Kudla positivo al virus, ma lo scopre in campo: caos alle qualificazioni dell'Australian Open

Australian Open

Kudla positivo al virus, ma lo scopre in campo: caos alle qualificazioni dell’Australian Open

Dopo l’argentino Cerundolo, contagiato anche Kudla. Ma l’americano lo scopre a un game dalla vittoria: passa il turno e beffa Benchetrit. Il neo-marocchino spiega: “Se avessi vinto quel game lui si sarebbe dovuto ritirare e avrei passato il turno”. Ora sono out entrambi

Pubblicato

il

Denis Kudla

Il Covid-19 si è infilato nelle qualificazioni maschili dell’Australian Open, andando a scuotere la (presunta, a questo punto) solidità dei protocolli di sicurezza.

Denis Kudla (114 ATP), che ha battuto 6-4 6-3 Elliot Benchetrit nel match di primo turno, è stato costretto al ritiro dal tabellone in quanto risultato positivo. Condizione, è evidente, ignorata dallo statunitense quando è sceso in campo. Ciò che colpisce è infatti proprio la tempistica di quanto accaduto. Benchetrit – francese che da questa stagione ha scelto di giocare per il Marocco, Paese d’origine del padre – in un video sui Instagram ha raccontato che la positività al tampone molecolare sarebbe stata comunicata a Kudla durante il match.

L’abbiamo saputo sul 5-3 del secondo set – le sue dichiarazioni su Instagram -, mi hanno spiegato che se avessi vinto quel game lui si sarebbe dovuto immediatamente ritirare e sarei stato io a passare il turno“. Invece la partita si è trascinata al traguardo, poiché era previsto che si completasse il game in corso prima di ufficializzare l’esclusione di Kudla; soltanto che quel game l’ha vinto l’americano, che ha vinto anche la partita ma si ritrova ugualmente fuori dai giochi e costretto alla quarantena in Qatar. A beneficiare del forfait obbligato di Kudla è l’australiano Dane Sweeny (794 ATP), che dopo aver sconfitto Copil al primo turno si ritrova direttamente al match decisivo, nel quale sfiderà Stakhovsky per un posto in tabellone a Melbourne.

 

SUL POSTO – Benchetrit era in attesa di conoscere la sua posizione, ma alla fine non è stato considerato un contatto stretto di Kudla – l’iter del tracciamento è stato ripercorso delle autorità sanitarie locali – e dunque non è stato obbligato a sua volta all’isolamento. La sua ultima storia Instagram lo segnala in procinto di atterrare a Nizza, dove tornerà ad allenarsi sulla terra battuta. Dal suo punto di vista, contattato telefonicamente da Tennismajors, ha avanzato anche una possibile ricostruzione della catena di contagi: “In hotel utilizziamo gli ascensori di servizio, quelli per il personale, per non entrare in contatto con i clienti. E non pochi giocatori sospettano che i lavoratori della struttura non vengano testati regolarmente. Prima di arrivare a Doha ciascun giocatore si è dovuto sottoporre a un test nel Paese di provenienza, seguito da un altro appena messo piede in Qatar“.

Il sito australiano The Age riporta una comunicazione di Tennis Australia secondo la quale tutti i giocatori sarebbero risultati negativi al primo test in Qatar. Pur senza certezze, Benchetrit lascia intendere quindi come il contagio per Kudla possa essere anche avvenuto nell’emirato. E non è stato l’unico. Dopo aver superato domenica il primo turno di qualificazioni, ha avuto notifica di positività al Covid-19 anche l’argentino Francisco Cerundolo che avrebbe dovuto affrontare lo spagnolo Mario Vilella Martinez (186 ATP).

TEMPISTICA – Il problema a questo punto non è in assoluto l’emergere di casi di contagio – fisiologico, di questi tempi, per quanto si teorizzino le bolle – ma il fatto che i giocatori possano scendere in campo senza avere certezza della loro negatività. Resta aperta la questione – ancora non pienamente decifrabile, vale anche per altri sport – dei tempi di incubazione del virus rispetto ai test (rapidi o molecolari che siano) effettuati nell’immediato pre match. Qui però a non convincere è la tempistica nell’effettuazione e nell’analisi dei tamponi.

Dustin Brown ha rivelato su Twitter di essersi sottoposto al secondo test a Doha (dopo quello all’arrivo) nella mattinata del 10 gennaio e di essere sceso in campo per il primo turno intorno alle 16, conoscendo via mail il risultato (negativo) alle 11 del giorno successivo. “Ben oltre le 8-14 ore che ci erano state indicate come termine per la consegna dei risultati“, ha concluso. Se di rodaggio si tratta, è bene che il motore della macchina organizzativa vada a pieno regime prima che inizino le danze in Australia.

Continua a leggere
Commenti

Australian Open

Andy Murray è positivo al coronavirus: Australian Open a rischio

Lo scozzese non può partire per l’Australia: a rischio lo Slam, se Tennis Australia non gli permetterà di raggiungere Melbourne nei prossimi 7-10 giorni

Pubblicato

il

Andy Murray - Finali Coppa Davis 2019 (photo by Corinne Dubrevil / Kosmos Tennis)

Dopo la vicenda di Tennys Sandgren, partito per l’Australia nonostante il test positivo al Coronavirus, è arrivata un’altra notizia significativa in vista dello Slam di Melbourne: Andy Murray è risultato positivo al coronavirus e la sua presenza al prossimo Australian Open è ora in bilico. Lo scozzese si è sottoposto al test pochi giorni prima della partenza per Melbourne, per poter fornire la prova della negatività al virus, che purtroppo per lui non è arrivata. Per ora quindi, Murray resterà a casa.

La notizia è stata riportata da diversi media britannici: secondo il Daily Mail l’ex numero uno del mondo ha sintomi lievi. La Gran Bretagna sta vivendo un momento terribile della pandemia: accanto al picco dei contagi si registrano ogni giorno oltre mille decessi.

Sicuramente Murray non riuscirà a partecipare agli eventi di preparazione della prima settimana di febbraio, ma ora la speranza è che si negativizzi presto e che Tennis Australia gli consenta di raggiungere comunque Melbourne (al di fuori della finestra indicata dal protocollo, che chiude in questo weekend) in tempo per l’Australian Open. Ancora non sono giunte informazioni a riguardo. Secondo qualche indiscrezione, il tre volte campione Slam avrebbe contratto il virus nel centro di allenamento di Roehampton, dove si è riscontrato un piccolo focolaio negli ultimi giorni. Nel gruppo di tennisti che si è allenato a Roehampton nei giorni scorsi, pare che anche Paul Jubb sia risultato positivo.

 

Continua a leggere

Australian Open

Australian Open, qualificazioni maschili: la prima volta di Alcaraz, Tomic ce la fa

A Doha brilla la stella di Alcaraz, che giocherà il primo Slam della sua giovane carriera

Pubblicato

il

Carlos Alcaraz - Challenger Alicante 2020 (via Twitter, @ATPchallenger)

Non sono mancate le sorprese nell’ultimo atto delle qualificazioni dell’Australian Open, che quest’anno in via eccezionale hanno trovato casa a Doha. Cadono tante teste di serie, come il numero 1 del tabellone Gregoire Barrére, eliminato dal portoghese Frederico Silva. L’ex vincitore dello US Open junior di doppio (con Kyle Edmund) conquista così per la prima volta in carriera il tabellone principale di uno Slam. Non è andata meglio alla testa di serie numero 6 Damir Dzhumur, che viene spazzato via dal belga Coppejans in un’ora di gioco. Eliminate anche la testa di serie numero 11 Stebe, incapace di contrastare il redivivo Viktor Troicki al servizio, e il giapponese Taro Daniel, fermato da un Elias Ymer perfetto sotto pressione (6/6 palle break salvate).

La copertina di oggi va sicuramente all’eliminazione della testa di serie numero 2 Hugo Dellién per mano di Carlos Alcaraz, che strappa il pass finale per gli Australian Open. Una partita non iniziata benissimo da entrambi, poco continui ed efficaci al servizio. In un primo set che vede sei break, Alcaraz ha il merito di mantenere una prima affidabile. Va peggio al suo più esperto avversario, che vince solo quattro punti al servizio in tutto il primo set, subisce quattro break consecutivi e la prima frazione si chiude con un 6-2 Alcaraz.

Il secondo parziale si apre meglio al servizio per entrambi, ma per sfortuna della testa di serie numero 2 è il giovane fenomeno di El Palmar a condurre il set in maniera autoritaria. L’unico sussulto arriva nel quinto game, in cui Alcaraz annulla due palle break, ma il numero 141 del mondo non si guarda più indietro e chiude in un’ora e ventitré minuti il discorso qualificazioni. Con questa vittoria Carlos Alcaraz diventa il primo 2003 ad esordire nel tabellone principale di uno Slam, un traguardo che non fa che confermare le (enormi) aspettative che il mondo del tennis ripone in questo ragazzo. Dellien può comunque sorridere: entrerà nel main draw come lucky loser insieme a Taro Daniel.

 

A Melbourne ci sarà anche uno degli “idoli” di casa, il mercuriale Bernard Tomic. Il tennista australiano, salito alle cronache recentemente più per le vicende legate ai video hot con la sua fidanzata che per il tennis, conquista il tabellone principale degli Australian Open grazie ad una vittoria sul connazionale John-Patrick Smith. Successo che Tomic ha fatto di tutto per mettere in discussione, visto che sia nel primo e nel secondo set l’ex numero 17 del mondo deve rimontare un break. E se Bernard riesce a mantenere la calma e raddrizza la situazione nel primo set, nel secondo capitola al momento di servire per restare nel parziale.

Molto equilibrata la situazione nel terzo set, in cui Tomic alterna colpi da applausi ad errori marchiani. Dall’altra parte della rete Smith, numero 315 del mondo, si limita a rimettere la palla di là più volte che può, e spesso funziona. Serve un super tie-break per decretare un vincitore e Tomic fa valere la sua superiorità tecnica, guadagnandosi un biglietto aereo per l’Australia. Curiosamente è la seconda vittoria consecutiva del torneo al super tie-break e la terza in tre set per il tennista australiano, che ha mostrato una certa freddezza nei momenti decisivi di queste qualificazioni.

I risultati dell’ultimo turno:

E. Ymer b. [5] T. Daniel 6-1 6-2
[15] H. Laaksonen b. B. Gojo 6-7(4) 6-4 7-6(7)
M. Vilella Martinez b. T. Wu 4-6 7-5 6-4
K. Coppejans b. [7] D. Dzhumur 6-2 6-0
V. Troicki b. [11] C. Stebe 6-4 6-2
S. Stakhovsky b. [WC] D. Sweeny 2-6 6-3 6-1
T. Machac b. M. Torpegaard 6-2 6-1
R. Safiullin b. C. Lestienne 6-7(2) 6-3 6-4
[21] C. Alcaraz b. [2] H. Dellién 6-2 6-3
M. Cressy b. D. Brown 7-6(5) 6-4
M. Mmoh b. A. Rinderknech 6-3 7-6(3)
B. Van de Zandschulp b. M. Bourgue 7-6(4) 6-4
Q. Halys b. R. Haase 6-3 6-4
F. Ferreira Silva b. [1] G. Barrére 6-3 6-4
B. Tomic b. [WC] J. Smith 6-4 5-7 7-6(7)
[3] A. Karatsev b. A. Muller 6-2 6-1

Il tabellone delle qualificazioni maschili con tutti i risultati aggiornati

Continua a leggere

Australian Open

Francesca Jones oltre ogni limite: si qualifica per l’Australian Open con otto dita

La britannica, 20 anni, è uscita vincitrice dalle qualificazioni a Dubai. La malformazione alle mani e ai piedi non le ha impedito di realizzare il suo sogno: “Come giocare a carte con un mazzo diverso da quello degli altri: non significa che hai già perso”

Pubblicato

il

Oltre i limiti del possibile – almeno quello che si immaginava come tale – c’è Francesca Jones. Che lasciando un solo game alla cinese Jiajing Lu si è messa al collo il pass per l’Australian Open, traguardo enorme per il tunnel che ha dovuto attraversare. La ventenne di Leeds, numero 241 WTA, è affetta da una malattia rara e sulla carta invalidante per una sportiva professionista. Per colpa della ectrodattilia-displasia ectodermica (sindrome EEC, per comodità), si ritrova con le dita centrali delle mani e dei piedi fuse tra loro. Ne ha quindi quattro per mano e sul piede sinistro, appena tre sul piede destro, dopo aver subito una serie di interventi chirurgici adattativi. In aggiunta – e sembra quasi nulla, in un quadro così complesso – varie problematiche alla pelle, ai denti, ai capelli.

Sullo sfondo c’è però una sconfinata passione per il tennis, oltre a una famiglia in grado di sostenerne lo spirito di sacrificio. “I dottori mi hanno sempre detto che non avrei potuto giocare – le sue parole in un’intervista al Guardian -, la mia reazione è stata provare a dimostrargli che stessero sbagliando, farlo anche per i tanti ragazzi che hanno questo tipo di problemi. Forse non ho un corpo adatto, ma anche una Rolls-Royce è costruita da zero“.

GIOCARE A CARTE – In realtà, per gli ostacoli che ha dovuto superare, il paragone motoristico che viene più immediato non è con una berlina di lusso. Francesca è stata fortemente sostenuta dalla famiglia e all’età di dieci anni si è trasferita a Barcellona, diventando allieva dell’Academia Sanchez-Casal. Tra le mani ha sempre avuto una racchetta più leggera, per rendere meno complesso (si fa per dire) il problema dell’impugnatura. Nella quotidianità degli allenamenti, tante le ore dedicate alla postura dei piedi, al loro movimento, più in generale allo sviluppo dell’equilibrio. Un gap costante da rimontare, una sintesi concettuale di disarmante efficacia: “È come giocare a carte con un mazzo leggermente diverso da quello degli altri: non significa che hai già perso. Ho trasformato la mia diversità in un vantaggio, per esempio sfruttando il fatto che tutti gli altri pensino, sbagliando, che io parta svantaggiata“.

 

LA RINCORSA – E poi c’è la piena consapevolezza del proprio essere e del proprio percorso, perché alla maturità ci è arrivata presto. “Ho imparato a essere indipendenteha raccontato alla BBC dall’hotel di Doha – e a sviluppare il mio carattere. Nelle condizioni in cui sono avrei anche potuto subire atti di bullismo, ma ho una personalità tale che mi scivola tutto addosso. Se vogliono offendermi, il problema è il loro e non il mio“.

Jones fa base ancora a Barcellona, ma approfitta anche delle strutture del centro tecnico federale di Roehampton per sfruttare al meglio i periodi che trascorre in patria. Si trovava proprio al National Tennis Centre quando, a marzo, il premier britannico Boris Johnson annunciò il primo lockdown. “Sono stata l’ultima atleta a lasciare il centro – racconta – in quello che è stato l’ultimo giorno di normalità. Intuendo la situazione, ho chiesto al capo della sicurezza se potessi prendere in prestito degli attrezzi. E così, durante il lockdown, mi sono allenata tutti i giorni con mio padre allestendo una palestra nel garage di casa“. Quasi un gioco, per chi del superamento dei limiti ne ha fatto una ragione di vita. E così è partita la rincorsa: ad agosto il torneo di Praga, l’unica presenza nel circuito maggiore prima di tanti W25 (Tarvisio, Zagabria, Reims, Istanbul, Las Palmas). I gradini da cui spiccare il volo verso l’Australia, passando da un’indimenticabile trasferta a Dubai.

Il quadro completo delle qualificate all’Australian Open 2021

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement