Il test della scarpa Aero Knit, la rivoluzione in casa K-Swiss

Area test

Il test della scarpa Aero Knit, la rivoluzione in casa K-Swiss

Recensione e test della K-Swiss Aero Knit, una scarpa rivoluzionaria che impressiona a partire dall’estetica

Pubblicato

il

K-Swiss è un brand che oramai non abbisogna di presentazioni, considerato che produce scarpe da tennis da 53 anni. In questo periodo il marchio americano ha sempre cercato di innovare i suoi prodotti all’insegna della tecnologia, dovremmo quindi sorprenderci oggi nell’ammirare il modello Aero Knit?

La scarpa introdotta nel 2019 si smarca completamente dalle produzioni già famose in casa K-Swiss, che pure sono riproposte in maniera aggiornata e migliorata nel catalogo attuale. Fedele alla sua vocazione innovativa, il brand americano ha concepito e realizzato una scarpa totalmente nuova a cominciare dall’estetica. “Non sembra neanche una scarpa da tennis” ha detto qualcuno al circolo tennis dove l’abbiamo provata nell’ammirarla, perché anche la colorazione proposta è di quelle che non passano inosservate.

La Aero Knit è una scarpa aerodinamica, leggera, e che promette un ottimo ritorno di energia dopo gli urti con il terreno. Si tratta del modello più leggero prodotto da K-Swiss, con i suoi 356 grammi per la taglia 10.5 US, corrispondente a un piede lungo 28.5 centimetri. Aero Knit include molte tecnologie proprietarie, come Infi-Knit che protegge o supporta il piede, o la Surge technology che si occupa dell’ammortizzazione e del conseguente ritorno di energia. Non si tratta di una scarpa shoeless, senza lacci, come si potrebbe pensare ad un primo sguardo. Colorata con un blu brillante con inserti arancio e neri, specie nella parte alta, quella che copre per l’appunto il laccio che consente di stringere ancora di più al piede la scarpa.

Test in campo
Prima ancora di provarla sulla terra battuta, di questa Aero Knit impressiona la sensazione subito dopo la calzata. È avvolgente, la tomaia ospita il nostro piede prendendo rapidamente la sua forma, senza esercitare troppa pressione, ma facendo sentire il piede protetto. Come immaginerete infatti, il dubbio più grande verso una scarpa del genere è proprio nel capire come si comporterà, considerato che si tratta appunto di una scarpa praticamente senza lacci, dal punto di vista della scivolata interna del piede verso l’esterno, quando “punteremo” a terra il piede per una improvvisa frenata o un cambio di direzione. La testiamo sulla terra battuta e bastano pochi minuti per “conoscerla” a dovere. Infatti, la sensazione che proviamo è quella di avere il piede protetto a dovere senza dover rinunciare a un peso estremamente ridotto, con i vantaggi che ne conseguono in termini di leggerezza in campo e propensione allo sprint. Quando corriamo e blocchiamo improvvisamente il piede caricandogli sopra tutto il peso del corpo, la scarpa risponde egregiamente. Lo scivolamento interno del piede verso l’esterno è praticamente nullo, e francamente non ci aspettavamo una risposta del genere. Il laccio coperto si limita a due asole, quindi consente una stretta ulteriore di questa sorta di calzino aggiuntivo sulla nostra caviglia. Più ci giochiamo e più proviamo sensazioni positive. La scarpa risponde benissimo anche agli urti grazie al sistema di ammortizzazione Surge Technology, il battistrada infine è duro il giusto, un ibrido che va bene sia per la terra battuta che per le superfici veloci. Fantastico, infine, l’effetto che si ottiene usando un calzino nero: sembrerà di avere un corpo unico fra scarpa e calzino. Un’altra soluzione raffinata in casa K-Swiss per un modello che è vincente anche in campo per le prestazioni.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Ubaldo Scanagatta
evidenza5 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Nadal subito Zverev. Se fosse meglio così? Il teorico cammino di Sinner” [VIDEO]

Jannik Sinner - Madrid 2024 (foto Florin Baltatoiu)
Flash6 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Sinner gioca e punta al n. 1 del mondo. E magari pure al Grande Slam. Si deve sognare in grande. Dove capiterà Nadal? Il campione di 14 Roland Garros é’ una mina vagante o no? Riparte l’UbiContest” [VIDEO]

Senza categoria1 settimana fa

Scanagatta a Radio Sportiva: “La bravura di Sara Errani e le prospettive di Zverev per Parigi”[AUDIO]

Alexander Zverev - Roma 2024 (X @inteBNLditalia)
evidenza2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Zverev può aver salvato il torneo” [VIDEO]

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Meglio le donne che gli uomini. In gara tre delle prime quattro del ranking, fra gli uomini solo due dei primi otto”

Flash3 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Con Paolini bye bye Roma per le italiane. 5 azzurri superstiti. Tre giocano oggi ma il clou è Nadal-Hurkacz. Per lo spagnolo addio Roma più che arrivederci?” [VIDEO]

Matteo Berrettini - Roma 2024 (foto Francesca Micheli Ubitennis)
Flash3 settimane fa

ATP Roma, Scanagatta: “Piove sul bagnato. Dopo il KO di Sinner quello di Berrettini, e sul torneo diluvia. Menomale vincono Darderi e Cobolli” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Massey: “Il tetto è in programma e dal prossimo anno le chiamate elettroniche” [VIDEO]

evidenza2 mesi fa

Scanagatta: “Un errore arbitrale clamoroso fa perdere a Sinner con Tsitsipas un match quasi vinto” [VIDEO]

ATP2 mesi fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Jannik Sinner batte l’avversario più duro di sempre sul rosso e conserva il secondo posto mondiale” [VIDEO]

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement