Federer, sulla strada verso Sonego: la certezza olimpica e le buone sensazioni

Flash

Federer, sulla strada verso Sonego: la certezza olimpica e le buone sensazioni

Il Comitato olimpico svizzero ha ufficializzato l’elenco dei convocati per Tokyo. Il numero 8 del mondo arriva alla sfida col torinese soddisfatto dei progressi della prima settimana di Wimbledon. E ha un pensiero per i dubbi di Murray: “Le prima cose sono la felicità e la buona salute”

Pubblicato

il

Roger Federer - Wimbledon 2021 (via Twitter, @Wimbledon)
 

È più disteso del previsto, Roger Federer, all’ingresso della seconda settimana. Il suo stentato avvicinamento a Wimbledon (e la transizione dalla terra all’erba) non aveva disseminato promesse per strada, dando l’onesta impressione che tutto sarebbe stato guadagnato. E invece lo svizzero, a 39 anni, è arrivato all’inedito (e insidioso) incrocio con Lorenzo Sonego cavalcando un’inerzia favorevole. Non che ci fossero grandi dubbi, ma all’alba dell’ultimo Manic Monday è arrivata anche l’ufficialità della sua partecipazione ai Giochi di Tokyo. Il Comitato olimpico svizzero ha infatti diffuso, allo scadere della deadline, l’elenco dei 116 convocati per la spedizione in Giappone (mancavano il tennis, il nuovo e l’equitazione per chiudere il cerchio). La speranza di Federer, nell’immediato, è non far partire già da subito la macchina organizzativa per la trasferta giapponese. Significherebbe avere ancora giorni da vivere, nel suo Slam preferito.

Sono stato estremamente felice di aver battuto Norrie – ha raccontato -, perché è un buon giocatore, gioca in casa e soprattutto è uno che ha fatto molto bene fino alla scorsa settimana, perdendo solo in finale al Queen’s. Non è arrivato fin qui perché ha beccato la giornata buona. Ho avuto un po’ di fortuna al primo turno per l’infortunio di Mannarino, sarebbe stato insidioso il quinto set contro di lui sotto il tetto e con l’erba fresca. Poi però sono cresciuto con il passare dei giorni. Mi sono dovuto adattare al passaggio da un mancino a un destro (Gasquet) e poi ancora a un mancino“. E a progredire è stata anche e soprattutto la sicurezza nei propri mezzi. “Ho cercato di giocare proiettato in avanti, aggressivo – la sua analisi – quando giochi così, come ho fatto con Gasquet, ovviamente sbagli qualcosa ed è importante accettarlo“.

E le buone sensazioni, anche dal punto di vista mentale, sono diventate sempre più corpose: “Mi sono sentito veramente in pace, tranquillo su tutto quello che stavo facendo: dove volevo servire, come volevo vincere i miei turni di servizio. Poi come ho assorbito gli errori e le scelte sbagliate, le ho semplicemente dimenticate e sono andato avanti. Ero seduto ‘senza pensieri’, né positivi e né negativi, semplicemente seduto a rilassarmi. Così è come vorrei essere, credo sia un segno positivo per me

EMPATIA – A precisa domanda su quanta e quale sia la sua attenzione attuale alla classifica degli Slam di tutti i tempi – Djokovic può raggiungere lui e Nadal a quota 20 -, Federer ha indossato l’impermeabile: “No, è un obiettivo che non tengo in considerazione – le sue parole – e penso sia lo stesso anche per Rafa. In questo momento sto guardando solo a me stesso, il vero focus è riuscire a giocare ed essere competitivo dopo i problemi al ginocchio che ho avuto. È impressionante quello ciò che sta facendo Nole quest’anno. Ha vinto in Australia e anche a Parigi, è il grande favorito qui come in ogni torneo a cui partecipa. Ha lavorato molto duramente per arrivare a questo livello, è difficile da battere“.

Significativo e sentito anche il passaggio su Andy Murray, con cui ha condiviso un allenamento in avvicinamento al debutto. L’amarezza dello scozzese dopo l’eliminazione, il suo riflettere sull’opportunità di andare avanti o meno nel sostenere significativi sacrifici, non l’ha lasciato indifferente. “Ho guardato la sua partita con Shapovalov con un occhio, l’altro era concentrato su Svizzera-Spagna. Capisco cosa voglia dire, quando si esce da problemi fisici così significativi. A lui è stato qualcosa di più che un problema al ginocchio: devi costantemente scendere a compromessi, misurare intensità e durata degli allenamenti, oltre ai tornei a cui scegli di partecipare. Sono cose che alimentano punti interrogativi nella mente di un giocatore. Allo stesso tempo, deve anche essere felice di quello che ha fatto, nel circuito tutti hanno grande ammirazione per lui e sperano che la sua carriera prosegua. Ma, naturalmente – ha concluso – le prima cosa di cui ha bisogno sono la felicità e la buona salute”.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
ATP4 settimane fa

Trattative Sky-FITP-Supertennis. A che punto è la negoziazione dei diritti-tv

Flash4 settimane fa

Diritti TV SKY e FITP: ecco lo scenario di questa aspra negoziazione infinita [VIDEO]

evidenza3 settimane fa

In Svizzera è polemica sulle On di Roger Federer. La risposta: “In Vietnam paghiamo oltre il minimo salariale”

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam: Sinner: “Fra uno Slam e una medaglia olimpica scelgo la seconda. Non vedo l’ora di conoscere i migliori atleti del mondo” [AUDIO]

evidenza3 settimane fa

Richard Krajicek: “Piatti mi disse di Sinner ‘diventerà un campione’”. Jannik al servizio è come Djokovic: la battuta è un extra, ma quando gli serve la mette dentro” [VIDEO INTERVISTA]

Flash3 settimane fa

Ubaldo da Rotterdam: “Sinner sulle orme di Camporese? Siamo qui apposta”

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam, il viaggio di Sinner continua: “Bisogna anche divertirsi. Io ho trovato le persone giuste al momento giusto” [AUDIO]

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam, Sinner: “Contento del numero 3 ma le cose più importanti sono altre” [AUDIO]

ATP2 settimane fa

Griekspoor, prima “vittima” delle 12 di fila di Jannik: “Per me Sinner è il più forte tennista del mondo” [AUDIO ESCLUSIVO]

Flash4 settimane fa

Mattarella: “Azzurri, in Coppa Davis ho visto un vero spirito di squadra” (Cocchi, Primavera) Campioni d’Italia (Guerrini) Sinner porta il tennis al Quirinale (Piccardi) Italdavis in festa, Sinner incoronato da Mattarella (Mei, Schito)

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement