e servizio, può servire per il match contro Sousa

16.29 – MATCH HURKACZ – Hurkacz chiude facilmente in tre set contro Marco Cecchinato: 6-1 6-4 6-2 in un’ora e trenta minuti.

16.24 – Game lottatissimo, Sonego salva palle break e sale 4-2 nel terzo set. Cecchinato a un passo dal ko, 5-2 e servizio Hurkacz nel terzo set. Giorgi avanti un set e un break: 4-3 nel secondo con Putintseva.

16.12 – Giorgi avanti di un break nel secondo set contro Putintseva: 3-2 e servizio dopo aver vinto il primo. Cecchinato sotto 3-1 anche nel terzo set contro Hurkacz. Sonego 3-1 nel terzo set (ha vinto i primi due) contro Sousa.

16.00 – Break di Sonego nel primo game: avanti contro Sousa. Intanto hanno vinto Gaston in tre set su Cachin e Goffin in quattro set contro Tiafoe.

15.56 – SET HURKACZ – Cecchinato due set sotto contro Hurkacz: 6-1 6-4 il punteggio a favore del polacco.

15.51 – SET SONEGO – Con una prima vincente esterna Lorenzo Sonego sale due set a zero contro Joao Sousa: 7-6 6-3

15.50 – SET GIORGI – Cinque game consecutivi per Camila Giorgi che chiude il primo set 6-3 contro Putintseva.

15.44 – Giorgi avanti 4-3 nel primo set contro Putintseva: break e contro break. Hurkacz 6-1 4-3 e servizio contro Cecchinato.

15.43 – Fisioterapista in campo per Joao Sousa che ha problemi alla gamba destra. Sonego è avanti 7-6 5-2.

15.18 – In campo Camila Giorgi sul Court 6, è iniziato il match contro Putintseva.

15.22 – SET HURKACZ – Dall’1-1, cinque game consecutivi per Hurkacz contro Cecchinato: 6-1 il primo set

15.19 – Sousa si innervosisce, Sonego avanti 3-0. Hurkacz vola sul 5-1 nel primo set contro Cecchinato.

15.14 – Sonego avanti di un break nel secondo set, 2-0 e servizio. Rinfrancato dalla vittoria del primo set, il torinese ora appare più solido e deciso.

15.04 – E’ iniziato sul campo 14 il match tra Marco Cecchinato e Hubert Hurkacz.

15.02 – SET SONEGO – Lorenzo Sonego vince il primo set al tie break dopo aver sofferto; è stato avanti due volte per un break ma si è fatto rimontare, poi ha dovuto salvare tre set point sul 6-5. Nel tie-break, tuttavia, ha messo la testa avanti e ha chiuso con un ace 7-4.

14.42 – MATCH MEDVEDEV – Nessun problema per Daniil Medvedev, che batte in tre set Laslo Djere (6-3 6-4 6-3)

14.31 – Sonego perde nuovamente il break a zero: 4-4

14.27 – Sonego ritrova subito il break di vantaggio: 4-3 e servizio. Medvedev ha un break di vantaggio nel terzo set: 3-1. Tiafoe e Goffin sono un set pari; Gaston serve per il primo set contro Cachin. Femminile: Kasatkina vince contro Contreras Gomez (6-3 6-0). Kovinic in vantaggio di un set contro Schmiedlova.

14.20 – Sonego perde il break di vantaggio, 2-2. Poi game a zero di Sousa, tre giochi consecutivi e il portoghese passa a condurre, 3-2

14.05 – E’ iniziato il match di Lorenzo Sonego contro Joao Sousa. Il torinese ha iniziato bene: subito break in avvio, 1-0 e servizio.

13.39 – Medvedev avanti due set a zero su Djere

13.37 – MATCH PEGULA – La finalista del torneo di Madrid, l’americana Jessica Pegula, vince 6-1 5-7 6-4 su Kalinina

13.35 – MATCH BADOSA – Soffre giusto il necessario la n.4 Paula Badosa, vittoriosa 6-2 al terzo su Juvan

13.20 – MATCH RUUD – Il n.8 norvegese vince 6-3 6-4 6-2 il derby scandinavo contro Ruusuvuori

13.15 – MATCH RUNE – Il 19enne Holger Rune vince 6-2 6-3 6-3 sullo svizzero Laaksonen

12.57 – Rune sempre più vicino al successo: è in vantaggio 6-2 6-3 4-2 su Laaksonen. Messo molto bene anche Ruud, 1-1 nel terzo dopo aver vinto i primi due. Intanto Medvedev fa suo il primo 6-3 su Djere

12.45 – Medvedev avanti 4-2 e servizio nel primo set su Djere. Intanto sono scesi in campo Bublik contro Kecmanovic, e Goffin contro Tiafoe

12.43 – Si deciderà al terzo set la sfida tra Pegula e Kalinina, con l’ucraina che è risalita chiudendo il secondo set 7-5. Set decisivo anche tra Badosa e Juvan

12.28 – Mentre Rune scappa due set a zero su Laaksonen, inizia il programma sul campo centrale: Daniil Medvedev sta giocando contro il serbo Laslo Djere, 2-2

12.27 – MATCH KUDERMENTOVA – La russa supera la serba Krunic 6-3 6-3

12.21MATCH JEANJEAN, PLISKOVA OUT – La wild card francese Leolia Jeanjean estromette la testa di serie n.8 Karolina Pliskova con un doppio 6-2

12.15 – In dirittura d’arrivo Pegula e Kudermentova, che a breve serviranno per chiudere il loro incontro di secondo turno

11.52 – Chiudono quasi in contemporanea il loro primo parziale i due tennisti Ruud e Rune. Il norvegese n.8 del mondo ha vinto 6-3 su Ruusuvuori, il 19enne danese invece 6-4 su Laaksonen

11.39 – Si decidono i primi set nei match femminili. A sorpresa Jeanjean passa in vantaggio 6-2 su Pliskova; Kudermentova chiude 6-3 su Krunic; e Pegula vince senza problemi il primo parziale 6-1 su Kalinina

11.24 – La n.4 della classifica mondiale Paula Badosa inizia bene il match contro Kaja Juvan portandosi 2-1 e servizio. Ancora meglio la finalista di Madrid, Jessica Pegula, 3-0 sull’ucraina Kalinina

11.22 – Il 19enne n.40 del mondo piazza il break in avvio: Rune 3, Laaksonen 0

11.11 – Tra le donne invece il match di spicco di questa prima fase di giornata è quello della tds numero 8 Karolina Pliskova impegnata contro Leolia Jeanjean, seconda wild card consecutiva sulla strada della ceca

11.10 – Iniziano i primi incontri di giornata, con il versante maschile che dà spazio ai paesi scandinavi: sul campo 12 Holger Rune affronta Laaksonen, e sul campo 14 il norvegese Casper Ruud affronta il finlandese Emil Ruusuvuori

11.00 – I giocatori si apprestano a scendere in campo per gli incontri di secondo turno della 126esima edizione del Roland Garros

Gli articoli da non perdere

EDITORIALE Meno male che ci sono quattro azzurri in campo oggi, perché match avvincenti come Alcaraz-Ramos Vinolas e Zverev-Baez non me li aspetto

Trevisan avanti tutta verso una chance per tornare negli ottavi

Fognini spreca e poi si infortuna

Italiani oggi in campo

Cronaca Nadal

Cronaca Djokovic

Cronaca Zverev

Alcaraz dopo la maratona: “Ho creduto in me stesso tutto il tempo. Sono pronto per queste partite in questi tornei

Muchova splende contro Sakkari, Bencic doma Andreescu

Raducanu e la prematura sconfitta: “Sono la stessa persona di dodici mesi fa

Il tabellone maschile del Roland Garros 2022

Il tabellone femminile del Roland Garros 2022

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement