Roland Garros, il programma del Day 3: in campo Berrettini, Djokovic e Mager

Roland Garros

Roland Garros, il programma del Day 3: in campo Berrettini, Djokovic e Mager

Subito in campo il numero 1 italiano, sul Lenglen, alle 11. Nole nel pomeriggio. Esordio anche per i reduci della finale di Amburgo, Rublev e Tsitsipas

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - Internazionali d'Italia 2020 (foto Giampiero Sposito)

Terza e ultima giornata di esordi per questo Roland Garros autunnale, caratterizzato sinora da freddo, pioggia e lamentele per le palle difficili da gestire.

Sarà giornata di primo turno per gli ultimi due italiani impegnati, Berrettini e Mager, che scenderanno in campo rispettivamente come primo match sul Lenglen (contro Pospisil, ore 11) e secondo match sul campo 9 (contro Lajovic). Favori dei pronostici per Matteo, ruolo di underdog per Gianluca.

Sullo Chatrier comincerà il Roland Garros del numero 1 Djokovic, fresco campione a Roma, che non dovrebbe soffrire troppo contro lo svedese Mikael Ymer all’ora del caffè (15 circa). Il campione e il finalista di Amburgo, Rublev e Tsitsipas, dovranno dimostrare di aver smaltito le scorie tedesche; il russo sfiderà Querrey attorno alle 13 sul Simonne Mathie, a Tsitsipas tocca un giocatore che potrebbe rivelarsi insidioso su questi campi, Munar (terzo match sul Lenglen).

 

METEO – Ci sarà da soffrire (e aprire gli ombrelli) anche martedì. Tra le 11 e le 14 è prevista pioggia deboli, poi le precipitazioni dovrebbero cessare ma il cielo rimarrà coperto – e minaccioso – per tutta la giornata.

Court Philippe Chatrier – ore 11
[Q] M. Sherif vs [2] Ka. Pliskova
L. Siegemund vs K. Mladenovic
[1] N. Djokovic vs M. Ymer
[9] D. Shapovalov vs G. Simon

Court Suzanne Lenglen – ore 11
V. Pospisil vs [7] M. Berrettini
L. Samsonova vs [4] S. Kenin
J. Munar vs [5] S. Tsitsipas
[8] A. Sabalenka vs J. Pegula

Court Simonne Mathieu – ore 11
[21] J. Brady vs [Q] C. Tauson
S. Querrey vs [13] A. Rublev
[10] R. Bautista Agut vs R. Gasquet
[WC] P. Parmentier vs V. Kudermetova

Court 14 – ore 11
U. Humbert vs [LL] M. Polmans
F. Ferro vs H. Watson
[29] S. Stephens vs V. Diatchenko
G. Barrere vs [18] G. Dimitrov

Court 7 – ore 11
T. Babos vs A. Bogdan
[14] E. Rybakina vs S. Cirstea
[WC] Q. Halys vs M. Giron
D. Kasatkina vs [WC] H. Tan

Court 4 – ore 11
[Q] M. Niculescu vs D. Collins
[26] D. Vekic vs [Q] I. Bara
K. Kozlova vs P. Badosa 
A. Martin vs . Sousa J.

Court 5 – ore 11
[20] C. Garin vs P. Kohlschreiber
Z. Diyas vs [30] O. Jabeur
J. Goerges vs [19] A. Riske

Court 9 – ore 11
J. Ostapenko vs M. Brengle
[22] D. Lajovic vs G. Mager
[Q] H. Laaksonen vs P. Cuevas

Court 10 – ore 11
L. Harris vs A. Popyrin
DOPPIO
S. Johnson vs R. Carballes Baena

Court 11 – ore 11
DOPPIO
H. Dellien vs R. Berankis

Court 12 – ore 11
A. Van Uytvanck vs R. Peterson
L. Djere vs K. Anderson
T. Monteiro vs [31] N. Basilashvili

Court 13 – ore 11
N. Hibino vs [Q] M. Kostyuk
[WC] H. Mayot vs A. Davidovich Fokina
Y. Uchiyama vs A. Balazs
[13] P. Martic vs M. Doi


Continua a leggere
Commenti

Flash

Roland Garros, Krejcikova completa la doppietta: suo anche il titolo di doppio

In coppia con Siniakova, la ceca domina la finale contro Swiatek/Mattek-Sands e vince il terzo Slam in doppio, il settimo in carriera considerando tutte le specialità

Pubblicato

il

Barbora Krejcikova lascia Parigi con una storica doppietta. Dopo il sorprendente successo in singolare in finale contro Anastasia Pavlyuchenkova, è arrivato anche il titolo di doppio in coppia con la connazionale Katerina Siniakova. Le due hanno superato in una partita abbastanza a senso unico il duo formato da Iga Swiatek e Bethanie Mattek-Sands. Dopo essere scappate sul 5-1 nel primo set, le ceche si sono fatte rimontare fino al 5-4, salvo poi chiudere nel gioco successivo. Nel secondo, uno scambio di break ha momentaneamente fissato il punteggio sul 2-2, prima che Krejcikova e Siniakova prendessero il largo, vincendo tutti i successivi quattro game e trionfando per la seconda volta su questi campi, a tre anni di distanza dal primo titolo.

Krejcikova vince dunque il terzo Slam di specialità in quattro finali, il settimo tra singolare, doppio e doppio misto. Tutte le finali sono state raggiunte in coppia con Siniakova, che ne ha giocata una in più, perdendola, allo US Open 2017 in coppia con Lucie Hradecka e festeggia dunque anche lei il suo terzo successo Slam in doppio. La vittoria permette a Krejcikova tornare nuovamente a occupare la prima posizione del ranking di specialità, mentre Siniakova si attesta al numero due a soli venticinque punti di distanza dalla compagna.

Continua a leggere

Flash

Roland Garros: Tsitsipas si ferma un set troppo presto, Djokovic fa diciannove [VIDEO]

In vantaggio di due set, Stefanos Tsitsipas subisce la rimonta di Novak Djokovic che vince il suo secondo Roland Garros

Pubblicato

il

Novak Djokovic con il trofeo - Roland Garros 2021 (foto Twitter @RolandGarros)

[1] N. Djokovic b. [5] S. Tsitsipas 6-7(6) 2-6 6-3 6-2 6-4

Ancora una volta un esponente della NextGen (termine abusato ma di cui ormai non possiamo più fare a meno) è andato in vantaggio per due set a zero in una finale Slam, ma non è riuscito a chiudere la partita ed ha finito per cedere al quinto set. Era capitato a Zverev all’US Open 2020, è capitato a Tsitsipas qui a Parigi. Sicuramente entrambi avevano avuto la “collaborazione” dei loro avversari, che avevano cominciato la partita non giocando il miglior tennis, ma è inevitabile pensare che nella domenica pomeriggio parigina che ha visto Tsitsipas accarezzare il suo sogno sia mancato qualcosa al tennista greco proprio nel terzo set, quando Djokovic era in evidente difficoltà, molto scarico fisicamente e in attesa di qualcuno che gli desse la spinta finale giù dal burrone.

Invece il campione serbo è riuscito a ricostruire il suo tennis colpo per colpo, prima con il servizio, poi con la risposta, ed ha eretto man mano un muro che Tsitsipas ha trovato sempre più difficile superare.

 

IL MATCH – Inizio di finale subito difficile per l’esordiente Tsitsipas, che già nel game d’apertura ha dovuto affrontare due palle break, annullate peraltro con bella autorità, chiudendo poi il suo primo turno di battuta con tre ace consecutivi. L’impatto sulla partita di Djokovic era parso ottimo, mentre Tsitsipas sembrava un po’ trattenuto nei colpi, non si capiva se per tensione o per scelta tattica.

Il serbo nei propri turni di battuta era intoccabile: doveva passare quasi mezz’ora prima che perdesse il primo punto sul proprio servizio, mentre Tsitsipas, pur evitando altre palle break doveva sicuramente sudare di più per portare a casa i suoi game. Una caduta piuttosto brutta di Djokovic, inciampato su una buca del Philippe Chatrier nel rincorrere una smorzata, avrebbe potuto avere conseguenze piuttosto gravi se il serbo non avesse evitato di poco il cartellone pubblicitario messo di fianco alla rete, ma il tutto si è risolto con una maglietta sporca di terra.

Sul 5-4 Tsitsipas primo game di difficoltà per Djokovic: un set point sul 30-40 è stato annullato con un ottimo schema di rovescio incrociato stretto, e poi il game si è chiuso due punti dopo con Nole in forcing. Aumento del ritmo per il n. 1 del mondo, che nella fase decisiva del set ha iniziato a spingere di più negli scambi da fondo. Il più classico dei “contrappassi tennistici” colpiva Tsitsipas nel game seguente: il greco accettava la battaglia a ritmo più sostenuto da fondo e finiva per compiere quattro errori non forzati (tre diritti e un rovescio) che mandavano Djokovic a servire per il set.

A questo punto però i 5.000 dello Chatrier e i milioni a casa hanno assistito ad una deviazione piuttosto insolita dal copione usuale degli ultimi anni, con il n. 1 del mondo che concedeva il controbreak a 15, quasi incapace di mantenere il ritmo da lui stesso imposto nel game precedente.

Nel tie-break successivo Tsitsipas andava subito 4-0, complice anche un doppio fallo di Djokovic. Sul 5-2 il greco perdeva due punti sul proprio servizio, uno dei quali anche grazie a un provvidenziale ‘net’ che ha aiutato la volée smorzata di Djokovic. Era proprio il serbo ad arrivare per primo al set point, sul 6-5, cancellato comunque da un diritto vincente; poi però, dopo il cambio di campo era Tsitsipas a trovare il guizzo vincente e portare a casa il set per 8-6 dopo 68 minuti di gioco.

Lo stadio, già nettamente a favore di Tsitsipas prima della partita, si è lasciato andare ad un boato incredibile per accompagnare il vantaggio del loro beniamino. La sconfitta nel primo set ha causato un contraccolpo piuttosto importante nel n. 1 del mondo, che ha ceduto subito il servizio in apertura di set, ma soprattutto ha dato l’impressione di essere particolarmente scarico dal punto di vista fisico. Quello che lasciava perplessi era la sua incapacità davvero insolita di trovare soluzioni sulla risposta e la facilità con la quale veniva sorpreso dai colpi in contropiede di Tsitsipas. La giornata dal sole particolarmente vivo, anche se meno “caliente” di quello di venerdì scorso, ma soprattutto le oltre quattro ore giocate contro Nadal due giorni prima probabilmente avevano lasciato delle scorie nel fisico di Djokovic. In solo mezz’ora Tsitsipas si è portato sul due set a zero, ad un passo dal sogno di conquistare il Roland Garros.

La brezza insistente che soffiava dall’inizio del match sulle tribune in ombra e rendeva la temperatura percepita quasi tiepida rendeva il contrasto con il campo soleggiato e scivoloso ancora più netto. All’inizio del terzo set Djokovic, anche se non era sicuramente tornato quello dei giorni migliori, ha comunque limitato gli errori ed è tornato a palleggiare da fondo facendo lavorare Tsitsipas molto di più per ottenere i punti. Il game decisivo del parziale è stato sicuramente il quarto, sul 2-1 Djokovic, un game di 20 punti nel quale il serbo è riuscito a ottenere il secondo break del match, ma che questa volta lo ha lanciato alla conquista del parziale.

Come spesso succede, quando non si riesce a tenere con la testa sotto l’acqua il giocatore più forte, questo finisce che ritrova almeno in parte lo smalto dei giorni migliori e ridiventa pericoloso. In questo caso Djokovic, conquistato il terzo set, è riuscito a ritrovare la ribattuta che per tutta la giornata era stata latitante ed è partito a razzo nel quarto set, ottenendo un break in apertura (anche grazie a tre gratuiti di Tsitsipas) e soprattutto il secondo break della tranquillità per il 3-0, portando a casa un altro game fiume, stavolta da 16 punti, aperto con due risposte al fulmicotone. Da quel punto il parziale è stato solamente un lento traghettare verso il set decisivo, con soli tre punti vinti dai giocatori alla risposta.

Con l’ombra del Philippe Chatrier che avanzava a coprire tutto il campo e faceva calare la temperatura nell’area di gioco, il quinto set cominciava come era terminato il quarto. Djokovic era tornato a sbagliare una palla ogni quarto d’ora e la sua risposta teneva in campo quasi tutto. Tsitsipas ha salvato una palla break nel game d’apertura, ma poco dopo una palla corta da troppo lontano e due errori da fondo gli sono costati il break, un break molto pesante perché Tsitsipas non era riuscito ad andare oltre il “30” sul servizio di Djokovic dal settimo gioco del secondo set.

Il greco ha provato a resistere con tutte le sue forze, è arrivato a 40 nel game finale, ma alla fine ha dovuto soccombere dopo 4 ore e 11 minuti di gioco.

DICIANNOVE – Si tratta del diciannovesimo titolo dello Slam per Djokovic, che conferma il primo posto della classifica mondiale (Medvedev avrebbe potuto sottrarglielo arrivando in finale con una combinazione di risultati favorevoli), rimane in corsa per il Grande Slam annuale (dopo il successo in Australia in febbraio) e diventa l’unico giocatore dell’era moderna ad aver vinto due volte tutti i tornei Major.

Il tabellone maschile del Roland Garros 2021 con i risultati aggiornati

Continua a leggere

evidenza

Roland Garros, favola Krejcikova: è lei la regina di Parigi!

Con appena cinque Slam alle spalle in singolare, la venticinquenne ceca batte Anastasia Pavlyuchenkova in tre set. Domani cercherà il bis in doppio

Pubblicato

il

Barbora Krejcikova vince il Roland Garros 2021 (Credit: @WTA_insider on Twitter)

Barbora Krejcikova ha conquistato il suo primo Slam battendo Anastasia Pavlyuchenkova per 6-1 2-6 6-4 in un’ora e 58 minuti. Incredibile ascesa per la tennista ceca, che è entrata fra le prime 100 giocatrici al mondo solo lo scorso ottobre e suggella così una striscia di 12 vittorie consecutive che l’ha vista trionfare due volte in tre settimane sul suolo transalpino, prima a Strasburgo e poi sul palcoscenico decisamente più importante dello Chatrier. Peccato per Pavlyuchenkova, alla prima finale Slam alla cinquantaduesima partecipazione: la russa ha rimontato un set, ma dalla fine del secondo ha risentito di un problema alla coscia sinistra che ne ha limitato la mobilità per tutto il parziale decisivo.

Krejcikova, che ha trionfato alla sua quinta partecipazione Slam, salirà al quindicesimo posto del ranking, ed è stata premiata dalla connazionale Martina Navratilova; domani giocherà anche la finale di doppio in coppia con Siniakova, cercando una combinata che a Parigi non accade dal 2000, quando a riuscirvi fu Mary Pierce. “La partita è stata molto equilibrata, Anastasia è una grande campionessa”, ha detto durante la premiazione. “Ho sempre sognato di vincere un titolo così, di fronte a grandi campioni del mio Paese come Martina Navratilova e Jan Kodes. Ringrazio tutte le persone che mi sono state vicine perché mi danno la forza per lottare su ogni palla, e sono contenta che il mio idolo Justine Henin ora sappia chi sono!” Non è mancata una dedica a Jana Novotna, grande campionessa ceca scomparsa nel 2017 e sua mentore per circa tre anni.

IL PERCORSO

Krejcikova è entrata in Top 50 a marzo grazie alla finale nel WTA 1000 di Dubai contro Muguruza, e al momento è al best ranking di N.33. Ha raggiunto questa finale alla sua quinta partecipazione Slam, ma l’esperienza ad altissimi livelli non le manca in assoluto: ha giocato tre finali Slam in doppio femminile (due vittorie nel 2018 a Parigi e Londra e una finale quest’anno a Melbourne) e tre nel misto (vincendo le ultime tre edizioni dell’Australian Open).

 

La ceca era reduce da una striscia vincente di 11 partite (solo Badosa e Gauff hanno più vittorie su terra di lei nel 2021), avendo vinto il suo primo torneo in carriera a Strasburgo subito prima del Roland Garros, come detto. Durante quest’ultimo ha perso il primo set giocato contro Krystina Pliskova per poi viaggiare spedita fino alla semifinale con vittorie su giocatrici come Svitolina e Stephens. Nel match di giovedì contro Sakkari ha salvato un match point sul 3-5 del terzo set prima di spuntarla per 9-7.

I trascorsi di Pavlyuchenkova sono invece molto diversi, visto che ha raggiunto la sua prima semifinale (e finale) alla cinquantaduesima partecipazione in un Major, come detto, con sei sconfitte ai quarti prima di questo exploit. Fino ai giorni scorsi la carriera della russa era considerata un filino sotto le attese, visti i tre titoli Slam a livello juniores, ma il suo record contro le migliori fa capire che il DNA sia sempre stato da campionessa: ha infatti battuto 37 Top 10, il numero più elevato per una tennista che non abbia mai raggiunto la Top 10.

Il suo best ranking è di N.13 (raggiunto nel lontano 2011), ranking che il Roland Garros 2021 le permetterà di avvicinare: lunedì salirà al N.19. Come la sua avversaria veniva da un gran momento di forma, avendo vinto 10 delle sue ultime 11 partite (ha raggiunto la semifinale a Madrid), e durante le due settimane a Porte d’Auteuil si è visto: ha infatti vinto tre partite al terzo contro avversarie più quotate, servendo un bagel a Sabalenka prima di rimontare Azarenka e la sua partner di doppio Rybakina, continuando a colpire Wawrinkamente senza curarsi dello scorrere del tempo.

I CONFRONTI DIRETTI

Quello di oggi è stato il primo confronto fra le due in singolare, anche se Krejcikova è avanti 2-0 in doppio. Proprio in questa specialità hanno rischiato di incontrarsi in semifinale: Pavlyuchenkova ha perso ai quarti insieme a Rybakina contro Linette/Pera, poi slavate da Krejcikova/Siniakova in semi.

IL MATCH

PRIMO SETKrejcikova è partita con grande nervosismo, perdendo subito la battuta con due doppi falli e cercando principalmente di non sbagliare. In risposta ha invece verticalizzato molto bene, procurandosi una palla del contro-break, ma Pavlyuchenkova l’ha tratta in inganno con uno slice corto. La ceca ha però iniziato ad usare efficacemente il dritto tagliato per aprirsi il campo e spingere, e ha contro-breakkato quando Pavlyuchenkova le ha restituito la svista, giudicando lungo un campanile della ceca.

I colpi liftati e vari di Krejcikova hanno costretto Pavlyuchenkova a coprire molto più terreno, dando sovente alla ceca il comando dello scambio (13 vincenti a 7 Krejcikova nel set, 16-6 negli scambi sopra i quattro colpi). Passata la tensione iniziale, la classe 1995 non ha dato punti di riferimento alla russa, salendo a doppia palla break con una smorzata; Anastasia le ha reso la pariglia per salvare la prima, mentre sulla seconda ha scheggiato un micron di riga con un rovescio lungolinea coraggioso. Due errori di rovescio hanno però dato il 3-1 alla ceca.

La prima di Pavlyuchenkova non ha minimamente disturbato Krejcikova (3/13 con il colpo all’inizio), andando in totale confusione e concedendo lo 0-40 nel sesto game con uno smash in rete. La palla corta l’ha salvata nella prima occasione, ma la profondità del rovescio di Krejcikova l’ha costretta a sbagliare un dritto, mandando Barbora a servire per il set. La russa è riuscita a portarsi 0-30, ma Krejcikova ha trovato due servizi slice perfetti, e ha chiuso il set su una risposta lunga dell’avversaria in appena 31 minuti.

SECONDO SET – Pavlyuchenkova ha cercato di proporre maggiore varietà all’inizio del parziale, sia in termini di direzioni che di ritmi, ma inizialmente la sua difficoltà nel creare punti con il servizio è tornata a manifestarsi. Già nel primo game Krejcikova ha affettato a volontà con lo slice ed è salita a palla break con una risposta vincente di dritto in cross, ma Anastasia si è salvata con uno schiaffo al volo di dritto ed è riuscita a tenere su due rare risposte sbagliate dalla ceca.

A quel punto il match è girato completamente. La russa si è sbloccata, e nel game successivo si è portata sullo 0-30 con due vincenti di dritto (una risposta lungolinea ed un passante incrociato), conquistando la tripla palla break con una smorzata, l’unico colpo che ha funzionato sin dall’inizio. Pavlyuchenkova ha sbagliato due dritti, ma ha poi breakkato con un vincente di rovescio lungolinea. La russa ha trovato molto più spesso la botta al centro da destra, e questo le ha permesso di essere molto più aggressiva con i colpi in uscita dal servizio, soprattutto sulla diagonale di rovescio, dove ha dominato: 4 vincenti senza errori per la russa, 0 vincenti e 5 non forzati per la ceca. Nel sesto game è arrivato l’allungo decisivo: Krejcikova ha salvato due palle break, ma ha poi commesso un doppio fallo regalandone una terza, e non è riuscita a gestire la risposta di Pavlyuchenkova.

Nel finale di set è arrivato il momento che ha forse deciso il match. Krejcikova è riuscita a recuperare il break, contenendo il passivo, ma soprattutto Pavlyuchenkova ha avuto un problema fisico, accusando un dolore alla coscia sinistra. Pesantemente fasciata, la tds N.31 si è messa giustamente a tirare tutte le risposte per muoversi meno, e la cosa le ha inizialmente portato bene: Krejcikova, sotto pressione, ha sbagliato una palla corta, concedendo un set point sfruttato dalla russa con un rovescio vincente.

TERZO SET – Krejcikova si è presa un lungo toilet break, ma una volta tornata in campo è sembrata completamente scollegata, commettendo diversi non forzati a inizio scambio, non riuscendo così a testare la tenuta fisica della sua avversaria. Dopo un primo game negativo, però, la ceca ha iniziato a ritrovare la risposta, pungolando l’avversaria al corpo per due volte e portandosi 15-40 nel terzo gioco con una palla corta di dritto, salendo poi 2-1 e servizio su un doppio fallo della russa. Pavlyuchenkova ha continuato a rispondere bene, però, e si è portata 0-40 nel gioco successivo: Krejcikova si è salvata prima con smorzata-lob e poi con un bellissimo contropiede bimane, ma ha ceduto quando la russa ha intelligentemente alzato la traiettoria per poi chiudere con lo sventaglio.

Con il passare dei minuti, però, Pavlyuchenkova è calata visibilmente, forse risentendo dell’infortunio: è riuscita a ritrovare la velocità con la prima, usando tre servizi vincenti per tirarsi fuori da un 15-30 nel quinto gioco, ma nel turno successivo è stata molto lenta in uscita dal servizio, concedendo il break a zero su due vincenti, uno per parte, di Krejcikova.

La ceca è sembrata ritrovare l’equilibrio interiore, e ha rintuzzato l’aggressività in risposta dell’avversaria con i lungolinea: tenuto il servizio, si è portata a due punti dal match con un vincente di dritto, ed è salita a doppio match point con uno splendido rovescio incrociato che è schizzato sulla riga. Pavlyuchenkova ha controllato bene il primo a partire da un buon servizio al centro, mentre sulla seconda Krejcikova ha messo lunga una risposta su una seconda non irresistibile. Sul proprio servizio, Barbora si è portata a due punti dal titolo con un bello scambio in manovra, e si è procurata due championship point con un dritto inside-in dopo aver costretto la russa a staccare la mano in allungo verso sinistra. Ha commesso un doppio fallo sul primo, ma sul secondo Pavlyuchenkova ha messo appena lungo un rovescio, chiudendo la partita.

I NUMERI DELLA VITTORIA

Krejcikova è la terza unseeded a vincere a Parigi dopo Swiatek ed Ostapenko, e la prima ceca a vincere a Parigi da Mandlikova (all’epoca cecoslovacca) nel 1981; Navratilova ha vinto il titolo quando era già cittadina americana. Per lei è il secondo titolo della sua carriera alla quarta finale: fino ad un mese fa non ne aveva mai vinto uno. Krejcikova è la diciottesima giocatrice in attività a vincere uno Slam, la sesta campionessa consecutiva del Roland Garros a conquistare il suo primo Major qui a Parigi.

Il tabellone aggiornato del Roland Garros 2021

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement