US Open: la rivincita è servita, Serena è ai quarti

Focus

US Open: la rivincita è servita, Serena è ai quarti

L’ex numero uno deve recuperare un break nel terzo per battere la recente bestia nera Sakkari dopo due ore e mezza di lotta. Per lei è il diciassettesimo quarto di finale a New York. Dubbi su Roma? “Ragiono giorno dopo giorno”

Pubblicato

il

Serena Williams - US Open 2020 (via Twitter, @usopen)
 

[3] S. Williams b. [15] M. Sakkari 6-3 6-7(6) 6-3

Alla fine la vendetta è giunta, ma quanta fatica ha fatto Serena Williams per staccare Maria Sakkari sull’ultima rampa di un match durato due ore e ventinove minuti. Un match bruttino, che non è mai decollato davvero, farcito di molti strafalcioni eppure risoltosi in un finale avvincente, per merito della tensione agonistica provocata dalla mezza volata conclusiva. La greca, che aveva vinto l’ultimo precedente giocato giusto la scorsa settimana al Western & Southern Open, è stata avanti anche di un break all’inizio del set decisivo, ma non è arrivata vicina ad accarezzare il sogno, travolta sull’ultimo rettifilo dalla personalità di Serena e da qualche dritto sballato di troppo.

Il caldo e l’esplosività atletica della tennista ateniese suggerivano alla dieci volte finalista una condotta di gara basata su scambi brevi e intensi, ma Sakkari, lesta e prontissima in difesa, come noto è rivale difficile da sfondare con l’uno-due. La contesa è così stata equilibrata sin dal primo set, girato sui due consecutivi e unici giochi in cui le ragazze sono state in grado di arrampicarsi a palla break: nel quinto Sakkari in risposta ha sprecato con tre dritti da censura un vantaggio di quaranta a zero, e nel sesto è stata punita da Williams, la quale ha capitalizzato la terza palla break di un game durato otto minuti e sedici punti.

La greca, che ha sorpreso e innervosito la rivale con una prova al servizio degna della miglior Serena Williams (alla fine 73% di punti vinti con la prima in campo e tredici ace), ha fatto partita pari in un secondo set monocorde e privo di particolari sussulti almeno fino al dodicesimo gioco, quando un nastro malandrino ha procurato alla numero ventidue WTA il primo di due set point salvati da Serena con altrettanti servizi vincenti. Decisione delegata dunque al tie-break, inaugurato da una serie di disastri commessi dalla sei volte campionessa per il quattro a zero Sakkari, la quale ha comunque sprecato altri due set point sul sei a quattro prima di convertire il quinto ringraziando il dritto volato via alla leggenda.

Il ricordo della recente sconfitta e la prospettiva di passare altri tre quarti d’ora buoni sul rettangolo hanno forse condizionato il tremolante avvio di terzo set giocato dall’ex numero uno, presto sotto per due a zero e rannuvolata da una coltre di cattivi pensieri. Quando il drammone pareva poter prendere forma, tuttavia, Serena ha alzato il tono dei suoi colpi e i decibel dei paurosi urlacci che hanno accompagnato il sorpasso in coda a una rimonta da sei giochi di parziale a uno, subìto da un’avversaria ormai tormentata dalla paura e dalle nefandezze di un dritto su cui per amor di Maria stendiamo un velo pietoso.

Sono felice, non vedo l’ora di affrontare il prossimo match“, ha dichiarato Serena nell’intervista post-partita. “Questo è uno US Open strano, senza la pressione e l’enorme energia che solo il pubblico sa regalare. Se temevo l’avversaria dopo l’ultimo precedente? Certo, ma stavolta almeno sapevo come giocava“. Molto Serena, nel dichiarare candidamente di non avere idea delle caratteristiche della ventiduesima giocatrice del globo. Ammesso e non concesso che una minuta lezione tattica non le fosse stata impartita dall’abbronzatissimo Mouratouglu visto sugli spalti, occorre dire che l’esperienza qualcosa insegna. Intanto le vittorie totali conquistate in carriera all’Open degli Stati Uniti raggiungono il mostruoso numero di centocinque: la centosei, nei quarti, occorrerà strapparla ad Alizé Cornet o a Tsvetana Pironkova, se la collega madre da Plovdiv riuscirà a vincere il quarto incontro della sua trasvolata da fiaba.

Intanto resta incerta la programmazione post-US Open della ventiquattro volte campionessa Major. Interrogata in merito, Serena è parsa molto dubbiosa circa la possibilità di prendere parte al torneo di Roma. “Sapete quanto adori la città e quella manifestazione, ma in questo momento voglio ragionare giorno dopo giorno. Devo dire che al momento non sappiamo molto dell’organizzazione e di tutto il contorno, vedremo“. L’impressione è che le chance di vederla nella città eterna il prossimo quattordici di settembre non siano moltissime.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Perché credo che questo Sinner batterà questo incerto Djokovic. Ma non al quinto set

Editoriali del Direttore4 settimane fa

Australian Open: Sabalenka regina quasi scontata. Bolelli Vavassori in vista Slam. E diritti tv: Sky, Supertennis, FITP: la negoziazione langue

ATP4 settimane fa

La storia del tennis italiano chiama a sé Sinner, da De Stefani a Berrettini passando per le vittorie di Pietrangeli, Panatta, Schiavone e Pennetta

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Jannik Sinner è molto più calmo di tutti quelli che oggi lo osannano. Un anno fa era il tennista dei… senza

Senza categoria4 settimane fa

Australian Open LIVE: Sinner in semifinale, nemmeno Rublev riesce a strappargli un set!

Novak Djokovic - Australian Open 2024 (X @AustralianOpen)
Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Djokovic: “Sono scioccato, uno dei miei peggiori match di sempre”

Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Sinner tranquillizza tutti: “L’addome? Nulla di che”. Contro Djokovic alle 4.30 italiane

Australian Open4 settimane fa

Australian Open: Sinner batte Rublev e vola in semifinale con Djokovic senza aver perso un set [VIDEO]

Editoriali del Direttore3 settimane fa

Jannik Sinner non è un patriota per cui tifare perché non paga le tasse in Italia? Non sono d’accordo con Aldo Cazzullo e Massimo Gramellini

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – La grande attesa per i duellanti dai tanti punti in comune Djokovic e Sinner. Vinca il migliore? “Sperem de no”

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement