Djokovic inizia bene, Zverev no: a Wimbledon altro 'flop' di Sascha

ATP

Djokovic inizia bene, Zverev no: a Wimbledon altro ‘flop’ di Sascha

LONDRA – Djokovic (con Ivanisevic in panchina) batte Kohlschreiber all’esordio, Vesely elimina in rimonta Zverev. Avanzano Wawrinka e Auger-Aliassime, alla prima vittoria in carriera in uno Slam

Pubblicato

il

Alexander Zverev - Wimbledon 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

da Londra, il nostro inviato

NOLE, BUONA LA PRIMA CON GORAN – Come da tradizione – e sappiamo come da queste parti vengano rispettate – è stato il campione uscente ad aprire il programma del torneo sul Centre Court. Novak Djokovic, che abbiamo visto allenarsi stamattina di buon ora (intorno alle 09.00) sul campo numero 5 con Khachanov, per la prima volta in compagnia del neo coach Goran Ivanisevic, campione del 2001 (quando da wildcard trionfò suggellando una delle favole più belle della storia dello sport). Chissà quando si cominceranno a vedere gli effetti della nuova collaborazione, intanto oggi Goran avrà apprezzato i primi dodici ace del suo nuovo pupillo e l’84% di punti con la prima.

Quando Goran era alla Accademy di Pilic gli portavo i panini… l’ho conosciuto che ero ragazzino ed era il mio idolo. È un onore averlo inserito nel mio team. È un’operazione simile a quella che realizzammo con Becker, i risultati furono eccellenti e spero possa andare altrettanto bene”. Nemmeno il rischio di ripetere l’esperienza negativa della collaborazione con un altro grande ex come Andre Agassi, frena le speranze di Nole. “Sono due situazioni differenti, il periodo con Agassi è stato complicato dai miei infortuni, è stato un periodo molto duro. Ora è diverso e Goran ha già allenato tanti giocatori ed è abituato a viaggiare tutto l’anno”.

Nole non ha avuto grossi problemi contro Philipp Kohlschreiber, non proprio un avversario comodissimo all’esordio di uno Slam, specialmente su questi campi dove il tedesco ha realizzato il miglior risultato in un Major, i quarti del 2012. Va detto che Kholi appare in chiara parabola discendente, e con quella di oggi ha collezionato la terza sconfitta su tre sui prati nel 2019. Il tedesco in verità aveva preso un break di vantaggio all’inizio di entrambi i primi due set, ma la ragnatela di Nole piano piano ha irretito il suo avversario senza grossi problemi. Tra due giorni il serbo dovrà vedersela con Kudla.

Novak Djokovic – Wimbledon 2019 (foto Roberto Dell’Olivo)

ZVEREV STECCA ANCORACade, cade ancora e troppo presto Sascha Zverev in uno Slam. È vero, sull’erba ci sono primi turni più facili di Jiri Vesely, che avrà anche passeggiato nelle qualificazioni, ma si tratta pur sempre del numero 124 ATP che affronta il quinto giocatore del mondo. Tuttavia, se il top player è Sascha e l’evento è un Major, l’esperienza insegna che non esistono incontri semplici e, infatti, arriva puntuale la sconfitta in quattro set nonostante 24 ace contro 4 doppi falli.

Eppure, l’incontro sembrava procedere in discesa dopo quel break al decimo game che gli era valso il primo parziale. Dalla metà del secondo, però, Jiri infila sette giochi uno dopo l’altro portandosi 3-1 nel terzo; difende il vantaggio recuperando uno 0-40 regalato e si prende un altro break e il set. Il mancino ceco fa un po’ quello che vuole con il rovescio, come sventrare il campo con l’incrociato, staccare all’ultimo momento la mano destra per sorprendere con la smorzata o passare stretto quasi solo con i polsi correndo in avanti – non male per un omaccione come lui. E copre anche bene la rete. Ha invece qualche difficoltà a trovare il tempo con il dritto, colpo da cui arriva la maggior parte dei gratuiti.

Come dicevamo, non piovono fitti come al solito i doppi falli di Sascha; nondimeno, due seconde sbagliate riescono lo stesso a essere determinanti, visto che le piazza quando serve per restare nella terza partita. Cercando di agguantare il tie-break, Zverev scivola in uscita dal servizio e può solo guardare la risposta ceca: due match point per Jiri. Sascha va con l’approccio sul colpo migliore dell’avversario che cerca il passante lungolinea, classica volée incrociata in allungo che muore in modo naturale poco oltre la rete. Ah, no, resta dalla sua parte. Bravo Vesely e, al solito, restiamo in trepida attesa del giovane Zverev.

 
Jiri Vesely – Wimbledon 2019 (foto via Twitter, @Wimbledon)

GLI ALTRI INCONTRI Esordio convincente anche per il finalista della scorsa edizione Kevin Anderson, rientrato da poco dopo i problemi fisici, che è riuscito a sorvolare senza alcun patema il tennis divertente ma leggero di Pierre-Hugues Herbert, che potrà consolarsi con il sostegno del pubblico di casa che lo adotterà quale compagno di doppio di Sir Andy Murray.

Nello stesso spicchio di tabellone (i due potrebbero affrontarsi in ottavi), nessun problema per Stan Wawrinka che ha lasciato appena sette giochi al qualificato belga Ruben Bemelman, reduce dall’avventuroso toilet break delle qualificazioni. Stan è apparso in ottime condizioni fisiche, tirato a lucido e molto determinato. “È il miglior avvicinamento a Wimbledon degli ultimi anni, mi sento molto bene. Non è la mia superficie preferita ma quando entro in campo io penso sempre di poter battere chiunque”. L’obiettivo plausibile? Può ambire a eguagliare il suo migliore risultato nell’unico Slam che manca al suo palmares, ovvero i quarti raggiunti nel 2014 e 2015.

Prima vittoria in uno Slam, invece, per il piccoletto della truppa Auger-Aliassime. Il 18enne canadese si è guadagnato addirittura la palma di sesto favorito del torneo, secondo alcuni bookmakers, nonostante prima di oggi non avesse appunto mai vinto una partita in uno Major. Ha rotto il ghiaccio contro un buon Pospisil, vecchia guardia canadese che sui prati ha sempre qualcosa da dire. Per Auger-Aliassime una prova in crescendo, dopo un primo set difficile, che gli frutterà l’incrocio con Moutet o Dimitrov.

con la collaborazione di Michelangelo Sottili

Continua a leggere
Commenti

ATP

ATP Delray Beach: Opelka, doppio turno e trionfo finale

Reilly Opelka vince semifinale e finale nello stesso giorno e conquista il secondo titolo ATP. Salva un match point contro Milos Raonic

Pubblicato

il

Reilly Opelka (destra) e Yoshihito Nishioka al Delray Beach Open 2020 (foto Twitter @delraybeachopen)

Nel Delray Beach Open by Vitacost.com la vittoria è andata all’americano Reilly Opelka, n. 54 della classifica ATP, che nella giornata di domenica è stato costretto agli straordinari a causa della pioggia caduta sul sud della Florida sabato sera che ha causato lo spostamento della sua semifinale contro Milos Raonic.

Reilly Opelka – Delray Beach 2020 (foto Twitter @delraybeachopen)

Sceso in campo alle 10.30 del mattino, il giocatore di casa (è originario di West Palm Beach, a poche decine di chilometri dalla sede del torneo) ha rimontato un set di svantaggio al campione canadese annullandogli pure un match point nel tie-break del terzo set, un tie-break dall’andamento molto bizzarro: Opelka è andato prima avanti per 5-0, poi ha subito sei punti consecutivi andando sotto 5-6 e quindi, annullato il match point con il quattordicesimo ace, ha conquistato gli ultimi due punti per portare la partita al terzo set. Lì ha saputo piazzare l’accelerazione decisiva a metà parziale, quando dal 2-3 ha vinto quattro giochi consecutivi mettendo a segno un parziale di 16 punti a 5.

Dopo soltanto poche ore il gigante della Florida (2 metri e 10) è dovuto tornare in campo per la finale contro il giapponese Yoshihito Nishioka (n. 63 ATP) che gli rende ben 40 centimetri d’altezza. Opelka è riuscito ad avere la meglio del nipponico dopo 2 ore e 11 minuti di gioco nelle quali, dopo aver vinto per 7-5 un primo set nel quale è stato quasi sempre in vantaggio, ha perso al foto finish il secondo parziale al tie-break, prima di dilagare nel terzo set nel quale ha ottenuto ben due break lasciando solamente cinque “quindici” nei suoi turni di battuta.

 
Yoshihito Nishioka – Delray Beach 2020 (foto Twitter @delraybeachopen)

Si tratta del secondo titolo in carriera per lo statunitense, dopo quello vinto lo scorso anno al New York Open, che lunedì prossimo salirà di ben 15 posizioni in classifica raggiungendo la posizione n. 39. Anche Nishioka, con la finale ottenuta, guadagnerà 15 posizioni nel ranking arrivando così ad entrare per la prima volta in carriera nei Top 50 assestandosi al n. 48.

Risultati, semifinale:

[4] R. Opelka b. [2] M. Raonic 4-6 7-6(6) 6-3

Risultati, finale:

[4] R. Opelka b. Y. Nishioka 7-5 6-7(4) 6-2

Il tabellone completo

Continua a leggere

ATP

Si ferma in finale la corsa di Mager, Garin è il campione di Rio de Janeiro

Gianluca Mager ha avuto chance in entrambi i set, ma è stato Cristian Garin a sollevare il trofeo. Best ranking per entrambi la settimana prossima

Pubblicato

il

Cristian Garin con Gustavo Kuerten alla premiazione di Rio 2020 (foto Twitter @RioOpenOficial)

[3] C. Garin b. [Q] G. Mager 7-6(3) 7-5

Si è chiusa con una sconfitta la settimana magica di Gianluca Mager, ma ci sono tutti i motivi per essere soddisfatti di questo torneo che probabilmente segnerà uno spartiacque nella carriera del 25enne di Sanremo. Partito dalle qualificazioni ha infilato due scalpi di assoluto prestigio (Ruud e Thiem sulla terra sono vittorie di cui andare fieri, anche se nessuno dei due era al meglio della condizione) ed ha portato a casa 320 punti (300 per la finale più 20 per la qualificazione) che lo proiettano al 77° posto della classifica ATP, con la pressoché matematica certezza di entrare in tabellone in tutti i rimanenti tornei dello Slam di quest’anno, oltre ad una chance di giocarsi un posto alle Olimpiadi di Tokyo.

Che Mager potesse partire piuttosto lentamente dopo la grande battaglia vinta in semifinale solo poche ore prima era tutto sommato piuttosto prevedibile, quindi in pochi hanno battuto ciglio quando il ragazzo di Sanremo è andato subito sotto 2-0 contro un avversario che aveva invece chiuso molto velocemente il suo impegno precedente contro Borna Coric. Un po’ meno prevedibile era che il buon Gianluca, una volta presa coscienza della sua presenza in finale, rimontasse da 1-3 a 4-3 e si procurasse addirittura due palle break per il 5-3, principalmente grazie alle sue accelerazioni di rovescio che con quella preparazione così lineare e così minima mascherano meravigliosamente la traiettoria dei colpi.

 

Svanite le tre opportunità per andare a servire per il set, si è arrivati abbastanza tranquillamente al tie-break, nel quale Mager, forse sentendo di dover fare qualcosa di più, ha commesso almeno tre errori non forzati che gli sono costati il set con il punteggio di 7 punti a 3 in 50 minuti.

Gianluca Mager – Rio 2020 (foto Twitter @RioOpenOficial)

Dopo aver perso il primo tie-break del torneo (in precedenza il ligure era a 4 su 4), Mager ha chiesto l’intervento del fisioterapista per farsi massaggiare l’inguine dalla parte della coscia destra, e c’è da chiedersi che mani abbia quel fisioterapista perché Gianluca è riuscito a infilare una striscia di 10 punti consecutivi che lo ha portato in vantaggio per 3-1 con un break ottenuto a zero in grande stile. La pressione di Garin però iniziava ad aumentare: sul 3-2 Mager si salvava dallo 0-40, ma al momento di servire per il set sul 5-4 tre risposte vincenti di Garin rimettevano il set in parità. Il cileno continuava a spingere, e questa volta il serbatoio di Gianluca appariva davvero vuoto: con niente da opporre alla pressione dell’avversario, Mager subiva un parziale di 16 punti a 2 che chiudeva il match dopo 1 ora e 35 minuti.

Prosegue così la striscia di nove vittorie consecutive sulla terra battuta di Cristian Garin, che conquista così il suo secondo titolo dell’anno (il quarto in totale, e il secondo battendo un italiano in finale avendo sconfitto Berrettini a Monaco lo scorso anno) dopo quello di Cordoba due settimane fa e si appresta ad andare nella sua Santiago del Cile per continuare questa cavalcata. Ci arriverà con il nuovo best ranking di n.18 e addirittura come n.4 della Race to London, per far sognare tutti i suoi compatrioti e che sperano di rinverdire i fasti di Nicolas Massu e Fernando Gonzalez alle Olimpiadi di Atene 2004.

Leggi qui la storia di Gianluca Mager

Continua a leggere

ATP

Non sempre piove sul bagnato: a Rio è stato il carnevale di Gianluca Mager

L’azzurro supera Balazs al terzo set dopo l’interruzione per pioggia di ieri e raggiunge la prima finale ATP in carriera. Qui vi raccontiamo la sua storia

Pubblicato

il

Gianluca Mager - Rio 2020 (foto Twitter @RioOpenOficial)

Il Rio Open 2020 verrà sicuramente ricordato come il torneo di Gianluca Mager, classe 1994, presentatosi sulla terra brasiliana con una sola vittoria a livello ATP e una classifica da numero 128 del ranking e capace di stupire tutti superando nei quarti di finale il numero 4 del mondo, Dominic Thiem. Una vittoria ancora più importante e degna di nota, perché maturata in due giorni a causa della pioggia insistente che ha costretto gli organizzatori a rinviare il programma di gioco quando l’azzurro era in vantaggio di un set e di un break. Mager però non si è fatto sopraffare dalle emozioni e ha portato a casa la vittoria più importante della carriera, ripetendosi poi – sempre in due atti ma questa volta in tre set – contro Attila Balazs, già battuto nelle qualificazioni, per raggiungere la prima finale in carriera (e un best ranking di numero 77).

Una carriera scelta e intrapresa con pieno coinvolgimento solo a diciotto anni, quindi piuttosto tardi rispetto agli standard degli altri colleghi professionisti. Fino alla maggiore età Gianluca – che ha preso in mano la racchetta a Sanremo quando aveva sette anni – giocava a tennis per divertirsi, tant’è che il suo nome non è mai apparso nelle classifiche ITF degli juniores, e anzi aveva rischiato di compromettere sul nascere la sua carriera a causa di uno sfortunato episodio. A 16 anni, fu infatti squalificato per quattro mesi per aver fumato marijuana ad una festa, lui che all’epoca ancora non giocava tornei professionistici.

Se il nativo di Sanremo ha poi deciso di cambiare idea e di fare della propria passione un lavoro, molti meriti vanno dati a Diego Nargiso che, stregato dal suo potenziale, lo ha spronato a dare il massimo, di nuovo, come prima e più di prima. “Grazie a lui ho ritrovato la passione per il tennis, la voglia di vincere e tutto il resto“, ha ammesso lo stesso Mager in una vecchia intervista apparsa su ‘Il Tennis Italiano’. Non va inoltre sottovalutato l’aiuto della Federazione che lo ha ospitato da fine 2016 e per alcuni mesi del 2017 nel centro federale di Tirrenia, nell’ambito del progetto “Over 18” curato da Umberto Rianna (e che ha coinvolto tra gli altri anche Lorenzo Sonego e Matteo Berrettini).

 

I primi punti ATP arrivano nel luglio 2013 e nei tre-quattro anni successivi la sua attività si limita quasi totalmente ai Futures, con quattro titoli e la soddisfazione di sconfiggere un futuro top 10 e finalista Slam come Daniil Medvedev. Nel 2017 esordisce a livello ATP grazie ad una wild card concessagli dagli organizzatori degli Internazionali d’Italia, ma i crampi gli impediscono di terminare il proprio match contro Aljaz Bedene. Ottiene qualche buon risultato nei Challenger, ma, nonostante l’ottimo servizio e un bel drittone carico, la sua dimensione a cavallo tra il 2017 e il 2018 sembra essere ancora quella di giocatore da Futures.

Il salto di qualità arriva nel 2019 che lo vede sempre più continuo e sempre più protagonista a livello Challenger. La sua bacheca si arricchisce di ben tre titoli, equamente distribuiti durante l’anno, a testimonianza dell’ottima condizione raggiunta: Koblenz a gennaio, Barletta ad aprile e Biella a settembre. A fine stagione Mager centra anche la prima vittoria in un torneo ATP, a Stoccolma contro Pablo Andujar, non certo uno specialista del veloce indoor, ma pur sempre un ex top 40 con quattro trofei ATP all’attivo. Evidenti sembrano i miglioramenti in risposta, che assieme al gioco di volo costituisce una fase del gioco in cui Gianluca si porta dietro i maggiori difetti. In prima linea ci sono il gran servizio e un ottimo dritto carico, con il quale ama prendere in mano l’iniziativa e spesso chiudere il punto. Lo aiuta un fisico piuttosto strutturato, perché Gianluca guarda tutti dall’alto dei suoi 188 centimetri nonostante sulle sue doti fisiche non abbia mai creduto di poter fare grande affidamento (‘dal punto di vista fisico mi sento piuttosto scarso!‘, ebbe a dire nella già citata intervista del 2013).

Gianluca Mager (foto Francesco Peluso)

SETTIMANA SPECIALE – Con questa nuova consapevolezza, il venticinquenne azzurro ha iniziato l’anno senza trovare grandi risultati, ma comunque fiducioso. Attualmente nel suo team ci sono Flavio Cipolla (che allena anche Giannessi) e Matteo Civarolo, che lo seguono nei tornei insieme alla ragazza di Gianluca, Valentine Confalonieri, a sua volta ex tennista professionista. Proprio Civarolo, alla vigilia della sfida contro Thiem, non si è detto sorpreso delle prestazioni del proprio pupillo. “Sinceramente me l’aspettavo“, ha dichiarato a RivieraSport. “Vedendo il livello espresso da Gianluca nei primi tornei dell’anno, soprattutto con Purcell all’Australian Open e con Cuevas a Cordoba. Quelli sono stati due match persi per pochi punti, ma giocati alla grande“. Era solo questione di tempo insomma.

Il carattere di Mager si è fatto vedere anche nella ripresa del match contro Attila Balazs, curiosamente già affrontato e battuto dall’azzurro nelle qualificazioni proprio qui a Rio. La partita, interrotta ieri sul punteggio di 7-6 3-3 in suo favore, non ha brillato per la qualità di gioco e si è maledettamente complicata per Mager, che si è trovato sotto di un break nel terzo set dopo aver perso il secondo 6-4. Il tennista italiano è però stato bravissimo a rimanere attaccato al match, aiutato anche dall’avversario che gli ha regalato il contro-break con due doppi falli. Il capolavoro di Mager è stato il tie-break decisivo (il quinto vinto nel torneo su cinque disputati), dominato 7 punti a 2 grazie ad una ritrovata brillantezza e scioltezza nei colpi.

Dopo poche ore, Gianluca è tornato in campo per disputare la finale contro Christian Garin, che ha superato 6-4 7-5 Borna Coric. Una partita, la più importante della sua carriera, che andava presa con spensieratezza e con la sicurezza di avere molte carte da giocare. Purtroppo Garin ha prevalso in due set, vanificando il vantaggio di 4-2 che il sanremese si era costruito nel secondo set e che sembrava una buona base per portare la partita al terzo. Comunque vada da le cose cambieranno per Mager, perché il suo nuovo ranking potrebbe inevitabilmente influenzare le scelte di programmazione dei prossimi mesi.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement