Wimbledon, semifinali junior ragazze: le impressioni dal vivo

Flash

Wimbledon, semifinali junior ragazze: le impressioni dal vivo

Risultati a sorpresa nelle semifinali junior: eliminate Emma Navarro e Diane Parry, le due teste di serie più alte rimaste in corsa. Finaliste saranno Daria Snigur e Alexa Noel

Pubblicato

il

Alexa Noel - Wimbledon junior 2019

dal nostro inviato a Londra
A Wimbledon la mattina del venerdì è tradizionalmente dedicata alle semifinali del torneo Junior. I ragazzi sono programmati sul Court 18, uno show court con tanti posti e comode tribune. Le ragazze quest’anno sono programmate sul Court 5, il tipo di campo con meno posti a sedere in assoluto: sui lati lunghi una sola fila di panche in legno (stile parco inglese) e basta.

Trovare posto diventa impegnativo, ma se non altro c’è il vantaggio di essere proprio a ridosso delle giocatrici. Una posizione da cui si capisce meno delle loro scelte geometriche ma si può apprezzare al massimo il puro gesto atletico.
Il campo 5 ha però una grave lacuna: non è prevista la misurazione della velocità dei servizi, che sarebbe utlissima per avere un riferimento in più per chi non conosce le protagoniste. Dovrò fidarmi delle mie sensazioni, con tutti i dubbi del caso.

Come tutti gli anni a Wimbledon mi avvicino al torneo junior da assoluto incompetente del tennis giovanile, e quindi la premessa è obbligatoria: chiedo scusa ai veri esperti per i miei errori e per i giudizi affrettati. Non ho alcuna pretesa di esprimere valutazioni ponderate e certe: sono impressioni superficiali tratte ragionando su un solo match.

 

Prima semifinale
D. Snigur d. [1] E. Navarro 6-3, 6-0

Si comincia alle 11.00 (ora locale) con il match fra la statunitense Emma Navarro e la ucraina Daria Snigur. Navarro ha 18 anni (è nata nel maggio 2001) ed è la testa di serie numero 1 del torneo.
Snigur ha 17 anni (è nata nel marzo 2002), e non è fra le teste di serie. Ma non per questo è da sottovalutare, visto che è reduce dal successo a Roehampton della scorsa settimana, che per il mondo junior funziona un po’ come il Queen’s rispetto ai Championships: un prestigioso torneo di preparazione.

Navarro e Snigur sono fisicamente simili: attorno al metro e 65 di altezza, baricentro basso e gambe potenti. Emma Navarro, almeno in questo match, mostra un repertorio più completo: un bel rovescio bimane, che qualche volta alterna con lo slice a una mano, un dritto ben impostato e un discreto servizio. La seconda non è però trascendentale.

Emma Navarro - Wimbledon junior 2019
Emma Navarro – Wimbledon junior 2019

Daria Snigur ha una impostazione simile, ma più scarna. Anche lei usa il rovescio bimane, che esegue con molta rapidità e compattezza. Nei colpi base forse la differenza maggiore è sul dritto: preparazione ampia, braccio quasi teso, che in sostanza aumenta la lunghezza della “leva” e quindi aggiunge velocità alla palla. Poco lo spin con cui lo carica e quindi la parabola è bassa e a filo rete.
Mi lascia perplesso l’esecuzione del servizio, con un lancio di palla rivedibile, perché tende a provocarle una esecuzione quasi rattrappita, che non le permette di scaricare tutto il peso del corpo sulla palla. La seconda è accettabile a livello junior, ma temo che in un confronto WTA sarebbe un punto debole preso di mira dalle avversarie. In questo Snigur e Navarro penso abbiano ancora da progredire

Daria Snigur – Wimbledon junior 2019

Almeno per quanto ho visto in questo match, su Snigur non ho molto da aggiungere, visto che non ha praticamente mai fatto ricordo a slice, drop-shot o altre variazioni sulla verticale. Sarà una partita dall’andamento molto semplice, interamente condotta con scambi da fondo campo; le pochissime discese a rete saranno conseguenza di qualche colpo corto dell’avversaria.

Si parte con il match in equilibrio e la prima novità è che a Wimbledon piove: non era accaduto in tutte le giornate precedenti, ma si tratta di poche gocce, che non interrompono il gioco né lo disturbano. Qualche minuto e tutto si aggiusta. Sul 2 pari le giocatrici si scambiano un break a vicenda ma dal 3 pari Snigur prende il sopravvento: risponde con più aggressività e riesce a tenere più spesso il controllo dello scambio.

Confesso che non mi convince molto il complesso del suo tennis, e Navarro mi sembra tecnicamente più rifinita. Ma, almeno in questo match, non c’è letteralmente partita. Con un parziale di nove game a zero, Snigur risolve la pratica, elimina la numero uno del torneo e si presenta in finale. 6-3, 6-0 in 45 minuti totali. Tempo tipico da junior, visto che Snigur è molto rapida nella preparazione dei punti, a volte non passano dieci secondi fra un punto e l’altro.

Sul piano del risultato oggi ha avuto ragione lei. La colpa maggiore di Navarro? Secondo me non essere riuscita a mettere pressione al servizio avversario, con una risposta che evidentemente non è risultata abbastanza incisiva. Il 67% di punti vinti sulla seconda di servizio da parte di Snigur suonano un po’ come un atto di accusa verso la tennista americana.

Saldo complessivo Vincenti/errori non forzati: Snigur +11 (21/10), Navarro +1 (13/12).
Dati scomposti dei vincenti dritto/rovescio: Snigur 5/11, Navarro 8/3.

Con questo traguardo Snigur diventa la quinta Ucraina a raggiungere la finale di Wimbledon junior. Le precedenti erano state nel 2000 Tatiana Perebiynis (sconfitta da Maria Emilia Salerni), nel 2004 Kateryna Bondarenko (che vinse il torneo battendo Ana Ivanovic), nel 2012 Elina Svitolina (sconfitta da Eugenie Bouchard) e nel 2016 Dayana Yastremska (battuta da Anastasia Potapova).

Seconda semifinale
[10] A. Noel d. [4] D. Parry 6-2, 6-1

Se il primo match ha proposto due giocatrici impostate secondo la tendenza prevalente oggi, cioè con il rovescio bimane, la seconda semifinale offre delle novità. Si affrontano due sedicenni entrambe nate nel settembre 2002, una statunitense e una francese; e non bisogna farsi ingannare dai cognomi: Alexa Noel è l’americana e Diane Parry la francese.

Noel mi sembra leggermente più alta di Navarro e Snigur, ma ha un fisico simile. Parry invece penso sia attorno al metro e 72 e mi ricorda Petra Martic, slanciata e molto atletica.

Diane Parry l’ho già incrociata lo scorso anno: era stata la mia vicina di posto quando ero andato a vedere per la prima volta dal vivo Coco Gauff. Lei aveva preso parte al torneo junior e dopo essere stata eliminata all’esordio probabilmente aveva fatto il mio stesso ragionamento: “Andiamo a vedere dal vivo Gauff, il nuovo fenomeno del tennis statunitense, capace di essere protagonista nei tornei junior a 13-14 anni”. E così ci siamo ritrovati a scattare foto di Coco dalla stessa panchina.

Diane Parry – Wimbledon 2019

Oggi però è lei la protagonista: un bel progresso nel giro di un anno, considerato che è ancora sedicenne, e che nel frattempo è diventata numero 4 del torneo. Se dovessi giudicare dalla pura esecuzione dei colpi, delle quattro semifinaliste Parry è quella che mi ha colpito di più: intanto perché gioca il rovescio a una mano, utilizzando sia quello in topspin che quello in back. Poi perché ha un servizio davvero in stile Martic, con la partenza a piedi distanti e un grande caricamento di schiena.

Alexa Noel non mi è del tutto nuova, visto che l’ho seguita parzialmente nella finale del trofeo Bonfiglio che ha vinto quest’anno. A Milano era accompagnata da Hana Mandlikova, ma a qui non l’ho vista (questo però non significa che non ci fosse).

Alexa Noel – Wimbledon 2019

Anche Noel usa il rovescio a una mano, ma tutto orientato al back. E, a volte usa il back anche di dritto. Non dico che sia una nuova Niculescu, perché usa con maggiore frequenza il colpo in topspin, ma per esempio in questa alternanza fra top e back la si può avvicinare a Krystina Pliskova la gemella mancina e meno forte di Karolina.

Pronti via e la partita è subito più varia e spumeggiante. Se nel primo match le due giocatrici non si erano praticamente mai mosse dalla linea di fondo, qui abbiamo tenniste che amano costruire sulla verticale, cercano la rete in modi diversi (con attacchi slice, ma anche in controtempo) e lavorano più spesso anche sulla velocità di palla. Insomma: personalmente mi divertono di più. Molto simile invece l’andamento del punteggio: dopo un avvio in equilibrio, Noel si stacca, prende il largo e lascia le briciole all’avversaria, grazie a un parziale di 11 giochi a 1. 6-2, 6-1 in 71 minuti.

Parry mi ha colpito più di tutte, ha anche eseguito delle belle volèe (su tutte una fantastica veronica) con cui ha ottenuto la maggior parte dei vincenti, ha coperto il campo sia in orizzontale che in verticale, ma ha davvero sbagliato troppo. Per esempio non si contano i dritti di cui ha perso il controllo tutti allo stesso modo: sbagliati in lunghezza. E così, a raggiungere Snigur in finale è Alexa Noel, nella replica della finale che si è disputata la scorsa settimana a Roehampton. Allora vinse Snigur nettamente: 6-1, 6-2.

Saldo complessivo Vincenti/errori non forzati: Noel -1 (9/10), Parry -16 (14/30).
Dati scomposti dei vincenti dritto/rovescio: Noel 9/10, Parry 2/2.

Il paradosso di questa giornata è che tecnicamente mi avevano convinto di più Navarro rispetto a Snigur, e Parry rispetto a Noel. Ma entrambe hanno perso e anche piuttosto nettamente. Scopriremo nei prossimi anni se i valori saranno confermati o no.

Continua a leggere
Commenti

Flash

ATP Bastad: Londero e Jarry si contenderanno il trofeo

L’argentino supera Ramos Vinolas in due set piuttosto agevoli, ancora più semplice il successo del cileno che strapazza Delbonis 6-3 6-2

Pubblicato

il

Due semifinali a senso unico spediscono Nicolas Jarry e Juan Ignacio Londero al match decisivo per l’assegnazione del trofeo dell’ATP di Bastad. Il cileno è alla terza finale della carriera, dopo quelle perse con Fabio Fognini a San Paolo nel 2018 e con Alexander Zverev a Ginevra quest’anno (sprecando match point), mentre per l’argentino si tratta della seconda, a pochi mesi dalla magica settimana di Cordoba che lo ha proiettato per la prima volta sotto i riflettori del circuito maggiore.

Jarry si è sbarazzato in poco più di un’ora della concorrenza di Federico Delbonis. Nel primo set i due hanno proceduto spalla a spalla fino al 3-3, poi il cileno ha cambiato passo (soprattutto col dritto) e ha chiuso 6-3. Il secondo set si è aperto subito nel segno di un Jarry molto propositivo, con Delbonis invece parecchio demotivato. Doppio break in un lampo e 3-0. L’argentino ha provato uno scatto d’orgoglio, strappando per la prima volta nel match la battuta all’avversario, ma è stato subito ricacciato indietro da Jarry che ha poi chiuso il parziale senza problemi col punteggio di 6-2.

Londero invece ha avuto ragione di Albert Ramos Vinolas, che era invero partito meglio. Sopra 2-1 e break però, lo spagnolo è riuscito a vincere appena uno dei successivi sei giochi finendo col farsi scivolare dalle dita il primo set. Nel secondo un solo break ha fatto la differenza, quello ottenuto da Londero nel terzo gioco.

 

Risultati:

[5] N. Jarry b. F. Delbonis 6-3 6-2
[6] J. Londero b. A. Ramos-Vinolas 6-3 6-4

Il tabellone completo

Continua a leggere

Flash

ATP Amburgo: il tabellone dice Italia-Argentina

Fabio Fognini trova un qualificato al primo turno, Cecchinato e Caruso affronteranno gli argentini Delbonis e Londero. Presenti anche Thiem e Zverev

Pubblicato

il

Fabio Fognini, Amburgo 2015 (foto BRIGITTE URBAN)
Fabio Fognini, Amburgo 2015 (foto BRIGITTE URBAN)

Il torneo più ricco e prestigioso della settimana è l’ATP 500 di Amburgo anche se il torneo tedesco, fondato nel 1892 e giunto alla 132esima edizione, sta attraversando uno dei periodi più bui della sua storia. Da tempo ormai non fa più parte della categoria Master Series (i vecchi 1000 per intenderci) e la posizione all’interno del calendario di certo non aiuta. Basti pensare che quest’anno nel tabellone di qualificazione c’era un bye al primo turno, a causa della mancanza di tennisti iscritti, e anche nel doppio non si è stati in grado di trovare degli alternate.

L’edizione di quest’anno però è riuscita a compiere un bel passo avanti rispetto al 2018, e cioè quello di avere tre top 10 ai nastri di partenza anziché uno. Se la presenza di Dominic Thiem ad eventi di questo tipo non è certo una novità, fa piacere vedere il nome Alexander Zverev quest’anno ancora alla ricerca di continuità, soprattutto sul piano mentale. L’austriaco esordirà contro l’uruguaiano Pablo Cuevas, già finalista qui nel 2016, mentre il giovane tedesco ha trovato il cileno Nicolas Jarry.

Il tabellone completo

Il terzo top 10 presente è Fabio Fognini il quale avrà al primo turno un qualificato, e nell’eventuale secondo incontro uno tra il tedesco Rudolf Molleker e l’argentino Leonardo Mayer. Restando in tema di argentini, gli altri due italiani presenti nel tabellone principali hanno entrambi pescato tennisti albicelesti. Marco Cecchinato, scivolato fuori dai primi 60 dopo la sconfitta ad Umago, esordirà con Federico Delbonis il quale lo ha battuto 3 volte su 3, sempre sulla terra, due volte nei Challenger nel 2017 e una nel torneo di Bucarest nel 2016.

 

L’ultimo azzurro, che al momento è ancora in corsa in Croazia, è Salvatore Caruso. Il siciliano n. 125 al mondo giocherà per la seconda volta in carriera contro Juan Ignacio Londero contro il quale ha perso nel 2016 nel Challenger di Perugia.

Tra i primi turni degni di interesse c’è quello tra il 21enne russo Andrey Rublev e il 23enne cileno Cristian Garin, e potrebbe venir fuori una partita interessante anche dal derby serbo tra Laslo Djere e Filip Krajinović.

Continua a leggere

Flash

Challenger: Gaio cerca il bis a San Benedetto. C’è un nuovo (piccolo) Korda in giro

Gaio e Giannessi in semifinale a San Benedetto, possibile finale tutta italiana. Prima finale anche per il figlio d’arte Sebastian Korda

Pubblicato

il

Sebastian Korda - Australian Open Junior 2018 (foto via Twitter, @AustralianOpen)

San Benedetto, Italia (terra, montepremi €46.600)

Tre dei quattro semifinalisti giunti al penultimo giorno del Challenger di San Benedetto sono teste di serie, e due di essi sono italiani. Alessandro Giannessi da una parte e Federico Gaio dall’altra si contenderanno (in due semifinali diverse) un posto nella finale del torneo marchigiano. Il primo ha lottato duramente durante tutto il torneo e nell’ultima partita solamente al tie-break decisivo ha avuto la meglio su Andrea Arnaboldi, vincendo 5-7 6-3 7-6(3); e adesso lo attende il n. 1 del seeding Andrej Marten, n. 120 del mondo. Gaio invece, vincitore qui nel 2016, ha battuto agevolmente Roberto Marcora per 6-2 6-4 e ora a trova Renzo Olivo.

Nur-Sultan, Kazakhstan (cemento, montepremi $135.400)

La sorpresa della settimana arriva proprio dal Challenger più ricco in rassegna, quello kazako dove a raggiungere la finale è un figlio d’arte: Sebastian Korda, figlio di Petr. Il 19enne con cittadinanza americana per la terza volta in stagione ha vinto due partite consecutive a livello Challenger, e si è superato raggiungendo la prima finale della carriera in questa categoria. Suo padre Petr, che giocava per la Rep. Ceca. fu numero 2 del mondo nel 1998, anno in cui vinse gli Austrlian Open prima di venir squalificato per doping, evento che di fatto pose fine alla sua carriera. Il giovane Sebastian invece, n. 385, in questo torneo ha battuto tra gli altri il nostro Lorenzo Giustino, che era la seconda testa di serie, e in semifinale ha vinto 7-6(3) 6-3 sull’australiano Aleksandar Vukic. Ora affronterà il vincente di Donskoy-Sultanov.

Gatineau, Canada (cemento, montepremi $54.160)

In Canada i tennisti di casa deludono le attese come anche quelli statunitensi, e a sorridere sono quelli di seconda fascia. La prima semifinale infatti sarà disputata tra Darian King (27 anni, n. 193) proveniente dalle Bahamas e il francese Enzo Couacaud (24 anni, n. 201). Dall’altra parte invece il posto in finale se lo contenderanno l’australiano Jason Kubler (26 anni, n. 213) e Joao Mendes (22 anni, n. 267) dal Brasile.

 

Amersfoort, Olanda (terra rossa, montepremi €46.600)

Similmente a quanto accaduto a San Benedetto, anche in Olanda tre semifinalisti sono anche teste di serie piuttosto alte e il possibile vincitore finale infatti potrebbe venir fuori proprio dalla sfida tra la n. 2 e la n. 3: il belga Kimmer Coppejans (25 anni, n. 144) e lo sloveno Blaz Rola (28 anni, n. 164). Gli altri due ancora in corsa invece sono il tedesco Mats Moraing (27 anni, n. 200) e il qualificato di casa Igor Sijsling, 600 del mondo.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement