ATP e Laver Cup trovano uno storico accordo. E la Coppa Davis?

Focus

ATP e Laver Cup trovano uno storico accordo. E la Coppa Davis?

La competizione creata da Roger Federer e Tony Godsick entra ufficialmente nel calendario ATP. Ancora da definire con precisione le modalità e gli effetti di tale partnership. La Davis rischia di finire in una ‘tenaglia’

Pubblicato

il

Roger Federer (foto via Twitter, @LaverCup)

Alla fine è successo. Forse addirittura prima di quanto ci si potesse aspettare, ma ATP e Laver Cup si sono strette la mano e hanno deciso di unire le forze già a partire da questa stagione. La competizione, nata nel 2017 in onore di Rod Laver su ispirazione di Roger Federer e del suo manager Tony Godsick, non ha mai nascosto la sua volontà di entrare a far parte ufficialmente del calendario ATP. D’altra parte l’Associazione dei Tennisti Professionisti ha subito fiutato l’affare, dopo lo straordinario successo di pubblico e critica delle prime due edizioni, e ha pensato bene di concedere alla sfida tra Europa e Resto del Mondo la tanto bramata “legittimazione”.

Per quanto riguarda gli effetti di questa collaborazione, nessuna menzione è stata fatta circa un’eventuale assegnazione di punti o l’istituzione di più precisi criteri di ranking per accedere all’evento. Per il momento si è solo parlato di dare alla Laver Cup tutti i servizi ATP, inclusi marketing, social media e personale (fisioterapisti, ufficiali ecc). Probabilmente ci saranno aggiornamenti nei prossimi mesi o forse si tratterà di un processo d’integrazione graduale e i punti verranno introdotti in un secondo momento. Come che sia, l’approdo naturale sembrerebbe essere ben definito: affrancarsi dallo status di semplice esibizione per diventare un torneo a tutti gli effetti.

 

Il team della Laver Cup è incredibilmente emozionato per la partnership con l’ATP. Abbiamo sempre sperato di costruire la Laver Cup in collaborazione con il mondo del tennis e ricevere la certificazione dall’ATP dopo sole due edizioni è uno stupefacente segno di approvazione della nostra visione“, ha dichiarato un entusiasta Tony Godsick, presidente della società di management TEAM8 e promotore della Laver Cup. “Abbiamo creato questa competizione per celebrare i grandi del gioco, passati, presenti e futuri, e per far crescere l’interesse verso il tennis. Collaborare con l’ATP ci permetterà di compiere questa missione e aumentare il nostro pubblico“.

Altrettanto soddisfatto è apparso il CEO dell’ATP, Chris Kermode: “La Laver Cup ha costruito un legame con i fan di tutto il mondo in pochissimo tempo. È stato fantastico vedere l’appassionata partecipazione dei giocatori e la risposta dei tifosi nelle edizioni sold-out di Praga e Chicago. Questo evento ha un grande potenziale e tutti noi dell’ATP siamo emozionati di includere la Laver Cup nel calendario ATP al fianco degli altri tornei“.

Sulla stessa falsariga anche Roger Federer, orgoglioso dei risultati ottenuti dalla sua creatura. “Ora che mi avvicino alla conclusione della mia carriera da giocatore, è bellissimo sapere che la Laver Cup farà parte del circuito a cui ho dedicato più di vent’anni della mia vita. Questa collaborazione è uno splendido esempio di come la famiglia del tennis può unirsi per promuovere e far crescere lo sport che tutti amiamo“. Al coro si sono unite anche le voci festanti di Rod Laver, a cinquant’anni dal suo secondo Grande Slam, Bjorn Borg, capitano del Team Europe, e Novak Djokovic, numero uno del mondo e presente all’edizione 2018.

Questa partnership porta con sé anche tutta una serie di considerazioni e interrogativi, soprattutto legati ai rapporti con la nuova Davis. La “famiglia del tennis” a cui Federer ha fatto riferimento non sembra infatti considerare troppo le istanze della Federazione Internazionale. Indubbiamente infatti questa mossa rappresenta una bella spallata alla competizione riformata da David Haggerty e ridimensiona di molto le possibilità di trovare un accordo con l’ITF. La Laver Cup infatti si gioca a fine settembre, proprio la settimana che Haggerty aveva adocchiato per cercare di rendere la Coppa Davis più appetibile per i top players. Ora l’investitura dell’ATP potrebbe aver blindato quel periodo e relegherebbe dunque la fase finale della Davis all’ultima settimana di novembre, come è adesso, allontanando quei big che dopo le ATP Finals mirano a godersi un po’ di meritato riposo.

Non bisogna inoltre dimenticare che a gennaio si disputerà la prima edizione della neonata ATP Cup, altro evento a squadre sotto l’egida dell’ATP, che chiude la Davis in una sorta di morsa a tenaglia. Proprio per parlare di questa competizione e definirne i dettagli, si terrà sabato 25 maggio presso l’Hotel Molitor di Parigi un incontro per giocatori e agenti. Non è da escludere che in questa occasione si discuta anche della questione Laver Cup. Insomma l’ATP si sta muovendo con rapidità e precisione (senza trascurare una discreta dose di intelligente cinismo) e l’ITF rischia di rimanere indietro, se non addirittura schiacciata. La partita è nel vivo, lo scacco al re è stato fatto, il timer scorre e si attende solo la prossima mossa. Sarà l’ITF a farla o verrà anticipata ancora una volta?

Continua a leggere
Commenti

WTA

Dominio bielorusso a Ostrava: Azarenka e Sabalenka volano in finale

Vika passeggia contro una Sakkari molto fallosa, Aryna regola in due set Jennifer Brady. Terzo confronto diretto tra le due connazionali

Pubblicato

il

Finale tutta bielorussa a Ostrava, penultima prova del calendario WTA 2020, con Vika Azarenka e Aryna Sabalenka pronte a sfidarsi domenica per il titolo. Entrambe hanno vinto le rispettive semifinali in due set e entrambe senza soffrire particolarmente, nonostante il nome delle avversarie potesse destare ben più di qualche timore.

Azarenka ha dominato contro Maria Sakkari, una delle giocatrici più in forma del periodo post lockdown. Certo la greca le ha dato una grossa mano, perché, dopo aver mancato ben quattro palle break nel primo gioco dell’incontro, è di fatto sparita dal campo fino a metà secondo set incartandosi in una lunga serie di errori non forzati. Preso atto della brutta giornata dell’avversaria, Azarenka si è limitata a mantenere un buon palleggio profondo senza rischiare più di tanto, lasciando a Sakkari il compito di tentare dei cambi di ritmo. Sotto 6-1 4-0, la greca ha annullato la palla del 5-0, trovando poi la forza di strappare la battuta a Vika – a zero peraltro – per la prima volta nel match.

A questo punto la partita si è accesa un po’. Sakkari ha annullato tre consecutive palle del controbreak e si è data la chance di raggiungere la propria avversaria sul 4-4. Una volta sfumata quest’opportunità però, anche quelle poche scintille di resistenza che sembravano essere riaffiorate si sono spente e Azarenka ha potuto chiudere il secondo set per sei giochi a tre.

 

Partita di grande sostanza anche per Sabalenka che ha eliminato con un doppio 6-4 la semifinalista degli US Open, Jennifer Brady. La partita si è subito messa sui binari giusti per la bielorussa che è scappata subito avanti 5-1, mostrando una discreta superiorità negli scambi da fondocampo. Al momento si servire per chiudere il parziale Sabalenka si è però fatta strappare la battuta permettendo a Brady di rimettersi in scia. La bielorussa non si è però sgomentata e ha intascato il set alla successiva occasione. Nel secondo, Sabalenka si è presa un immediato break di vantaggio, difeso fino alla fine della partita con un solo momento di titubanza sul 4-3 quando ha concesso (e annullato) due palle break consecutive.

Per Sabalenka quella di domenica sarà l’undicesima finale della carriera (6-4 il bilancio), la seconda del 2020 dopo il successo ottenuto a febbraio nel Premier 5 di Doha. Azarenka invece centra la terza finale su cinque tornei disputati dopo la ripartenza del circuito e andrà a caccia del 22° titolo in carriera (21-18 il suo bilancio nelle finali). Due i precedenti, entrambi giocati agli US Open: nel 2019 vinse Aryna, quest’anno ha avuto la meglio Vika.

Risultati:

[4] V. Azarenka b. M. Sakkari 6-1 6-3
[3] A. Sabalenka b. J. Brady 6-4 6-4

Il tabellone completo

Continua a leggere

Flash

La straordinaria adolescenza di Iga Swiatek: “Se non sfondo vado al college”

Campionessa Slam a diciannove anni, eppure la vita non gira attorno a una pallina. “Fare tutto alla perfezione è il mio segreto e il mio cruccio”. La regina del Roland Garros si confessa a Behind the Racquet

Pubblicato

il

Ci sono eventi che tendono a indirizzare un’esistenza, inevitabilmente o quasi. Vincere un torneo del Grande Slam a diciannove anni, per esempio. Stavolta Iga Swiatek finisce dietro la racchetta, non certo dietro la lavagna visti gli ottimi voti raccolti in campo e sui banchi. Normalmente vite come la sua ruotano intorno a una palla di feltro giallo, e in molti casi, non di rado dolorosi, il progetto-campione è stato elaborato nel laboratorio familiare quando il pargolo riusciva a malapena a impugnare l’attrezzo del mestiere. Ma la parabola di Iga Swiatek non è stata disegnata a tavolino.

I miei genitori mi hanno messa a giocare a tennis quand’ero piccolissimaha confessato Iga a Behind the Racquet -, solo perché ero una bimba vivace, piena di energie. Mi piaceva, ma non ne ho mai fatta una malattia, anche perché non avevo idea di quanta importanza avrebbe finito per avere nella mia vita“. Eppure più di qualcuno deve aver sospettato che di ordinario c’era ben poco, osservandola con la racchetta in mano. “Sapevo di avere potenziale, di essere la ragazza polacca con la classifica migliore, ma vedevo i miei orizzonti piuttosto incerti. Sarei stata abbastanza costante, preparata, dedicata da diventare una professionista? Poi ho giocato a quindici anni il Roland Garros Junior e lì, per la prima volta, ho capito di volerci provare seriamente“.

Certamente la strada verso “il mestiere” è lastricata di insidie, quelle che stracciano le ambizioni di molti ragazzi e ragazze provvisti di larghi talenti. “La paura di infortunarmi mi tormenta da quando sono ragazzina, da prima che finissi per la prima volta sotto i ferri a sedici anni. Alla vigilia del terzo turno al Roland Garros 2019 mi sono fatta male alla schiena. Sono scesa in campo disperata; sapevo che avrei perso e non poter competere al meglio nel mio torneo preferito aveva assunto i contorni del dramma. Credevo di non riuscire nemmeno a piegarmi, e ho perso il primo set 6-0. Poi ho avuto l’illuminazione: gran parte del dolore era prodotto dai miei pensieri e da null’altro. Sono rientrata in campo con una diversa prospettiva e ho girato quella partita. Credo si possa parlare di svolta“.

 

Prima di guardare i sorteggi, i tabelloni e gli avversari occorre fare i conti con sé stessi, e nel complicato viaggio verso la conoscenza del proprio io la teenager di Varsavia è già piuttosto avanti, nonostante gli appena diciannove anni. Come più volte orgogliosamente sottolineato, Iga collabora da un paio di stagioni con la psicologa Daria Abramowicz, personalità a quanto pare decisiva per la giovane carriera della polacca. “In molti pensano che uno psicologo sia utile solo a chi ha problemi specifici, ma non penso sia così. Il mio percorso è iniziato aprendomi sul modo di vedere il mondo, sul rapporto con i miei genitori, con la realtà circostante. Sono sentimenti magari schermati, ma che influiscono sul lavoro quotidiano, dunque nel mio caso sull’approccio alla partita di tennis. Ho lavorato su me stessa, accompagnata da una grande professionista. Noi tennisti siamo obbligati a stare molto da soli, è importante passare del tempo con persone di cui ci fidiamo“.

I risultati sono sotto gli occhi di tutti, ma colpire una pallina non è l’unica cosa che intriga Iga Swiatek. Per ora le vicende sul rettangolo di gioco vanno alla grande, ma se il livello dovesse scendere è già pronto il piano B. “Qualche mese fa mi sono diplomata con un ottimo voto. Voglio essere perfetta in tutto ciò che faccio e questo approccio a volte ha costituito un problema, su cui ho lavorato insieme a Daria. Lo scrupolo di raggiungere l’eccellenza spesso diventa il primo ostacolo da superare per conquistarla, ed è una difficolta che ci poniamo noi stessi, non necessaria“. Il fatto è che i grandi risultati, qualunque sia il campo, sembrano piovere tra le mani di Iga.

Il voto di diploma mi permetterebbe di iscrivermi a qualsiasi università polacca, oppure di ottenere una borsa di studio negli Stati Uniti. Per ora voglio concentrarmi sul tennis e non è semplice conciliare sport professionistico e studio, ma se non dovessi vincere un altro Slam ed entrare nella top 5 a breve potete stare sicuri che mi iscriverò al college“. Non ci stupiremmo, dovessimo ritrovarla tra qualche anno laureata e con una mezza dozzina di Slam in bacheca.

Continua a leggere

ATP

Sinner ritrova Zverev a Colonia. Semifinale LIVE su Supertennis alle 19

Venti giorni dopo la vittoria negli ottavi di finale di Parigi, Sascha avrà la chance di vendicare la sconfitta contro Jannik nella sua Germania, stavolta sul veloce. Ma l’azzurro ha le carte in regola per sperare in un’altra vittoria

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Roland Garros 2020 (foto Twitter @Rolandgarros)

Sarà un sabato sera nel segno di Jannik Sinner, in campo nelle semifinali dell’ATP 250 di Colonia. È la seconda semifinale della carriera per l’altoatesino, dopo quella giocata dodici mesi fa ad Anversa (perse contro Wawrinka), torneo che si gioca in parallelo a quello tedesco proprio questa settimana. Sarà impegnato nella prima semifinale programma sul bett1 Centre Court alle ore 19, subito dopo la semifinale di doppio tra Daniell/Oswald e Krawietz/Mies (campioni del Roland Garros) che si giocherà alle 16 e sarà visibile su Supertennis. In caso di vittoria, Sinner giocherebbe la sua prima finale a livello ATP e sarebbe il più giovane a farlo (a 19 anni e 2 mesi) dopo Felix Auger Aliassime (18 anni e 10 mesi a Stoccarda ’19).

Felix ha perso finora tutte e sei le finali ATP disputate, l’ultima domenica scorsa contro Alexander Zverev proprio sul Centrale di Colonia, nel primo dei due tornei che questi impianti ospitano. Non l’avevamo ancora nominato, ma sarà Sascha a sfidare Sinner per un posto in finale. L’unico precedente è molto vicino nel tempo. Risale all’ultimo Roland Garros, precisamente a domenica 4 ottobre, quando Jannik riuscì a vincere in quattro set negli ottavi di finale (6-3 6-3 4-6 6-3) e a raggiungere il primo quarto di finale Slam, poi perso contro il marziano Nadal.

Partiamo col dire che sarà un match molto diverso rispetto a quello di Parigi, perché sicuramente scenderà in campo tutto un altro Zverev. Come ammesso da lui stesso in conferenza stampa post match, giocò la partita contro Sinner con alcuni sintomi influenzali (febbre e congestione nasale, ma non risultò positivo al Covid) che limitarono molto la sua azione e la sua tenuta fisica. Nelle ultime settimane ha invece dimostrato di essere in ottima forma: ha accumulato anche un discreta dose di fiducia, fondamentale per fare rendere al meglio il suo gioco (e soprattutto il suo servizio) e la voglia di vendicare quella sconfitta è tanta. Su una superficie diversa (ma pur essendo cemento indoor, la palla non viaggia tantissimo) i colpi di inizio gioco faranno la differenza. Sinner ha dimostrato di saper comunque vincere una partita di soli scambi da fondo contro Simon, ma ha dovuto gestire un lungo momento di difficoltà in cui ha perso otto game consecutivi.

 

Ciò che sta funzionando alla grande è la risposta: Jannik è leader della classifica dei game di ribattuta vinti questa settimana (15 su 28, il 54%) e nella percentuale di palle break convertite (15 su 20, 75%). Sarà difficile confermare queste statistiche contro il servizio di Zverev: il tedesco è primo per punti vinti con la prima (81%) e secondo per numero di ace (21). Ha però perso il servizio già tre volte e nei primi due match è stato sempre costretto a giocare il terzo set. Non è così scontato che il “veloce” favorisca Zverev (quattro titoli indoor), poiché Jannik ha dimostrato di trovarsi alla grande anche su questa superficie; come ci siamo già permessi di dire, questi campi sembrano stargli a pennello una camicia su misura. Nel match di Parigi ha gestito alla grande la diagonale di rovescio e anche stavolta la partita si giocherà proprio lì. L’azzurro dovrà fare più attenzione al dritto, poiché su questa superficie ha un po’ meno tempo per aprire il colpo rispetto alla terra battuta, ma nei primi due turni è riuscito a gestirlo abbastanza bene. Farà due su due contro Sascha o ci sarà la rivincita del tedesco?

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement