Serie A femminile: tanto equilibrio, qualità elevata

Flash

Serie A femminile: tanto equilibrio, qualità elevata

Otto squadre divise in due gironi, si parte il 13 ottobre. Al via Trevisan, Samsonova, Gatto-Monticone e Di Giuseppe. Buzarnescu e Minella in A2

Pubblicato

il

Il 13 ottobre parte anche la Serie A1 femminile con otto squadre al via divise nei consueti due gironi da quattro. Rispetto al torneo maschile appaiono molto più equilibrati i gironi, tutte le squadre sulla carta possono ambire ad un posto nei playoff scudetto (riservati alle prime due di ciascun girone) o vedersi risucchiate nei playout per non retrocedere.

Il girone 1, sulla carta, vede un passo indietro il CA Faenza che ha meno giocatrici di livello in rosa rispetto alle altre squadre ma può puntare comunque su Camilla Scala, giocatrice dal vivaio che in questo 2019 ha vinto anche un torneo ITF ed è entrata per la prima volta tra le prime 400, oltre che sull’esperienza di Alice Balducci e Agnese Zucchini. Il TC Prato, in teoria, ha il vivaio più affidabile potendo contare sulla numero quattro d’Italia, Martina Trevisan, che assieme a Lucrezia Stefanini e alle giovani Lisa Piccinetti e Asia Serafini son certamente delle risorse importanti affiancate dall’esperienza internazionale di Tereza Martincova e Kristina Kucova, due top 150 di livello indubbio.

Molto forte anche la squadra del TC Genova 1893 composta da Liudmila Samsonova, cresciuta in quel circolo nonostante adesso rappresenti la Russia, Alberta Brianti, una garanzia nelle competizioni a squadre, l’olandese Bibiane Schoofs e sulle azzurre Bronzetti e Remondina. Presente infine il Bal Lumezzane con tantissime giocatrici forti, come le svizzere Perrin e In Albon, l’azzurra Georgia Brescia capace di entrare tra le prime 200 poco più di un anno fa che ha vissuto un’annata buia ma resta molto temibile e la giovanissima Melania Delai, una delle giocatrici di maggior talento del panorama azzurro.

 
Il calendario del Girone 1 (fonte: federtennis.it)

Nel secondo girone sono presenti le campionesse in carica del Tennis Beinasco che proveranno a riconfermarsi potendo contare su Giulia Gatto-Monticone, nella miglior annata della sua carriera, oltre che sull’esperienza internazionale delle azzurre Di Sarra e Grymalska e sulla promettente slovacca Sramkova, affiancate a Federica Rossi che costituisce l’elemento più interessante del vivaio. Il Circolo Tennis Lucca, nonostante l’assenza di Jasmine Paolini, ha tre giocatrici di livello internazionale come Irina Maria Bara, Katarina Zavatska e Valentina Ivakhnenko, che si alterneranno tra di loro sulla base degli impegni del circuito ITF, ed un vivaio affidabilissimo composto dalle sorelle Pieri, Jessica e Tatiana, entrambe top 500 del ranking.

Ottima la rosa del TC Parioli guidata dalla numero 5 d’Italia, Martina Di Giuseppe, che sarà affiancata dalla spagnola Silvia Soler Espinosa, vecchia conoscenza del campionato italiano, oltre che da Elena Gabriela Ruse e Tena Lukas, due ottime giocatrici di esperienza internazionale che si uniranno a Burnett, Biagianti e Lombardo, tutte e tre appartenenti al vivaio del club romano. Presente infine il Circolo Tennis Siena, sulla carta meno competitivo rispetto alle altre tre formazioni, che però non parte battuto puntando sulle straniere Laura Pous Tio e Agnes Bukta e sulle azzurre Grazioso, De Vito e Coppola.

Il calendario del Girone 2 (fonte federtennis.it)

SERIE A2 – È partita invece il 6 ottobre la Serie A2, con due gironi da sette squadre che daranno battaglia cercando la promozione nel massimo campionato. Tante giocatrici con un buon ranking internazionale presenti tra cui spicca sicuramente la rumena Mihaela Buzarnescu, punta di diamante del fortissimo Canottieri Casale che punta dritto alla promozione avendo anche in rosa Deborah Chiesa, Stefania Rubini, Elitsa Kostova e la giovane Lisa Pigato. Il circolo Stampa Sporting A ingaggia la lussemburghese dal doppio passaporto Mandy Minella, mentre il TC Cagliari si presenta con tre top 400 come Eraydin, Grammatikopolou e Buyucackay.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Internazionali di Roma 2020 LIVE: Koepfer porta Djokovic al terzo

La diretta dei quarti di finale del combined ATP/WTA di Roma. Subito Berrettini-Ruud. Djokovic alle 14:30, Nadal a cena. Occhio a Shapovalov-Dimitrov e Azarenka-Muguruza

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - Internazionali di Roma 2020 (foto Giampiero Sposito)

L’ordine di gioco, i campi e gli orari del day 6
I tabelloni con i risultati aggiornati in tempo reale: maschile – femminile

per visualizzare gli ultimi aggiornamenti premi F5 (desktop) oppure scrolla la pagina verso il basso (mobile)

16:20 – Vika Azarenka vince il primo set 6-3 su Garbine Muguruza sul Pietrangeli

 

16:05 – Koepfer vince il secondo set per 6-4 contro un Djokovic estremamente nervoso

15:50 – Novak Djokovic ha vinto il primo set contro Dominik Koepfer ma si è fatto recuperare il break di vantaggio che aveva nel secondo. Conduce 6-3 3-3

15:09Niente da fare per Berrettini: l’azzurro si arrende al tiebreak decisivo per 7 punti a 5 dopo quasi tre ore di match. Ruud in semifinale contro Djokovic o Koepfer

14:58 – Il quarto di finale tra Berrettini e Ruud si deciderà al tiebreak del terzo set

14:51 – 5-5 tra Berrettini e Ruud, Matteo al servizio. Intanto Djokovic strappa subito la battuta a Koepfer: 3-0 Nole

14:31 – Berrettini recupera il break subito nel primo gioco del terzo set, siamo 3-3 nel parziale decisivo. Sul Centrale, Novak Djokovic sfida Dominik Koepfer

13:50 – Ruud conserva il vantaggio e chiude il secondo parziale per 6-3. Si va al terzo

13:21 – Berrettini perde il servizio in apertura di secondo set, Ruud conduce 3-0

13:05 – In 54 minuti di gioco, Berrettini si aggiudica il primo set per 6-4. Fatale a Ruud il break subito nel primo gioco dell’incontro

13:01 – Yulia Putintseva è costretta al ritiro sotto 2-6 0-2 contro Simona Halep. La romena attende in semifinale la vincente di Muguruza-Azarenka

12:42 – Halep conquista per 6-2 il primo set contro Putintseva, Berrettini avanti 4-2 contro Ruud

12:00 – Scatta la sesta giornata di gioco al Foro Italico di Roma, in programma tutti i quarti di finale. Sul Pietrangeli si parte con la sfida tra Matteo Berrettini e Casper Ruud (1-1 i precedenti), mentre sul Centrale si affrontano Simona Halep e Yulia Putintseva

APPROFONDIMENTI E INTERVISTE

LE CRONACHE DEGLI OTTAVI DI FINALE

IL COMMENTO DEL DIRETTORE

Continua a leggere

Flash

Il pubblico torna a Roma: Nadal non è sorpreso, Djokovic prenota il Centrale. “Motivazione extra” per Berrettini

Il maiorchino è comprensivo: “La situazione è quella che è… non mi aspetto cose preparate in anticipo”. Mentre Dimitrov è dubbioso: “Metterli a metà torneo? Non lo so”. La gioia di Berrettini: “1000 persone si fanno sentire”

Pubblicato

il

Rafa Nadal - Internazionali di Roma 2020 (foto Giampiero Sposito)

Le dure parole di Binaghi in sede di presentazione del torneo non sono state vane; alla fine gli Internazionali d’Italia avranno il pubblico seppur in forma ridotta: ci saranno infatti tre sessioni da 1000 persone, due domenica per le semifinali e una lunedì per la finale. Il grande caos che ha portato a questa decisione ha spinto persino il Direttore Scanagatta a dar ragione al Presidente FIT, mentre tra i tennisti si respira un’aria di positività.

Novak Djokovic è stato informato della cosa quando ancora non c’era la certezza: “Spero sia vero. Se avremo 1000 persone è meglio che non averle affatto” ha ammesso il serbo. “A tutti noi mancano i fan, e una parte della nostra carriera da professionisti consiste nel giocare davanti a loro e per loro. Quindi sono molto contento di questa cosa. Ovviamente spero che si resterà sul centrale perché ho sentito che si sta considerando di usare anche il Pietrangeli o la NextGen Arena per le semifinali. Spero non sia il caso perché, secondo me, la qualità della terra e del campo sul Centrale è molto più alta rispetto agli altri“.

Un po’ più cauto ma altrettanto raggiante è Rafael Nadal: Se le condizioni sono sicure a sufficienza sarebbe fantastico. Sono convinto che faranno le cose nel miglior modo possibile e anche se 1000 non è molto, almeno è qualcosa. Sono contento per il torneo e per il tennis“. Questa decisione va ovviamente in contrasto con quanto era stato pattuito all’inizio del torneo, ma questo è un periodo di costate evoluzione e anche in Francia per il Roland Garros le modifiche sono all’ordine del giorno: l’aumento di contagi infatti ha fatto ridurre il numero di ingressi a 5000.

Non sono sorpreso per questi cambiamenti ha detto Rafa. “La situazione è quella che è, molto difficile e imprevedibile quindi è normale che si cambi molto velocemente. È normale che chi prende le decisioni lo faccia con le maggiori precauzioni possibili. Non mi aspetto cose facili, né mi aspetto cose preparate in anticipo perché è difficile prevedere come si evolve la pandemia“.

Forse ancor più entusiasta è il tennista di casa Matteo Berrettini, unico italiano superstite di un’ottimo gruppo di tennisti. “È una cosa molto, molto positiva, mi sarebbe piaciuto che ci fossero state fin dall’inizio o già da domani. Però è una cosa che mi da extra-motivazioni perché 1000 persone si fanno sentire. La voglia di vincere ogni partita resta comunque la stessa; di per sé resta una cosa positiva per il torneo in generale”.Tra le donne anche a Simona Halep è stato chiesto un parere sulla questione, e la notizia fresca fresca è stata riportata alla romena in conferenza stampa dopo la sua faticosa vittoria contro Dayana Yastremska: “Avremo i fan per la fine del torneo? Non lo sapevo. Sarà interessante e piacevole avere qualche persona sugli spalti. Ci trasmetterà energia positiva. Per quanto riguarda gli Open di Francia invece manca ancora una settimana prima che comincino quindi sicuramente le cose cambieranno ancora“.

 

Anche Grigor Dimitrov, il giustiziere di Sinner, era all’oscuro della notizia quando si è presentato telematicamente davanti ai giornalisti, e il suo finora è l’unico parere ambiguo. Non so come mi senta in proposito. Mi ci sono voluti alcuni incontri per abituarmi al fatto che non avevamo i fan attorno. Onestamente non so cosa dire. Adoro avere il pubblico, noi siamo quello che siamo grazie a loro. Così stanno le cose. Ovviamente mi mancano, non ci sono dubbi. Ora metterli a metà torneo? Non lo so. Al momento sono concentrato su altre cose: sto cercando di rimettere in sesto il mio gioco, di ritrovare la mentalità giusta in campo. Non sto pensando molto ad altro”. Sembra proprio che il bulgaro sia rimasto sorpreso dalla notizia, ma alla fine comunque non può negare che “a tutti quanti fa piacere, più o meno”.

Continua a leggere

Flash

Musetti: “Tutte queste attenzioni non mi fanno montare la testa, anzi… mi motivano”

Il 18enne azzurro sconfitto al terzo turno degli Internazionali di Roma da Koepfer: “Avevo un problema alla spalla che non mi permetteva di usare tutta la potenza”

Pubblicato

il

Lorenzo Musetti - Internazionali di Roma 2020 (foto Giampiero Sposito)

Dopo cinque vittorie consecutive sulla terra di Roma (qualificazioni incluse) Lorenzo Musetti è costretto a salutare la capitale dopo una netta sconfitta subita per mano del tedesco Dominik Koepfer. “Ovviamente oggi in campo non ho giocato al meglio, ero un po’ stanco” ha ammesso il 18enne in conferenza post-match. “Avevo giocato parecchio in queste settimane e inoltre avevo un problema alla spalla che non mi permetteva di usare tutta la potenza che volevo. Ma comunque porto con me una grande esperienza e credo che nelle prossime settimane giocherò con maggior fiducia nelle mie armi e in me stesso”.

La storia più interessante di quest’edizione degli Internazionali per il tennis italiano è stata seguire l’andamento della coppia Sinner-Musetti. I due teenager hanno entrambi raggiunto il terzo turno con prestazioni convincenti, e pochi giorni fa Jannik aveva parlato positivamente del collega dicendo addirittura che “potenzialmente è più forte di me”. Adesso è toccato a Musetti ricambiare i complimenti: “Jannik lo scorso anno ha fatto una stagione fantastica. Ci motiviamo a vicenda e anche qui ci diamo la spinta per giocare meglio ed essere più professionali in generale. Lui è molto umile e un grande lavoratore, si merita tutto quello che ha fatto finora. L’ho ringraziato personalmente per le belle parole ma credo che al momento lui sia più avanti sia di ranking che come costanza e solidità di gioco“.

Tuttavia c’è una cosa sulla quale i due giovani tennisti vanno d’accordo. Ha ragione Jannik quando parla di lavorare sul fisico perché noi siamo ancora dei ragazzi, non siamo ancora sviluppati al 100% ha affermato Musetti. “Il mio avversario di oggi era alla quinta partita ed era stato più volte al terzo ma era comunque fresco come una rosa, quindi sicuramente c’è tanto da migliorare fisicamente. Credo anche che il tempo e l’età siano dalla nostra parte. C’è solo da lavorare duro e crescere di giorno in giorno”.

 

Giocare su un palcoscenico così prestigioso inevitabilmente attira gli occhi anche di altri top player, tanto che non sono mancate attenzioni di primissimo piano.I complimenti di Nadal, che è stato molto umile e tranquillo nel farmeli, mi hanno fatto molto piacere. Mentre con Djokovic avevo già avuto la possibilità di giocarci in allenamento a Melbourne e conoscere il suo team; oggi mi ha fatto piacere averlo sugli spalti anche se non ha visto una bella partita. Tutte queste attenzioni non mi fanno montare la testa, anzi mi motivano“.

Questo exploit romano non ha cambiato di molti i piani di Musetti: giocare il più possibile ad ogni livello. “Molto probabilmente la prossima settimana giocherò a Forlì (Challenger 100) grazie ad una wild card, poi una settimana di stop. Dopo giocherò a Parma (Challenger 125) e in Sardegna (ATP 250). L’obiettivo è giocare quasi tutte le settimane per fare più partite, ma ovviamente una settimana di riposo dovrò prendermela anche perché la spalla ne ha bisogno”.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement