El Peque o El Pibe? Anche Maradona fra i tifosi di Schwartzman

Flash

El Peque o El Pibe? Anche Maradona fra i tifosi di Schwartzman

La leggenda del calcio argentino non ha mancato di esprimere il suo sostegno al suo concittadino in vista della finale di Roma con Djokovic

Pubblicato

il

Diego Armando Maradona - Argentina vs Italia, Coppa Davis 2017 (foto Prensa AAT / Sergio Llamera)

Nel corso di un weekend di tennis entusiasmante, Diego Schwartzman ha eliminato i due mancini più forti del tennis attuale, Rafa Nadal e Denis Shapovalov, ma per affrontare Novak Djokovic in finale (compito all’apparenza proibitivo, viste le energie già spese) gli è arrivato l’incoraggiamento di un terzo sinistro d’autore, anzi, forse DEL sinistro d’autore, quello di Diego Armando Maradona.

El Pibe de Oro ha postato questa foto su Instagram, con tanto di riproduzione del trofeo dei Mondiali creato dall’italiano Silvio Gazzaniga, facendo capire che non si perderà il match odierno:

Oltre al nome (ovviamente Schwartzman è stato chiamato così in onore del proprietario della Mano de Dios), alla nazionalità e alla cittadinanza comune di Baires, è facile capire come El Diez possa identificarsi con un atleta costretto a colpire continuamente sopra la sua categoria di peso, e l’ha sottolineato con il suo post: “Congratulazioni Peque! Tu giochi con una rete da pallavolo, eppure sei in finale. Per me sei già campione“.

Infatti, non è la prima volta che Maradona esprime apertamente la sua affinità con Schwartzman. Questo fu il suo post in seguito alla vittoria di Rio 2018:

Inoltre, il fuoriclasse di Villa Fiorita (60 anni il mese prossimo, e attuale allenatore del Gimnasia de La Plata, la cui retrocessione è stata annullata a causa della pandemia) ha sempre sostenuto la nazionale argentina in Davis – lo ricordiamo al tie con l’Italia in Coppa Davis nel 2017 e alla finale del 2016 a Zagabria, quando Del Potro rimontò due set a Cilic propiziando la vittoria albiceleste. El Peque non potrà che essere felice di questo ulteriore attestato di stima, e lo ha confermato commentando la foto pubblicata da Maradona: “Te amo! Gracias ídolo“. Immaginiamo non ci sia bisogno di traduzione.

Continua a leggere
Commenti

Flash

ATP Nur-Sultan: Millman e Mannarino in semifinale contro la Next Gen

L’australiano batte in rimonta al tie-break decisivo Paul. Ora affronterà Frances Tiafoe. Il francese non lascia scampo a McDonald e si giocherà la finale contro Ruusuvuori

Pubblicato

il

John Millman - Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

Le semifinali della prima edizione del Astana Open, torneo di categoria ATP 250 da oltre 300mila dollari di montepremi che si gioca a Nur-Sultan, capitale del Kazakistan, saranno il più classico degli scontri generazionali. Nella parte alta del tabellone, il 32enne mancino francese Adrian Mannarino, numero 41 del ranking e testa di serie n.3 del seeding, sfiderà il classe 1999 finlandese Emil Ruusuvuori, giocatore promettente e già capace di battere il nostro Sinner ad inizio stagione. A contendersi l’altro posto in finale saranno invece il 31enne veterano australiano John Millman, quarta testa di serie del torneo, e il 22enne statunitense Frances Tiafoe, n.63 del ranking mondiale uno dei volti più celebri della nuova generazione di tennisti made in USA. 

Mannarino e Ruusuvuori hanno dovuto faticare ben poco nei loro rispettivi match di quarti di finale. Il transalpino, con il suo tennis personale e imprevedibile, ha travolto l’americano Mackenzie MacDonald, giustiziere di Andreas Seppi al secondo turno, con lo score di 6-1 6-4. Il giovane finlandese, proveniente dalle qualificazioni, ha invece spento i sogni di gloria di Mikhail Kukushkin di trionfare tra le mura amiche, dominandolo per 6-3 6-1. Ruusuvuori continua la sua avventura in quello che era già il suo miglior torneo ATP in carriera, centrando la prima semifinale. Con Mannarino, un giocatore navigato, dotato di talento e anche intelligenza in campo, sarà per lui una vera prova del nove. 

Hanno avuto vita molto più dura invece Millman e Tiafoe. L’australiano, n.44 della classifica mondiale, ha dovuto dare fondo a tutte le sue grandi capacità di resistenza, atletica e mentale, per avere la meglio del 23enne statunitense Tommy Paul, vincitore del Roland Garros junior che sembra finalmente aver trovato la sua strada anche tra i professionisti. Dopo aver perso il primo set al tie-break, Millman ha pareggiato i conti nel secondo per 6-4 e ha conquistato il terzo ancora al tie-break per 7 punti a 5 dopo quasi tre ore di gioco. Da notare che Paul era in vantaggio 3 a 0 nel tie-break decisivo. 

 

Tiafoe è uscito vincitore di un’altra maratona da oltre due ore e mezza contro il 27enne bielorusso Egor Gerasimov, conclusasi con il punteggio di 7-6 5-7 7-5 in suo favore. L’esplosivo afroamericano se l’è vista brutta quando si è ritrovato sotto 4 a 3 di un break nel terzo set. Gerasimov però non ha confermato il vantaggio e si è poi spento. Millman e Tiafoe si sono divisi equamente le vittorie nei quattro precedenti scontri diretti, tutti giocati su superfici rapide. L’ultima sfida si è giocata ai recenti US Open ed è stata una battaglia, in cui ha prevalso il tennista aussie al quinto set dopo essere stato sotto 2 a 1. Insomma, ci sono tutti i presupposti per vedere un incontro molto acceso. 

Il tabellone aggiornato

Continua a leggere

Flash

La vittoria di Lorenzo Sonego contro Novak Djokovic: il commento del direttore

Le sette vittorie azzurre contro un numero 1 del mondo. La classifica di Ubaldo. L’exploit più prestigioso è di… Adriano Panatta

Pubblicato

il

Lorenzo Sonego e Novak Djokovic - Vienna 2020 (via Twitter, @atptour)

Continua a leggere

Flash

Bianca Andreescu si allena sulla terra della Mouratoglou Tennis Academy

La giocatrice canadese ha ripreso gli allenamenti in vista del 2021. Ha deciso di partire in maniera leggera, con qualche palleggio sulla terra battuta

Pubblicato

il

Bianca Andreescu - WTA Finals Shenzhen 2019 (foto via Twitter, @WTA)

La campionessa dello US Open 2019 Bianca Andreescu non ha giocato nemmeno un match ufficiale nel 2020. Sì, c’entra anche la pandemia, ma il problema principale è il suo ginocchio, che ha tardato a guarire. La sua condizione atletica non era ottimale neanche un mese e mezzo fa, quando ha provato a tornare in campo per la stagione su terra (allora fu un problema al piede a fermarla). Ora la giovane canadese sembra essersi ripresa: è tornata ad allenarsi, prima a Montecarlo e poi sui campi della Mouratoglou Tennis Academy.

L’obiettivo è riprendere da dove aveva lasciato, ovvero l’incredibile annata 2019, culminata con la vittoria allo US Open ma chiusa male, con l’infortunio alle WTA Finals. Ci sarà subito l’Australian Open ad aprire il suo 2021, un test molto importante per verificare la sua condizione e soprattutto la sua competitività con le altre top player.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement