Steve Flink: “Sinner non deve abbattersi, sarà in Top 10 entro lo US Open”

Focus

Steve Flink: “Sinner non deve abbattersi, sarà in Top 10 entro lo US Open”

Il direttore Scanagatta commenta il risultato a sorpresa di Miami e la stagione su terra in arrivo. Chi ha deluso di più, Medvedev o Zverev? Nadal tornerà presto N.2, mentre Andreescu riuscirà a rimanere in salute?

Pubblicato

il

 

Si è concluso il primo Masters 1000 della stagione e subito un altro è alle porte, per di più su una superficie diversa. Ubaldo Scanagatta e Steve Flink si sono quindi riuniti (telematicamente) per fare il punto della situazione dei due circuiti, a partire dal grande exploit di Jannik Sinner, che ha sfiorato la prima grande vittoria della sua carriera, e dalla conferma al vertice del ranking WTA di Ashleigh Barty. Di seguito la loro valutazione di quanto è successo:

00:00 Si inizia con l’uomo del momento, quell’Hurkacz che batte da sfavorito il nostro Sinner in finale a Miami. “Ha eliminato dal torneo Rublevi, Raonic, Shapovalov e Tsitsipas dopo una gran rimonta, per cui Sinner non deve sentirsi troppo demoralizzato”, chiosa subito Flink. Secondo Ubaldo, Sinner è “un diesel”, ed in finale ha peccato di inesperienza. Anche il vincitore non è esente da critiche: Flink infatti ricorda che “Hurkacz poteva andare avanti 5-0 nel secondo set, poi si è innervosito e quasi si faceva rimontare. Devo ammettere che mi aspettavo che Sinner giocasse molto meglio nel tie-break, invece ha commesso 4 o 5 errori non da lui”. Analizzando la partita nel complesso, continua Steve, “Hurkacz ha giocato un primo set quasi esclusivamente in difesa, poi nel secondo ha preso l’iniziativa nel gioco ed ha meritato”.

07:30 – Possiamo parlare di una grande opportunità mancata per Sinner: Ubaldo precisa come questo fosse “il primo Masters 1000 senza un top 4 nelle fasi finali dal lontano 2005. Personalmente mi aspettavo una vittoria di Medvedev”, il cui atteggiamento viene pesantemente criticato da Flink; “contro Bautista non è stato meritevole di vittoria. Mi piacerebbe vederlo più composto e determinato quando le cose non vanno per il verso giusto, invece nel secondo set ha quasi mollato la partita”. “Medvedev è il numero 2 del ranking in un’era dove in quella posizione di classifica ha sempre giocato qualcuno di imbattibile o quasi”, afferma il direttore. “Bautista è forte, ma gli manca sempre qualcosa per raggiungere il top e fare il salto di qualità: abbiamo visto contro Sinner – nei punti cruciali gli trema la mano”, continua. Secondo Flink, Nadal dovrebbe riprendersi la posizione di numero due a breve, visto l’incombere della stagione su terra, dove non vede Medvedev particolarmente brillante.

 

12.50 Ubaldo ricorda la vittoria di Fognini a Monte Carlo esattamente due anni fa, per cui pensava fosse un buon presagio per Sinner; il parallelismo continua, visto che entrambi avevano un avversario non proprio impossibile in finale, almeno per un Masters 1000, ma alla fine il risultato non è stato lo stesso. Flink ci tiene ad elogiare comunque la qualità di Sinner, ricordando la prestazione di Parigi contro Nadal dell’anno scorso, e pronostica che “Sinner sarà sempre competitivo contro i big del circuito”. Segue una comparazione di risultati ottenuti alla stessa età tra Sinner ed i top degli ultimi anni: “Il torneo di Miami fu vinto da Agassi e Djokovic a 19 anni, ma ad esempio Nadal perse in finale, e tra l’altro fu solo la prima di altre cinque sconfitte in finale. Per cui ho detto a Sinner che mi piacerebbe sorridesse, pensando al fatto che un campione come Nadal ha perso cinque finali a Miami”, conclude Ubaldo.

16.20 – “Sinner non è il tipo di persona che si fa intimidire, ma forse il ruolo di sfavorito gli avrebbe giovato”, dice Steve. “Devo dire che mi sembrava più solido di Hurkacz, che in passato aveva perso match già vinti, o che avrebbe dovuto vincere”, afferma Ubaldo; “anche a Miami, era 5-1 contro Rublev nel primo set, e quasi si fa riprendere. Nel secondo set, servendo per il match, aveva avuto un turno di servizio molto lungo”, continua. “Sinner si è fatto sopraffare dall’emozione di vincere un torneo importante, ma credo comunque che sarà in Top 10 già per lo US Open”, pronostica Flink. Ubaldo riporta poi una conversazione con il suo coach, Riccardo Piatti, che disse: “Finché il ragazzo non arriva a 150 match giocati, non potremo neanche immaginare il tipo di carriera che potrà avere”. Fa comunque pensare che il picco della carriera di un tennista, generalmente intorno ai 27 anni, sia ancora molto distante nel tempo per Jannik. “Uno dei pochi aspetti che ha da migliorare è la selezione dei colpi, e questa cambierà solo con l’esperienza dei match giocati”, analizza Steve. Secondo Ubaldo, anche il gioco a rete andrà perfezionato.

22.50Ultime parole sul vincitore Hurkacz, che “ha mostrato di avere buoni colpi da fondo”. Ubaldo e Steve concordano che “il suo servizio ricorda quello di Pete Sampras, il migliore di sempre, per stile e movenze”. Flink aggiunge che “serve molto forte, ma potrebbe indirizzarlo meglio, e sono sicuro ci lavorerà su”. Si passa poi a parlare delle delusioni del torneo: Ubaldo menziona Tsitsipas, e Flink spiega che “il greco non può perdere un match che sta vincendo con un set e quasi due break di vantaggio, sono molto deluso da lui”. Discorso diverso per Zverev, che per Flink era solo molto stanco: “Non vinceva molti punti col servizio, è un po’ strano vederlo così, visto che dallo US Open in poi è stato molto costante”. Ubaldo però pone l’accento sulla mancanza di solidità mentale del tedesco. Ubaldo poi sposta l’attenzione su un’altra delusione del torneo, il russo Rublev, che “non varia molto il suo gioco, risultando prevedibile nonostante sappia scambiare bene. Devo anche dire che l’anno scorso ha vinto tantissimi match, ma non erano tornei maggiori”.

32.00 La conversazione si concentra poi sul kazako Bublik, antitesi di Rublev, che diverte molto i due. Per Steve “è difficile prevedere se sarà un gran giocatore o solo un buon intrattenitore di folle”. “Tira le seconde più forti delle prime, sembra quasi non gli interessi nulla, personalmente mi ricorda molto Safin, istrionico come lui”, afferma Ubaldo. “Inoltre non è noioso nelle interviste!” Viene spesa qualche parola anche per il padrone delle ultime edizioni del torneo, John Isner, che ha sprecato tre match point contro Bautista, “ma non penso sarebbe andato troppo oltre”. Il giovane Sebastian Korda ha invece attirato l’attenzione, battendo tra gli altri Karatsev e Schwartzmann: “È così diverso dal padre! Petr era molto incostante, lui invece si adatta bene a tutti gli avversari”, commenta Flink, pronosticandolo in Top 10 entro l’anno prossimo.

40.00Si passa al torneo femminile; Barty trionfa di nuovo a Miami, dopo avere rischiato l’esclusione nei primi turni. “Si prospettava una finale molto bella, con Andreescu favorita visto il suo percorso, eppure è stata sconfitta, a prescindere dall’infortunio e conseguente ritiro”, afferma Steve. Secondo Ubaldo, Barty ha avuto un tabellone molto più ostico, quindi era lei da essere considerata la favorita per la vittoria finale. “Bianca ha vinto ogni match in tre set, mi aspettavo che questo l’avesse messa bene in palla fisicamente dopo i suoi infortuni. Di certo mi piacerebbe vederla tornare a giocare regolarmente”, dice Flink. Focus sul torneo di Osaka, conclusosi con la batosta contro Sakkari. “È stata disastrosa nel primo set, la greca rispondeva sempre aggressiva sulle seconde, ma poi avrebbe dovuto vincere il secondo set, visto che era sopra 4-1. Non credo tuttavia avrà altre prestazioni così mediocri quest’anno”, sostiene Steve. Ubaldo si dice molto deluso da lei, “le grandi campionesse non si comportano così, non prendono 6-0 in un set, non perdono così facilmente 6 game di fila come lei nel secondo set, nemmeno quando non sono in giornata”.

Bianca Andreescu (di schiena) e Ashleigh Barty (di fronte) – finale Miami Open 2021 (foto Twitter @MiamiOpen)

45.30Si passa ad una rassegna sull’imminente stagione su terra; per Ubaldo, “le campionesse del passato erano brave su tutte le superfici. Osaka sembra ancora avere limiti fuori dal cemento, e questo non puoi permettertelo quando hai certe aspettative”. Flink si dice eccitato all’idea di veder giocare una Andreescu finalmente in salute, “potrà dare vita a grandi match e rivalità con avversarie come Barty o la stessa Osaka: il tennis ha bisogno di questo per rivitalizzarsi, ha bisogno di sane rivalità”. Kenin e Sabalenka sono un gradino sotto queste tre, mentre Swiatek “è molto talentuosa, allo scorso Roland Garros è stata spettacolare, ma non la vedo ancora al livello delle prime”.

49.30L’ultimo argomento toccato è il record del tennis italiano: per la prima volta nella storia, ben dieci tennisti sono in Top 100. Menzione speciale per il giovane Musetti; Ubaldo si professa “intrigato dalla situazione del tennis in Italia come mai negli ultimi 40 anni”. Flink concorda, e crede che “tutto questo potrebbe spronare Berrettini a non adagiarsi sugli allori, visto che tanti connazionali stanno conquistando la ribalta. Di certo nei prossimi cinque anni ci sarà più Italia al vertice”. Ubaldo aggiunge che le Finals di Torino potrebbero avere più di un italiano come protagonista, e questo sarebbe molto positivo per il movimento nel nostro Paese.

Sbobinatura a cura di Antonio Flagiello

Continua a leggere
Commenti

Flash

Karolina Pliskova e Sascha Bajin tornano insieme per il 2023

Ad annunciarlo è la stessa tennista ceca sul proprio profilo twitter, con un laconico ed eloquente “Reunited 2023”. I due si erano separati a luglio

Pubblicato

il

Karolina Pliskova e Sascha Bajin (foto: twitter @KaPliskova)

Karolina Pliskova e Aleksandar Sascha Bajin torneranno insieme a partire dalla prossima stagione. Dopo quasi due anni insieme, infatti, i due si erano salutati a luglio, ma i risultati della ceca hanno continuato ad essere tutt’altro che esaltanti.

Eletto allenatore dell’anno nel 2018, Bajin ha lavorato a lungo con nomi di spicco nel circuito WTA, da Serena Williams a Victoria Azarenka, passando per Sloane Stephens, Caroline Wozniacki e Naomi Osaka. Dalla prossima stagione, come detto, tornerà a sedere sulla panchina di Pliskova, cercando di tagliare almeno uno dei due traguardi che erano stati posti a fine novembre 2020, all’inizio della loro prima esperienza insieme. I due obiettivi prefissati erano di tornare al n°1 del mondo e vincere uno Slam.

Allo stesso tempo, Pliskova saluta così Leoš Friedl, suo coach ad interim per la seconda parte di stagione. “Devo ringraziarlo tanto perché ha subito iniziato a collaborare con noi. Credo di aver raccolto buoni risultati sotto la sua guida” (semifinale al ‘1000’ di Toronto e quarti allo US Open, ndr).

Questo è quanto si legge dal comunicato diffuso dal sito ufficiale della ceca a proposito del suo connazionale, che replica: “Per me è stata una sfida importante poter allenare una giocatrice che è stata tra le più forti degli ultimi anni. Sono onorato di aver potuto lavorare con Karolina per questi cinque mesi”.

Bajin tornerà con Pliskova già a partire dalla tournée australiana, dove l’ex numero 1 WTA giocherà ad Adelaide prima dell’Australian Open. “Ho deciso di tornare perché, fondamentalmente, credo di poter ancora aiutare Karolina. Il suo gioco è gradualmente migliorato e ha dimostrato di poter competere ancora contro le migliori giocatrici del mondo. Non vedo l’ora di tornare a sedere sulla sua panchina” – ha concluso il coach tedesco.

Continua a leggere

ATP

Chi ha guadagnato di più nel 2022? Alcaraz davanti a Djokovic e Nadal, Sinner primo italiano: la classifica

Carlos Alcaraz è l’unico giocatore in grado di sfondare quota 10 milioni di dollari nel 2022. Sinner sfiora i 3 milioni, Berrettini i 2,2 milioni

Pubblicato

il

Carlos Alcaraz - Bercy 2022 (Twitter @atptour)
Carlos Alcaraz - Bercy 2022 (Twitter @atptour)

A fine stagione è tempo di bilanci, non soltanto tennistici ma anche economici. L’ATP ha comunicato, sul proprio sito, la classifica dei giocatori che hanno guadagnato di più nel 2022. Per stilare questa graduatoria sono stati tenuti in considerazione unicamente i prize-money intascati dai tornei disputati, senza quindi guardare ai vari introiti legati a sponsor e partnership varie.

Esattamente come nel ranking ATP, a guidare la classifica dei “paperoni 2022” c’è Carlos Alcaraz. Il n°1 del mondo ha infatti ottenuto 10.102.330 dollari quest’anno, risultando essere l’unico giocatore in grado di spingersi oltre la soglia dei 10 milioni (è il quinto nella storia a sfondare questo tetto in un’unica stagione dopo i Fab4). Lo seguono a ruota Novak Djokovic, con 9.934.582 dollari – ne ha ottenuti quasi la metà soltanto dalle Finals di Torino – e Rafael Nadal, che chiude il podio con 9.368.326 dollari incassati.

In top10, a ruota, troviamo anche Casper Ruud, Stefanos Tsitsipas, Félix Auger-Aliassime, Andey Rublev, Taylor Fritz, Daniil Medvedev e Hubert Hurkacz. Il primo italiano in graduatoria è Jannik Sinner, che da questo 2022 porta a casa 2.855.466 dollari. In top100 ci sono anche Matteo Berrettini (18°, 2.193.774 dollari), Lorenzo Musetti (29°, 1.661.181 dollari), Lorenzo Sonego (42°, 1.210.391 dollari) e Fabio Fognini (43°, 1.199.767 dollari). Di seguito i giocatori che hanno guadagnato più di 2 milioni di dollari:

 
  1. Carlos Alcaraz, 10.102.330 dollari
  2. Novak Djokovic, 9.934.582 dollari
  3. Rafael Nadal, 9.368.326 dollari
  4. Casper Ruud, 8.126.816 dollari
  5. Stefanos Tsitsipas, 6.614.416 dollari
  6. Félix Auger-Aliassime, 4.801.292 dollari
  7. Andrey Rublev, 4.666.954 dollari
  8. Taylor Fritz, 4.570.481 dollari
  9. Daniil Medvedev, 4.178.524 dollari
  10. Hubert Hurkacz, 3.764.164 dollari
  11. Nick Kyrgios, 3.490.464 dollari
  12. Cameron Norrie, 2.928.356 dollari
  13. Pablo Carreño Busta, 2.885.865 dollari
  14. Jannik Sinner, 2.855.466 dollari
  15. Alexander Zverev, 2.678.178 dollari
  16. Holger Rune, 2.623.289 dollari
  17. Denis Shapovalov, 2.595.551 dollari 
  18. Matteo Berrettini, 2.193.774 dollari
  19. Francis Tiafoe, 2.106.104 dollari
  20. Alex De Minaur, 2.057.316 dollari
  21. Diego Schwartzman, 2.004.231 dollari

Continua a leggere

ATP

Torna la Hopman Cup! Si terrà a Nizza, la settimana dopo Wimbledon

Nonostante la decisione di inaugurare il 2023 con la neonata United Cup, in estate (e per i prossimi 5 anni) si disputerà anche la Hopman Cup

Pubblicato

il

Roger Federer/Belinda Bencic, Hopman Cup 2019 (foto via Twitter @hopmancup)

Nel 2023 ritorna l’Hopman Cup. La notizia del giorno è certamente inaspettata, dato che il torneo d’esibizione che fino al 2019 era solito aprire la stagione era stato rimpiazzato prima dall’ATP Cup, quindi dalla neonata United Cup. Considerando anche che, quest’ultima, sostanzialmente altro non sarà che una Hopman Cup in cui verranno assegnati punti ATP e WTA.

Più di qualche dubbio intorno a questo inatteso ritorno c’è, pensando ad esempio anche alla sua collocazione in calendario. Si terrà, infatti, la settimana dopo Wimbledon (in programma dal 3 al 16 luglio 2023), vale a dire da mercoledì 19 a domenica 23 luglio, sovrapponendosi ad alcuni eventi ATP e WTA già in programma. In quella settimana, infatti, a livello maschile si terranno i ‘250’ di Båstad, Gstaad e Newport, mentre in campo femminile si giocherà anche a Budapest e a Palermo (così come a Iasi, in Romania, ma sarà un torneo di categoria ‘125’, non ‘250’). Un altro aspetto diverso dalla solita Hopman Cup sarà la superficie: non sarà il cemento australiano a cui eravamo abituati, né l’erba su cui molti top avranno appena finito di competere.

Si giocherà infatti sulla terra rossa di Nizza, in Francia, come si apprende dal comunicato ufficiale pubblicato sul sito dell’ITF. Sarà il presigioso Lawn Tennis Club ad ospitare – almeno fino al 2027 – questa nuova Hopman Cup, che in realtà di diverso da prima avrà quasi soltanto la location. L’unica altra discrepanza rispetto alla competizione tenutasi per 30 anni ininterrotti a Perth sarà il format, che per i primi due anni vedrà soltanto sei nazioni (anziché le otto a cui eravamo abituati). Una di queste, in quanto paese ospitante, sarà la Francia.

 

A partire dal 2025 il torneo verrà esteso ad otto nazioni, per tornare magari alla sua struttura originale, in cui c’erano due gironi all’italiana da quattro squadre, con le vincitrici dei due gruppi che si affrontavano in una finale. Le squadre saranno sempre formate da un giocatore e una giocatrice, con tre incontri da disputare (un singolare femminile, un singolare maschile ed un eventuale doppio misto).

Il presidente dell’ITF David Haggerty ha commentato così il ritorno dell’Hopman Cup:

“Siamo molto felici che questo torneo ritorni nel 2023. Non vediamo l’ora di visitare una città bellissima come Nizza il prossimo luglio. L’Hopman Cup, un torneo misto unico nel suo genere, ha sempre avuto un ruolo di primo piano nel cuore degli appassionati e sono sicuro che gli spettatori di Nizza coglieranno al volo l’opportunità di vedere all’opera alcuni dei tennisti e delle tenniste più forti del mondo. Voglio ringraziare il nostro event partner Tennium, che ci ha aiutato a reinserire questa competizione in calendario.

Kristoff Puelinckx, CEO di Tennium, ha ricambiato i ringraziamenti:

“Vogliamo ringraziare l’ITF per la fiducia riposta in Tennium per riportare l’Hopman Cup in calendario. Lavoreremo vicino a loro per far sì che questo evento continui ad essere una parte fondamentale della stagione tennistica. Crediamo che Nizza sia il posto perfetto”.

Infine, è intervenuto anche Christian Estrosi, sindaco della città transalpina:

“Questo torneo conferma ancora una volta che Nizza è una città privilegiata per i più grandi eventi sportivi internazionali. In questa città il tennis è uno degli sport principali, con una forte storia alle spalle e con un club ultracentenario”.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement