Tutti gli infortuni di Juan Martin del Potro

Flash

Tutti gli infortuni di Juan Martin del Potro

Al Queen’s è arrivato l’ennesimo infortunio di una carriera davvero tormentata. In attesa di sapere di più sull’entità del danno, ripercorriamo gli stop forzati dell’argentino

Pubblicato

il

Juan Martin del Potro - Queen's 2019 (foto Alberto Pezzali/Ubitennis)

Quando si parla di Del Potro, la prima cosa che viene in mente molto probabilmente è lo schiocco sordo del suo drittone. Altrettanto probabilmente il secondo pensiero prenderà corpo nelle seguenti parole: Peccato per gli infortuni. In effetti pochi giocatori sono stati così tormentati dal punto di vista fisico come la Torre di Tandil, che ha dovuto rinunciare anche ad intere stagioni nel corso della sua carriera.

La sfortuna sembra davvero non voler dare tregua al campione argentino che, nel match di primo turno vinto al Queen’s contro Denis Shapovalov, è scivolato a due giochi dal traguardo, finendo col risollecitare il ginocchio destro. Del Potro è riuscito a concludere con successo l’incontro, ma poi ha prontamente comunicato agli organizzatori la propria intenzione di ritirarsi dal torneo. Nei prossimi giorni verrà valutata l’entità del danno. In attesa di saperne di più, proviamo a ripercorrere uno a uno tutti gli infortuni che hanno funestato la carriera di Del Potro.

Gennaio 2008: infortunio della vertebra lombare durante il secondo turno degli Australian Open contro David Ferrer. Costretto al ritiro e a più di due mesi di stop.

Maggio 2008: microstrappo lombare che lo forza a lasciare il campo contro Andy Murray, nel primo turno degli Internazionali di Roma.

 

Novembre 2008: distrazione muscolare all’adduttore destro nel corso del match contro Feliciano Lopez in finale di Coppa Davis.

Gennaio 2010: primo infortunio davvero grave. Durante l’Australian Open, comincia a sentire dolore al polso destro. Dopo alcuni mesi di stop, si opera e gioca appena due partite nel resto della stagione. Rimane lontano dal campo per otto mesi e scivola al numero 484 del ranking.

Maggio 2011: strappo al retto femorale sinistro, appena prima di affrontare Rafa Nadal a Madrid.

Novembre 2011: si ritira dal Masters 1000 di Parigi-Bercy per una lesione alla spalla. L’infortunio gli nega la possibilità di partecipare alle Finals.

Maggio 2012: durante il Roland Garros si infortuna al ginocchio sinistro, ma continua a giocare fino ai quarti di Wimbledon.

Agosto 2012: a Cincinnati, inizia ad avvertire dolore al polso sinistro. Inizialmente non sembra niente di grave, ma poi la situazione peggiorerà.

Settembre 2012: non gioca il quarto incontro della semifinale di Davis contro la Repubblica Ceca per una lesione alla fibrocartilagine triangolare del polso sinistro.

Febbraio 2014: il polso sinistro continua a fare le bizze. Del Potro salta Dubai e a marzo si opera per la prima volta.

Gennaio 2015: poco prima di tornare a Sydney, decide di sottoporsi ad una nuova operazione, sempre al polso sinistro.

Giugno 2015: si opera per la terza volta al polso sinistro. Rientrerà a Delray Beach nel 2016, dopo 327 giorni di assenza dal circuito.

Ottobre 2017: durante il Masters 1000 di Shanghai, cade e sbatte il polso sinistro. Fortunatamente niente di grave, se la cava immobilizzando la zona e riposando qualche giorno.

Maggio 2018: strappo di grado uno all’adduttore destro durante gli Internazionali di Roma.

Ottobre 2018: durante l’incontro contro Borna Coric a Shanghai, cade e si frattura la rotula. Dopo 131 giorni senza giocare fa il suo ritorno a Delray Beach.

Marzo 2019: il ginocchio scricchiola ancora e lo costringe a saltare Acapulco, Indian Wells e Miami.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Australian Open: Tsitsipas già al terzo turno e difende Caruso

Stefanos beneficia del ritiro di Kohlschreiber. Con grande onestà, bacchetta i tifosi greci troppo chiassosi

Pubblicato

il

(da Melbourne, il nostro inviato)

Un infortunio agli addominali per Philipp Kohlschreiber, e il conseguente ritiro del giocatore tedesco, mandano la testa di serie n°6 Stefanos Tsitsipas al terzo turno dell’Australian Open 2020, dove attende il vincitore tra Christian Garin e Milos Raonic. Come evidenziato stamattina dall’Herald Sun, Stefanos ha espresso una presa di posizione abbastanza inconsueta riguardo al comportamento del pubblico qui a Melbourne.
Durante la sua netta vittoria sul nostro Salvatore Caruso, i tifosi greci, come sempre, si sono fatti sentire a volte anche più del lecito, e Tsitsipas si è accorto in diverse circostanze che la cosa stava disturbando il suo avversario.

Con empatia decisamente non comune nei confronti di “Salvo”, il campione greco ha criticato l’eccessivo rumore e le grida che a tratti avevano interrotto Caruso prima dei suoi servizi.
Tutti dovrebbero avere più rispetto degli avversari dei propri beniamini“, ha commentato Stefanos. Non si può che dargli ragione, e apprezzare l’onestà dell’affermazione rivolta ai suoi stessi sostenitori.

 

Continua a leggere

Flash

Gulbis e Jabeur, i colpi degli istrioni nel martedì di Melbourne

Il lettone sorprende Auger-Aliassime e prolunga l’agonia del Canada, la tunisina abbatte Konta e nel post partita scalda il cuore: “Valutazioni sulla superficie e sulle palle Dunlop? Datemi una racchetta qualsiasi e fatemi giocare a tennis”

Pubblicato

il

Ernests Gulbis - Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

Non solo gli exploit azzurri e le conferme dei soliti noti nel secondo giorno di gare. A impreziosire la maxi-giornata dal programma stipato per recuperare dalle piogge della notte prima, sono arrivate le vittorie contro i più azzardati pronostici di due tennisti che non saranno l’emblema della continuità ma sanno farsi volere molto bene dai cultori più raffinati. Stiamo parlando di Ernests Gulbis e Ons Jabeur, naturalmente.

Il botto fragoroso l’ha causato il lettone, ormai da più parti segnalato fuori dal giro che conta e sprofondato oltre la duecentocinquantesima piazza del ranking mondiale: costretto a passare attraverso il setaccio delle qualificazioni, Gulbis ha sorpreso all’esordio l’attesissimo teenager Felix Auger-Aliassime, accreditato della ventesima testa di serie e di tanta ottima stampa, contribuendo a rendere ancora più tetro l’avvio del torneo per il Canada dopo le eliminazioni di Shapovalov e Pospisil. “Sono tornato negli spogliatoi in stato di shock – ha detto l’imprevedibile Ernesto -, perché non è facile dopo molto tempo tornare a giocare certi tornei, ma davvero ne vale la pena“. Il trasgressivo giocatore nato a Riga, dodici sconfitte al primo turno nella tristanzuola stagione passata, non assaporava la vittoria in uno Slam da Wimbledon 2018, quando malmenò Sascha Zverev al terzo round rifilandogli per giunta un bagel nel set decisivo.

Ons Jabeur, da Ksar Hellal recante uno scrigno di talento sconfinato, ha fatto fuori la dodicesima favorita da par suo, quella Johanna Konta capace di raccogliere da queste parti addirittura la semifinale nel 2016. Con il suo gioco arioso e meravigliosamente inusuale, Ons ha concesso appena sei giochi alla più quotata collega, e le dichiarazioni nel post partita consegnate al nostro Luca Baldissera ce la rendono ancora più cara. “Cosa penso della superficie e delle nuove palle Dunlop? Onestamente sono la peggiore a cui chiederlo. A me basta che diano una racchetta qualsiasi, su un campo qualsiasi, con palle qualsiasi, nuove, vecchie, è lo stesso, io vado e gioco a tennis“.

 

Ernests e Ons avanzano, dunque, e non avranno la strada sbarrata: non subito, perlomeno. Gulbis affronterà nel secondo turno Aljaz Bedene, mentre Jabeur avrà Caroline Garcia, giocatrice dal pedigree ottimo ma dai risultati ultimamente sconfortanti. Che il Dio del tabellone ce li conservi ancora per un po’.

Ons Jabeur – Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

[Q] E. Gulbis b. [20] F. Auger-Aliassime 7-5 4-6 7-6(4) 6-4
O. Jabeur b. [12] J. Konta 6-4 6-2

Il tabellone del torneo maschile (con i risultati aggiornati)

Il tabellone del torneo femminile (con i risultati aggiornati)

Continua a leggere

Flash

Jerzy Janowicz è tornato in campo e ha vinto una partita al challenger di Rennes

A oltre due anni dall’ultima partita ufficiale, Janowicz è tornato alle competizioni. Adesso ha un figlio e le sue prospettive sono cambiate. Non ha mai vinto un titolo nel circuito maggiore

Pubblicato

il

A oltre due anni dall’ultima apparizione ufficiale, datata novembre 2017 a Bratislava, il polacco Jerzy Janowciz è riuscito finalmente a completare il suo proposito di ritornare in campo. Lo aveva annunciato lo scorso novembre, a mezzo di un’intervista al portale PolsatSport, e questa volta – per fortuna – non c’è stato ginocchio malandato a mettersi di traverso.

Il 29enne nato a Łódź ha sfruttato un invito al challenger di Rennes (montepremi 46000 euro, si gioca sul cemento) e ha battuto al primo turno il ceco Tomas Machac, numero 362 del mondo, con il punteggio di 7-6 6-7 6-4 maturato al termine di quasi tre ore di partita. JJ ha messo a segno ben 19 ace, dimostrando di non aver perso il feeling con il colpo di inizio gioco. Al prossimo turno Jerzy affronterà un avversario un po’ più probante, la decima testa di serie del torneo Constant Lestienne.

In campo ho dovuto pensare a cosa fare” ha detto il polacco dopo l’esordio. “Prima tutto era naturale, automatico, ieri ho dovuto ricordare a me stesso dove posizionarmi, dove servire e come giocare ogni punto. Mezz’ora prima di scendere in campo ho provato tante emozioni che non potevo controllare. Un miliardo di pensiero riguardanti la mia carriera, traguardi, sconfitte, l’infortunio, l’operazione, la riabilitazione”. Janowicz ha poi spiegato da dove è nata l’esigenza di tornare in campo: “L’ho fatto prima di tutto per me stesso. Ho voluto provare. Non sento più il bisogno di avere successo: ho una famiglia, un figlio e vedo le cose in modo diverso adesso. Sono cambiato? No, semplicemente ho smesso di preoccuparmi per alcune cose. Voglio mostrare a mio figlio di un anno il mio miglior tennis“.

 

Durante il periodo trascorso lontano dai campi, infatti, la moglie Marta Domachowska ha dato alla luce il primogenito di casa Janowicz. Il polacco vanta come miglior posizionamento in classifica il 14esimo posto raggiunto nel 2013 pur non avendo vinto alcun torneo. Nel 2012, però, è stato finalista al Masters 1000 di Bercy e l’anno successivo ha raggiunto le semifinali a Wimbledon.


Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement