US Open: Lorenzi, che peccato! Vince Vesely 7-6 al terzo

Flash

US Open: Lorenzi, che peccato! Vince Vesely 7-6 al terzo

Dopo una grandissima battaglia esce con tanto rammarico, ma tra gli applausi, Paolo Lorenzi

Pubblicato

il

Vince Jiri Vesely ma solamente al tie break del terzo contro uno straordinario Paolo Lorenzi che ha dimostrato ancora una volta quest’oggi le sue grandi doti da lottatore. La partita è girata veramente su pochi episodi, andati tutti a favore del ceco: il primo di questi è sul 4-4 del primo parziale dove Lorenzi riesce a procurarsi una palla break dove ha una concreta occasione di tirare un passante vincente ma il braccio trema, la traiettoria risulta troppo centrale e Vesely chiude la volèe tenendo quel servizio e breakkando l’italiano nel game successivo chiude il primo parziale. Dopo aver tenuto con grande sofferenza i games di servizio ad inizio secondo Paolo cede la battuta e Vesely va a servire per il match sopra 5-3: dopo essere andato sul 30-0 il braccio del ceco trema, inizia una lunga striscia di errori provocati dalla grandissima resistenza di Lorenzi che in fase difensiva diventa un autentico muro,raccoglie una striscia di otto punti a due che gli vale l’aggancio sul 5-5. La striscia prosegue, il mancino ceco inizia a innervosirsi e non raccoglie più un punto fino alla fine del secondo set, con Lorenzi autore di un perfetto game in risposta con due passanti bellissimi e successivamente anche di un solido game di servizio che gli permette di incamerare il secondo parziale. 

Giunti al terzo set, complice qualche decisione arbitrale molto dubbia, Lorenzi inizia ad innervosirsi a sua volta, sull’1/1 30-15 non viene chiamata una palla fuori di diversi centimetri a Vesely che manda su tutte le furie il tennista toscano che nel game successivo subisce il break con un ace sul 30-40 che viene corretto in out dal giudice di sedia facendo innervosire nuovamente Lorenzi. Il campo 15, intanto, diventa una bolgia, nessun posto a sedere viene lasciato vuoto e parecchi incitano in modo molto sostenuto Lorenzi che raccoglie tutta l’energia e riesce a controbreakkare il suo avversario salvando anche due palle break nel game successivo, raggiungendo così Vesely sul 3-3. Dopo qualche game interlocutorio Lorenzi va a servire sotto 4-5 e da 40-15 si ritrova a fronteggiare un match point, dove caparbiamente opta per il serve and volley e annulla con coraggio questa ghiotta occasione per il ceco con uno smash vincente. Sul 5-5 il tennista toscano ha l’occasione di far girare definitivamente il match in suo favore, conquista una palla break dove c’è ancora volta il rammarico per una decisione arbitrale molto dubbia, con un ace, il ventesimo della partita, che viene convalidato a Vesely nonostante le tante proteste di Lorenzi e del suo angolo

Il giusto epilogo di questa grande battaglia è il tie break del primo set dove Lorenzi parte bene conquistando il primo punto dopo uno scambio lunghissimo, ma successivamente crolla improvvisamente, i suoi colpi perdono man mano profonditá e Vesely inizia a comandare il gioco non sbagliando più nulla, issandosi prima sul 4-1 e chiudendo poi con un netto 7-2, sfogando tutte le sue emozioni in un lunghissimo urlo liberatorio. Ora per Lorenzi si attende la graduatoria dei lucky loser: essendo la terza testa di serie più alta uscita al turno decisivo resta ancora qualche remota possibilitá di vedere Paolo nel Main Draw. 

 

Gli altri risultati – Seconda apparizione in uno Slam consecutiva conquistata da Dominik Koepfer, che a 22 anni ha ottenuto per la prima volta l’accesso tra i primi 1000 giocatori al mondo e solamente tre anni dopo si ritrova a competere nei tornei più prestigiosi del circuito, grazie ad una vittoria in due set sul giapponese Uchiyama. Entra anche Hyeon Chung, dopo una stagione molto complicata il tennista coreano sembra rientrato in buona forma e ha sconfitto rapidamente Mikael Ymer con lo score di 6-1 6-3. Bella vittoria del bielorusso Ivashka in due set ai danni del polacco Majchrzak, quarta testa di serie del tabellone cadetto; tra i tennisti a stelle e strisce si qualifica Jenson Brooksby tra i maschi, Taylor Townsend e Caroline Dolehide tra le femmine. 

Il tabellone di qualificazione maschile


Gli accoppiamenti dei qualificati (tabellone maschile)

Sinner vs [23] Wawrinka
Koepfer vs Munar
Brooksby vs Berdych
Kwon Soon vs Dellien
Nagal vs [3] Federer
Benchetrit vs Dzumhur
Vesely vs Berankis
Barrere vs Norrie
Donskoy vs [12] Coric
Trungelliti vs [7] Nishikori
Giraldo vs Bublik
Gerasimov vs Harris
Garcia-Lopez vs [14] Isner
Kamke vs [32] Verdasco
Chung vs [WC] Escobedo
Ivashka vs [WC] Kokkinakis

Il main draw completo

Gli accoppiamenti dei qualificati (tabellone femminile)

in attesa del sorteggio

Il main draw completo

Continua a leggere
Commenti

Flash

Musetti: “Tutte queste attenzioni non mi fanno montare la testa, anzi… mi motivano”

Il 18enne azzurro sconfitto al terzo turno degli Internazionali di Roma da Koepfer: “Avevo un problema alla spalla che non mi permetteva di usare tutta la potenza”

Pubblicato

il

Lorenzo Musetti - Internazionali di Roma 2020 (foto Giampiero Sposito)

Dopo cinque vittorie consecutive sulla terra di Roma (qualificazioni incluse) Lorenzo Musetti è costretto a salutare la capitale dopo una netta sconfitta subita per mano del tedesco Dominik Koepfer. “Ovviamente oggi in campo non ho giocato al meglio, ero un po’ stanco” ha ammesso il 18enne in conferenza post-match. “Avevo giocato parecchio in queste settimane e inoltre avevo un problema alla spalla che non mi permetteva di usare tutta la potenza che volevo. Ma comunque porto con me una grande esperienza e credo che nelle prossime settimane giocherò con maggior fiducia nelle mie armi e in me stesso”.

La storia più interessante di quest’edizione degli Internazionali per il tennis italiano è stata seguire l’andamento della coppia Sinner-Musetti. I due teenager hanno entrambi raggiunto il terzo turno con prestazioni convincenti, e pochi giorni fa Jannik aveva parlato positivamente del collega dicendo addirittura che “potenzialmente è più forte di me”. Adesso è toccato a Musetti ricambiare i complimenti: “Jannik lo scorso anno ha fatto una stagione fantastica. Ci motiviamo a vicenda e anche qui ci diamo la spinta per giocare meglio ed essere più professionali in generale. Lui è molto umile e un grande lavoratore, si merita tutto quello che ha fatto finora. L’ho ringraziato personalmente per le belle parole ma credo che al momento lui sia più avanti sia di ranking che come costanza e solidità di gioco“.

Tuttavia c’è una cosa sulla quale i due giovani tennisti vanno d’accordo. Ha ragione Jannik quando parla di lavorare sul fisico perché noi siamo ancora dei ragazzi, non siamo ancora sviluppati al 100% ha affermato Musetti. “Il mio avversario di oggi era alla quinta partita ed era stato più volte al terzo ma era comunque fresco come una rosa, quindi sicuramente c’è tanto da migliorare fisicamente. Credo anche che il tempo e l’età siano dalla nostra parte. C’è solo da lavorare duro e crescere di giorno in giorno”.

 

Giocare su un palcoscenico così prestigioso inevitabilmente attira gli occhi anche di altri top player, tanto che non sono mancate attenzioni di primissimo piano.I complimenti di Nadal, che è stato molto umile e tranquillo nel farmeli, mi hanno fatto molto piacere. Mentre con Djokovic avevo già avuto la possibilità di giocarci in allenamento a Melbourne e conoscere il suo team; oggi mi ha fatto piacere averlo sugli spalti anche se non ha visto una bella partita. Tutte queste attenzioni non mi fanno montare la testa, anzi mi motivano“.

Questo exploit romano non ha cambiato di molti i piani di Musetti: giocare il più possibile ad ogni livello. “Molto probabilmente la prossima settimana giocherò a Forlì (Challenger 100) grazie ad una wild card, poi una settimana di stop. Dopo giocherò a Parma (Challenger 125) e in Sardegna (ATP 250). L’obiettivo è giocare quasi tutte le settimane per fare più partite, ma ovviamente una settimana di riposo dovrò prendermela anche perché la spalla ne ha bisogno”.

Continua a leggere

Flash

Internazionali di Roma, il commento del direttore: ci rimane solo Matteo Berrettini

Fuori Sinner e Musetti. Spadafora strizza l’occhio agli elettori. Binaghi gode e ha ragione, ma il Paese fa la figura di una banderuola

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - Internazionali di Roma 2020 (foto Giampiero Sposito)

Continua a leggere

Flash

Internazionali di Roma: Musetti finisce la benzina, steso da Koepfer

Esausto mentalmente e fisicamente, il 18enne azzurro raccoglie 4 giochi contro il tedesco che si limita a fare il suo Resta una settimana da ricordare per Lorenzo

Pubblicato

il

Lorenzo Musetti - Internazionali BNL d'Italia 2020 (via Twitter, @nextgenfinals)__

Leggi l’editoriale del direttore

[Q] D. Koepfer b. [Q] L. Musetti 6-4 6-0

Non c’è nulla del Lorenzo Musetti che abbiamo ammirato ai turni precedenti nella sconfitta patita in poco più di un’ora contro l’altro qualificato Dominik Koepfer, solido quanto basta per avere ragione di un avversario evidentemente limitato da un problema alla spalla, trattata senza benefici dal fisioterapista al termine del primo parziale. Niente rovesci filanti né tocchi sopraffini, allora, e ci si ì dovuti accontentare di guardare questo tedesco riapparso sui radar dopo gli ottavi allo US Open 2019 a spese di un pessimo Monfils e, prima, di un Alex de Minaur forse impressionato dal nome di battesimo dopo la batosta subita da Thiem e di sicuro poco a suo agio sulla terra battuta. Terra che è la superficie dichiarata preferita da Koepfer, a dispetto della sua programmazione e dei risultati – almeno fino oggi.

 

L’occasione è ghiotta – insperata fino a un paio di giorni fa – per entrambi e non sorprende una certa tensione nei primi giochi. Tensione che si nota subito nel dritto di Lorenzo, non solo stilisticamente non all’altezza del rovescio, ma certo meno naturale e quindi maggiormente soggetto ai momenti di difficoltà. Ma è tutto il suo tennis (che non è poco) a non girare in modo preoccupante, con prevedibili errori quando si tratta di tocchi delicati o lo smash che ci riporta all’ultimo punto di Sinner contro Dimitrov.

Non che il mancino di Furtwangen lasci andare il braccio e offra chissà quale spettacolo; tutt’altro, ma riesce almeno ad attendere l’altrui errore senza combinare troppi disastri; sale così 4-1 nonostante la doppia opportunità del nostro di riprendersi il break subito al terzo gioco, con annesso rimpianto per una risposta slice di rovescio rimasta sulle corde. Musetti accenna a liberarsi e prova ad aggredire qualche palla con successo, ma Koepfer si affida al servizio per mantenere il vantaggio. Atteso al varco del 5-4, Dominik si ritrova sotto come da copione, però esce bene dal 30-40 colpendo al volo dopo un efficace servizio a uscire. Poco più del 50% di prime in campo per Lorenzo che chiede il MTO per farsi trattare un fastidio alla spalla destra che gli scende su tutto il braccio.

Senza sorpresa, Musetti cede il servizio in apertura di secondo parziale e, sconsolato, si dirige vero l’altra metà campo massaggiandosi la spalla. Di nuovo, Koepfer risale dal 15-40 andandosi a prendere i punti a rete, ma è chiaro che il match è compromesso. Prova ancora le smorzate – le sa fare –, ma sembrano più dettate dalla voglia di uscire dal campo o giustificare la sua condizione che dalla ricerca di un modo per conquistare punti rapidi, così da restare a galla nel punteggio e, magari, buttarla in una lotta di nervi come Jannik al quinto set contro Khachanov a New York.

Se il diciottenne carrarese quasi non gioca, questo tedesco non si fa distrarre dalla situazione favorevole e continua spingendo dritti arrotolati e rovesci più filanti, accompagnando diversi punti con i necessari urli. Dagli spalti, Novak Djokovic vede Koepfer raggiungerlo ai quarti di finale. Resta comunque l’ottimo torneo di Musetti, che la prossima settimana dovrebbe assestarsi al 180° posto del ranking.

Il tabellone maschile di Roma con tutti i risultati aggiornati

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement