World Padel Tour, profili: Belasteguin/Lima e le gemelle Alayeto

Focus

World Padel Tour, profili: Belasteguin/Lima e le gemelle Alayeto

Torniamo a parlarvi del padel. Perché il seguito di questa disciplina cresce con costanza, e perché tra poco si giocherà un torneo importante in Italia

Pubblicato

il

Pablo Lima e Fernando Belasteguin

È con grande piacere che su Ubitennis riprendiamo a parlare di padel, lo sport che ha rivoluzionato la vita degli spagnoli e che, giorno dopo giorno, sta conquistando stelle del calcio mondiale e dello spettacolo nonché migliaia di italiani. Negli articoli che pubblicheremo nei prossimi mesi non vogliamo illustrarvi le regole del gioco, né parlarvi delle partitelle fra Totti e compagni, ma vogliamo portarvi nella massima lega del padel mondiale (il World Padel Tour), l’equivalente di ATP e WTA nel tennis, e farvi conoscere le coppie più forti di questo sport sia a livello maschile che femminile. La nostra nuova rubrica, “Profili”, è dedicata infatti ai professionisti del World Padel Tour, anzi alle coppie di professionisti, essendo il padel, a differenza del tennis, uno sport dedicato esclusivamente al doppio.

Oggi vi presenteremo le due coppie che rappresentano la storia passata e recente del circuito maschile e femminile, rispettivamente Fernando Belasteguin e Pablo Jose Lima, e Maria Jose e Maria Pilar Sanchez Alayeto, cioè le coppie ex numero uno del mondo che hanno ceduto lo scettro rispettivamente nel 2018 a Daniel Carlos Gutierrez e Maximiliano Sanchez e nel 2019 a Marta Marrero e Marta Ortega.

Fernando Belasteguin: il Messi del padel

Per inaugurare la nostra rubrica non potevamo che iniziare dalla “Storia” di questo sport, passato, presente e futuro del padel mondiale, Fernando Belasteguin, meglio conosciuto come ‘la Leggenda di Pehuajo’ o ‘il Messi del padel’ (soprannome affibbiatogli dal mitico Cruyff), o più semplicemente ‘il Bela’.

Nato e cresciuto a Pehuajo, piccola città argentina nella provincia di Buenos Aires, il 19 maggio 1979, il Bela, altezza 180 cm per 80 kg di peso, è un destro e nel 10×20 (le misure del campo di padel) occupa da sempre la parte sinistra (posizione cambiata di recente), anche conosciuta come quella del vantaggio nel tennis, la posizione dedicata nel padel, teoricamente, a colui che dovrebbe finalizzare il punto. Anche se lo stesso Bela più di una volta ha detto di non avere dei colpi spettacolari, a detta dei suoi colleghi si conosce dell’esistenza di alcuni colpi solo dopo averli visti eseguire dalla leggenda di Pehuajo. Belasteguin è il giocatore di padel più completo: i suoi colpi marchio della casa sono il pallonetto e il gancio (una via di mezzo tra uno smash piatto e una bandeja, il colpo interlocutorio del padel che non trova un equivalente nel tennis). Non si può parlare di Belasteguin senza citare gli innumerevoli record che ha ottenuto nella sua carriera sportiva:

 
  • 16 anni consecutivi chiusi come numero uno del ranking mondiale (13 con Juan Martin Diaz e gli ultimi 3 con Pablo Lima)
  • il più giovane atleta a diventare numero 1 al mondo, a 22 anni (ha debuttato come professionista all’età di 15 anni, nel 1995)
  • 63 vittorie consecutive in tornei ufficiali, cioè 22 tornei vinti di fila in 1 anno e 9 mesi (settembre 2005 – maggio 2007) senza sconfitte (in condivisione con Juan Martin Diaz)
  • 372 match disputati (339 vittorie, 33 sconfitte, dati aggiornati al Master di Cascais, settembre 2019)
  • rappresentando l’Argentina, ha vinto cinque campionati mondiali, l’ultimo dei quali nell’edizione del 2016 a Lisbona (Portogallo)

Pablo Jose Lima: il cannone di Porto Alegre

Nato e cresciuto a Porto Alegre, Brasile, l’11 ottobre 1986, altezza 180 cm per 75 kg di peso. Pablo è un mancino (zurdo in spagnolo) e nel 10×20 occupa la parte destra, anche conosciuta come quella del pari nel tennis, la posizione dedicata nel padel, teoricamente, a colui che dovrebbe costruire il punto e, solitamente, dedicata ai mancini. I suoi colpi marchio della casa sono il rovescio a due mani e la pegada/remate (tutti colpi che ribalzano violentemente prima nel campo avversario e poi sulla parete di fondo, terminando fuori).

Prima di iniziare l’avventura con Bela nel 2015 e diventare numero uno nel ranking mondiale WPT, Pablo è stato per molti anni consecutivi numero 2 al mondo, cercando di detronizzare Bela e Juan Martin Diaz. Come il Bela, anche Pablo inizia a dedicarsi al padel all’età di nove anni per diventare professionista nel 2004, ma è nell’anno 2008 che formando la coppia con il connazionale Jardin inizia a ottenere grandi risultati diventando la rivelazione della stagione. I migliori risultati di Lima arrivano nel 2009, vale a dire dall’unione con lo spagnolo Juani Mieres assieme al quale inizia il braccio di ferro tra i due aspiranti al trono e i re della storia di questo sport, Bela-Diaz, culminato l’11 giugno 2014, data storica in cui i due “Principi del Padel” riescono a far abdicare i Re dopo dodici anni consecutivi di trono. La loro leadership al numero uno dura solo una settimana, prima che i Re riconquistino il trono, ma è rimasto sicuramente un evento magico.

I numeri della coppia Bela-Lima, separazione e nuovo percorso

Il destino di Belasteguin e Lima si è disgiunto proprio durante l’estate del 2019, ma non potevamo iniziare una rubrica dedicata a questo sport senza partire dalla dupla regina, capace di rimanere al numero uno del ranking mondiale per tre anni e otto mesi consecutivi, dal 2015 al 2018 quando i due hanno abdicato in favore degli argentini Daniel Carlos Gutierrez e Maximiliano Sanchez. Nei quattro anni insieme Fernando e Pablo hanno disputato 43 finali vincendone 35. Nella storia rimarrà la finale del Masters 2018, torneo in cui Belasteguin tornava in azione dopo quattro mesi di inattività dovuta all’infortunio e operazione del gomito destro.

Gli innumerevoli infortuni patiti negli ultimi anni da Belasteguin e la decisione di Lima di non vivere più a Barcellona (residenza di Fernando) sono stati probabilmente gli elementi decisivi nella involuzione del gioco della coppia, che ha portato Belasteguin a decidere di percorrere una nuova strada. L’ultima partita di Bela e Lima insieme è la finale del Master di Buenos Aires del 2019 terminata con il ritiro della coppia argentino-brasiliana a seguito di un infortunio al tallone del piede di Fernando sul punteggio di 5-5 primo set.

Dopo aver provato l’unione con dividersi giocatori del WPT, Pablo Lima ha deciso di unire le forze con il giovane e promettente spagnolo Alejandro Galan, già vincitore di quattro tornei del WPT e campione del mondo 2019 nel torneo a coppie. La strada sembra essere in discesa per questa dupla che al debutto ha vinto i primi due tornei disputati in sequenza e ha lasciato il segno anche nel Master di Cascais con il terzo titolo (trofeo conquistato battendo in semifinale proprio Belasteguin), che candida Pablo e Ale alla lotta per il numero 1 del ranking.

La scommessa di Fernando Belasteguin è stata invece molto più ardua. Infatti, il campione argentino non finisce di stupire dopo tutto quello che ha vinto e ha deciso di provare a tornare sul tetto del mondo unendo le forze con l’under 20 argentino Agustin Tapia, debuttante nel WPT nel 2018 in coppia con Juan Martin Diaz. Inoltre, Bela per questa unione ha deciso di cambiare posizione in campo giocando sul lato destro. Dopo i primi tre tornei questa unione ha portato già un grande titolo (decretando Tapia il più giovane vincitore di un torneo WPT, record sottratto al giovane argentino Franco Stupaczuk), il Master di Madrid, ottenuto battendo rispettivamente i numeri 2 del ranking Paquito Navarro e Juan Lebron in semifinale e i numeri 1 del mondo Daniel Carlos Gutierrez e Maximiliano Sanchez nella finalissima.

Le gemelle atomiche Alayeto

La natura le ha fatte nascere insieme, il padel non poteva separarle. Ecco perché Maria Jose e Maria Pilar Sanchez Alayeto sono una coppia fin dalla nascita. Le loro imprese sono raccolte nel loro sito ufficiale, dove raccontano la loro vita dentro e fuori dal campo.

Nate e cresciute a Zaragoza (Spagna), il 20 giugno 1984, ma residenti a Madrid, Majo e Mapi sono identiche quasi in tutto, ad eccezione dei due cm di altezza di differenza (Majo 175 cm, Mapi 173 cm) e della posizione in campo: reves (vantaggio o sinistra) per Majo, drive (parità o destra) per Mapi. I colpi marchio della casa sono per Majo lo smash piatto, mentre per Mapi sono la volée di rovescio e la bandeja. Entrambe giocano con la mano destra.

Le gemme Alayeto hanno conquistato nel padel tutto quello che si può vincere, a partire dalla posizione numero uno del ranking World Padel Tour, che occupavano già nel 2016 e poi riconquistata saldamente dal 2017 fino all’inizio della stagione 2019 (quando per una lesione Mapi ha dovuto lasciare per sei mesi il circuito rientrando solo nell’estate del 2019), passando per i titoli di campionesse d’Europa di coppia e per nazioni (2009) e del mondo per nazioni (2010, 2014, 2016, 2018) e per coppia (2018). Nel circuito di padel più importante al mondo, il World Padel Tour, Majo e Mapi nel 2017 sono state capaci di vincere nove titoli su dodici disputati (nove trofei su altrettante finali, di cui sette consecutivi), incluse le Finals di Madrid, per un totale di 39 match vinti su 41 giocati (26 vittorie consecutive).

Come molti giocatori e giocatrici anche le gemelle Alayeto hanno iniziato la loro carriera nel tennis e, sempre insieme in doppio, hanno conquistato il titolo di campionesse di Spagna. L’amore verso il padel scatta nel 2007, mentre nel 2009 entrano nel circuito professionistico del Padel Pro Tour (attuale World Padel Tour).

Il superclassico del padel mondiale al femminile

La lotta contro la coppia formata dalle connazionali Alejandra Salazar e Marta Marrero è stata la rivalità più accesa degli ultimi anni nel circuito professionistico femminile, culminata nel 2016 quando Salazar e Marrero sono riuscite a scavalcare le gemelle in testa alla classifica mondiale. All’inizio del 2017, nel quarto torneo della stagione, in quel di Valladolid, la finale proprio tra le gemelle e le acerrime rivali si risolse in modo inaspettato, con l’infortunio di Salazar e il suo conseguente abbandono. L’infortunio della madrilena risultò più grave del previsto, obbligandola a saltare il resto della stagione e lasciando Marrero di fronte alla scelta di trovare una nuova compagna di squadra. Unendo le forze con l’argentina Catalina Tenorio, Marta riuscì ad arrivare cinque volte in finale, quattro di queste contro le gemelle, ma non riuscì mai a vincere un titolo. La conseguenza di questi eventi portò Majo e Mapi di nuovo sul tetto del mondo.

Nel 2018 Salazar è rientrata dall’infortunio e, in coppia nuovamente con Marta Marrero ha riacceso la sfida infinita contro le gemelle terribili con otto scontri diretti (di questi sette finali e una semifinale, sei successi per Marrero/Salazar tutti in finale e due vittorie per le Alayeto). Anche il 2018 è stata una grande stagione per le gemelle Alayeto, con cinque titoli complessivi, sufficienti per respingere l’attacco di Salazar e Marrero e chiudere la stagione al numero uno del ranking. Nel 2019 è stato superato l’equatore della stagione e Mapi è finalmente rientrata in campo conquistando già la prima semifinale. Siamo certi che le gemelle Alayeto torneranno presto alla vittoria e che daranno vita a grandi battaglie. Purtroppo non potremo più assistere al superclassico contro Salzar e Marrero dato che le due rivali hanno deciso di sciogliere il loro team alla fine dello scorso anno, ma sicuramente la battaglia sarà intensa tra le gemelle e le rispettive coppie che Salazar e Marrero hanno formato all’inizio del 2019.

Appuntamenti con il padel da segnare in agenda

Il grande Padel internazionale sarà di scena in Italia dal 4 al 9 novembre: al Bola Club di Roma andranno infatti in scena i campionati europei con la Spagna grande favorita e un lotto di pretendenti al trono tra cui l’Italia padrone di casa, il Portogallo sempre più presente anche nel WPT e la Francia che ben si comporta nel panorama europeo e mondiale.

Non perdete di vista i prossimi articoli – pubblicheremo circa con cadenza mensile – sul World Padel Tour perché a fine stagione verranno annunciate le località che ospiteranno i tornei della prossima stagione. Già è noto che Roma sarà tappa ufficiale del WPT nel 2020 ma ancora non si conoscono le date e la sede. Inoltre, il World Padel Tour non vi abbandona mai con notizie puntuali sul sito ufficiale, sui canali social di Facebook e Instagram e con lo streaming completamente gratuito sul canale youtube dedicato, con dirette dal venerdì alla domenica nelle settimane in cui si disputano i tornei Open e Master della lega di Padel più importante al mondo.

IN ITALIA –Dal weekend del 5 e 6 ottobre partirà a Roma la terza edizione della Vueling Padel Cup, il torneo amatoriale che mette in palio due biglietti aerei omaggio andata e ritorno (per primo e secondo classificato) verso una delle 40 mete europee operate da Fiumicino. Tutto ciò è reso possibile dalla compagnia aerea Vueling, che per il terzo anno sostiene la manifestazione dilettantistica. Lo scorso anno nei sei weekend di gara si contarono circa 1000 partecipanti e anche per l’edizione 2019 ci si aspetta una grande affluenza. Ecco il calendario dell’evento con le relative strutture ospitanti:

  • 5/6 ottobre: Aurelia Padel
  • 19/20 ottobre: Queen Padel Roma Club
  • 2/3 novembre: T.C. San Giorgio
  • 16/17 novembre: Bailey Padel Club
  • 30 novembre e 1°dicembre: Paddle Clan Hill 23
  • 14/15 dicembre: Master Finale – Villa Pamphili Padel Club

A cura di Massimiliano Mingrone

Continua a leggere
Commenti

ATP

L’ATP conferma il nuovo calendario “provvisorio”. Djokovic, Nadal e Thiem già alle Finals

Gaudenzi conferma il nuovo assetto previsto per l’autunno con la consapevolezza che tutto può ancora cambiare. Il calendario resta un Work in Progress

Pubblicato

il

L’avevamo anticipato nella serata di giovedì ed ora è ufficiale. L’ATP ha creato un nuovo calendario per l’autunno del tennis nella travagliata stagione 2020. Ha inoltre confermato l’intenzione di riportare il pubblico, seppur in maniera contingentata alla O2 Arena di Londra per le Finals se la situazione sanitaria lo permettera in UK a metà novembre:

Il tennis sta cominciando a prendere la via del ritorno e sebbene dobbiamo prima di tutto salvaguardare la salute e la sicurezza di tutti coloro che sono coinvolti, abbiamo la speranza di poter mantenere queste possibilità di gioco così da offrire un grande finale di stagione. Vorrei elogiare i tornei per il loro continuo impegno, la loro flessibilità e il loro dispiego di forze per trovare soluzioni adatte a lavorare in circostanze impegnative come queste”
Queste le parole di Andrea Gaudenzi, presidente ATP nel comunicato ufficiale.

La bozza del nuovo calendario, ora ufficiale

ATP che continua in ogni caso a tenersi aperta ogni strada, inclusa quella di offrire licenze limitate a un anno per aggiungere altri tornei per quel che resta di questa stagione 2020. Ciò ovviamente indica che il calendario sia al momento da considerarsi puramente indicativo in quanto sarà poi soggetto alla situazione sanitaria, e alle normative di viaggio internazionale in vigore in ciascuno dei Paesi dove si dovrà giocare in quel momento

 

La nuova bozza conferma anche la cancellazione sicura delle Next Gen ATP Finals in programma a Milano, come d’altronde era apparso subito prevedibile già nei mesi passati.

Ci saranno invece le Finals dei “grandi” quelle in programma a Londra e a causa della riforma del ranking che tiene conto dei risultati degli ultimi 22 mesi (esclusi i punti delle Finals 2019), tre giocatori sono già fin da ora certi di parteciparvi: Novak Djokovic, Rafael Nadal e Dominic Thiem ovvero i primi tre della classifica mondiale.

Sarà l’ultimo anno alla O2 Arena, dove si gioca dal 2009. Dal 2021 al 2025 la grande kermesse si sposterà a Torino: sarà la prima volta che si giocherà in Italia.

Continua a leggere

WTA

WTA Praga: Halep facile, Mertens soffre con Bouchard

Due game lasciati alla Lucky Loser Frech per Simona. Sfortunata Bogdan che si ritira avanti nel punteggio contro Krystina Pliskova

Pubblicato

il

I quarti di finale del torneo di Praga registrano la conferma del loro status di favorite da parte delle sole due teste di serie rimaste dopo l’uscita della n. 2 Petra Martic che, già in non ottimali condizioni fisiche in quel di Palermo, ci saremmo aspettati aggiungersi alla lista dei forfait. Halep passeggia mentre Mertens fatica anche per la diversa caratura delle avversarie, Begu e Kung impiegano due ore e mezza per terminare il loro ottavo di finale sospeso giovedì con somma gioia (vedremo se giustificata) di Sorribes Tormo che attendeva la vincitrice e la Pliskova mancina “rompe” la… dirompente avversaria (involontariamente).

HALEP SENZA PROBLEMI – Dopo le battaglie dei primi due turni, Simona Halep non fatica più del previsto contro la lucky loser Magdalena Frech, n. 174 WTA, e guadagna la semifinale in poco più di un’ora. Dopo lo scambio di break in apertura, entrambi da ascrivere ad Halep, la numero 2 del mondo impone il suo ritmo indubbiamente superiore e procede veloce verso la conquista del primo parziale. Un moto d’orgoglio di Frech rallenta in extremis la corsa rumena, ma il 6-2 è inevitabile. Quel vago equilibrio del finale di set continua all’inizio del secondo grazie alla generosità in difesa della ventiduenne polacca; gli sforzi non pagano in termini di punteggio e allora l’incontro fugge via in un attimo verso il 6-0. Un’ora di allenamento agonistico per una Halep forse fin troppo soddisfatta di quanto espresso in questa occasione non certo irta di difficoltà. In ogni caso, la favorita si prende un posto fra le prime quattro al torneo del rientro, aspettando la vincitrice fra Sorribes Tormo e Begu – match sospeso per pioggia e rinviato a sabato con la rumena in vantaggio di un set.

MERTENS PER SBAGLIO – Questa settimana, Eugenie Bouchard sembra aver ritrovato una qualche parvenza del suo miglior gioco, ma cede a Elise Mertens un incontro che era decisamente girato in suo favore. Vinto un primo parziale ben giocato da entrambe, infatti, la belga si assopisce vistosamente, ma è “costretta” ad approfittare dell’improvvida sveglia suonata suo malgrado da Genie. La canadese, attualmente n. 330 della classifica, era alla ricerca della terza vittoria consecutiva in un torneo, evento che non si verifica dall’ottobre 2018 in Lussemburgo (ne vinse addirittura sei in quell’occasione, arrivando in semifinale partendo dalle qualificazioni). D’altra parte, non è facile rimanere concentrati sul tennis dopo la causa contro la USTA durata oltre due anni e l’attività sui social media, quindi non aveva meravigliato la striscia di 13 incontri persi dello scorso anno. Se invece riuscirà a mantenere viva la fiamma riaccesa in questi giorni, potrà tornare a togliersi delle soddisfazioni anche sul rettangolo di gioco.

 

Dotata di un’intelligenza tattica fastidiosa (per l’avversaria), Elise non ha punti deboli nel suo arsenale a cui ricorre non per sfoggio bensì per scelta puntuale. Bouchard spinge come sa nel tentativo, spesso fruttuoso, di sfondare da entrambi i lati; si salva con il servizio al quarto gioco e sorpassa in quello successivo grazie anche a un paio di disattenzioni di Mertens, che tuttavia alza prontamente il livello e rimette a posto il punteggio. Come nei giorni precedenti, il timing sui colpi a rimbalzo di Eugenie è davvero ottimo, ma svanisce nel momento meno opportuno, vale a dire quando serve per restare nel set, e il parziale va alla numero 3 del seeding. L’equilibrio è dimostrato non solo dalle percentuali simili delle due (con la canadese che ha ovviamente numeri più alti sia nei vincenti sia negli unforced), bensì anche da quanto poco basti alla favorita, in termini di imperfezioni, per andare sotto nel punteggio. A differenza di quanto accaduto in precedenza, però, la maggiore aggressività belga per tentare di riprendersi subito il break in apertura non si concretizza anche per meriti canadesi e Genie vola sul 4-0 inaspettatamente indisturbata per poi chiudere 6-1 di fronte al fantasma di Mertens.

Elise scompare dal campo anche in senso letterale prima dell’inizio della partita finale, mentre l’avversaria scalpita, preoccupata che non svanisca pure l’inerzia a lei favorevole; e, in effetti, non appare più così centrata alla ripresa delle ostilità. Ma la ventiquattrenne di Leuven è ancora poco lucida, come dimostrano gli inusuali errori in manovra e le indecisioni a rete, eppure si tiene attaccata nel punteggio e, dal nulla, allunga al quinto game – o, meglio, le lascia gratuitamente strada Bouchard che incassa anche un warning, perché subire un break quando l’avversaria quasi non la butta di là merita almeno una palla scagliata fuori dal circolo. Mertens si affida al servizio per tenere il vantaggio, annulla una palla del 4 pari e raggiunge in semifinale Kristyna Pliskova, che non ha certo faticato per superare Ana Bogdan

LA SFORTUNA DI ANA – Il colpo che fa la differenza è il rovescio con cui Ana Bogdan potrebbe chiudere un primo set dominato contro Kristyna Pliskova; la palla finisce in corridoio e, un minuto dopo, invece di essere seduta sotto la sedia di Marija Cicak in attesa di riprendere da dove aveva terminato, si ritrova a correre cercando di raggiungere la smorzata giocata dall’avversaria in risposta alla seconda di servizio. Un attimo prima di raggiungerla, si tocca la parte posteriore della coscia sinistra già protetta da una fasciatura: impossibilitata a riprendere il gioco, il suo quarto di finale finisce lì.

Risultati:

quarti di finale

K. Pliskova b. A. Bogdan 2-5 rit.
[3] E. Mertens b. [WC] E. Bouchard 6-4 1-6 6-4
[1] S. Halep b. [LL] M. Frech 6-2 6-0
S. Sorribes Tormo vs I-C. Begu 2-6 1-0 sospesa

ottavi di finale
I. Begu b. [LL] L. Kung 6-7(3) 7-5 7-6(7)

Il tabellone completo

Continua a leggere

ATP

Il nuovo calendario ATP 2020: Amburgo prima di Parigi, si chiude con le Finals

San Pietroburgo promosso ad ATP 500, il Masters a Londra dal 15 novembre

Pubblicato

il

O2 Arena - Londra, ATP Finals 2019 (foto Roberto Zanettin)

Non c’è ancora l’ufficialità ma l’ATP sembra aver pronto il calendario per l’autunno 2020 che dovrebbe portare fino alle Finals di Londra a metà novembre. Le indiscrezioni raccolte parlano dell’inserimento del torneo ATP 500 Amburgo nella settimana antecedente al Roland Garros, dopo l’anticipo di Roma al 14 settembre. Saltato completamente lo swing cinese, si giocherà indoor in Europa con San Pietroburgo che viene promosso ad ATP 500 dopo la cancellazione di Basilea.

Questo il calendario nel dettaglio:

22/08: ATP Masters 1000 Western&Southern Open (New York)
31/08: US Open
07/09: ATP 250 Kitzbuhel
14/09: ATP Masters 1000 Roma
21/09: ATP 500 Amburgo
27/09: Roland Garros
12/10: ATP 500 San Pietroburgo
19/10: ATP 250 Anversa e ATP 250 Mosca
26/10: ATP 500 Vienna
02/11: ATP Masters 1000 Parigi-Bercy
09/11: ATP 250 Sofia
15/11: ATP Finals (Londra)

 

La classifica ATP al momento ancora congelata, tornerà a muoversi lunedì 31 agosto dopo la conclusione del Masters 1000 di Cincinnati che si giocherà a Flushing Meadows.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement