Djokovic a lezione da Cristiano Ronaldo: ecco come si salta

Flash

Djokovic a lezione da Cristiano Ronaldo: ecco come si salta

Nole si è allenato con CR7 a Dubai. Argomento della lezione, lo stacco di testa. “È stato un piacere amico mio”, ha scritto il portoghese su Twitter

Pubblicato

il

Quando si ha a che fare con campioni come Federer, Djokovic e Nadal risulta sempre complicato destreggiarsi nelle discussioni su chi sia il più forte, e il discorso si complica ulteriormente quando si includono sportivi appartenenti ad altre discipline. Per fortuna i diretti interessati non danno troppo peso alla questione e anzi, quando due sportivi vincenti si incontrano spesso non mancano scherzi e sorrisi. Proprio quello che è capitato a Novak Djokovic e Critiano Ronaldo, che hanno condiviso un po’ di tempo in una palestra a Dubai. Nella mente degli appassionati di calcio è ancora fresco il ricordo del gol del portoghese messo a segno contro la Sampdoria il 18 dicembre, arrivato grazie ad un colpo di testa che ha raggiunto l’altezza di 2.56 metri. Partendo proprio da questo gesto atletico estremo, Nole e CR7 hanno provato a riprodurre il movimento.

Cristiano Ronaldo possiede ovviamente uno stacco più elevato e ha così dispensato qualche consiglio al tennista serbo il quale, come sempre in queste occasioni, è stato al gioco suscitando l’ilarità dei presenti. “Insegno a Djokovic come saltare!! Che piacere è stato incontrarmi e allenarmi con te amico mio!!”, ha commentato il cinque volte pallone d’oro.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Thiem 7: a Kitzbuhel parte bene Berrettini

Vittoria in due set per Matteo Berrettini nel match d’apertura contro Dennis Novak. Ora per lui Bautista-Agut (diretta Eurosport 1 alle ore 13)

Pubblicato

il

Dominic Thiem a Kitzbuehel (foto Facebook Generali Open Kitzbuehel)

Considerando che Dominic Thiem è uno dei giocatori più stakanovisti del circuito, non è sorprendente che in questo periodo di esibizioni abbia organizzato anche lui il “suo” evento per ritrovare la condizione in vista della ripresa del circuito ATP. Nella magnifica cornice del Kitzbuehel Stadium, che ospiterà il suo ATP 250 durante la seconda settimana dello US Open a inizio settembre, è andata in scena la prima giornata del “Thiem 7”, manifestazione che vede due gironi all’italiana da quattro giocatori affrontarsi in un torneo molto simile nella formula alle ATP Finals.

Oltre al padrone di casa Thiem (n. 3 ATP) sono impegnati nell’evento anche Andrey Rublev (n.14), Jan-Lennard Struff (n.34), Casper Ruud (n. 36), Roberto Bautista-Agut (n.12), Karen Khachanov (n.15), Dennis Novak (n.85) e il nostro Matteo Berrettini (n.8), che dopo la disputa dell’UTS in Costa Azzurra lo scorso weekend ha preso un aereo privato ed è volato sulle Alpi austriache per riprendere contatto con la terra battuta.

Bella vittoria per Matteo nella prima giornata contro l’austriaco Novak: nonostante qualche alto e basso, tutto sommato prevedibile considerando il repentino cambio di superficie, Berrettini ha saputo mantenere elevata l’attenzione nei momenti importanti aggiudicandosi il match per 7-6(6), 6-3.

 

Vittorie anche per lo spagnolo Bautista-Agut contro Khachanov, per Rublev contro Struff e anche per il padrone di casa Thiem, che ha avuto la meglio in due set equilibrati del norvegese Ruud.

Nella seconda giornata del Thiem 7, trasmesso in diretta su Eurosport 1 a partire dalle 13, Berrettini aprirà il programma contro Bautista Agut, seguito da Khachanov contro Dennis Novak. A segure sarà la volta di Jan-Lennard Struff contro Casper Ruud, mentre Thiem giocherà in sessione serale contro Andrey Rublev.

I risultati di martedì:

A.Rublev b. J-L. Struff 3-6 6-4 15-13
D. Thiem b. C. Ruud 7-5 7-6(4)
M. Berrettini b. D. Novak 7-6(6) 6-3
R. Bautista b. K. Khachanov 6-4 6-3

Continua a leggere

Flash

Gli aggiornamenti di Federer: “L’obiettivo è essere pronto nel 2021”

A margine della presentazione delle sue scarpe, lo svizzero racconta le sue riflessioni dopo le due operazioni e il piacere di trascorrere del tempo in casa. “Ma mi manca Wimbledon, sarei voluto essere lì sul Centrale”

Pubblicato

il

Roger Federer - Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

A margine della presentazione della sua nuova linea di scarpe da passeggio, Roger Federer è tornato anche a fare il punto sulla scelta di chiudere la stagione 2020 per riprendersi al meglio dalla doppia operazione al ginocchio destro. Senza nascondere momenti di riflessione, anche ad ampio raggio: “Il momento dopo le due operazioni è stato importante per capire se davvero desiderassi continuare – ha raccontato a Zurigo -, perché sono consapevole che per tornare a certi livelli serve un cammino molto lungo. Il mio obiettivo è continuare con la riabilitazione ogni giorno, un passo alla volta. Non sono ancora tornato al mio livello di forma ma punto a quello, il vero obiettivo è farmi trovare pronto per la prossima stagione. Nel frattempo, apprezzo i lati positivi di poter passare tanto tempo in casa“.

OBIETTIVO 2021 – La dimensione familiare, evidentemente, risulta di suo gradimento. “Da 25 anni sono sempre in giro per il mondo – ha raccontato -, a casa non avevo mai passato più di cinque o sei settimane. Prendo il buono che c’è, ma è chiaro allo stesso modo che Wimbledon mi manca. Vorrei tanto essere sul Centrale a giocarmi un posto nella seconda settimana del torneo. È per questo che mi sottopongo quotidianamente alla riabilitazione, lavoro duramente e mi appresto ad affrontare un blocco di venti settimane di preparazione fisica. Wimbledon mi ha dato tutto, tornerò a giocarlo il prossimo anno“. Dopo essere tornato in pista già dal prossimo Australian Open – è l’auspicio di tutti – in un anno speciale anche perché sarà inaspettatamente olimpico.

Continua a leggere

Flash

US Open, Federer alimenta dubbi: “Si deciderà nella seconda metà di luglio”

Lo svizzero si è messo in contatto con gli organizzatori: i viaggi e la quarantena per chi dovrà rientrare in Europa rappresentano a oggi un problema, alla luce dei contagi negli Stati Uniti. Dove sono stati annullati cinque ITF ad agosto

Pubblicato

il

Roger Federer - US Open 2019 (via Twitter, @usopen)

Emergono dalle parole di Roger Federer significative ombre in prospettiva US Open. “Ho avuto un contatto con gli organizzatori proprio ieri – ha dichiarato alla tv svizzera in lingua tedesca RSF -, mi hanno spiegato che decideranno tra il 15 e il 30 luglio. Sono giorni di incertezza per il tennis, i viaggi e la quarantena rappresentano un grande problema“.

I contorni dello Slam statunitense continuano così a rimanere incerti, nonostante gli sforzi organizzativi della USTA per la creazione e la gestione della bolla a Flushing Meadows. La quarantena per chi poi rientrerà in Europa dai tornei americani sembra rappresentare in questo momento un nodo intricato da sciogliere. Ne ha parlato Marca nei giorni scorsi, esplicitando la perplessità di Djokovic – in veste di presidente dei giocatori ATP – sui 14 giorni di isolamento che dovrebbero rispettare i tennisti provenienti dagli Stati Uniti. Incompatibili con la partecipazione a Madrid e Roma. Questione complessa, magari soggetta a evoluzioni, ma che oggi va in conflitto con le norme anti Covid-19 dell’Unione Europea.

 

ITF CANCELLATI – Al momento, in ogni caso, lo US Open resta confermato a porte chiuse dal 31 agosto al 13 settembre, preceduto sugli stessi campi dal 17 agosto dall’edizione in trasferta del Masters 1000/Premier 5 di Cincinnati. Le date sono state comunicate a metà giugno dal Governatore dello Stato di New York Andrew Cuomo. Da allora, nessuna novità. Gli aggiornamenti che arrivano dagli USA sui contagi non sono però incoraggianti: 55mila nuovi casi nella sola giornata del 7 luglio che portano il totale a quasi tre milioni, con oltre 130mila decessi. Dato complessivo da non intendersi in maniera univoca, perché l’estensione degli USA rende più adeguata l’analisi per singoli Stati (quelli del Sud se la stanno passando peggio).

La preoccupazione in ogni caso c’è, supportata anche dall’annullamento a causa dell’emergenza sanitaria di cinque tornei ITF che si sarebbero dovuti disputare ad agosto negli Stati Uniti. Al livello più basso del professionismo sarebbe certamente difficile rispettare tutte le prescrizioni di sicurezza, ma l’aria che tira non è delle migliori.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement