Mouratoglou lancia l'UTS2: ci sono anche le ragazze

Flash

Mouratoglou lancia l’UTS2: ci sono anche le ragazze

Nuova “serie” dell’esibizione sperimentale di Patrick Mouratoglou. Dieci giocatori e quattro giocatrici si sfideranno nel corso di due weekend

Pubblicato

il

Matteo Berrettini con Patrick Mouratoglou all'UTS1 (foto Tennis Majors/Scrine)

Poco più di 10 giorni dopo la spettacolare conclusione della prima serie dell’Ultimate Tennis Showdown (UTS1) con la vittoria di Matteo Berrettini in finale su Stefanos Tsitsipas, Patrick Mouratoglou prosegue con il suo esperimento e lancia il secondo “episodio” della saga con l’UTS2.

Ancora una volta ospitato nella Mouratoglou Academy di Sophia-Antipolis nel sud della Francia, l’UTS2 avrà una durata limitata a due weekend (25-26 luglio e 1-2 agosto) e vedrà per la prima volta impegnate anche le ragazze, che durante l’ultimo weekend daranno vita ad un quadrangolare. “Come promotore del tennis femminile, era una priorità per me includere le donne nell’UTS il più presto possibile – ha detto Patrick Mouratoglou in un comunicato stampa – considerando le limitazioni e i vincoli logistici che abbiamo dovuto affrontare nell’organizzare UTS1 non è stato possibile includere il tennis femminile fin dall’inizio. Ma sarebbe stato impensabile proseguire con UTS2 senza le ragazze. Sono impaziente di vedere come il tennis femminile si evolverà nel formato UTS”.

La competizione maschile vedrà due new-entry di rilievo come Grigor Dimitrov (n. 19 ATP) e Fernando Verdasco (n. 52) , che andranno ad unirsi ad altri sei partecipanti dell’UTS1: Benoit Paire (n.22), Richard Gasquet (n.50), Feliciano Lopez (n.56), Corentin Moutet (n.75), Alexei Popyrin (n.103) e Dustin Brown (n. 239). Questi otto giocatori daranno vita a due gruppi da quattro i cui vincitori si qualificheranno per la Final Four del 2 agosto alla quale daranno vita insieme ad altri due Top 20 che saranno comunicati successivamente.

 

La competizione femminile avrà come partecipanti la russa Anastasia Pavlyuchenkova (n.30 WTA), la francese Alizé Cornet (n.59), la tunisina Ons Jabeur (n. 39) e la tredicenne ceca Brenda Fruhvirtova, vincitrice della competizione Les Petits As in questa stagione e da tempo allieva dell’Accademia di Mouratoglou.

Le vincitrici delle due semifinali di sabato 1° agosto si incontreranno nella finale domenica 2 agosto.

Le giornate di gara verranno trasmesse in pay-per-view sul sito della manifestazione https://watch.utslive.tv. Per il momento non è stato reso noto se le partita saranno anche messe in onda da canali televisivi tradizionali.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Olimpiadi Tokyo 2020, Djokovic sul caldo: “Ci siamo lamentati. Sono contento che ci abbiano ascoltato”

Rispondendo a Ubaldo, Nole racconta di essere andato a protestare contro le durissime condizioni di gioco insieme a Zverev e Medvedev

Pubblicato

il

Purtroppo più che per il tennis giocato, il torneo olimpico ha fatto parlare di sé per le difficilissime condizioni di gioco legate al caldo e all’elevato tasso di umidità. In campo femminile sono stati ben quattro i ritiri, l’ultimo dei quali particolarmente impressionante: nel corso del proprio quarto di finale contro Marketa Vondrousova, la spagnola Paula Badosa è stata addirittura accompagnata fuori dal campo in sedia a rotelle, dopo essersi accasciata a terra alla fine del primo set. Per fortuna l’eco di questi spiacevoli episodi sembra finalmente essere giunta alle orecchie degli organizzatori e dell’ITF che hanno deciso di posticipare l’inizio dei match alle 15 a partire da domani.

Parte del merito di questo (tardivo) attacco di buon senso sembra da imputare alle ripetute e numerose proteste di giocatori e giocatrici, come confermato anche dal numero uno al mondo Novak Djokovic in risposta a una domanda del Direttore Ubaldo Scanagatta.

Sono contento che abbiano deciso che abbiano deciso di riprogrammare i primi incontri alle 15 a partire da domani. Noi siamo andati a parlare con il supervisor oggi e quando dico ‘noi’ intendo Zverev, Medvedev e io, insieme ai capitani. Ho parlato anche con Khachanov e Carreno-Busta, quindi la maggior parte dei ragazzi impegnati nei quarti era d’accordo. Certo, idealmente mi sarebbe piaciuto che la decisione fosse stata applicata qualche giorno prima, ma comunque è una buona cosa perché nessuno vuole vedere incidenti come quello capitato a Badosa.

 

Le condizioni sono davvero brutali. Probabilmente la gente pensa che ci stiamo solo lamentando, ma tutti gli sport di resistenza – e il tennis deve essere considerato come uno sport di resistenza – si svolgono più tardi perché la combinazione tra alte temperature e alta umidità è terribile. Ormai sono vent’anni che gioco a tennis da professionista e non ho mai sperimentato condizioni del genere in tutta la mia carriera, per così tanti giorni consecutivi. Può essere capitato di dover fronteggiare un caldo simile a Miami o a New York o da qualche altra parte, ma per una giornata sola, qui è così tutti i giorni. Credo che sia meglio anche per gli spettatori poter assistere al miglior tennis possibile, perché le condizioni sono davvero drenanti per le energie dei giocatori.”

Continua a leggere

Flash

ATP 250 Kitzbuhel: Mager punisce un Ramos-Viñolas distratto, fuori Cecchinato

Mager vince in rimonta contro Albert Ramos-Viñolas, Cecchinato cade sotto i colpi del tedesco Altmaier

Pubblicato

il

Giornata piena nell’ATP 250 di Kitzbuhel, con tanti giocatori di livello in campo. Ad aprire la giornata sono arrivate le vittorie di Krajinovic e Kovalik, che hanno superato in tre set Taberner e Vesely. Più a sorpresa il risultato del derby spagnolo tra Pedro Martinez e Roberto Bautista-Agut; l’ex semifinalista di Wimbledon ha sofferto la grande vena del suo connazionale, che è riuscito a sfondare il muro opposto da Bautista. Equilibrata anche la sfida tra il piccolo prodigio norvegese Holger Rune e Arthur Rinderknech. Il francese si è imposto in tre set, confermando quanto di buono ha fatto vedere in questo scorcio di stagione sulla terra battuta.

Nel primo pomeriggio è stata la volta dei due italiani ancora in gioco, Gianluca Mager e Marco Cecchinato, ma soltanto il primo ha passato il turno cogliendo una bella vittoria in rimonta contro Ramos-Vinolas. Partiamo proprio dalla vittoria di Mager, il primo a subire il break a causa di un brutto game di servizio perso a zero. I nervi però non aiutano Ramos, che manca l’occasione con un secondo break quando Mager serve per restare nel set. Il disastro arriva però nel game successivo; Ramos manca tre set point e in un game interminabile Mager si rimette nel set breakkando alla settima palla break. Il buon momento del tennista italiano continua nel tie-break: Mager prende subito il comando e non perde la calma nemmeno dopo il contro-break quasi immediato di Ramos. Lo spagnolo perde ancora due volte il servizio e deve lasciare il primo set a un ottimo Mager.

Il momentum non si trascina nel secondo set. Ramos trova immediatamente il break e sostanzialmente “addormenta” il set. Mager non riesce più ad avvicinarsi nel punteggio in risposta con costanza e lascia scorrere via un set controllato senza problemi dal suo avversario. Il tennista spagnolo riesce a non perdere mai campo nello scambio, aiutato da uno slice al servizio molto più incisivo del primo set. Questa volta lo spagnolo non tentenna nel finale e trova anche il secondo break, concludendo il set sul 6-1 a favore e rimandando ogni discorso al terzo set.

 

Mager si riprende nel terzo set, in cui torna a mettere pressione a Ramos sul suo servizio. Riesce a portare Ramos ai vantaggi già nel secondo game ma poco dopo arriva la beffa; l’ex finalista di Rio si complica la vita con un doppio fallo in un turno di servizio già partito dallo 0-15 e deve salvare tre palle break a un Ramos che ora sembra molto più in palla. Mager riesce a salvare le prime due palle break ma deve capitolare alla terza, che consegna allo spagnolo le chiavi del match. La partita non sembra in discussione, con Ramos che non dà mai l’impressione di poter sbagliare, ma come successo nel primo set il tennista spagnolo regge molto poco la pressione.

Al momento di servire per chiudere il match Ramos gioca uno dei peggiori game della partita, condito di errori non forzati assolutamente inusuali per lui. Mager è molto bravo ad approfittare dell’occasione e con un dritto vincente rimette in carreggiata una partita totalmente fuori dai binari. Non ha problemi Mager a garantirsi il tie-break, ne ha molti di più Ramos che manca l’appuntamento con le due palle game e deve fronteggiare i primi (e unici) due match point.

Il primo si manifesta con un errore madornale dello spagnolo, che manda fuori di molto un rovescio a due passi dalla rete, ma un bel dritto inside-in rimanda i discorsi. Un nuovo match point arriva con un comodo dritto di Mager, con la palla di Ramos corretta dal nastro: questa volta è quello buono, l’ennesimo errore da fondo del game condanna il tennista spagnolo alla sconfitta in una partita che ha avuto più volte in mano. Nei quarti di finale Mager sfiderà Daniel Altmaier, che ha superato in due set Marco Cecchinato impedendo la disputa del derby.

Una brutta sconfitta per Marco, che ha sofferto la regolarità di Altmaier e si è fatto trascinare nel vortice del nervosismo. L’inizio è anche positivo, Cecchinato trova buona profondità nei colpi e brekka il tedesco alla prima occasione utile. Altmaier è bravo a reagire e a trovare un contro-break che rovina i piani di Cecchinato, sempre più nervoso e falloso. Non stupisce visto l’andamento del match che il tedesco passi per la prima volta avanti nel settimo game, sfruttando la poca precisione del rovescio di Marco. Il tennista italiano ha un sussulto quando Altmaier serve per il set, ma il tedesco salva facilmente la palla break e chiude il primo set a suo favore.

La situazione precipita in avvio di secondo set, Cecchinato è il primo a subire il break e sembra poter mollare. Per fortuna non è così e con una buona reazione ottiene immediatamente il controbreak, salvo cedere subito di nuovo il servizio al tennista tedesco. Proprio nel game successivo Cecchinato ha l’ultima chance per restare aggrappato alla partita, ma Altmaier salva ben quattro palle break, chiudendo poi su una stecca di rovescio di Cecchinato. Il tennista tedesco si conferma la bestia nera dei tennisti italiani, dopo aver battuto Cobolli nelle qualificazioni di Umago e poi Mager, senza dimenticare la sua vittoria contro Matteo Berrettini nel terzo turno del Roland Garros 2020. Delusione per Cecchinato, che chiude il tour estivo su terra senza risultati di rilievo.

Mager b. [4] Ramos 7-6(3) 1-6 7-5
[SE] Altmaier b. Cecchinato 6-4 6-4
Ymer b. [WC] Erler 6-2 6-3
Martinez b. [2] Bautista-Agut 6-4 6-7(5) 7-5
[Alt] Rinderknech b. [Q] Rune 6-4 3-6 7-6(4)
[3] Kraijnovic b. [LL] Taberner 6-3 2-6 6-4
[Q] Kovalik b. Vesely 2-6 6-2 6-4

Il tabellone completo

Continua a leggere

Flash

Olimpiadi Tokyo 2020: Camila Giorgi si arrende a Elina Svitolina

La tennista italiana sconfitta con un doppio 6-4 paga due partenze ad handicap contro la quotata avversaria

Pubblicato

il

Camila Giorgi - Osaka 2019 (foto via Twitter, @torayppo)

E. Svitolina b. C. Giorgi 6-4 6-4 (dal nostro inviato a Tokyo)

Finisce con onore l’avventura di Camila Giorgi alle Olimpiadi di Tokyo. La n. 1 italiana si arrende ad Elina Svitolina (da poco signora Monfils) che si impone con un doppio 6-4 in un’ora e 31 minuti di gioco. Più continua la n.4 del seeding e nr.6 del ranking WTA che parte a razzo in entrambi set e ipoteca così il passaggio alle semifinali. Due set fotocopia infatti quelli giocati da Camila, dove in entrambi si è trovata sotto di due break (0-4 nel primo e 1-4 nel secondo) prima di recuperarne uno per poi cedere di misura. Peccato soprattutto per il finale di primo set dove Camila risalita sul 4-5 era andata 0-15 sul servizio dell’avversaria e ha sbagliato un comodo smash, purtroppo il primo contro sole da lei giocato e malamente affossato in rete. Resta comunque ottimo il torneo giocata dalla Giorgi che ci auguriamo sia un viatico per un finale di stagione di primo livello. Elina Svitolina in semifinale affronterà Marketa Vondrousova.

LA PARTITA – Oggi fa di nuovo caldo anche se un vento relativamente fresco taglia il campo e ogni tanto dà un po’ di refrigerio. Giorgi vince il sorteggio e decide di servire, Gael Monfils con tanto di mascherina segue sulle tribune il match di sua moglie. Inizio in salita per Camila che va sotto 15-40, annulla la prima palla break ma poi capitola sulla seconda dopo un estenuante braccio di ferro da fondo campo. Svitolina gioca ad alto ritmo da fondo campo e rimanda tutto dall’altra parte, Giorgi fa fatica a sfondare e incappa in numerosi gratuiti. Tathiana Garbin si fa sentire a più riprese e chiede a Camila di stare più vicino e di avanzare quando l’ucraina accorcia i colpi, facile a dirsi difficile a farsi. Svitolina sembra aver messo il pilota automatico, 18 minuti e 4-0 per la n. 4 del tabellone olimpico, sembra un massacro.

Ma Camila reagisce, tiene finalmente il servizio, annulla due set point sull’1-5 e addirittura centra il break nell’ottavo gioco facendo sentire il fiato sul collo a Svitolina. Camila annulla un altro set point sul 3-5 e poi tiene la battuta. Svitolina sembra in fase calante, l’ucraina parte 0-15 al servizio, Camila ha sulla racchetta un comodo smash, ma si trova a giocarlo contro sole, fa scendere troppo la palla e lo affossa in rete. Per Svitolina è una boccata d’ossigeno e dopo 51 minuti chiude 6-4 senza patire altre sofferenze.

 

Camila esce dal campo per cambiarsi, Garbin le chiede di avere pazienza e di continuare a fare il suo gioco. Si riprende con Giorgi al servizio e l’inizio del secondo set ricalca il primo. Svitolina va avanti ancora una volta di un doppio break (4-1 e servizio), Garbin incita senza sosta Camila e si prende un richiamo a distanza dalla giudice di sedia Kelly Thompson. La n.58 WTA come nel primo parziale trova la forza di reagire e prova a spaventare Svitolina che cede il servizio nel sesto gioco. Giorgi però non riesce a completare la rimonta, il clan ucraino e Monfils spingono sugli spalti la propria beniamina che dopo un’ora e 31 minuti chiude l’incontro con un doppio 6-4 e approda in semifinale. Onore al merito comunque a Camila che ha lottato con tutta sé stessa.

Il tabellone femminile delle Olimpiadi con i risultati aggiornati

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement