Tennis, delusione Berrettini. Festa Ruud dopo tre ore di lotta (Franci). Il rimpianto di Berrettini (Esposito). Demolitor pentito. Così Berrettini regala le semifinali (Azzolini). Nadal giù per terra, la Decima sfuma (Crivelli). Djokovic nervoso e vincente: «Roma mi ama» (Marchetti)

Rassegna stampa

Tennis, delusione Berrettini. Festa Ruud dopo tre ore di lotta (Franci). Il rimpianto di Berrettini (Esposito). Demolitor pentito. Così Berrettini regala le semifinali (Azzolini). Nadal giù per terra, la Decima sfuma (Crivelli). Djokovic nervoso e vincente: «Roma mi ama» (Marchetti)

La rassegna stampa di domenica 20 settembre 2020

Pubblicato

il

Tennis, delusione Berrettini. Festa Ruud dopo tre ore di lotta (Paolo Franci, La Nazione)

Il sogno di Matteo Berrettini e dell’Italia tennistica finisce così, con un maledetto tie break al terzo set dopo tre ore di battaglia durissima contro il norvegese Casper Ruud. Una specie di iceberg in maglia rossa, solidissimo, atleticamente eccellente e meno falloso del tennista romano. Evapora così il sogno di incrociare la racchetta con Nole Djokovic, che tra l’altro, prima di scendere il campo sul Centrale per battere al terzo set il giustiziere di Musetti, il tedesco Koepfer, s’era presentato al ‘Pietrangeli’ per studiare il suo prossimo avversario. Chissà, forse anche lui era convinto che sarebbe stato Matteo Berrettini. Poi però, come si dice, in campo c’è anche l’avversario e certamente Ruud è quel che negli spogliatoi i giocatori definiscono «cagnaccio», dal tennis fastidioso, che non scende mai a rete, che corre come tre persone facendo sfiancare l’avversario. Matteo era partito bene per portare a casa la semifinale di Roma, casa sua. Ha vinto il primo set dando la sensazione di poter chiudere la storia. Da quel momento però, la partita diventa una scivolosa salita, sulla quale Casper s’arrampica i virtù di un tennis essenziale e una condizione atletica notevole. Quando tutto sembra perduto al tie break del terzo set, Berrettini torna dominatore per un lampo di partita. Uno sguardo al tabellone luminoso e quel 5-3 sembra sufficiente a spingere il numero 8 del mondo lassù, dove lo attende Nole. E invece no: dritto fuori, due ace di Ruud e ancora un errore sul dritto, anche banale. Ruud esulta. Matteo rimane lì, immobile, testa china e chissà quante cose gli passano per la testa. Tre ore, 4/6, 6/3, 7/6 e l’ultimo degli italiani, dopo l’eliminazione di Sinner e Musetti, saluta il Foro e se ne va.

Il rimpianto di Berrettini. «Il tifo mi sarebbe servito, però ho sbagliato troppo» (Elisabetta Esposito, La Gazzetta dello Sport)

 

E’ vero, non bisogna vivere di rimpianti. Ma dietro all’eliminazione di Matteo Berrettini, l’ultimo italiano ancora in corsa in questi strani Internazionali, ce ne sono tanti. Troppi. Rimpianti per i colpi mancati, prima di tutto. La partita dei quarti contro Casper Ruud, numero 34 del ranking, è finita 4-6, 6-3, 7-6(5). Matteo, che era partito a mille attaccando con potenza il norvegese e mostrando un grande gioco fatto di rovesci incrociati, lungolinea all’angolino, smash, ace e una straordinaria efficacia sottorete, è poi mancato nei momenti chiave, non riuscendo a sfruttare le chance di divorare il match e prendersi le tanto desiderate semifinali. Il 24enne romano, 8 del mondo, ci ripensa e non si nasconde. «Ci sono due-tre occasioni che proprio non mi vanno giù: quella volée nel primo game del terzo set per andare sull’1-0, e poi ho subito il break; il dritto fuori di poco sul 5-4 30-30; soprattutto quello vincente ma appena fuori misura nel tie break, quando stavo avanti 5-3. Io purtroppo ho molta memoria, mi ricordo ogni singolo punto…». Altro rimpianto: l’assenza del pubblico. Matteo, infatti, analizzando la sua partita, fa una sincera autocritica: «Nel secondo set ho abbassato un pochino l’intensità e a questo livello ogni minimo calo si paga caro. Dopo aver vinto il primo, mi sono sentito comodo, e di conseguenza moscio, poco adrenalinico. Non era una questione fisica, ma di energia emotiva. Di certo se ci fossero stati i tifosi al mio fianco sarebbe stato tutto diverso. Non so dire se avrei vinto, ma di certo avrei avuto molta più adrenalina, sarei stato più teso». Ma non è finita. Berrettini confessa anche di aver avuto qualche problema sul Pietrangeli: «Finora avevo sempre giocato sul Centrale, quindi lì sarei stato più abituato. E il Pietrangeli secondo me è in condizioni un pochino più brutte, proprio dal punto di vista del manto. Mi sarebbe piaciuto il Centrale, insomma, ma non voglio trovare alibi: staremmo parlando di tutt’altro se avessi tirato dentro quel dritto sul 5-3». Allora basta rimpianti. Del resto il Berrettini visto oggi ha fatto vedere anche moltissime cose buone. Il gioco c’è e lui è ottimista per il futuro, a partire dall’imminente Roland Garros: «Qui a Roma ho giocato tre partite ad alto livello, nonostante mancassi dalla terra rossa da oltre un anno e nonostante le tre ore di match contro Casper non mi sento neanche stanco. Avrei potuto fare tranquillamente altri due set. Quindi sono contento di me, sto bene, e lo penso anche in ottica Parigi. Margini di miglioramento? Ce ne sono, ma il mio livello si sta già alzando, lo dico io e lo dicono i miei allenatori. Poi certo, non posso ritenermi soddisfatto, anche se sono fiero di come ho affrontato le partite dopo tanto tempo senza terra».

Demolitor pentito. Così Berrettini regala le semifinali (Daniele Azzolini, Tuttosport)

A volte Matteo incanta. Anzi, quasi sempre. Lo fa quando sembra volteggiare fra le asperità più acute dei match. A suo modo un artista, anche se non lo direste mai, visti gli spari che produce. Altre volte ammalia con quel suo modo di incombere sul match, e sembra ingrandirsi a ogni punto che incamera. La storia questa volta ribolle di suggestioni psicologiche, e non sapremmo quale titolo affidarle, se non sommando i momenti centrali del match. Forse… Il Demolitor Pentito Sottotitolo: come regalare altrui una semifinale che sembrava già scritta. Tranquillo, Matteo. Ti sei appena iscritto a una lista di attori di grande spessore, che sanno come strappare le emozioni dalle nostre anime. Su quei campi abbiamo visto regalare finali e vittorie, altro che semifinali, e se hai voglia di leggere i nomi che hanno condiviso quello stesso malessere, al primo posto trovi nientemeno che Federer, dissipatore di due match point nel 2006 al cospetto di Nadal. Eppure, anche tu hai saputo aggiungere un tocco di magnificenza alla recita. Perché hai capovolto la trama quando nessuno se l’aspettava. Filava tutto liscio, e non c’erano motivi per lasciarsi prendere dai dubbi. E allora, perché? Hai dato come l’impressione di esserti pentito di tanta supremazia, quasi fossi convinto che il norvegese – per quello che poneva in atto – non meritasse un trattamento tanto soverchiante. Gli hai offerto di tirare su la testa per respirare. Lo hai fatto a inizio secondo set. Forse perché ti sentivi comodo, o chissà, non vedevi in che modo lui potesse salire fino al tuo livello. Ti diranno – vedrai – che sei mancato di personalità. Noi, al contrario, pensiamo che tu ne abbia sin troppa. Malgrado ciò, c’era solo una cosa da fare, la più semplice: colpire Casper fino a trasformarlo in una illusione. Il resto è venuto da sé, anche quando hai recuperato il break del terzo e hai condotto le operazioni nel tie break finale. Lì è mancato qualcosa, un dritto l’hai sprecato un filo fuori, sul 5-3 del tie break. […]

Nadal giù per terra, la Decima sfuma (Riccardo Crivelli, La Gazzetta dello Sport)

Il re è nudo. Nadal è a terra. Smascherato dal Peque, il prode gaucho Schwartzman, che dal basso del suo metro e 70 dimentica gli schiaffoni precedenti negli scontri diretti (9-0 Rafa, con un parziale di 22 set a 2) e giganteggia contro l’ombra del campionissimo che su questa polvere rossa si è preso nove volte il trionfo. Il 2020, a suo modo, continua perciò a essere memorabile e d’altronde 200 giorni senza partite, nemmeno in esibizione (tanti ne sono passati dalla vittoria ad Acapulco di febbraio al debutto romano di mercoledì), tutto d’un tratto presentano il conto al maiorchino, troppo falloso e troppo passivo per opporsi alla serata stellare dell’argentino tascabile. Del resto, se servi con il 42% di prime contro uno dei migliori ribattitori del circuito, sei destinato ad un’apnea prolungata: forte di una smagliante condizione atletica ed esaltato dalla prospettiva di abbattere il monumento, Diego può così azzannare al collo Nadal fin dall’inizio dello scambio, resiste sulla diagonale del rovescio al dritto uncinato dello spagnolo e anzi lo pizzica più volte fuori posizione con il lungolinea. Una lezione al dominatore degli ultimi 15 anni: oggi entrerà il pubblico, ma non troverà Nadal, che esce dal torneo con mille dubbi e senza l’opportunità di un eventuale test in finale con Djokovic sulla via di Parigi. Nole la sua semifinale la agguanta interrompendo la corsa del sorprendente Koepfer, ma si porta ancora appresso il fardello del fattaccio degli Us Open: «Quella pallata mi accompagnerà per tutta la carriera, dovrò imparare a conviverci». Sul campo, i tanti pensieri hanno annacquato una delle sue armi letali, il killer instinct nei momenti decisivi. Capita anche contro il mancino della Foresta Nera, che fino a una settimana fa non aveva mai vinto una partita Atp sulla terra. Eppure Djokovic comincia da Djokovic, inchiodando subito l’avversario a un parziale di quattro game a zero. Lì però si concede la prima dormitina, esorcizzata con il break del 5-3 che gli consegna in pratica il primo set. E quando sale 2-0 nel secondo, la 68 semifinale in un Masters 1000 pare una semplice questione di minuti. E invece Novak piomba d’improvviso nei tormenti della confusione, compie scelte tecniche affrettate, perde il dritto che ora gli esce corto dalle corde e spesso non riesce a contrastare il rovescio incrociato del tedesco. Roso dal nervosismo, il numero uno adesso soffre le accelerazioni del Pitbull Koepfer, non sfrutta quattro palle break nel nono game che lo porterebbero a servire per il match e si incarta finendo per regalare il set. Per la frustrazione distrugge la racchetta: «Mi spiace, non sono perfetto. Sono umano». Con il carisma e l’orgoglio, più che con la qualità del gioco, Nole allunga di nuovo a inizio terzo set, e stavolta non si farà più raggiungere.[…]

Djokovic nervoso e vincente: «Roma mi ama» (Christian Marchetti, Corriere dello Sport)

Nole (Djokovic) sull’orlo di una crisi di nervi. Di questi tempi non è una novità. Stavolta c’è una partita contro Koepfer che è il festival dei blackout, ma anche una racchetta fracassata. Shapo (Shapovalov), invece, è all’ultimo respiro. Perché per correre come lui serve almeno un’altra coppia di polmoni. In un’ideale corsa sui 100 metri, sul traguardo vede comunque la top 10 del ranking mondiale. Non parte male il numero 1 del mondo. Un battito di ciglia ed è già 4-0. Poi Koepfer riesce a limitare i danni fino al 6-3 del serbo. Il secondo set è regalato al tedesco. In mezzo una racchetta fracassata, che «non è la prima né sarà l’ultima che spaccherò nella mia carriera. Sto lavorando sull’aspetto mentale». Arriviamo al terzo set, dove il povero Dominik esce con le gambe rotte da quel terzo gioco che invece fa crescere Nole fino al traguardo (6-3, 4-6, 6-3). E, per quest’ultimo, strada spianata per la settima semifinale a Roma. «Credo di avere un feeling speciale con i romani E non mi riferisco soltanto a quelli sugli spalti. Tolte Serbia e Cina, qui trovo tanto calore e sono riconoscente per come riescono a farmi sentire le persona». A vedere andare Denis così veloce, viene quasi da pensare che abbia impegni per la serata. Che diventano impellenti quando utilizza il rovescio. Rovescio mancino e a una mano, farina del diavolo. Il solito Shapo, insomma Dimitrov fa quel che può: cede il primo set 6-2 e corre. E, quando prova a tornare, dall’altra parte trova una difesa efficace. Eppure vince il secondo set, colpa anche della frenesia di Shapovalov. Ma il terzo è un monologo del canadese. Un dinamico, insostenibile, monologo: 3-0 e ancora 5-2 che diventa 6-2. Denis parla del successo contro il bulgaro, che poi è il numero 100 in totale, come di «un grande passo avanti per la mia carriera» e di questo ringrazia tutti, compreso il suo psicologo «che mi ha aiutato tanto, anche per il mio gioco».

Continua a leggere
Commenti

Rassegna stampa

Dolore a un piede, Sinner dà forfait (Barana). Sonego si regala un giro con Nole (Bertellino)

La rassegna stampa di venerdì 30 ottobre 2020

Pubblicato

il

Dolore a un piede, Sinner dà forfait (Francesco Barana, Corriere dell’Alto Adige)

Ritiro lampo. Jannik Sinner dà forfait dopo appena tre game a Vienna contro Andrej Rublev. Motivo: il dolore per una vescica al piede destro che pare portarsi dietro fin dalla settimana scorsa a Colonia e che ieri non gli ha dato tregua. Negli ottavi del torneo austriaco Rublev, otto del mondo, era in vantaggio 2-1 nel primo set, fresco di break. Sinner, si sa, non è tipo da arrendersi facilmente ma, riscorrendo le immagini del breve match, ci si accorge che il 19enne di Sesto Pusteria, prima di alzare bandiera bianca, non si muoveva con la consueta naturalezza ed elasticità. Nel terzo (e ultimo) game il nostro 43 del mondo ha perso malamente il servizio, quasi non ci credesse più e la testa fosse già negli spogliatoi. La sua partita si è spenta su un rovescio in corridoio: a quel punto anziché raggiungere la sua sedia per il cambio campo, Jannik ha fatto un cenno al suo angolo (dove c’erano il coach Riccardo Piatti e il preparatore Dalibor Sirola), si è tolto il polsino, ha raggiunto la metà campo di Rublev per salutarlo e si è avviato negli spogliatoi senza nemmeno chiamare il medical time. Un infortunio, sembrerebbe, nato a Colonia, di lieve entità ma comunque fastidioso, fisiologico per un ragazzo che dopo la forzata pausa per il lockdown, da agosto ha giocato tanto e a ritmi intensi. Certamente ora Sinner si prenderà qualche giorno di assoluto riposo per curarsi, per poi rientrare nel circus il 9 novembre a Sofia, 250 indoor, ultimo torneo della stagione prima delle Finals di Londra. Piatti, raggiunto al telefono, conferma la tabella di marcia: «Sì, Jannik sarà a Sofia. Peccato per oggi, in queste settimane stava giocando bene». Ancora in forse invece la partecipazione al Challenger di Ortisei, al via il 14 novembre, vinto l’anno scorso. Jannik sarebbe la stella, la speranza di rivederlo giocare vicino a casa c’è.

Sonego si regala un giro con Nole (Roberto Bertellino, Tuttosport)

 

Lorenzo Sonego si è “regalato” il match dei match, contro il n° 1 del mondo, Novak Djokovic. Lo ha fatto battendo 7-6 (6), 7-6 (2) ieri con la solita grinta il polacco Hubert Hurkacz, lungo e potente che con il servizio è in grado di far male a molti sulle superfici veloci come quella indoor di Vienna. Ma il torinese è andato oltre e con due tie-break il primo vinto in modo a dir poco rocambolesco, si è issato nei quarti di finale dell’ATP 500, affrontato in main draw da lucky loser. Il primo set lo ha visto andare a servire sul 5-4, grazie al break conquistato in precedenza, ma non gli è stato sufficiente. Nel tie-break si è trovato a rincorrere (0-4) ma non si è fatto sfuggire l’occasione quando Hurkacz ha perso l’ultimo minibreak di vantaggio sbagliando una voleè non impossibile di diritto. Dal 4-5 Sonego ha così chiuso 8-6. Nel secondo set il torinese, che lunedì prossimo entrerà per la prima volta in carriera tra i top 40 ATP, ha avuto il primo match point sul 5-4 servizio Hurkacz, annullato con un ace di gran livello dal polacco, ma nel tie-break ha dominato chiudendo 7-2. Sonego al termine era soddisfatto del match disputato e pronto al grande testa a testa con Djokovic: «Non ho mai perso la concentrazione contro Hurkacz e ho gestito con lucidità il difficile finale del primo set. Lui non ha mai mollato ed ha alzato il ritmo in quella fase di match. Sono orgoglioso di poter affrontare il n° 1 del mondo e farlo in un contesto così importante. Molto meglio che sfide del genere arrivino a livello di quarti di finale piuttosto che al 1° turno come accaduto lo scorso anno al Roland Garros con Federer. Dovrò servire al meglio e fare il mio gioco. Sarà in ogni caso un’esperienza che mi permetterà di crescere ancora». E’ durato invece una manciata di minuti, per l’esattezza otto, il confronto di ottavi di finale tra Jannik Sinner e Andrey Rublev. Il talento azzurro ha tenuto il servizio di apertura senza particolari difficoltà. Incassato il pareggio del russo nel game successivo, ha ceduto il game numero tre con un diritto uscito di poco, quindi si è diretto verso il giudice di sedia, dopo uno sguardo fugace verso il proprio angolo, annunciando il ritiro e lasciando al momento tutti di stucco, compreso il rivale di giornata. La causa, un problema fisico (vescica al piede destro già infiammata) riacutizzatosi nel corso dei pochi minuti di permanenza in campo. […]

Continua a leggere

Rassegna stampa

Sinner: “Non credo di avere talento. La forza è nella mia testa” (Semeraro)

La rassegna stampa di mercoledì 28 ottobre 2020

Pubblicato

il

Sinner: “Non credo di avere talento. La forza è nella mia testa” (Stefano Semeraro, La Stampa)

Jannik Sinner è lo sportivo italiano del momento. Giovane, 19 anni, ma già capace di sfidare senza paura i grandi del tennis, è un modello di semplicità e determinazione. In due anni è passato da sconosciuto a top 50 che batte i migliori e sfida Nadal. Sinner, come è cambiato? «Sono sempre lo stesso. E non ho paura di giocare contro nessuno. Se una cosa in campo mi dà fastidio, lo dicevo prima e lo dico adesso. Ma è vero che oggi mi trattano in maniera diversa».

Con Zverev a Colonia vi siete beccati…

 

Ogni tanto capita. Poi in quel momento dovevo inventarmi qualcosa per cambiare la partita, magari lui si poteva innervosire. Le partite non si vincono stando in campo e basta, quello che conta in questo sport è la testa. Gli altri vedono i miei risultati, iniziano a conoscermi. E nessuno vuole più perdere contro di me.

Le aziende la corteggiano, il pubblico la ammira. Unico appunto: in campo è troppo freddo.

Ma la gente cosa sa di me? Mi osserva quando entro in campo, concentrato al massimo, e pensa: “questo è uno chiuso”. Invece chi mi conosce fuori dal campo sa che sono aperto, che parlo di tutto con tutti. In campo me ne sto zitto, ma le assicuro che so divertirmi un casino, perché ci vuole anche quello.

Us Open, Roma, Parigi: dove si è trovato meglio nella “bolla”?

L’Atp sta facendo il meglio che può. Vuole che giochiamo, ma anche che stiamo bene. Agli Us Open è stata dura. Ho perso al primo turno delle qualificazioni del torneo precedente e sono stato dieci giorni li, poi ho perso per crampi agli Us Open, e sono rimasto altri dieci giorni. Ma alla fine sono tutte cose che ti rendono più forte.

Abbastanza per sfidare Nadal sul rosso a viso aperto: a Parigi è stato lei a strappargli più game di tutti, persino di Djokovic.

Quella contro Rafa sulla terra battuta è stata una grande sfida, ho giocato bene nel primo e nel secondo set, nel terzo Rafa ha spinto di più. Ma mi sentivo pronto a giocare contro di lui. Sono andato in campo con l’atteggiamento giusto.

In che cosa deve migliorare ancora?

A volte ho troppa fretta di fare il punto. Dovrei migliorare la percentuale con il servizio e variare di più i colpi. Invece sono soddisfatto della testa. Quella sta funzionando bene.

Tutti si chiedono: quanto vale davvero Sinner?

Che dicano pure quello che pensano, tanto non ci bado. Per uno valgo i primi 10, per l’altro non arriverò mai. Non ascolto nessuno dei due. Guardi, la cosa migliore che ho non sono i colpi. Anzi, se parliamo di quelli, non credo di avere tanto talento. Il mio vero talento è un altro, e lo devo alla mia famiglia, che mi ha trasmesso il rispetto per il lavoro, e insegnato a dare sempre il massimo. Per questo ogni volta che vado in campo, non importa contro chi, penso sempre: “lo con questo ci vinco”. Non sciolgo mai, non lascio mai un punto. Con Simon a Colonia ho perso il secondo set 6-0, ma è durato comunque un’ora, e non ho regalato nulla. Così l’altro lo fai pensare, gli fai capire che ci sei, e che piuttosto di mollare sei disposto a morire in campo. […]

Continua a leggere

Rassegna stampa

Nole, che missione. Chiudere sei stagioni da numero uno come l’idolo Sampras (Cocchi)

La rassegna stampa di martedì 27 ottobre 2020

Pubblicato

il

Nole, che missione. Chiudere sei stagioni da numero uno come l’idolo Sampras (Federica Cocchi, Gazzetta dello Sport)

L’ultima volta a Vienna era un ragazzino. Era il 2007, e aveva appena 20 anni, ma sapeva già come vincere. A due settimane dalla batosta rimediata in finale al Roland Garros da Nadal, Novak Djokovic rimette piede nell’arena austriaca, e con una motivazione superiore. Non è fame, è piuttosto voglia di qualcosa di diverso: raggiungere il suo idolo di gioventù, Pete Sampras. Solo due vittorie, che dovrebbero arrivare questa settimana, lo separano da chiudere l’anno aritmeticamente al numero 1 del mondo per la sesta volta in carriera. Solo due vittorie lo separano dal record di Pistol Pete, l’unico fino ad ora a riuscirci e, consecutivamente, dal 1993 al 1998. Un obiettivo che il campione di 17 Slam definisce amazing, stupefacente. Per l’aspetto affettivo, ovvero raggiungere l’eroe di bambino, ma anche per quello ferocemente agonistico. Arrivare alla sesta stagione chiusa in vetta al ranking, avrebbe un sapore più dolce perché gli permetterebbe di staccare, almeno in questa speciale classifica, gli arcirivali Federer e Nadal. Nole ha chiuso l’anno sul trono finora cinque volte: 2011, 2012, 2014, 2015 e 2018. Lo stesso numero di Rafa e Roger, i primi della classe, quelli che sotto sotto non lo hanno mai davvero considerato “uno di loro”. E allora perché non dare un’accelerata e iniziare il sorpasso proprio questa settimana dalla capitale austriaca? Per il campione serbo sarà anche l’ultimo appuntamento della “regular season”. Nole infatti ha annunciato tempo fa che non parteciperà al Masters 1000 di Parigi Bercy, dove il palcoscenico sarà tutto di Nadal, uno che in città ha dimostrato di trovarsi bene. «Se dovessi raggiungere Sampras sarebbe straordinario, una specie di sogno di bambino che si realizza. Quando cresci ammirando un idolo e poi riesci ad avvicinarti così tanto a lui è bellissimo. Comunque il mio obiettivo è restare numero uno al mondo per il maggior tempo possibile». Messaggio a chiare lettere per i diretti concorrenti nella rincorsa al titolo di più grande di tutti i tempi. Soprattutto a Federer, e al suo primato di 310 settimane in cima al mondo. Un appuntamento con la storia che potrebbe andare in scena già a inizio del prossimo anno. Ieri Nole ha cominciato la sua 292a settimana totale da numero 1 e se la situazione rimanesse tale passerebbe lo svizzero a inizio marzo del 2021: «Con i tempi che corrono non me la sento di fare previsioni. Ma certamente se il calcolo dei punti rimarrà così, per me che ho vinto molto a inizio anno sarebbe un vantaggio. Però vi prego, non trascinatemi ancora nel discorso su chi sarà il più grande di sempre» […]

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement