Fognini lotta ma è subito fuori a Dubai (Tuttosport). Quando Althea Gibson illuminò Napoli (Cappelli)

Rassegna stampa

Fognini lotta ma è subito fuori a Dubai (Tuttosport). Quando Althea Gibson illuminò Napoli (Cappelli)

La rassegna stampa di mercoledì 26 febbraio 2020

Pubblicato

il

Fognini lotta ma è subito fuori a Dubai. Mager e Travaglia nella squadra di Davis (Tuttosport)

Esordio amaro per Fabio Fognini al “Dubai Duty Free Tennis Championships”, Atp 500 in corso sul cemento di Dubai. Il 32enne di Arma di Taggia, numero 11 del ranking mondiale e quarta testa di serie, ha ceduto per 3-6 6-4 7-5, dopo due ore e 39 minuti, al britannico Daniel Evans, 29enne di Birmingham, numero 37 Atp. Concreto, attento, concentrato: questo è stato Fognini almeno per un set e mezzo, dimostrando di aver archiviato il problema alla gamba sinistra accusato un paio di settimane fa a Rotterdam. Poi ha pagato molto caro un calo di tensione quando Fognini conduceva 3-1 nel secondo set. E da lì il match è girato con Fognini che ha iniziato a commettere qualche errore di troppo con il diritto e con Evans che, con un parziale di cinque giochi a uno, ha pareggiato il conto dei set (6-4). Dopo l’intervento del trainer per un problema al ginocchio sinistro accusato da britannico è iniziato il terzo set. Fognini ha preso per due volte un break di vantaggio – primo e quinto gioco – ma lo ha sempre restituito subito. Nel nono gioco l’azzurro non ha sfruttato altre due palle-break e in un dodicesimo game giocato all’attacco dal britannico, Fabio con un doppio fallo ha concesso due match-point che ha annullato in maniera un po’ rocambolesca. Evans se ne è procurato un terzo ma Fognini ha cancellato anche questo. Idem per il quarto e per il quinto ma sul sesto la risposta del britannico si è stampata sulla linea. Lo stesso Fognini sarà il punto di riferimento della squadra azzurra che affronterà la Corea del Sud, a Cagliari il 6 e 7 marzo nel turno di qualificazione alla Fase Finale 2020 della Coppa Davis. Il capitano Corrado Barazzutti ha convocato oltre a Fognini Lorenzo Sonego, Gianluca Mager, Stefano Travaglia e Simone Bolelli. Per Mager e Travaglia si tratta della prima convocazione in Nazionale per la Coppa Davis.

Quando Althea Gibson illuminò Napoli (Alessandro Cappelli, Riformista – Napoli)

 

Napoli è una città di tennis, di tennisti e di appassionati di questo nobile sport. Ancora oggi il capoluogo campano ospita uno dei tornei del circuito ATP, la Tennis Napoli Cup, rinominata Capri Watch Cup per motivi di sponsor. Un torneo internazionale che per molto tempo, a partire dagli anni ’50, è stato riconosciuto come il secondo più importante d’Italia, dopo gli Internazionali di Roma. ll merito di questo status si deve soprattutto ad Althea Gibson, una delle stelle del tennis globale del passato, una giocatrice che ha saputo sorprendere il pubblico partita dopo partita durante gli anni ’50, nonché una delle figure più importanti della storia del gioco: è stata la prima afroamericana a partecipare a quei tornei che, prima di lei, erano aperti solo ai bianchi. Nel 1956, quando arriva a Napoli, Gibson ha già 29 anni, è già una delle giocatrici più forti in assoluto e viene da una serie di dodici trofei consecutivi: è praticamente imbattibile. È anche grazie alla sua partecipazione, e alla vittoria in una finale mai realmente in discussione con Heather Brewer, che il torneo di Napoli raggiunge una certa fama, ben oltre i confini nazionali. Per celebrare la vittoria, la tennista nativa del South Carolina diventa protagonista del gran gala del torneo – proprio la sera di Pasqua – illuminando il salone del Tennis Napoli con la sua voce: Gibson canta a sorpresa, davanti agli occhi compiaciuti del presidente Leonetti e degli altri ospiti. La campionessa sceglie di ringraziare Napoli per l’ospitalità nel modo più dolce possibile. ll giorno dopo, prima di partire, Gibson fa in tempo a trionfare anche nel doppio misto al fianco di un altro grande campione italiano come Orlando Sirola. Althea Gibson non tornerà più a Napoli nella sua carriera – che si chiuderà solo tre anni dopo – ma la sua presenza in Campania le porterà fortuna: poche settimane dopo diventerà la prima tennista afroamericana a vincere uno Slam, trionfando sulla terra rossa del Roland Garros. Basterebbe questo per riscrivere i manuali di storia, non solo dello sport. Ma Gibson non si ferma e l’anno successivo vince anche lo Slam australiano, quello statunitense e a Wimbledon, ricevendo il trofeo dalle mani della regina Elisabetta II. Althea Gibson è stata una delle figure più importanti nella storia del tennis. Un gigante in grado di abbattere le barriere del segregazionismo. Lo ha fatto sempre alla sua maniera, guardando a se stessa, provando a migliorare giorno dopo giorno. Ma non ha mai avuto l’atteggiamento di chi gioca per cambiare la società, per ottenere dei diritti per una minoranza o per dare voce a chi non ne ha – come avrebbero fatto dopo di lei Arthur Ashe, Billie Jean King, Martina Navratilova o Serena Williams. Gibson non usa la sua immagine per raggiungere un obiettivo diverso dalla vittoria sul campo contro l’avversaria di turno. La sua figura non travalica mai le linee bianche che delimitano il campo da tennis. Ma nonostante tutto, senza di lei, difficilmente avremmo avuto tennisti e tenniste in grado di farsi sentire su temi sociali importanti. Perché Althea Gibson ha spianato la strada per i suoi successori, ha tracciato un sentiero in cui si sono inseriti atleti più consapevoli e più informati. Per questo la sua storia è speciale, unica nel suo genere.

Continua a leggere
Commenti

Rassegna stampa

Il tennis riparte e fa tutto in casa (Semeraro). Cecchinato: «Stop delusioni. Riparto da zero con un figlio» (Cocchi).

La rassegna stampa di venerdì 10 aprile 2020

Pubblicato

il

Il tennis riparte e fa tutto in casa (Stefano Semeraro, Corriere dello Sport)

Il tennis ha voglia di ripartire. Un desiderio che confina con la necessità, come per tanti settori, e che ovviamente deve tenere conto dei tempi e delle esigenze (primarie) dell’emergenza. La Federtennis, lo ha ribadito Angelo Binaghi, farà tutto il possibile per organizzare in qualche modo l’edizione degli Internazionali d’Italia. Anche a costo di spostarli in una città diversa da Roma. «Credo che ci siano ottime possibilità che vengano riprogrammati – ha dichiarato il presidente Fit -. La preferenza nostra e di Sport e Salute è di giocarlo a Roma fra settembre e ottobre, però siamo disposti a valutare come ipotesi residuale anche fine stagione, a novembre o dicembre sul veloce indoor». Il grande problema del tennis a livello internazionale è (e continuerà ad esserlo ancora a lungo) la mobilità delle tante persone che servono alla “macchina” – come ha ricordato Andrea Gaudenzi, un Masters 1000 ha bisogno di due-tremila addetti – ed è per questo che si sta facendo spazio un po’ ovunque l’idea di mettere in piedi, quando sarà possibile, torneo o circuiti “regionali”. Che prevedano, cioè, solo giocatori di uno stesso Paese o area geografica. In Spagna ne ha parlato il presidente della federtennis, Tomas Carbonell, e il progetto prevede una decina di tornei nelle settimane precedenti la nuova data del Roland Garros (20 settembre-4 ottobre) e con la partecipazione di molti dei Top 100 spagnoli. In Francia l’allenatore di Jo-Wilfried Tsonga, Thierry Ascione, ha chiesto alla Fft l’appoggio ad una iniziativa molto simile. In Italia un progetto che sta prendendo corpo è quello di Marcello Marchesini, il patron di MEF Tennis Events, organizzatore di sei Challenger oltre che delle Final Four della Serie A. L’incognita riguarda ovviamente la data dell’eventuale ripartenza, ma sono già avviati i colloqui con la Fit per concordare le modalità. Per ora l’idea è quella di un mini-circuito di tre tornei, con partenza da Todi e altre sedi ancora da individuare, tabelloni da 32 posti, un montepremi da definire e ospitalità per chi ha punti nel ranking mondiale. «Vogliamo concedere ai giocatori italiani di alto livello la possibilità di riprendere confidenza con l’agonismo, di rientrare nel ritmo partita prima della ripartenza del circuito Atp», spiega Marchesini. «I tennisti stanno vivendo un periodo particolare, non riescono ad allenarsi e hanno bisogno di disputare match. Vogliamo dare il nostro contributo affinché la loro attività non si affievolisca del tutto, in attesa di poter ricominciare a disputare tornei». […]

Cecchinato: «Stop delusioni. Riparto da zero con un figlio» (Federica Cocchi, La Gazzetta dello Sport)

 

Due anni fa batteva Novak Djokovic ai quarti di finale del Roland Garros fermandosi poi in semifinale con Thiem. Due anni fa l’Italia scopriva con Marco Cecchinato di avere un nuovo campione. Per il palermitano era un periodo straordinario, tutto perfetto, tanto che a febbraio del 2019, arrampicatosi fino al 16 del mondo, era diventato anche numero 1 italiano superando Fabio Fognini. Tutto perfetto fino alla primavera scorsa quando, alla vigilia del Roland Garros, il meccanismo si è inceppato, innescando un effetto domino di sconfitte tale da trascinarlo fuori dai 100. La classifica «congelata» per la pandemia lo tiene inchiodato al numero 113 del mondo, ma lui non aspetta altro che tornare a scalare la classifica. Per questo ha deciso di ripartire quasi da zero affidandosi a un nuovo staff con Massimo Sartori, storico coach di Andreas Seppi e scopritore di Jannik Sinner. Marco, a che punto siamo? «Siamo al reset. A un nuovo inizio. Da circa un mese mi sono affidato a Massimo Sartori, per me è stato quasi un ritorno alle origini. Ero stato da lui per due anni a Caldaro, in Alto Adige, quando avevo 17 anni, ci conosciamo bene e di lui mi fido ciecamente».

La sua è stata una crisi tecnica o mentale? Praticamente è iniziata con la difesa della semifinale di Parigi.

Credo che sia stato un mix di fattori. Forse un paio d’anni fa sono state gestite male alcune situazioni, sicuramente ho pagato anche la pressione di difendere tanti punti importanti, ma soprattutto non mi sentivo bene fisicamente. Non ero mai a posto, e quindi pian piano ho iniziato a perdere fiducia e anche le partite. Di sicuro, però, il vero Marco Cecchinato non è quello che sta al numero 113 del mondo. Se si giocherà, o comunque appena la situazione tornerà normale, punto a tornare nella top 50. Voglio dimostrare che quello che ho conquistato negli anni scorsi non è stato frutto del caso. Però bisogna procedere per gradi. Sartori innanzitutto mi ha ridato fiducia. Mi ha ricordato che Seppi ha vinto il primo titolo Atp a 27 anni, mentre io alla stessa età ne ho tre, quindi non devo avere nessuna fretta. E ha iniziato a massacrarmi. Mi fa allenare mattina e sera tutti i giorni. Avevo bisogno di essere rassicurato e dimostrare a me stesso che non avevo “disimparato”. E infatti dopo un mese di lavoro intenso ho già visto che molte cose che non mi riuscivano più nemmeno in allenamento, ora sono tornate. E tutto questo mi fa venir voglia di faticare ancora di più.

C’è qualcuno che l’ha delusa durante questo periodo di crisi?

Più di uno… Tante persone mi hanno per così dire dimenticato. Pseudo-amici, persone che mi chiamavano e mi scrivevano ogni due per tre, anche giornalisti. Poi sono spariti. Però la cosa importante è che chi mi voleva bene è rimasto. Ovviamente la mia famiglia, il mio manager, e Gaia. Che spesso ha dovuto sopportare il mio malumore. Ma è anche grazie a lei che sono cresciuto e ora mi sento un uomo maturo.

La dichiarazione d’amore che ogni donna vorrebbe ricevere.

Beh è il minimo per la madre di mio figlio.

Ci sta dando una notizia?

Sì, una bellissima notizia: ho perso tante partite negli ultimi mesi, ma qualcosa di buono l’ho comunque fatto… A fine luglio diventeremo genitori. E’ in arrivo baby-Ceck, un maschietto. Una famiglia, sarà la vittoria più bella della mia vita.

Continua a leggere

Rassegna stampa

Kyrgios, il campione della… sporta accanto (Semeraro). Gatto-Monticone, viaggio allucinante dal Messico per tornare a Torino (Bertellino)

La rassegna stampa di martedì 7 aprile 2020

Pubblicato

il

Kyrgios, il campione della… sporta accanto (Stefano Semeraro, Corriere dello Sport)

Nick Kyrgios al servizio. Ma stavolta non parliamo delle prime palle a 220 all’ora dell’australiano, idolo e incubo degli appassionati di tennis, ma della sua voglia di mettersi a disposizione del prossimo. Nick passa per un bad boy, un ribelle senza causa e con poca voglia di giocare, in realtà è un ragazzo sensibile, molto attento al mondo che lo circonda. Lo aveva dimostrato durante la crisi degli incendi in Australia, spendendosi con generosità per organizzare match di beneficenza, e lo ha ribadito adesso, offrendosi di portare pasti gratis a chi a causa dell’emergenza Coronavirus si trova in difficoltà. «Se qualcuno che non sta lavorando/non percepisce reddito, è a corto di cibo o semplicemente se la passa male – ha scritto sul suo account Instagram – per favore, non vada a letto a stomaco vuoto. Non abbiate paura o imbarazzo a scrivermi in maniera privata. Sarò più che felice di condividere quello che ho. Anche solo per un piatto di spaghetti, una pagnotta di pane, o un litro di latte. Ve lo lascerò sulla soglia di casa, e non vi farò nessuna domanda». Altro che Nick il selvaggio: Nick cuore d’oro. Molti dei suoi colleghi si sono fatti avanti senza perdere tempo, da Federer a Djokovic e Nadal, donando somme ben più impegnative, e raccogliendo fondi. Nick, forse d’istinto, ha preferito il contatto diretto, umano, anche se rigorosamente a distanza come prevedono le norme anti contagio […]

Gatto-Monticone, viaggio allucinante dal Messico per tornare a Torino (Roberto Bertellino, Tuttosport)

Il loro terzo tabellone Slam, dopo averne conquistati due lo scorso anno sul campo (Roland Garros e Wimbledon) e averne sfiorato uno nel 2020 (Australian Open con il raggiunto turno decisivo delle qualificazioni) Giulia Gatto Monticone ed il suo coach e compagno di vita Tommaso Iozzo, lo hanno virtualmente meritato al termine di un viaggio di ritorno dal Messico che la giocatrice torinese, attuale numero 3 d’Italia e 151 del mondo, definisce allucinante: «Eravamo ad Irapuato, in Messico – racconta – quando il torneo è stato interrotto per l’emergenza mondiale del coronavirus ed abbiamo saputo della cancellazione dei tornei successivi, su tutti quello che avrei dovuto disputare la settimana dopo, il 125.000 dollari di Guadalajara. Così abbiamo immediatamente deciso di rientrare in Italia. Non è stato facile perché da Irapuato a Città del Messico abbiamo dovuto viaggiare in macchina. Circa 300 chilometri in 7 ore. Poi il dubbio e un po’ di panico di poter volare su Parigi, con gli sguardi dei locali che iniziavano ad assumere sempre più toni scuri nei confronti dei presunti “untori” italiani. Siamo partiti il giovedì sera e dopo aver dormito una notte a Parigi, senza la possibilità di volare su Malpensa, ormai chiusa, abbiamo optato per il TGV, arrivando il sabato sera in una Torino deserta. Forte l’impatto tra la quasi normalità in Messico e lo spettro della nostra città vuota e quasi irriconoscibile. Un viaggio che non dimenticheremo, vissuto con l’ansia del non poter tornare e con il continuo contatto con i nostri familiari che ci esortavano a farlo il prima possibile». Da oltre 20 giorni la 32enne giocatrice di Castiglione Torinese è a casa, con mamma, sorella e nipoti, e cerca di allenarsi fisicamente: «Nell’arco dell’anno avevo dormito solo 4 giorni a casa e quindi per ora non sento il peso dello stare rintanata tra le mura domestiche, anche se è ovvio che farlo per scelta o per dovere cambia. Ma è l’unica soluzione in questa delicata fase dell’emergenza. Per non deprimersi occorre organizzare bene la giornata. Mi impegno con due sedute fisiche al giorno, “aggiustandomi” con trx, elastici e rulli, cercando di consumare le maggiori energie possibili, anche perché altrimenti diventa difficile prendere sonno la notte. Mi concentro inoltre sulla prevenzione e sul mantenimento sotto il profilo fisico, aspetti che normalmente vengono curati meno nel corso di una stagione regolare. Poi pulisco, riordino e leggo, testi di psicologia, meditazione. Insomma faccio i compiti a casa. Per ora di allenamenti con la racchetta non si parla. Ostico pianificare i prossimi impegni. E’ tutto fermo fino al 13 luglio ma personalmente ho la sensazione che i tempi saranno ancora più lunghi. Il problema è mondiale e forse alcuni Paesi devono ancora affrontare la fase più delicata. Impensabile che tutto possa ricomporsi nel breve, meglio aspettare e riprendere quando ci saranno per tutti, atleti e pubblico, le doverose certezze per quanto concerne la salute» […] Olimpiadi posticipate di un anno, con il sogno di esserci che rimane in vita: «Sarei potuta essere una delle papabili nel 2020, in assonanza con le classifiche post Roland Garros. Ora tutto cambierà ma vedremo. Cercherò con forza e risultati di poter essere della partita nel 2021, sarebbe bellissimo» […]

Continua a leggere

Rassegna stampa

Intervista a Flavia Pennetta: “Mi godo Fabio e non torno a giocare. Forse” (Semeraro). Wimbledon, Mani di Forbice è triste (Corriere dello Sport)

La rassegna stampa di lunedì 6 aprile 2020

Pubblicato

il

Intervista a Flavia Pennetta: “Mi godo Fabio e non torno a giocare. Forse” (Stefano Semeraro, Corriere dello Sport)

Fabio Fognini in questo periodo avrebbe dovuto prepararsi a difendere il titolo vinto l’anno scorso a Montecarlo. Invece è ad Arma di Taggia e ridipinge cancelli, cucina, e passa l’aspirapolvere. Per dare una mano a mamma Flavia Pennetta, alle prese con i biberon e i pannolini della piccola Farah.

Come se la cava da marito Fabio? «E bravo, è bravo… Sono contenta. L’atro giorno l’ho anche messo a cucinare: c’era Farah che protestava, così gli ho lasciato tutti gli ingredienti pronti e un video tutorial, e se l’è cavata benissimo». Che piatto c’era in programma? «Pollo alla cacciatora». Non è che ingrassa in cucina? «No, si sta allenando cinque volte la settimana. Fortunatamente abbiamo un giardino e lui si è costruito una mini-palestra con tutto quello che gli serve. Poi Fabio è un mangione, ma di cose semplici, e il dietologo ci ha dato suggerimenti per toglierci la voglia di dolci senza appesantirci». Lei si allena? «La mattina presto, se Farah ha dormito bene, altrimenti dopo pranzo quando i bimbi dormono. Ci alterniamo». Wimbledon cancellato: giusto così? «Ragazzi, mica si può mettere a rischio la vita della gente. Non solo dei tennisti, ma anche degli spettatori e di chi lavora ai tornei. Ci sono ancora tanti, troppi morti e contagiati».

 

(…)

Parigi ha scelto di spostarsi... «Sono stati veloci a proporsi, ma non so se riusciranno poi a farlo davvero il torneo in autunno. Per me quest’anno sarà tanto se riusciranno a far disputare le Finali di Coppa Davis. Negli States non si può andare, in Asia neppure, e anche giocare a porte chiuse non ha senso. Poi come farebbero ad allestire players lounge e spogliatoi? Pariamo di centinaia di giocatori con al seguito allenatori e preparatori tecnici. . Per gli Internazionali c’è in ballo una soluzione indoor a Torino: fattible? »Da giocatrice dico no. Per me Roma è Roma, meglio giocarlo l’anno prossimo nella sua collocazione naturale. Poi capisco i tanti soldi che si perderebbero e anche l’idea di fare una prova generale per le Atp Finals dell’anno prossimo. Ma sarebbe comunque tutta un’altra cosa». Con le sue ex colleghe e amiche di Fed Cup si sente questo periodo? »Mi sento spessissimo con la Schiavo, qualche volta con Roberta e con Sara. Siamo tutte nella stessa situazione. Franci, con quello che ha passato, deve stare moka attenta, è uscita pochissimo, giusto una volta l’aloe giorno per andarsi a prendere la spesa da suo padre. Doveva inaugurare il suo bistrot, è tutto rimandato. Però mi racconta i suoi business plan, e mi fa morire dal ridere… Roberta è anche lei a Milano – tutte e due nella zona peggiore… – fa ginnastica, cucina, lavora per Sky e Eurosport. Sara la sento meno, ma tutte si tengono occupate». A proposito del tenersi occupate: suo marito sostiene che dovrebbe tornare a giocare… «Mamma che pesantezza! (e ride; ndr). Mi sta mettendo a dura prova. Mi dice: “Dai, riprendiamo ad allenarci insieme, quando si può andiamo a Roma a caca di Barazzutti, stiamo con i bambini in guardino. Nel tennis oggi poi non si sa cosa può succedere, ti fai solo sette tornei, ti segue la Schiavo…”. Mi ha già fatto la programmazione, capito?».

(…)

Non è il solo a insistere, vero? «Macché, sono circondata, mio padre e mio suocero lo stesso: “Due figli li hai fatti, togliti lo sfizio di giocare un altro anno”. Mio padre quando gli annunciai che ero rimasta incinta fece una faccia strana, poi confesso: “Speravo che mi volessi dire che tornavi a giocare”». La Clijsters è rientrata a 36 anni e con tre figli: non le viene la tentazione? «E’ stata bravissima, e l’ho vista anche bene nel primo match che ha giocato con la Muguruza. Avere la forza di rimettersi in pista è bellissimo, specie quando i figli sono più grandi. Sono contenta per lei. Ma a 39 anni, e con due figli piccoli. Anche se…». Ci sta pensando, confessi. «Non credo che faccia per me. Però un anno è lungo da passare in casa, e nella vita non si sa mai. Magari comincio ad allenarmi, inizio a giocare un’ora al giorno, e mi torna la voglia…. Mai dire mai».. Serena di anni ne ha 38 e ancora insegue il 24 esimo Slam. «E fa benissimo. Fisicamente c’è ancora, si è ripresa, non ha vinto uno Slam ma ha fatto tre finali. Non spreca tante energie, gioca dieci tornei l’anno, vuole fare qualcosa di grande. Perché dovrebbe stare a casa?».

(…).

Federico assomiglia più a lei o a Fabio? «E’ un mix. Solare come mamma, testardo come papà. Hai i miei colori, ma fisicamente è una copia in miniatura di Fabio, si muove come lui Farah invece come colori è più simile a Fabio». Dicono tutti che Fabio è molto migliorato daquandosi èsposato: verità o stereotipo? «Sicuramente diventare genitore ti cambia. Fabio ha sempre i suoi momenti di “sclero”, che non amo, ma non posso pretendere che cambi del tutto. A volte bisogna tirargli le orecchie… Ora che è arrivata Farah e che Fede interagisce molto con lui è ancora più consapevole e responsabile». Tecnicamente la ascolta? «Lo faceva più quando non eravamo sposati Con il matrimonio, si sa, le cose cambiano… Mi dice sempre: “Non sono come te, siamo diversi!”. Ed è vero. Tutti e due non lo ammettiamo, ma alla fine seguiamo i consigli dell’altro. A Marrakech l’anno scorso Barazzutti mi aveva anche lasciato le consegne, e per un giorno l’ho allenato. Gli facevo i cesti, non so se mi spiego… Ci siamo divertiti un mondo».

(…)

La prima cosa are farà dopo il virus? «Tomerò a casa dai miei nonni, dagli amici, dagli affetti che mi mancano tantissimo. Piango tutti i giorni, ma bisogna avere pazienza per poter ricominciare. Anche se non sarà più come prima. Magari daremo valore a cose che prima davamo per scontate. E non dovremo dimenticarci di cosa abbiamo passato”

Wimbledon, Mani di Forbice è triste (Corriere dello Sport)

Quelle due settimane passate a osservare ogni singola fogliolina, a curare maniacalmente ogni ciuffetto verde, per presentare in mondovisione il suo lavoro, stavolta gli mancheranno. «Quando ho sentito l’annuncio della cancellazione in tv mi sono sentito un po’ vuoto dentro», ammette Neil Stubley, il capo giardiniere di Wimbledon. «Uno dei lati belli del mio mestiere è che posso mostrare il frutto della mia fatica a tutto il mondo ogni anno. Gli occhi di molti sono puntati per vedere in che stato è il Centre Court il primo giorno dei Championships, ed è sempre un momento di tensione», ha raccontato al Daily Telegraph.

(…)

L’All England Club per qualche tempo ha considerato l’ipotesi di far slittare il torneo ad agosto, ma lerba non è la terra, o il cemento. E’ una superficie viva, che non si adatta così facilmente ai cambi del clima. «A fine estate il sole si abbassa sull’orizzonte>, spiega Stubley. «Quindi la rugiada arriva prima, e i campi diventano scivolosi. La finestra utile per giocare si accorda sia all’inizio sia alla fine del giorno. Sarebbe bellissimo poter gareggiare a fine estate e in autunno, purtroppo non è possibile». Per altre occasioni i Doherty Gates sono stati aperti anche più in là con la stagione, ma Wimbledon è un evento estremamente complesso. «E’ vero che abbiamo ospitato incontri di Coppa Davis in settembre, ma in quel caso gli incontri iniziano alle 11.30 del mattino, o a mezzogiorno, e finiscono attorno alle 5 del pomeriggio». E solo per la durata di un weekend.

(…)

Per gran parte della sua storia Wimbledon è stato in calendario a cavallo di giugno e luglio. Dal 2015 si è deciso di spostarlo avanti di una settimana per dare più spazio alla stagione sull’erba, della quale rappresenta il culmine. Ma è il termine estremo, impossibile da superare anche in casi di emergenza assoluta come oggi. Il Club del resto è assicurato contro la pandemia; riceverà circa 113 milioni di euro di indennizzo e ha deciso di non licenziare né mettere in cassa integrazione nessuno dei suoi dipendenti. Stubley e il suo team di 15 giardinieri continueranno a tenere in ordine i campi, lottando contro le erbacce e le volpi che ne minacciano lo splendore.

(…)

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement